Rothschild pussy gender spa satana 666

GLI USA NON VOGLIONO REALIZZARE LA GUERRA CONTRO LA LEGA ARABA E NEANCHE LA INVASIONE DI TERRA, CONTRO ISIS (lo hanno impedito alla Francia), PERCHé HANNO DECISO DI ROVINARCI, DI DISTRUGGERE DEFINITIVAMENTE TUTTI I POPOLI LIBERI ] Iran Threatens to Ignore Nuclear Deal; CLICK for Latest Israel News!
United with Israel  How Can Anyone Be Shocked? Pollard to be Released this Week after 30 Years!
Father and Son Murdered by Arab Terrorists Near Hebron  litmans
WATCH: An Insider’s View of Islamic Extremists  Megyn Kelly Speaks with CIA Morgem Storm Examining the Mind of an Islamic Extremist
Opinion: How Can Anyone Be Shocked by the Terror?  A woman is evacuated from the Bataclan theater after an Islamic terror attack in Paris. (AP/Jerome Delay)
ISIS terror in Paris  At Least 129 Killed, 350 Wounded in Multiple ISIS Terror Attacks in Paris
French Ambassador to Israel Addresses Tel Aviv Crowd Regarding Paris Terror Attacks  WATCH: French Ambassador Thanks Israelis for Support at Tel Aviv Rally
PM Netanyahu  PM Netanyahu Challenges PA Head Abbas to Condemn Terror Attacks Against Israelis
Jonathan Pollard  Jonathan Pollard to be Set Free After 30 Years
Natanz Iran  Iran Threatens to Ignore Nuclear Agreement with US-Led Global Powers
Foreign and Palestinian activists hold Palestinian flags as they march through an Israeli supermarket  WATCH: Don’t be Fooled by the Anti-Israel Boycott Movement
India Tibet Protest  There are 7.5 million Chinese Settlers in Tibet. Will the EU boycott Chinese products?
Prime Minister Netanyahu Updates Cabinet on Temple Mount Status and Recent News Developments  Netanyahu Under Arrest Warrant in Spain; Israel Calls it a ‘Provocation’
 www.unitedwithisrael.org info@unitedwithisrael.org USA: 1-888-ZION-613 Israel: +972-2-533-7841
KingxKingdom
ISLAM è IN DISCONTINUITà, sia, CONTRO ABRAMO che, CONTRO TUTTI I PROFETI DI ISRAELE è UNA APOSTASIA DEMONIACA: LA FECCIa della Dissimulazione e IPOCRISIA, MENZOGNE E TRADIMENTI! SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! nessun musulmano nel mondo condanna la sharia, perché sa che l'ISLAM dovrà fare il nostro genocidio: al momento opportuno! ] IDF Special Forces Capture Terrorist Who Murdered Father and Son on Friday. It has been cleared for publication that a joint security operation between the Shin Bet security forces and IDF Duvdevan counter-terrorism forces succeeded in capturing one of the terrorists behind in the murder of Rabbi Ya'akov Litman and his son Netanel on Friday. Security forces also seized what they believe to be the murder weapon, as well as the vehicle that was used in the shooting attack close to the town of Otniel. Under interrogation the terrorist implicated himself in the attack. The remaining details of the case are still the subject of a gagging order. Last night, father and son were buried amid scenes of immense grief at Jerusalem's Har Hamenuchot cemetery. Some details are already known about the attack, including how the terrorists - who first raked the family car with gunfire as they overtook it - then attempted to "confirm" their kill by firing repeatedly at the car after it ground to a halt. 18-year-old Netanel managed to alert emergency services to the attack before being fatally wounded, while his 16-year-old brother, who was shot in the leg, also called emergency services and even directed them to the scene. This morning, it was further revealed that one of the terrorists actually opened the back passenger door of the car after peppering it with bullets, and came face-to-face with the family's 12-year-old daughter Moriah, who shouted "No!" The terrorist did not open fire, and security forces are investigating if this was the result of his weapon jamming. Moriah's cousin, Rabbi Mordechai Antebi, recounted her terrifying ordeal to Reshet Bet radio. He added that Moriah immediately recognized the terrorist's picture when she was shown a lineup of five suspects by Shin Bet security personnel. Source: Arutz Sheva
KingxKingdom
‘Zionists Out of CUNY!’ Chanted at Student Protestors, Administration Looks Other Way Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Vicious implicitly antisemitic slogans were chanted at a protest at Hunter College in Manhattan on Thursday afternoon after organizers on Facebook called for participants to oppose the school’s “Zionist administration.” But despite footage of the rally circulating online, a spokesperson for Hunter initially denied the hateful nature of the demonstration. “Zionists out of CUNY! Zionists out of CUNY,” shouted protesters, who had ostensibly gathered to fight for free tuition and other benefits. “Intifada! Intifada! Long live the Intifada,” they chanted, as a group of Jewish students waved Israeli flags nearby. A Hunter College representative, who had not been made aware of the demonstration — or the blatantly antisemitic social media announcements — responded Thursday evening: “The rally just took place. There were less than 50 students and it was totally focused on tuition. There was no claim of antisemitism.”
The protest, part of the nation-wide Million Student March set for November 12, was advertised on Facebook by “NYC Students for Justice in Palestine” and other affiliate groups, using antisemitic slurs to attribute the financial plight of students in the City University of New York system to its “Zionist administration [that] invests in Israeli companies, companies that support the Israeli occupation, hosts birthright programs and study abroad programs in occupied Palestine, and reproduces settler-colonial ideology … through Zionist content of education… [aiming] to produce the next generation of professional Zionists.” StandWithUs Northeast Region Director Shahar Azani told The Algemeiner on Friday morning that the Hunter event “is another example of the hijacking of various social causes by the anti-Israel movement. It contaminates the atmosphere on campus; poisons relationships between different groups; and keeps people further apart, thus distancing any hope for change. No student should feel marginalized or threatened while attending school. It is up to us to instill those values to the younger generation and to stand up to those who refuse to adhere to them. If we are unable to do so at our schools, one wonders what the point is of school at all.” Source: The Algemeiner
KingxKingdom
ISIS Threatens to Strike Washington in New Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Islamic State warned in a new video on Monday that countries taking part in air strikes against Syria would suffer the same fate as France, and threatened to attack in Washington. The video, which appeared on a site used by Islamic State to post its messages, begins with news footage of the aftermath of Friday's Paris shootings in which at least 129 people were killed. The message to countries involved in what it called the "crusader campaign" was delivered by a man dressed in fatigues and a turban, and identified in subtitles as Al Ghareeb the Algerian. "We say to the states that take part in the crusader campaign that, by God, you will have a day, God willing, like France's and by God, as we struck France in the center of its abode in Paris, then we swear that we will strike America at its center in Washington," the man said. It was not immediately possible to verify the authenticity of the video, which purports to be the work of Islamic State fighters in the Iraqi province of Salahuddine, north of Baghdad. The French government has called the Paris attacks an act of war and said it would not end its air strikes against Islamic State in Syria and Iraq. French fighter jets launched their biggest raids in Syria to date on Sunday targeting the Islamic State's stronghold in the city of Raqqa. The operation was carried out in coordination with US forces. Police raided homes of suspected Islamist militants across France overnight following the Paris attacks. "Al Ghareeb the Algerian" also warned Europe in the video that more attacks were coming. "I say to the European countries that we are coming, coming with booby traps and explosives, coming with explosive belts and (gun) silencers and you will be unable to stop us because today we are much stronger than before," he said. Apparently referring to international talks to end the Syrian war, another man identified in the video as Al Karrar the Iraqi tells French President Francois Hollande "we have decided to negotiate with you in the trenches and not in the hotels."
KingxKingdom
SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] IDF soldiers come under fire during house demolition of terrorist. IDF troops shot and killed three Palestinian gunmen in the West Bank on Monday morning, after they came under fire while carrying out the demolition of a terrorist’s home in Kalandiya, the IDF spokesperson said. According to the IDF, after the gunfight, clashes broke out in the village, with rioters throwing rocks, firebombs, and using explosive devices against the soldiers, who escaped without injury. The soldiers from the combat engineering corps and special forces units were carrying out the demolition of the home of Muhammed Abu Shaheen, who the Shin Bet says was the trigger man in the murder of Israeli Danny Gonen in June. Gonen was killed near the settlement of Dolev after he was flagged down by a Palestinian man on the side of the road – believed to be Abu Shaheen - who fired at Gonen at point blank range with a 9mm handgun. Abu Shaheen was indicted in August along with six other Palestinians, who security forces say formed a cell that carried out a series of attacks, including the murders of Malachi Rosenfeld and Danny Gonen.
Abu Shaheen is also suspected of other failed attempts to murder Jews and to have fired on soldiers in Kalandiya on a number of occasions. The demolition on Monday follows the demolition by the IDF Engineering Corps on Saturday of the homes of four terrorists responsible for killing Israelis during the recent wave of terror attacks. They include the Kfar Silwad house of Maad Hamed, one of the men responsible for the shooting death of Malachi Rosenfeld, 27, of Kochav HaShahar, who was killed near Shvut Rachel in June. The three other houses belonged to members of the cell that murdered Naama and Eitam Henkin in a shooting attack in October on the road between Elon Moreh and Itamar in the West Bank. The demolitions were approved by the High Court of Justice on Thursday. The court also rejected the demolition of an additional terrorists’ house. On Sunday night, the Shin Bet announced that they had arrested the chief suspect in the murder of a Rabbi Ya’akov Litman, 40, and his son Netanel, 18, who were shot dead outside of Otniel in the West Bank on Friday, while en route to a pre-wedding celebration for one of the Litman daughters. In a statement on the arrest, the Shin Bet said that the alleged trigger man, Shadi Ahmed Matawa, a 28-year-old father of two from Hebron, was turned in by his father and brother. The Shin Bet said that the two men decided to turn him in because they feared that their house would be demolished and that cooperating with authorities could prevent the possible demolition.
KingxKingdom
MY HOLY JHWH PER ME è COME UNA MAMMA TIGRE CHE DICE: "IL MIO CUCCIOLO UNIUS REI RIUSCIRà A SBRANARE LA SUA PREDA NWO 666?" e questo deve da tutti essere compreso io sono l'aspetto politico della 12 Tribù di ISRAELE, l'unico regno politico di Dio che potrebbe comparire su questo pianeta! è fisiologico per me convertire con l'amore, e per gli ostinati distruggere con la violenza i ribelli!
ACTUNG ] [ 11/09; 13/11; il NWO 666 FMI: gufo JaBullOn: potrebbe scegliere come data simbolica: il 31/12, per compiere un prossimo clamoroso attentato islamico!
==========
oBAMA 666 SPA NWO XXX PORNO fed BCE SPA FMI: rothschildd bildenberg il gufo NWO, gela Hollande e dice: "no ad attacchi di terra contro ISIS!" ma, lui chi si crede di essere quel Sodoma Gender lobby culto satana?
=========
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ J'accuse di Putin: ISIS riceve finanziamenti da 40 Paesi, compresi membri del G20. Durante il vertice del G20 di Antalya, la Russia ha dato esempi di come persone fisiche di 40 Paesi, compresi membri del G20, riescano a finanziare ISIS. Lo ha dichiarato il presidente Vladimir Putin intervenendo nella fase finale del vertice internazionale. "Ho presentato esempi, relativi ai nostri dati, sul finanziamento da parte di persone fisiche a beneficio di ISIS. Come da noi stabilito, i fondi provengono da 40 Paesi, in particolare da alcuni membri del G20, — ha sottolineato il presidente russo. Secondo Putin, il tema della lotta contro il terrorismo è stato uno dei fondamentali al vertice del "G20". Allo stesso tempo è stato affrontato il tema dell'implementazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che è stata approvata su iniziativa della Russia, con lo scopo di impedire il finanziamento del terrorismo, nonché l'eliminazione del contrabbando di oggetti artistici, che i terroristi hanno preso dai musei dei territori occupati: http://it.sputniknews.com/mondo/20151116/1554044/Terrorismo-Russia-ONU-Sicurezza-Arte-Contrabbando.html#ixzz3rjWhA6Bx
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ in Italia ogni paese, ed ogni quartiere di Città ha la sua Mafia, a Bari si uccide, ormai, una persona ogni settimana! Renzi, “l’Italia ha vinto la mafia e può risolvere tutte le sfide” 19:07 16.11.2015URL abbreviato: 22654012 ] MATTEO RENZI è UNA TRUFFA TOTALE! è UN VIGLIACCO SENZA LE PALLE! il sistema massonico di: DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONE: violazione, alto, tradimento furto sovranità monetaria, ha bisogno di relativismo, pensiero unico massonico dominante, mafia, corruzione, lobby massoniche, ecc.. certo ci volle il fascismo per stanare gli usurai! e fu soltanto colpa di Hitler se il fascismo prese una piega antisionista! Il premier Matteo Renzi ha lasciato la sede del summit del G20 per rientrare in Italia dopo avere cancellato l'incontro bilaterale col presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, per problemi di agenda. Nella conferenza stampa ai margini del G20, il premier italiano ha sottolineato che "la sfida del terrorismo è molto grande, drammatica. I terroristi stanno colpendo i luoghi simbolo della nostra identità. Come si risponde? Non certo con un atto d'istinto, occorre essere molto determinati, duri, noi saremo totalmente pronti a esprimere questa determinazione e questa tenacia ma occorre anche avere l'intelligenza, la saggezza e l'equilibrio di parlare alla nostra gente e di dire che questa non è una questione che si risolve con uno schiocco delle dita. Chi ha in mente soluzioni semplicistiche non si rende conto di creare solo illusioni. Dunque occorre una strategia. Occorre dire che il terrorismo è in varie parti del mondo, occorre avere un approccio complessivo". Renzi ha rimarcato positivamente "il principio italiano di riportare la Russia al tavolo della discussione, il che sta finalmente portando qualche risultato. Questo — ha però avvertito — non vuol dire delegare alla Russia la risoluzione dei problemi ma riuscire tutti insieme ad avere una strategia seria. occorreranno mesi o forse anni per risolvere questo problema. E non crediamo nemmeno alle banalizzazioni di chi dice che arrivano troppi migranti. Nessuna sottovalutazione, massimi controlli: l'Italia è impegnata, abbiamo fatto quasi 60mila controlli". Nel finale il premier ha aggiunto che "l'Italia è un grande Paese, in condizione di risolvere tutte le sfide, anche quelle più drammatiche. L'Italia, secondo Renzi, ha vinto il terrorismo interno, la mafia, e perciò è in condizione di affrontare una sfida difficilissima. Ma la sfida più grande è vincere la paura": http://it.sputniknews.com/italia/20151116/1555192/Renzi-Italia-vinto-Mafia-G20.html#ixzz3rjXPJUKn
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ PERCHé HAMAS E OLP SONO TERRORISTI SHARIA LEGALI? Mo: Israele, Movimento islamico dichiarato 'illegale' E' la Frazione Nord dello sceicco Raed Salah. TEL AVIV - Il governo israeliano ha dichiarato ''illegale'' il Movimento islamico (Frazione Nord) dello sceicco Raed Salah. Le sue attivita' sono da ora vietate perche', secondo il ministro della Sicurezza interna Ghilad Erdan, ha ''fomentato violenze e atti di terrorismo''.  ] E PERCHé IN 66 ANNI ISRAELE (666 ROTHSCHILD SPA NWO ) NON è RIUSCITA A VINCERE IL TERRORISMO ISLAMICO ANCORA? [ Forza Israele https://www.facebook.com/forzaisraele/ affidare a Israele la direzione mondiale della lotta al terrorismo e tempo sei mesi la piaga scompare
Angelo Dureghello [ Trieste ] Si, finché, qui e' pieno di comunisti ipocriti che dicono che il pericolo non c'e', nessun provvedimento sara preso. Poi ci mitraglieranno come pecorelle indifese.
Bruno Bozner [ tra deci anni cominceranno a farlo anche in europa, ma temo sarà tardi
=======================
è indispensabile dichiarare guerra alla Turchia ed a tutta la LEGA ARABA!  (ANSA) - ROMA, 16 NOV - Era il febbraio dello scorso anno: l'Isis celebra gli attacchi a Parigi contro Cherlie Hebdo e il supermarket Kosher nel suo nuovo numero della rivista Dabiq, il magazine patinato in lingua inglese, fiore all'occhiello della propaganda di Abu Bakr al Baghdadi. "L'intelligence mi conosce bene, mi hanno anche arrestato diverse volte. Hanno cercato in tutti i modi di arrestarmi ma non ci sono riusciti: ed eccomi qua in Siria", dice tra l'latro Abaaoud.
==================
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ e questo è vero Kerry 322 Bush 666 Rthschild sono sacerdoti di satana molto civilizzati! ] IO CREDO CHE NOI DOVREMMO UCCIDERE LA LEGA ARABA, SENZA ODIARE LA SUA GENTE! QUELLO CHE MI FA PAURA è IL SENTIMENTO DI ODIO CHE SI VUOL FAR NASCERE TRAI I POPOLI A TUTTI I COSTI!  (ANSA) - PARIGI, 17 NOV - Il conflitto contro i militanti dello Stato islamico non è uno scontro di civiltà, "infatti, sono mostri psicopatici. Non hanno nulla di civile": lo ha detto ieri sera il segretario di Stato americano John Kerry all'ambasciata americana di Parigi.
KingxKingdom
nessuno è più volto del diavolo massone satanista GENDER di lui OBAMA il demonio! io gli ordino di auto distruggersi! Obama: "Non basta colpire Isis in Sira e Iraq" - Il presidente Usa Barack Obama: "L'Isis è il volto del diavolo, dobbiamo distruggerlo". [ è indispensabile dichiarare guerra a tutti questi paesi canaglia, protetti da OBAMA 666 GENDER IDEOLOGIA SODOMA! Putin: "Isis finanziato da membri G20" - Vladimir Putin ha dichiarato che i jihadisti dell'Isis sono finanziati da persone fisiche provenienti da 40 Paesi, tra cui anche membri del G20. Il presidente russo ha precisato di aver condiviso con i colleghi del summit ad Antalya i dati a disposizione della Russia sul finanziamento ai terroristi.
KingxKingdom
La Santa Sede baluardo contro lo scontro di civiltà ] mentre [ LA LEGA ARABA SHARIA è SATANA ] di Francesco Peloso Nell’ultimo quarto di secolo, da quando cioè la caduta del Muro di Berlino ha ridisegnato la carta geografica del mondo, la Santa Sede è stata di fatto l’unica istituzione globale che si è opposta con decisione e lucidità al cosiddetto scontro di civiltà;
KingxKingdom
un miracolo COME TANTI ] [ Un santo che girava in incognito in ospedale ravviva la fede di tre infermiere. "Quell'infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava... Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”Sei anni fa, il tre novembre, l’infermiera Margarita de los Ángeles Parra era di guardia nel reparto maternità dell’ospedale di ginecologia e ostetricia di Tlatelolco (Messico). Com’era abituale, Margarita doveva vegliare quella notte sul benessere delle future mamme e di quelle che avevano appena partorito. Visto che i minuti passavano e la sua collega di guardia non arrivava, ha iniziato a inquietarsi. In quel pomeriggio erano nati tredici bambini, e ogni madre aveva bisogno di cure diverse, e inoltre il ginecologo assegnato a quel settore doveva assistere ai parti. Margarita credette di essere praticamente sola, ma avrebbe ricevuto un aiuto straordinario, come ha dichiarato al settimanale Desde la Fe, anche se solo qualche ora dopo avrebbe capito chi fosse stato il suo peculiare collega di lavoro…
“All’improvviso”, ha raccontato, “è apparso un uomo magro e moro con il camice da infermiere. ‘In cosa posso aiutarti?’, mi ha chiesto. Sono rimasta sorpresa per la fiducia con la quale si era rivolto a me, visto che non ci conoscevamo. Non avevo finito di dargli istruzioni che già stava assistendo le donne e i neonati. Sempre sorridente, accarezzava i capelli delle pazienti. Anche se non lo avevo mai visto, mi è sembrato normale che fosse in servizio, perché in genere se una persona manca al lavoro chiede a un infermiere o a un medico di sostituirla”.
Margarita ricorda il sorriso particolare del suo collega e i suoi denti bianchi e brillanti che risaltavano sul volto dalla pelle più scura. La sorprendeva che dedicasse tanto tempo ad ascoltare tutto quello che gli dicevano le neomamme e a verificare l’evoluzione dei bebè. “Quell’infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava. Prendeva le mani delle pazienti tra le sue, e le donne che non avevano ancora partorito si tranquillizzavano molto quando si avvicinava. Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”, ha aggiunto.
Per il resto della notte altre due infermiere si sono unite al servizio. Le donne si sono preoccupate quando l’infermiere sconosciuto è sembrato all’improvviso un po’ pallido e sudato. A Margarita è anche sembrato che tremasse come se avesse la febbre, ma anche in quelle condizioni continuava ad assistere le donne e i bambini con grande affetto. “Insieme alle mie colleghe l’ho convinto a uscire dal padiglione e a riposarsi un po’. Lui ci ha sorriso, è uscito e non lo abbiamo più rivisto”.
Quando stava albeggiando, Margarita ha risposto alla chiamata di una signora che non si sentiva bene e sentiva di aver avuto un rialzo di temperatura. L’ha assistita e l’ha invitata a tranquillizzarsi, dicendole che tutto sarebbe andato bene. Per sua sorpresa, la donna le ha risposto: “Sì, sono tranquilla, perché San Martín de Porres è venuto a farmi visita e mi ha detto che starò bene”.
Abituata, dice l’infermiera, a che i pazienti negli ospedali riferiscano di vedere qualche familiare defunto, la Madonna o i santi, Margarita si è limitata a sorridere con benevolenza. “Ma la signora ha notato la mia incredulità e mi ha detto: ‘Le giuro che era qui, era vestito da infermiere!’”.
Anche se il raziocinio di Margarita resisteva a credere a ciò che le aveva detto la paziente, ha commentato l’accaduto con le sue due colleghe, che non hanno esitato a crederci: “Non si riferiva all’infermiere che è stato per un po’ con noi?”, ha chiesto una di loro, aggiungendo: “In effetti assomigliava molto a San Martín de Porres”.
“In quel momento mi è venuta la pelle d’oca. Ancora poco convinta, ho detto loro: ‘E che miracolo è venuto a fare qui?’ ‘Non lo so’, ha risposto la mia collega, mentre camminavamo tutte e tre verso una delle finestre. In quel momento un raggio di sole ci ha illuminate, lasciando intravedere una bellissima alba. Nella stanza, le pazienti erano molto contente, alcune già con i loro piccoli e altre che aspettavano i dolori del parto”.
“Quella notte San Martín de Porres forse è stato con noi o forse no, ma ciò che è certo è che avevamo lavorato insieme, gomito a gomito, ricordandoci che siamo diventate infermiere per assistere e servire i nostri simili nel dolore, alleviare la loro angoscia, aiutarli nel loro dolore… e questo è già un grande dono che Dio ci ha fatto quella notte!”
La storia di Martín inizia con la visita che fece alla città di Lima (Perù) un cavaliere spagnolo dell’Ordine di Alcántara, don Juan de Porres, che allora lavorava come diplomatico agli ordini del re Filippo II di Spagna. La sua permanenza in città, pur se breve, gli permise di conoscere e stringere i rapporti con una giovane immigrata afropanamense di nome Ana Velázquez. Da quel legame sarebbero nati due figli che il padre non riconobbe: Juana e suo fratello Martín, il 9 dicembre 1579.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/un-santo-che-girava-in-incognito-in-ospedale-ravviva-la-fede-di-tre-infermiere/
KingxKingdom
EPPURE C'è CHI è COSì SATANISTA FARISEI ROTHSCHILD OBAMA MAOMETTANO CHE CONTINUA A SFIDARE LA MISERICORDIA DIVINA! Pray for Burundi. Il Paese è a rischio caos e si profila un'emergenza umanitaria. La Chiesa burundese invita a pregare per la pace. Michael Hampton. Chiara Santomiero/Aleteia, 16 novembre 2015, Burundi's policemen and army forces face protestors during a demonstration against incumbent president Pierre Nkurunziza's bid for a 3rd term on 13 May 2015 in Bujumbura. In the neighborhood of Musaga, hundreds of people waved sticks and threw stones as police responded with tear gas, a water cannon and live rounds. Protestors looted the local police post in Musaga, burning furniture, mattresses and clothing in a barricade fire, an AFP photographer said. Burundi's presidency said an attempted coup by a top general had "failed" on May 13, 2015 and pro-president Burundi troops at state broadcaster fire warning shots over the heads of hundreds of protesters, an AFP reporter said. Burundian general Godefroid Niyombare on May 13 announced the overthrow of President Pierre Nkurunziza, following weeks of violent protests against the president's bid to stand for a third term. AFP PHOTO / JENNIFER HUXTA. “Di notte la polizia arriva nelle case a prendere le persone e il giorno dopo veniamo a sapere che sono morte. Troviamo cadaveri nelle strade. Ormai l’insicurezza è totale“. Lo racconta ad Aleteia una fonte della Chiesa della capitale del Burundi, Bujumbura, che chiede di rimanere anonima per motivi di sicurezza. E’ capitato anche a dei religiosi salesiani di essere prelevati, ma fortunatamente all’indomani sono stati rilasciati. “La paura attanaglia tutti – prosegue la fonte -: migliaia di persone si sono spostate in altre parti del paese, altre centinaia di migliaia hanno passato il confine verso il Ruanda, l’Uganda, la Repubblica democratica del Congo, la Tanzania e anche l’Europa”.
I fatti di Parigi hanno fatto scomparire dai media l’attenzione per il dramma del Burundi. Dallo scorso aprile nel Paese africano si sono intensificati gli scontri causati dalla candidatura prima e dalla rielezione poi del presidente Pierre Nkurunziza per un terzo mandato, in violazione della Costituzione e degli accordi di pace di Arusha che nel 2000 avevano sancito la fine della guerra civile e dato origine a un complicato sistema di condivisione del potere. Circa 200 persone sono state uccise dalle forze di sicurezza governative durante la repressione delle proteste e si calcola che più di 200 mila burundesi abbiano lasciato il Paese. Anche stamattina, come riferisce l’Agenzia Fides, si è combattuto in diversi quartieri della capitale Bujumbura.
Il 12 novembre il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato una risoluzione che dà 15 giorni di tempo al segretario generale Ban Ki-moon e al suo inviato in Burundi, Jamal Benomar, per esprimere un parere sulla possibilità dell’invio nel Paese africano di una forza militare e di polizia sotto l’egida dell’Onu. Per una decisione in tal senso, occorrerebbe, alla scadenza del termine, una nuova risoluzione o un’autorizzazione – difficile da immaginare – da parte del governo del contestato presidente Nkurunziza.
Un appello al dialogo e un invito alle parti ad incontrarsi per per far cessare le violenze e trovare una soluzione politica alla crisi era stato rivolto congiuntamente, sempre il 12 novembre, dal segretario generale aggiunto dell’Onu, Jan Eliasson, dal presidente della Commissione dell’Unione africana, Nkosazana Dlamini Zuma, e dall’alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell’Unione europea, Federica Mogherini.
“La Commissione per il dialogo interburundese esistente – spiega ad Aleteia la fonte da Bujumbura – non include tutti i gruppi politici e non è, quindi, efficace”. E’ invece necessario “il dialogo tra tutte le parti, anche coloro che hanno preso le armi, per il bene del Paese”.
La Chiesa burundese, che si è pronunciata contro la rielezione di Nkurunziza, aveva già chiesto, senza successo, di aprire il dialogo con l’opposizione in un comunicato pubblicato al termine dell’ Assemblea Plenaria dello scorso settembre. Nella stessa occasione aveva chiesto “il rispetto dello stato di diritto e la garanzia dei diritti delle persone” condannando “gli atti criminali che si registrano quotidianamente in particolare nella capitale Bujumbura, dove ogni notte si verificano omicidi, e dove diverse persone non dormono nel proprio domicilio per paure di essere rapite o uccise. In alcuni quartieri, denuncia il comunicato, gli abitanti sono consegnati in residenza sorvegliata e, non potendo uscire di casa per andare a lavorare o procurarsi da mangiare, rischiano di morire di fame“. “La povertà minaccia la popolazione– avevano scritto i vescovi- e questa accresce il dramma che stiamo vivendo, dal momento che alcuni membri della comunità internazionale sembrano aver sospeso i loro aiuti al Burundi” (Agenzia Fides 24 settembre 2015).
Papa Francesco, che a fine novembre visiterà il Kenya, l’Uganda e la Repubblica Centrafricana, il 17 maggio 2015 ha chiesto di pregare per “il caro popolo burundese” invitando tutti a “abbandonare la violenza e ad agire responsabilmente per il bene del Paese”. Dal 14 al 22 novembre la Chiesa cattolica burundese ha lanciato una novena di preghiera per la pace sia in Burundi che in alcuni altri Paesi dell’Africa centrale: la preghiera e la volontà di pace sono le “armi” che mette sul tavolo della riconciliazione nazionale. “La preghiera – conclude la fonte di Aleteia – ci dà la forza di sperare contro ogni speranza“.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/pray-for-burundi/?utm_campaign=NL_it&utm_source=topnews_newsletter&utm_medium=mail&utm_content=NL_it-Nov%2016,%202015%2007:23%20pm
KingxKingdom
COMUNISTI GENDER IDEOLOGIA DI MERDA: LA ROVINA DELLA NOSTRA CIVILTà! ] [  L’Italia dei paradossi: sì alla mostra con Cristo nell’urina a Lucca, no all’arte sacra a Firenze. Anche l'arte diventa fonte di discriminazione. Dall'esaltazione della blasfemia al "divieto d'accesso" per gli scolaretti. Paradossi in Toscana
http://it.aleteia.org/2015/11/14/piss-christ-mostra-blasfema-lucca-arte-sacra-firenze/
KingxKingdom
la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro
 delitti! ]]
http://www.byoblu.com/post/2015/11/12/i-documenti-uk-che-fanno-gelare-il-sangue-da-enrico-mattei-ad-aldo-moro.aspx
I documenti UK che fanno gelare il sangue: da Enrico Mattei ad Aldo MoroPaolo Becchi: Parigi  è un False FlagLe guerre USA? Pianificate. Tutte. 14 anni fa.http://www.byoblu.com/post/2015/11/05/le-guerre-usa-pianificate-tutte-14-anni-fa.aspx
Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell'ISIS. Chi è Rita KatzGenerale francese: L'ISIS CREATO DAGLI USAhttp://www.byoblu.com/post/2015/11/15/generale-francese-lisis-creato-dagli-usa.aspx
KingxKingdom
I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell’ISIS [[ la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro delitti! ]] Pubblicato 16 novembre 2015 - 19.30 - Da Claudio Messora, NUOVI DOCUMENTI USA - ECCO COME E' NATO L'ISIS.. UN PO’ DI STORIA, E’ il 2004 quando Abu Musab al-Zarqawi fonda al Qaeda in Iraq, nota con l’acronimo di AQI. Nel 2006 viene fatto fuori da un raid USA. Al suo posto arriva Abu Ayyub al-Masri, che annuncia subito la creazione dello Stato Islamico dell’Iraq (ISI). Dopo la sua uccisione, avvenuta nel 2010 in un’operazione congiunta USA-Iraq, capo dell’ISI diviene Abu Bakr al-Baghdadi, che l’anno successivo, nel 2013, dichiara di avere assorbito un gruppo di militanti, supportati da Al Qaeda, che operano in Syria, conosciuto con il nome di Jabhat al-Nusra, o anche Fronte al-Nusra. Il leader dell’ISI dichiara così la nascita dell’ISIL, lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (con il termine di “Levante” ci si riferisce storicamente a tutta l’area che si affaccia sul Mediterraneo dell’est), o anche come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS). Il Fronte al-Nusra, guidato da Abu Mohammad al-Julani, però nega. Dopo 8 mesi di TFfaide interne, il 3 febbraio 2014 al-Qaeda recide i legami con al-Baghdadi, ma un ramo del Fronte al-Nusra, che opera nella città siriana di Al-Bukamal, si unisce all’ISIL.
abu bakr al-baghdadiE’ interessante notare come al-Baghdadi sia stato prigioniero degli Stati Uniti in Iraq, nel Camp Bucca, dal 2005 al 2009. Qui lo vediamo in una foto diffusa dal Ministero degli Interni iracheno. “Non era tra i peggiori“, ha dichiarato il colonnello Ken King che lo ebbe in custodia. Conosceva le regole e non si metteva mai in pericolo. Gli Usa l’avrebbero consegnato infine alle autorità irachene, con una solida documentazione a corredo, ma in seguito sarebbe stato inspiegabilmente rilasciato. E avrebbe avviato il regime del terrore che tutti noi oggi conosciamo. Quantomeno curioso. Soprattutto in considerazione delle numerose, leggendarie foto che ritraggono il senatore McCain, nei suoi viaggi in Siria tesi a costituire una forza che si opponesse ad Assad, con un giovane che, se non è al-Bagdhadi, ci somiglia in maniera impressionante. McCain Al-Baghdadi raffronto paragone comparison
Insieme al presunto al-Baghdadi, ci sarebbe stato anche il temibile Khalid al-Hamad, soprannominato “il mangiatore di cuori” per via di questo video dove divora il cuore di un soldato pro-Assad.
Khalid al-Hamad McCain. Come che sia, il 29 giugno del 2014 l’ISIL proclama la nascita di un califfato mondiale. Al-Baghdadi si autonomina califfo e il gruppo cambia il suo nome in IS, semplicemente “Stato Islamico”, concetto che viene rifiutato da governi e leader musulmani in ogni parte del mondo.
Il NUOVO DOCUMENTO DESECRETATO USA. Un po’ di storia era necessaria per comprendere che nel 2012 esisteva solo lo Stato Islamico dell’Iraq (ISI), ma l’ISIL non esisteva ancora. Acquisisce quindi particolare significato il contenuto del documento desecretato quest’anno, grazie alle pressioni di Judicial Watch, e redatto il 12 agosto 2012 dalla DIA, la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti d’America. La DIA è la componente del Dipartimento della Difesa (Department of Defense, DoD) che fornisce ai decisori politici e militari, nonché al presidente USA in persona, un servizio di intelligence sia sui governi e sugli stati delle zone calde, che sui protagonisti in genere capaci di influire sul complesso degli equilibri geopolitici, pur non essendo Stati veri e propri. Non è un mistero per nessuno che gli Stati Uniti (e non solo loro) desiderino la caduta del regime politico di Assad in Siria, per acquisire il controllo di un’area altamente strategica come quella che consente ai paesi produttori di petrolio di avere uno sbocco nel Medirettaraneo. Se volete comprendere un po’ meglio la posta in gioco, guardatevi questo video, parlato in spagnolo ma sottitotolato in italiano. SIRIA: LA SPIEGAZIONE DI TUTTO (il video che dovete vedere per capire) E cosa scrive, nell’agosto 2012, la Defense Intelligence Agency? Scrive che i salafiti, i fratelli musulmani e AQI (al-Qaeda Iraq) sono le principali forze che guidano l’insurrezione in Siria, e inoltre che anche l’occidente, i paesi del golfo e la Turchia vogliono far cadere Assad, mentre la Russia, la Cina e l’Iran sono dalla parte del regime. Ecco il passaggio a cui fare riferimento:
Department of Defense - Isis 1. Nel documento, a pagina 3, si spiega che al-Qaeda Iraq conosce bene la Siria perché si è addestrata lì, prima di trasferirsi in Iraq. Si dice poi che l’AQI sostiene le forze che si oppongono ad Assad e che richiama i sunniti alla guerra contro la Siria, in quanto stato infedele.
Poi, nell’analisi sulle possibili conseguenze in Iraq, sostiene che “se la situazione dovesse andare in fumo, c’è la possibilità di creare un principato salafita, dichiarato o meno, nell’est della Siria, e questo è esattamente ciò che i poteri che sostengono l’opposizione vogliono, per isolare il regime siriano“. Si ipotizza quindi che “L’ISI potrebbe anche dichiarare uno Stato Islamico attraverso la sua unificazione con altre organizzazioni terroristiche in Iraq e in Siria”.
Department of Defense - Isis 2Sappiamo dunque che le forze di opposizione ad Assad avevano bisogno della nascita dell’ISIS per abbattere il regime siriano. E lo stesso vice-presidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden, lo ha sostenuto (“non siamo riusciti a convincere i nostri alleati nel medio oriente a smettere di sostenere gli estremisti in Siria“, guarda il video), mentre l’ex generale Nato Wesley Ckark ha dichiarato che “I nostri amici e alleati hanno fondato l’ISIS per distruggere gli Hezbollah“. Ora, sappiamo con certezza, che gli USA consideravano l’ISIS, fin da prima della sua comparsa, come un modo di isolare il governo siriano, ma sappiamo anche che i suoi alleati lo hanno creato e sostenuto, mentre al Fronte al-Nusra veniva consigliato un po’ di trucco per presentarsi come forza moderata e beneficiare del supporto degli Stati Uniti in termini di armi, che poi finivano però anche nelle mani dell’ISIS. E del resto non si può sapere quanti di quei 60 miliardi di dollari di armi che gli USA hanno venduto all’Arabia Saudita (cioè gli alleati del medio oriente che secondo il vice-presidente degli Stati Uniti d’America hanno finanziato l’ISIS) siano in realtà finiti nelle mani del califfato.
Quello che sappiamo è che l’occidente, per assicurarsi il dominio di un’area strategica del pianeta come quella che dalla Siria conduce all’Iraq e all’Iran, ha fondato, finanziato e supportato in tutti i modi la nascita di un movimento destabilizzatore, fortemente votato alla propaganda, il quale avrebbe poi trovato unico canale di diffusione mediatico quel Site (Search for International Terrorist Entities, il sito di monitoraggio USA degli jihadisti sul web) dove Rita Katz ancora oggi diffonde le rivendicazioni dell’ISIS come se avesse un’esclusiva commerciale e, quasi sempre, senza linkare le fonti (per saperne di più sul site, leggi “Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell’ISIS. Chi è Rita Katz“).
Ecco perché i commenti di chi oggi invoca crociate contro gli infedeli, presentando uno scenario a senso unico dove qui siamo tutti buoni e di là sono tutti cattivi, riporta verità parziali, molto spesso demagogicamente tese a orientare l’opinione pubblica in favore di un intervento armato che serve molti scopi diversi, tra i quali il ridimensionamento di una forza sfuggita al controllo occidentale non è che uno di essi, mentre il conseguimento dell’obiettivo militare di abbattere Assad e di quello strategico di controllare l’area del medio oriente rappresentano sicuramente obiettivi primari, anche in considerazione del fatto che l’ISIS conta più o meno 50mila uomini. E non è credibile, in nessun modo, che i più potenti eserciti della Terra possano avere una qualunque, anche remota possibilità di non averne ragione – se davvero lo volessero – in meno di 24 ore.
KingxKingdom
io sono troppo sensibile all'amore! CHIUNQUE MI AMA? IO LO AMERò troppo anche! ed io non chiedo a nessuno: "cosa tu hai fatto nel tuo passato?" perché, la misericordia ha occhi soltanto per il tuo futuro: io vivo per realizzare la tua felicità!
KingxKingdom
qualcuno tradisce il NWO per servire Unius REI: chiunque dei miei rabbini sia stato: lui vuole entrare nel mio regno delle 12 tribù di israele e della felicità fratellanza universale! ] [ Error 520 Ray ID: 246569da42ed3d9b • 2015-11-16 18:56:24 UTc Web server is returning an unknown error ] Claudio MessoraCondiviso pubblicamente  -  19:35 ECCO I DOCUMENTI DESECRETATI USA CHE RACCONTANO LA NASCITA DELL'ISIS Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento utile a rovesciare Assad. http://www.byoblu.com/post/2015/11/16/i-documenti-desecretati-usa-che-raccontano-la-nascita-dellisis.aspx I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell'ISIS - Byoblu.combyoblu.com Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento per rovesciare Assad.
KingxKingdom
[ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO
PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ ] il significato di
questo fenomeno demoniaco è troppo semplice, io ho lasciato sopravvivere
 gli alieni ed i sacerdoti di Satana soltanto perché, loro devono fare
il genocidio della LEGA ARABA!  allora "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH"
KingxKingdom
questa è per me una constatazione troppo vecchia: alieni controllano il
motore di intelligenza artificiale di google ] lorenzoJHWH si divertivano a tradurlo shalomgerusalemme: perché i demoni sono cinici! ] Lega Nord PadaniaCondiviso pubblicamente  [ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ a me adesso traduce bene ! We will meet again SOON We'll see you soon
KingxKingdom
my ISRAEL ] GLI USA 666 CIA JABULLON IL GUFO ROTHSCHILD, SONO CAPACI DI ACCENDERE SULLA TERRA IL FUOCO DELL'INFERNO, MA, POI, LORO NON HANNO NESSUNA CAPACITà DI PORRE UN RIMEDIO AI LORO DELITTI! SOLTANTO UNIUS REI PUò RIPORTARE L'AMORE DI DIO NEL MONDO!
KingxKingdom
my ISRAEL ] IO SU KERRY, giustamente, io HO DETTO TUTTO IL MALE DI QUESTO MONDO! e invece, questa volta lui ingenuamente pensa che, ASSAD può chiamare i sunniti che, la ARABIA SAUDITA ha armato con le autobombe che hanno fatto stupri e genocidi di bambini, hanno fatto i cannibali e dire loro: "OK ADESSO FACCIAMO UN GOVERNO DI UNITà NAZIONALE! " no! tutto questo ora non è più possibile! QUì C'è UN PROBLEMA ISLAMICO SHARIA NAZISTA CHE DEVE ESSERE AFFRONTATO CONTRO IRAN E contro: ARABIA SAUDITA, perché a questo punto, dove noi siamo giunti? non è più possibile poter tornare a quelle condizioni che potevano, sia pure, in modo molto difettoso: cioè, potevano poter funzionare come nel passato! E tutti loro soltanto ad una autorità divina come Unius REi si assogetterebbero volentieri! QUINDI, ANCHE VOI DOVETE RINUNCIARE AL VOSTRO NWO DI SATANA! OPPURE SE AVETE LE PALLE, POTETE SEMPRE SCATENARE LA GUERRA MONDIALE NUCLEARE!
KingxKingdom
pensare che ci sia una vera democrazia nel crimine REGIME di altro
tradimento massonico ed usurocratico: questa è una bestemmia ma, pensare
 che oggi questa bestemmia sia presente in Turchia islamica: in qualche
modo, questo rasenta le tragi commedie comiche! Turchia: partito curdo, annullare voto. leader dell'Hdp, Demirtas: 'Non è stato libero né equo'
C. S. P. B.Crux Sancti Patris BenedectiCroce del Santo Padre Benedetto
C. S. S. M. L.Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce
N. D. S. M. D.Non draco sit mihi dux
Che il dragone non sia il mio duce V. R. S.Vadre Retro satana
Allontanati satana! N. S. M. V.Non Suade Mihi Vana
Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L.Sunt Mala Quae Libas
Ciò che mi offri è cattivo I.V. B.Ipsa Venena Bibas
Bevi tu stesso i tuoi veleni + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto
Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
==========================
17/11/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, l’ira di Vijaya, profugo tamil: “Il governo ci ha traditi” (video)
di Melani Manel Perera
L’uomo vive nel campo profughi di Neethayan, vicino a Jaffna, con la madre, una moglie e due figli. Intervistato da AsiaNews racconta il disagio di dover dipendere dal governo, che non mantiene le promesse: “Vengono ogni tanto a darci del cibo, ma si disinteressano. Non abbiamo soldi neanche per comprare i chiodi per riparare il tetto”.    17/11/2015 MYANMAR
Il Parlamento birmano avviato a fine legislatura. Suu Kyi critica la lentezza del processo
di Francis Khoo Thwe
A Naypyidaw si è riunita per la prima volta dalle elezioni l’assemblea dei deputati. Il presidente della Camera ricorda che si tratta di un parlamento “uscente” e invita a lavorare per il popolo. La “Signora” contrariata dalla lentezza delle procedure che porteranno all’ingresso del nuovo Parlamento. Negli Stati Kachin e Shan si continua a combattere.
17/11/2015 INDIA
Militante indù: Cristiani servi dei maoisti, ecco perché non li hanno mai attaccati
di Nirmala Carvalho
Indresh Kumar, esponente del “braccio armato” del partito induista al governo, accusa la comunità cristiana dell’India di avere “accordi segreti” con i militanti naxaliti. Presidente del Global Council of Indian Christians: “Provocazioni false e pericolose, vogliono distruggere l’India secolare e multi-religiosa”.    17/11/2015 MONGOLIA – CINA
Mongolia, sindacalista si dà fuoco contro la vendita delle miniere alla Cina
“Il governo – ha detto prima del gesto l’uomo, non identificato – non sostiene più la nostra compagnia, le famiglie dei lavoratori sono oramai costrette a fare la fame. Ecco perché mi darò fuoco, per il popolo della Mongolia e per i nostri bambini”. Al momento il 90% delle esportazioni mongole finisce sul mercato cinese; inoltre, il 49% delle aziende operanti sul territorio nazionale è di proprietà cinese
17/11/2015 NEPAL
Nepal, manca gas per cucinare: code chilometriche per comprare legna da ardere
di Christopher Sharma
Iniziata la vendita ufficiale di legname dalle riserve statali. Si abbatteranno alberi fino ad esaurimento della domanda. 14 ore di fila per comprarne un chilo: “Siamo in coda per la sopravvivenza. Da giorni mangiamo solo riso battuto”. L’embargo non ufficiale dell’India continua da quasi due mesi.    17/11/2015 VATICANO
Papa: no a cristiani “mondani”, nei quali la “doppia vita” distrugge l’identità
“La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita ci fa incoerenti”, uno fa “finta di essere così” ma vive “in un’altra maniera”. “Lo spirito cristiano, l’identità cristiana, mai è egoista, sempre cerca di curare con la propria coerenza, curare, evitare lo scandalo, curare gli altri, dare un buon esempio”.
17/11/2015 VIETNAM
Saigon, edifici cattolici nel mirino dei comunisti. Suore in campo contro l’esproprio
di Thanh Trung
Tre strutture appartenenti alla Congregazione delle Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm sono contese dall’amministrazione locale. Secondo l’accordo fra governo e cattolici, gli edifici devono ospitare scuole; il distretto vuole modificare la destinazione d’uso. I vertici della Chiesa locale e i fedeli accanto alle religiose nella loro battaglia.     17/11/2015 RUSSIA - FRANCIA
Musulmani russi contro il terrorismo: in nessun caso rappresenta l’islam
di Nina Achmatova
Parla il vice presidente del consiglio dei muftì e dell’amministrazione spirituale dei musulmani di Russia: negli attentati non vi è nessuna giustificazione; organizzazioni terroristiche vogliono creare conflitti tra musulmani. Il patriarca di Mosca invita a combattere l’estremismo anche sul piano culturale.
17/11/2015 ARABIA SAUDITA - STATI UNITI
Washington vende armi all’Arabia Saudita per 1,29 miliardi di dollari
Previste forniture di armamenti e pezzi di ricambio. Fra le armi anche 13mila bombe “intelligenti”. Il Congresso ha 30 giorni per approvare l’accordo, ma il via libera appare scontato. Si rafforza l’asse fra Usa e sauditi, dopo le tensioni per l’accordo nucleare iraniano. La regione mediorientale il il luogo dove si vendono più armi al mondo.     17/11/2015 EGITTO-ISLAM
Al Azhar: La lotta contro lo Stato islamico deve essere ideologica
Il problema del terrorismo islamico non è solo di sicurezza: occorre un controllo sull’insegnamento nelle moschee e fra gli imam per correggere le interpretazioni letteraliste e salafite del Corano. Al-Azhar si offre per un centro educativo in Europa, ma chiede anche “protezione” dagli estremisti.
17/11/2015 CINA
Pechino, il Partito celebra il riformista Hu Yaobang. Ma non lo riabilita
L’ex Segretario ha riabilitato milioni di persone cadute nelle campagne volute da Mao Zedong, ha aperto la Cina al mondo e ha preparato la transizione dall’economia statalista a quella di mercato. Accusato di aver “tollerato la liberalizzazione borghese”, è stato purgato: alla sua morte, nel 1989, sono scoppiati i moti di Tiananmen. A cento anni dalla sua nascita il Pcc pronto a commemorarlo “per sfruttare la sua buona immagine”.    16/11/2015 LIBANO
Chiese orientali: I governi del Medio Oriente non possono più garantire pace e sicurezza
Gli attacchi sanguinosi di Parigi (e Beirut) nel comunicato finale della sessione annuale dell’Apecl. Patriarchi e vescovi chiedono alle potenze mondiali di elaborare “soluzioni pacifiche” ai conflitti, garantendo l’unità territoriale. Collaborazione pastorale fra Chiese orientali, nullità del matrimonio ed elezione del presidente gli altri temi al centro dei lavori.
16/11/2015 BANGLADESH
Il Bangladesh festeggia i 150 anni delle Suore della Carità
Un giubileo commemorativo si è tenuto a Jessore, alla presenza del vescovo e dei fedeli. L’istituto religioso è stato fondato nel Paese asiatico grazie a tre suore italiane. Ora ci sono 21 conventi e 109 consacrate. Le suore della carità operano con le fasce più povere della società, soprattutto nei centri tessili dove le donne vengono sfruttate.     16/11/2015 INDIA
Mumbai, sopravvissuta ai pogrom di Kandhamal: Ho perso tutto tranne Gesù
di Kanaka Rekha Nayaka
Il racconto straziante di Kanaka Rekha Nayaka al Congresso eucaristico nazionale. Nei massacri del 2008 è stata testimone diretta del martirio di suo marito, trascinato con una catena al collo e decapitato dagli estremisti per aver rifiutato di convertirsi all’induismo. Gli assalitori, arrestati dopo i pogrom, oggi sono di nuovo in libertà.
17/11/2015
RUSSIA-FRANCIA-ISLAM
Putin: L’aereo russo sul Sinai caduto per un attacco terrorista. Hollande apre a un’alleanza con Mosca e Washington
Gli esperti hanno trovato tracce di esplosivo sui resti dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri. I servizi segreti russi mettono una ricompensa di 50 milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura degli autori dell’attentato che ha fatto 224 morti. Il presidente francese spera nella collaborazione con Russia e Usa. Putin accusa: Anche Stati del G20 sostengono lo Stato islamico.
Parigi (AsiaNews) – È stato un attacco terrorista a far cadere l’aereo russo lo scorso 31 ottobre, dopo circa 20 minuti di volo da Shark el-Sheikh a San Pietroburgo, uccidendo 224 persone. Lo ha dichiarato oggi il presidente Vladimir Putin, commentando un incontro tenutosi ieri sera con i responsabili della sicurezza  e della difesa.
“Non è la prima volta – ha detto – che la Russia si trova di fronte a barbari crimini terroristi… Le lacrime non saranno asciugate dalle nostre anime e dai nostri cuori. Ciò rimarrà per sempre. Ma non ci fermeremo nel trovare e punire gli autori”.
Alexander Bortnikov, capo dei servizi segreti (Fss) ha dichiarato che fra i rottami dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri sono state ritrovate tracce di esplosivo di fabbricazione straniera. Con ogni probabilità la bomba conteneva circa un chilo di esplosivo.
Le conclusioni della Russia arrivano a due settimane dalle dichiarazioni Usa e britanniche che avevano subito parlato di attentato terrorista. Vi era stata anche una rivendicazione dello Stato islamico (SI) della penisola del Sinai che parlava di “punizione” per l’impegno russo in Siria affianco a Bashar Assad.
I servizi segreti hanno offerto una ricompensa di 50milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura dei responsabili dell’attacco. Allo stesso tempo, Putin ha dichiarato che i bombardamenti russi sulle postazioni dello Stato islamico in Siria non si fermeranno.
Le rivelazioni del presidente russo cadono a pochi giorni dagli attentati terroristi di Parigi, anch’essi rivendicati dallo SI e giustificati come una risposta ai bombardamenti della Francia contro l’Isis in Siria.
Il presidente francese Francois Hollande ha definito un “atto di guerra” la serie di attentati che hanno ucciso 129 persone e fatto 400 feriti. Anch’egli ha deciso di continuare la lotta contro l’Isis in Siria, ha prolungato lo stato di emergenza in Francia per 3 mesi e ha richiesto poteri speciali per il presidente in casi di emergenza, suggerendo un cambiamento della costituzione.
La prossima settimana Hollande si recherà a Washington e a Mosca per tentare di costruire una coalizione contro lo Stato islamico.
Fino ad ora, gli Stati Uniti si sono impegnati in una coalizione – che comprende anche alcuni Paesi arabi – per bombardare postazioni Isis in Siria e Iraq, ma senza molti risultati. La Francia ha deciso di partecipare ai bombardamenti qualche giorno prima della decisione russa, presa su richiesta del presidente siriano Bashar Assad.
A dividere le tre potenze vi è proprio il destino di Assad. Per Usa e Francia egli dovrebbe abbandonare il campo prima di una discussione sul futuro assetto della Siria. Per la Russia, Assad e il suo governo sono l’unica possibilità per non far precipitare nel caos la Siria, già provata da quasi cinque anni di guerra.
Un altro problema messo in luce due giorni fa da Putin ad Antalya, alla fine dell’incontro del G20, è che vi sono almeno 40 Stati nel mondo che finanziano l’Isis e fra questi “anche alcuni membri del G20”. Con ogni probabilità Putin si riferiva all’Arabia saudita e alla Turchia, la prima sostenitrice di gruppi islamici contrari ad Assad; la seconda sospettata di essere un corridoio di sicurezza per far entrare nuove reclute dell’Isis in Siria e far uscire petrolio da vendere di contrabbando.
===========================
chi fomenta odio, e violenza che non sono un atto di legittima difesa va all'inferno! NEW DELHI, 17 NOV - Ashok Singhal, controverso leader nazionalista indiano fondatore del movimento 'Vishwa Hindu Parishad' (Consiglio mondiale indù), è morto oggi all'età di 89 anni in un ospedale vicino a New Delhi dove era stato ricoverato per problemi respiratori. Fervente difensore dell'induismo di fronte alle presunte "continue aggressioni" dell'islamismo e del cristianesimo, Singhal capeggiò un movimento che nel 1992 portò, fra gravi tensioni con i musulmani, alla distruzione di una moschea.
========================
Forces rally to defend Christian Syrian town from IS
Published: Nov. 13, 2015 by World Watch Monitor
Efforts are being rallied to save one of the last remaining centres of indigenous Christian presence in the Levant against a renewed jihadi attack.Militants of the theologically-based “Islamic State” have come within 3 kilometres of the Syriac Orthodox town of Sadad in western Syria, the Assyrian ...
    Syria Assyrians Homs Islamic State
Latest News
    Egyptian Copt's 'faked Facebook blasphemy' acquittal delayed
    Published: Nov. 17, 2015
    Bishoy Garas has always maintained his Facebook profile was hacked
    An Egyptian Christian, jailed for 38 months on unsubstantiated charges, has had his expected ...
    Myanmar's Christians cautiously hopeful
    Published: Nov. 12, 2015
    Kevin Osborne / Fox Fotos / Lonely Planet Images
    In Myanmar, Aung San Suu Kyi’s party, the National League for Democracy , has won a landslide ...
    BJP's Bihar defeat a vote against ‘intolerance’
    Published: Nov. 12, 2015 by Anto Akkara
    BJP supporters gather in Amethi, Uttar Pradesh, in May 2014 to listen to Narendra Modi speak shortly before his election victory.
    Indian Prime Minister Narendra Modi's visit to the UK – a first visit by an Indian head of state for ...
    Fleeing Boko Haram – nowhere to run, nowhere to hide
    Published: Nov. 12, 2015
    37 Assyrian Christians released in Syria
    Published: Nov. 9, 2015
    India: village church attacked, Christians hospitalised
    Published: Nov. 6, 2015
    Global Church meets to seek unity in face of persecution
    Published: Nov. 6, 2015
    UN report focuses on children’s rights
    Published: Nov. 5, 2015
    Pakistan NGO tackles demeaning low-caste word for ‘Christians’
    Published: Nov. 2, 2015


Inghilterra e Galles: entrata in vigore una legge sui matrimoni gay. [ qualcuno, può pensare, che, il problema non è
fondamentale.. ma, invece è un problema strategico, il matrimonio gay apre la strada al satanismo sociale, perché,
sovverte, con discorsi cavillosi.. che, non possono reggere alla luce della "legge naturale!": i fondamenti della virtù..
ovviamente, hanno inventato il relativismo, per confondere il concetto di virtù.. ma, esso non può essere confuso, se, noi
guardiamo all'organo dell'amore(sesso) disgiunto dall'organo della defecazione (fogna).. ecco perché, senza legge naturale
le stesse strutture dello Stato si dissolvono!! ] In Inghilterra e Galles è entrata in vigore la legge sulla legalizzazione

dei matrimoni gay. Subito diverse coppie omosessuali hanno tenuto la cerimonia di nozze nella notte di sabato, cercando di

formalizzare il loro rapporto per primi. Nel 2005 le coppie gay in Gran Bretagna potevano concludere il partenariato

civile, che giuridicamente non è molto diverso dal matrimonio. Tuttavia, molti attivisti gay consideravano il partenariato

come una forma inferiore della registrazione dei rapporti e cercavano le opportunità per fare un vero matrimonio.
Nel frattempo, secondo i dati del sondaggio, circa un adulto su cinque in Gran Bretagna si rifiuta di partecipare alla

cerimonia dei matrimoni gay.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_29/Inghilterra-e-Galles-entrata-in-vigore-una-legge-sui-matrimoni-

gay-2961/
Pubblicato in data 25/mar/2014 "Querelo il viceministro Pistelli che paragona gli euroscettici ai terroristi". [ noi non

vogliamo l'europa dei massoni bildenberg, senza sovranità monetaria! ]
Querelo il viceministro degli Esteri Lapo Pistelli che paragona gli euroscettici ai terroristi (Magdi Cristiano Allam,

Intervento nel Parlamento Europeo, Bruxelles, 25/3/2014)

Pubblicato in data 27/mar/2014 Sanzionano anche la libertà di informazione.
Giulietto Chiesa commenta il provvedimento di censura dell'Europa al giornalista Kiseliov.
un organo politico bildenberg, sanziona il giornalista e le sue opinioni
https://www.youtube.com/watch?v=Uug6dhzb9Eo&list=FLXFxuqJjJYfxIskUIF2bATQ
/watch?v=Uug6dhzb9Eo&list=FLXFxuqJjJYfxIskUIF2bATQ
ScuolaAuritianaSimec
Io sto con Putin!
Paolo Marinelli
L'europa (minuscolo dovuto) non è uno stato, è solo una creazione di oligarchi e mafie finanziarie, l'europa è una

autentica dittatura totalitaria ben travestita.
Chi ama la libertà e la fratellanza tra popoli, deve auspicare a stati sovrani che si relazionino con amicizia,
collaborazione e rispetto reciproco.
Tutto il resto è annessione e imperialismo dei padroni della finanza offshore

Abolizione province: ecco cosa sta succedendo in Senato.
Senato Cinque Stelle. Pubblicato in data 25/mar/2014.
Vito Crimi con parole semplici e chiare, spiega ciò che sta succedendo in Parlamento sulla "finta" abolizione delle

province e chiarisce una volta per tutte la posizione del MoVimento 5 stelle.
/watch?v=Nmo5Ej3LOU8&list=UUmFCUD8CXaofIktUknty6QQ
Segui Senato Cinque Stelle su:
Facebook: http://www.facebook.com/SenatoCinqueStelle
Twitter: http://twitter.com/Senato5Stelle

Angelina Jolie in lacrime a Srebrenica. L'attrice rende omaggio a vittime massacro del luglio 1995. [ CHI MAI PIANGERà PER

TUTTI I CRISTIANI, innocenti, TRUCIDATI IN COSSOVO, TUTTI I MONASTERI CHIESE E CIMITERI DISTRUTTI? IO DI QUESTO SONO SICURO

IL KING SAUDI ARABIA PIANGERà, per tutti i crimini di Maometto ai giorni nostri.. perché i loro genocidi, sono santi,

quanto occultati dal sistema massonico di Anticristi Bildenberg, ecco perché, gli islamici pretendono ancora di avere il

nazismo della sharia, con cui continuano ad uccidere tante persone innocenti! ecco perché nessuno può dire che la nazione

degli armeni è stata distrutta di turchi in un loro genocidio.. l'Islam si impone e si diffonde attraverso il genocidio ] 

SARAJEVO, 29 MARZO - Angelina Jolie e il ministro degli esteri britannico William Hague hanno visitato il cimitero di

Srebrenica, nell'est della Bosnia-Erzegovina, dove hanno reso omaggio alle migliaia di vittime musulmane del massacro del

luglio 1995 ad opera dei serbo-bosniaci di Ratko Mladic. Come ha riferito Munira Subasic, presidente dell'organizzazione

'Madri di Srebrenica', l'attrice americana ha lasciato la cittadina in lacrime e fortemente scossa dalle storie ascoltate

dai familiari delle vittime.

Obama USA UE, ONU NATO, voi siete dei criminali internazionali nella Turchia di Erdogan! lui fa il nazista, il supporter

dei terroristi, e voi siete con lui, i suoi complici silenziosi, a ricevere il frutto dei suoi delitti.. lui insabbia i

suoi processi per corruzione blocca: Twitter e youtube, a suo piacimento, per non rivelare i suoi crimini! e che crimini!!?

dice di fare un auto attacco, proveniente dalla Siria, per poi essere autorizzato a fare una invasione in Siria.. Quindi,

il vigliacco vuole invadere la Siria, a nome della NATO, che, lo rappresenta e lo protegge, con le sue strutture il

Turchia. e poi per nascondere i suoi crimini, blocca youtube, ragazzi NATO, oggi nel mondo? voi siete i nazisti!. quindi,

anche voi siete i criminali al suo stesso livello! Non solo, ma, la intercettazione telefonica di questo crimine è stata

occultata dai vostri media massonici, e se, non fosse per l'Osservatore romano, io non avrei mai saputo il motivo per cui,

il Vostro Erdogan islamico nazi ha deciso di chiudere youtube, in Turchia.

[ vergogna NATO nazi vergogna! ] Corte Istanbul dà ragione a Twitter, Nei giorni scorsi sentenza analoga ad Ankara. 

ANKARA, 29 MARzo, Nuova decisione giudiziaria contro il bando di Twitter deciso il 21 marzo dal governo turco: una corte di

Istanbul ha accolto uno dei diversi ricorsi presentati negli ultimi giorni dalla rete sociale. Mercoledì una corte di

Ankara aveva già ordinato la sospensione del blocco. Ma la sentenza non e' stata applicata dal governo che ha 30 giorni per

farlo. Giovedì Ankara ha anche bloccato l'accesso a YouTube. I due provvedimenti hanno provocato una valanga di critiche da

tutto il mondo. Damasco e i loro alleati miliziani sciiti libanesi di Hezbollah puntano a sigillare la frontiera per

impedire il passaggio di armi e combattenti da aree libanesi solidali con gli insorti siriani. Nel frattempo, la tensione

continua a salire anche nelle aree al confine con la Turchia, dopo la pubblicazione su You Tube, subito proibito dal

Governo di Ankara, come in precedenza Twitter, di intercettazioni di conversazioni di autorità turche che farebbero pensare

al presunto progetto di creare falsi attacchi dal territorio siriano per giustificare un intervento armato nel Paese

confinante.

una bella notizia contro talebani, boko haram ] L'Oms dichiara l'Asia sud-orientale libera dal virus. Svolta storica. nella

lotta alla polio GINEVRA. L'Asia sud-orientale, è libera dalla poliomielite: lo ha annunciato ieri l'Organizzazione

mondiale della sanità (Oms), parlando, di «una svolta storica» nella lotta contro questa malattia mortale. Il via libera

all'annuncio è stato dato dagli esperti di una commissione incaricata di monitorare eventuali nuovi casi di contagio negli

undici Paesi della regione. Prima che un'area del mondo possa essere dichiarata libera dalla poliomielite dall'ultimo

episodio accertato devono trascorrere almeno tre anni. Decisivo, in tal senso, è stato il riscontro dell'assenza

Monito di Obama a Putin dopo la condanna dell'Assemblea generale dell'Onu per l'annessione della Crimea alla Russia. [ che,

l'Onu abbia finito per sputare sui diritti umani, non mi meraviglia dato che, è diventato il supporter della Sharia, ma,

cazzo, a nessuno interessa più niente, della autodeterminazione dei popoli? così un branco di traditori massoni decide che

il referendum,  in Crimea non è valido? roba del inferno, di nazi sharia! ] Sale la tensione ai confini con l'Ucraina.

decidere sul proprio futuro status. «Non lasciatevi manipolare da impostori» ha detto Ianukovich all'agenzia ItarTass,

«chiedo un referendum sulla scelta dello status di ogni regione dell'Ucraina». L'assemblea generale dell'Onu ha ieri

approvato, con cento voti a favore, e undici contro, una risoluzione proposta dal Governo di Kiev, contro il referendum in

Crimea e contro, l'unificazione di quest'ultima alla Russia. Cinquantotto gli astenuti, tra i quali la Cina. Il voto sulla

risoluzione non è vincolante, come tutti i documenti approvati dall'Assemblea generale, ma ha forte valore simbolico e peso

morale: è il primo barometro della condanna globale dell'annessione della Crimea da parte della Russia. Hanno votato con

Mosca contro la richiesta ucraina Cuba, Corea del Nord, Nicaragua Bielorussia, Bolivia, Siria, Armenia, [ io credo che, a

questo elenco manchi la Argentina ] Sudan, Venezuela e Zimbabwe. «Una iniziativa controproducente», che «non fa altro che

complicare la soluzione della crisi politica in Ucraina» ha commentato il ministero degli Esteri russo.

[ finché, la sharia non viene condannata? il mondo non potrà, mai, essere pacificato.. islamici non sono idonei alla

convivenza, con la diversità di altre culture! Rothschild sa tutto questo, ecco perché, lui spinge perché, tutti i

musulmani possano diventare islamici, ecco come, Rothschild ha deciso di rovinare il genere umano, distruggere tutte le

religioni ed imporre il satanismo! ] Dopo la storica firma dell'accordo tra Governo e guerriglieri islamici. Avviato il

processo di pace nel sud delle Filippine MANILA. Dopo quattro decenni di guerriglia, 17 anni di negoziati e oltre 120.000

morti, l'accordo siglato ieri tra il Governo delle Filippine e i ribelli del Fronte islamico di liberazione Moro ( #Milf)

sembra davvero essere in grado di portare una pace duratura a Mindanao, l'isola nel sud dell'arcipelago dove la minoranza

musulmana rivendica da sempre le proprie aspirazioni separatiste. Al termine di una cerimonia al palazzo presidenziale di

Manila, alla quale hanno partecipato 500 esponenti del Milf, il presidente, Benigno Aquino III, e il leader del gruppo

ribelle, Murad Ebrahim, è stata, dunque, firmata la tanto agognata intesa che prevede di rendere il Bangsamoro, il

territorio rivendicato dalla comunità musulmana di Mindanao, una regione autonoma entro il 2016. In cambio di maggiori

poteri, che comprendono una propria forza di polizia, un Parlamento regionale e una parziale autonomia fiscale, il Milf si

è impegnato a disarmare i suoi oltre 10.000 uomini, passando in sostanza dalla guerriglia alla politica e abbandonando

qualsiasi pretesa indipendentista. La firma arriva a quasi tre anni di distanza da uno storico, e all'epoca controverso,

incontro tra Aquino e Murad, quando il presidente volò in Giappone per discutere faccia a faccia con il leader del più

organizzato gruppo separatista: il rapporto di fiducia tra i due costruito a partire da quell'occasione è stato

fondamentale per sostenere le ultime trattative di pace. Aquino non è il primo presidente che ha provato a porre fine al

conflitto nel sud del Paese, uno dei più lunghi e sanguinosi periodi di guerriglia mai registrati in Asia. Un obiettivo

mancato anche dalla madre, Corazón, salita al potere sull'onda dell'emozione popolare per la fine del regime di Ferdinand

Marcos a metà degli anni Ottanta. Ma Benigno Aquino appare fortemente intenzionato a fare della pace a Mindanao un suo

lascito a fine mandato. «Troppe persone hanno sofferto per troppo a lungo; molti dei nostri rappresentanti hanno lavorato

così a lungo per arrivare a questo punto. Non lascerò che qualcuno tolga di nuovo la pace al mio popolo »  ha dichiarato il

presidente. Ma i rischi di un ritorno all'instabilità sono diversi, in una Mindanao dove rimane pervasiva una cultura

politica violenta, con leader locali dotati di proprie milizie e interessi divergenti in una regione ricca di risorse

naturali, ma al momento tra le più povere del Paese. È inoltre da verificare quale sarà l'atteggiamento dei separatisti più

irriducibili. Il Milf rappresenta il più grande e organizzato dei gruppi ribelli musulmani locali, ma non è l'unico. Un

altro movimento, Abu Sayyaf, raccoglie meno militanti ma, seppure indebolito, ha compiuto in passato atti molto violenti.

C'è poi anche il Mnlf (Fronte nazionale di liberazione Moro), dal quale il Milf nacque proprio in reazione a un accordo di

pace, poi naufragato, siglato tra Manila e l'allora gruppo predominante. L'essere stato tagliato fuori dalle ultime

trattative, e quindi dalle ricchezze future, è stato alla base dell'assalto alla città di Zamboanga da parte di una costola

del Mnlf l'anno scorso, terminato solo dopo un assedio di tre settimane e 200 morti. Potrebbe non essere l'ultimo tentativo

di sabotare  la pace appena raggiunta.

Verrà giudicato l'operato delle truppe regolari e dei ribelli tamil Inchiesta. sui crimini di guerra, nello Sri Lanka.

COLOMBO. Il consiglio per i Diritti umani delle Nazioni Unite ha deciso ieri di aprire un'inchiesta contro i presunti

crimini di guerra nello Sri Lanka. In una risoluzione, promossa da Unione europea e Stati Uniti, si legge che «è giunto il

tempo di indagare sui gravi episodi di violazione e abusi dei diritti umani da entrambe le parti». Con il fine di arrivare

anche ad accertare precise responsabilità, verrà, dunque, giudicato l'op erato delle truppe regolari e dei guerriglieri

secessionisti delle Tigri per la liberazione dell'Eelam tamil ( #Ltte), che si sono duramente combattute tra il 2002 e il

2009. Secondo il consiglio dell'Onu, violazioni dei diritti umani sono state perpetrate sia dall'esercito governativo sia

dai ribelli separatisti, che per oltre trent'anni hanno combattuto una sanguinosa lotta armata per rivendicare indipendenza

di uno Stato federato tamil nelle regioni settentrionali e orientali dell'isola. Si prevede che le indagini dureranno circa

un anno, con un costo di 1,46 milioni di dollari. Da Colombo il presidente dello Sri Lanka, Mahinda Rajapakse, ha subito

respinto tale inchiesta, affermando, invece, di volere portare avanti il piano di riconciliazione nazionale. L'India, che

nelle precedenti risoluzioni di condanna nel 2009, 2012 e 2013 aveva votato a favore, ieri si è astenuta, ritenendo

l'inchiesta «controproducente». Sulla posizione di New Delhi ha pesato probabilmente l'approssimarsi delle elezioni

legislative e la necessità per i partiti al potere di non inimicarsi un parte della consistente popolazione tamil

dell'India meridionale, che potrebbe non apprezzare indagini che riguardano anche, eventuali responsabilità dei tamil dello

Sri Lanka nelle atrocità commesse durante il lungo e sanguinoso conflitto civile

Conflitto siriano e nucleare iraniano, sono stati al centro della visita, di Obama a Riad RIAD. [ ma, king saudi arabia,

non è riuscito a leggere nei pensieri del sataNistA Obama! ] Il conflitto siriano, insieme alla questione iraniana, sarà

oggi al centro della visita in Arabia, Saudita del presidente degli Stati Uniti, Barak Obama. A giudizio concorde degli

osservatori, Obama intende rassicurare il Governo di Riad, suo alleato, tanto sull'impegno ad arrivare a una transizione

politica in Siria quanto sui tentativi di Washington di trovare un'intesa con l'Iran sul programma nucleare di Teheran. Il

conflitto siriano, intanto, s'intensifica alla frontiera con il Libano, dove offensiva delle forze governative sono stati

uccisi ieri nove combattenti ribelli di un gruppo aderente al cosiddetto Esercito libero siriano, compreso uno dei loro

comandanti, Ahmad Nawaf Dourra. Lo scontro è avvenuto nella regione settentrionale del Qalamun, dove le truppe di Damasco e

i loro alleati miliziani sciiti libanesi di Hezbollah puntano a sigillare la frontiera per impedire il passaggio di armi e

combattenti da aree libanesi solidali con gli insorti siriani. Nel frattempo, [ NATO ERDOGAN TURCHIA NAZI ONU UE USA: I PIù

GRANDI TERRORISTI CRIMINALI INTERNAZIONALI, CHE, FARANNO UNA BRUTTA FINE! ] la tensione continua a salire anche nelle aree

al confine con la Turchia, dopo la pubblicazione su You Tube, subito proibito dal Governo di Ankara, come in precedenza

Twitter, di intercettazioni di conversazioni di autorità turche che farebbero pensare al presunto progetto di creare falsi

attacchi dal territorio siriano per giustificare un intervento armato nel Paese confinante.

Dopo l'epidemia in Guinea, registrati casi mortali sospetti in Liberia e in Sierra Leone. Si estende la minaccia dell'ebola

[ arma batteriologica ]... SOLO JHWH PUò FERMARE LA MALVAGITà DEI DEMONI FARISEI, FMI SPA GMOS, ALIENS ABDUCTIONS NSA

DATAGATE FED BCE, BILDENBERG! #Rothschild -- [ arma batteriologica EBOLA epidemia in Guinea ]- tu hai preso il soppravvento

sul genere umnao, perché, tu hai rubato la vita e il sangue dei popoli: il signoraggio bancario! e che, tu fai morire di

fame anche gli isRaeliani, questo significa, CHE, per te loro sono goym, infatti sono senza genealogie paterne!

[ i massoni UE 322, 666 USA. loro voglio disarmare il governo di BANGUI, perché? chi sono i veri terroristi? ] Contestata

nella Repubblica Centroafricana l'azione delle forze internazionali BANGUI. Dopo molte perplessità espresse dai leader

religiosi e dai rappresentanti delle organizzazioni della società civile della Repubblica Centroafricana, anche le autorità

di transizione contestano ormai apertamente le politiche di sicurezza messe in atto dalle forze internazionali dispiegate

nel Paese, il contingente francese impegnato nell'operazione Salgaris e quelli della missione africana Misca. Per la prima

volta dalla sua elezione a presidente ad interim, due mesi fa, appoggiata dalla comunità internazionale, Catherine Samba-

Panza, ha sottolineato ieri esplicitamente le proprie «divergenze nei confronti della strategia attuata dai partner

esterni». La leader centroafricana, in particolare, è tornata a chiedere il riarmo dell'esercito, della polizia e della

gendarmeria nazionali. Samba-Panza ha riferito del «rifiuto educato del Consiglio di sicurezza dell'Onu» alla richiesta,

avanzata già all'indomani della sua entrata in carica, di riarmare le forze di sicurezza centroafricane per ristabilire

l'ordine nel Paese, ma ha ribadito di ritenerla una strada obbligata. In merito, ha ricordato di avere il mandato di

ristabilire non solo la sicurezza, ma anche l'autorità dello Stato in una Nazione devastata, con l'obiettivo di tenere

elezioni entro il primo marzo 2015. Samba-Panza ha inoltre sottolineato che «tutte le armi sequestrate e recuperate dai

francesi di Sangaris e dalle truppe africane, della Misca non sono mai state restituite, alle autorità centroafricane»,

interrogandosi polemicamente sulle «modalità di gestione e distruzione» di tali armi. L'intervento di Samba-Panza precede,

di pochi giorni una riunione sulla Repubblica Centroafricana che si terra la prossima settimana a Bruxelles, a margine del

vertice tra, Unione africana e Unione europea.

In Brasile inchiesta parlamentare su Petrobras BRASILIa. È data ormai per inevitabile, in Brasile, l'apertura di una

commissione parlamentare d'inchiesta sulla Petrobras, il colosso brasiliano del petrolio. La richiesta formale è stata

depositata ieri, da 28 deputati e senatori dell'opposizione. Secondo il presidente del Senato, Renan Calheiros, «una

commissione, in pieno anno elettorale, ostacolerà più che facilitare, la vita del Brasile, ma, ormai c'è poco da fare». Nel

mirino della futura commissione dovrebbero entrare, dicono fonti di stampa, i recenti scandali, che, hanno coinvolto

l'azienda statale del greggio. Anche, la presidente della Petrobras, Maria das Graças Silva Foster, ha annunciato, l'avvio

di un'inchiesta interna, per approfondire le denunce di irregolarità.

[ chi conosce i Detti di: " Detti di frate Egidio?" chi era costui? era un Giobbe del Nuovo Testamento! un saggio della

conteplazione, con il dono della Parola METAFISICA! ] La parola di Dio, non è di chi l'annuncia o l'ascolta, ma di chi la

trasforma in opere. Molti senza sapere nuotare entrarono in acqua per aiutare coloro che stavano annegando. Quelli e questi

morirono insieme  Edizione critica dei Detti di frate Egidio, terzo compagno di Francesco di Assisi. Il semplice dalle

parole sapienti. GIOVANNI PAOLO MAGGIONI Le parole più belle per definire frate Egidio d'Assisi, terzo compagno di san

Francesco, sono forse quelle di Tommaso da Celano che l'accosta a Giobbe: un uomo semplice e integro, che temeva Dio e che

nella sua lunga esistenza terrena visse in santità, giustizia e devozione, lasciandoci esempi di perfetta obbedienza, ma

anche di lavoro manuale, vita solitaria e santa contemplazione. A questi tratti agiografici propri di una figura esemplare

anche nelle dure prove della vita, si aggiunge un accostamento a Francesco nell'umiltà spirituale e nel non essere un uomo

di cultura Intorno a lui, e in seguito in sua memoria, si era radunata una piccola comunità informale, costituita da frati

minori e da laici devoti, che può essere considerata in un certo senso il destinatario ideale dei motti proverbiali con

toni sapienziali raccolti nelle collezioni dei suoi Dicta. L'essersi rivolto a questa comunità mista spiega la duplicità di

alcune parti dei Dicta, come ad esempio le parole con cui è proposta la figura di Maria («La gloriosa Vergine madre di Dio

nacque da peccatori e peccatrici e neppure visse in un qualche ordine, religioso e tuttavia è quella che è») in un capitolo

dedicato ai temi della vita consacrata. E spiega anche la fortuna che la collezione più ampia, nella seconda redazione, ha

avuto in area fiammingorenana, negli ambiti di formazione e di diffusione della devotio moderna. La gloriosa Vergine madre

di Dio nacque da peccatori e peccatrici e neppure visse in un qualche ordine religioso E tuttavia è quella che è. I detti

egidiani mostrano sintonia con la Regola bollata e la Regola non bollata per quanto riguarda i temi della  predicazione e

possono essere a buon diritto considerati un'esemplificazione della raccomandazione della Regola ad annunciare il Cristo

con «brevità di discorso». Sullo sfondo rimane la predicazione: il punto di partenza dei Dicta si rifà ai temi indicati

nella Bollata, trattando delle «virtù, delle grazie e della loro efficacia» con un'attenzione alla predicazione diretta al

popolo, così come si insiste sulla necessità per i predicatori di far corrispondere parole e opere («La parola di Dio non è

di chi la annuncia o la ascolta, ma di chi la trasforma in opere. Molti senza sapere nuotare entrarono in acqua per aiutare

coloro che stavano annegando; quelli e questi morirono insieme»). In altre parti si tratta delle qualità che dovevano

caratterizzare i frati minori, secondo il capitolo della Regola non bollata sui predicatori (ad esempio, «nessuno può

conoscere Dio se non per la via dell'umiltà. La via per andare in alto è andare in basso»), mentre i capitoli conclusivi

dei Dicta sono dedicati ai temi della vita consacrata. D'altra parte il pubblico cui Egidio si rivolgeva era composto anche

di laici: i redattori hanno raccolto in alcuni capitoli aforismi utili anche a dei laici devoti. Egidio raccomandava molto

la castità, e una volta un uomo sposato gli chiese: «Mi astengo da tutte le altre donne eccetto da mia moglie: è

sufficiente questo comportamento? ». Gli rispose: «Ti sembra possibile che un uomo si possa ubriacare con il vino della sua

botte? ». «Può». pagine, indispensabili per inquadrare nel contesto storico la composizione dei Dicta, i problemi
dati dalla particolarità della loro composizione e dall'esistenza di diverse collezioni e redazioni, dipanando una

tradizione manoscritta a prima vista inestricabile. Tra i risultati più notevoli vi è anche una nuova e più convincente

successione delle leggende agiografiche egidiane, fissando la precedenza della cosiddetta Vita Perusina rispetto alla Vita

Leonina. L'impresa è tanto più notevole se si considerano le particolarità della composizione del testo: le parole sono

infatti di Egidio, ma la loro prima formulazione, orale o scritta, è ascrivibile alla cerchia di compagni e familiari, e la

loro ricerca, selezione e ripartizione in capitoli è opera di uno o più redattori. A questo si può aggiungere la

composizione di più collezioni e i diversi rifacimenti, ognuno basato su di una redazione precedente, e anche l'ampliamento

e la progressiva diluizione del nucleo originale a opera di copisti compilatori. Un impegno che esemplifica l'accezione più

alta del lavoro filologico: la dedizione e la scrupolosa ricostruzione delle dinamiche di composizione, di tradizione del

testo e, in questo caso, la restituzione del magistero spirituale di Egidio, uomo semplice e integro. Edizione critica dei

Detti di frate Egidio, terzo compagno di Francesco di Assisi Il semplice dalle parole sapienti. La parola di Dio non è di

chi l'annuncia o l'ascolta ma di chi la trasforma in opere Molti senza sapere nuotare entrarono in acqua per aiutare coloro

che stavano annegando Quelli e questi morirono insieme secondo l'accezione allora tradizionale. Riecheggiando l'epistola

diretta a tutto l'ordine, in cui Francesco si descriveva come idiota e ignorans , anche la leggenda egidiana attribuita a

frate Leone (la Vita Leonina) lo descrive come homo idiota et sine litteris, rusticus et simplex, utilizzando termini,

idiota et simplex, presenti anche nella Legenda maior di Bonaventura da Bagnoregio. Un uomo semplice, che condivise con

Francesco le prime esperienze e le esortazioni alla penitenza, il lavoro manuale, il viaggio nella Marca d'Ancona, seguendo

e riproponendo l'esempio francescano. Ma anche un uomo cui fu dato di sperimentare esperienze mistiche e visioni divine,

che aggiunsero nuova linfa alle parole di sapienza per cui era già noto. Quando morì, nel 1262, i suoi Detti iniziarono a

essere raccolti in varie collezioni che a loro volta Tra i modelli letterari cui i Dicta si rifanno ci sono i Verba

seniorum, i detti dei Padri del deserto che, diffusissimi in epoca medievale, conobbero particolare fortuna nel XIII secolo

presso gli ordini mendicanti, insieme alle altre parti delle Vitae patrum. In questa collezione di risposte edificanti e di

motti sapienziali attribuiti ai Padri del deserto, la parola aveva un ruolo centrale, rendendoli particolarmente adatti nel

contesto della predicazione. Al di là della fortuna in questo contesto, è importante notare che con le collezioni dei Dicta

Egidio viene assimilato ai Padri del deserto, riportando la sua figura e i suoi aforismi a un contesto eremitico fuori dal

tempo, lontano dalle raffinatezze della predicazione e molto più consono alla semplicità del suo magistero spirituale.

D'altra parte sono frequenti le assonanze con le Admonitiones di Edizione nazionale Venerdì 28 marzo si è svolto a Roma,

all'Antonianum, il seminario «I detti del beato Egidio» per la presentazione dell'edizione critica dei Dicta di Egidio

d'Assisi curata da Stefano Brufani (Spoleto, Cisam, 2013), primo volume dell'edizione nazionale delle Fonti francescane.

Uno dei relatori ha sintetizzato per il nostro giornale il suo intervento. La gloriosa Vergine madre di Dio nacque da

peccatori e peccatrici e neppure visse in un qualche ordine religioso E tuttavia è quella che è Oltre un chilometro di

scaffali per molte decine di migliaia di fogli Il documento più antico risale al 1410 Bartolomé Estéban Murillo, «Il beato

Egidio levita in estasi davanti a Papa Gregorio IX» In ogni caso la figura di Egidio e le sue parole si collocano nel punto

cruciale di trasformazione della fraternità penitenziale di Assisi in una vera e propria religio radicata nel contesto

della città. È il tempo in cui l'annuncio francescano passa dalla semplice esortazione alla predicazione vera e propria;

della trasformazione dell'economia di sussistenza grazie al lavoro manuale all'economia mendicante; della sostanziale

egemonia dei nuovi reclutati, chierici dalle notevoli qualità culturali e pastorali. Stefano Brufani ha curato una

splendida edizione dei Dicta pubblicata dalla Fondazione del Centro italiano di studi sull'alto medioevo di Spoleto, che si

affianca alle traduzioni delle vite e dei detti egidiani, con il corredo di introduzioni e note, a opera dello stesso

studioso nel volume delle Fonti agiografiche dell'ordine Francescano a cura di Maria Teresa Dolso (da cui sono tratti i

detti egidiani citati). L'edizione è introdotta da uno studio di

king SAUDI RABIA --  ti piacerebbe uccidere tutti gli sciiti! ma, io dico, che, la strada che tu hai preso, è una strada

cattiva, un errore, non ci può essere UNITà, SENZA MOLTEPLICITà! ..  lo stesso termine di ecosistema, indica che il tutto,

non può sopravvivere, senza una parte: UNIUS REI METAFISICA!! evolvere, non significa prendere il veleno dell'Occidente,

che è caduto sotto il controllo di satanisti farisei e che lo hanno corrotto con 1000 ideologie di anticristo, solo perché,

loro sono i satanisti, che hanno ucciso Gesù, ed hanno preso il controllo! .. ma, anche voi comprate il denaro da satana

FMI Spa .. quindi, come, voi pensate di poter spezzare la prigione di Rothschild, Spa, Gmos FMI, senza di me?

king SAUDI RABIA - 1. tutte le volte, che, io ti ho parlato con amore? tu mi hai disprezzato! ( era ipocrisia finzione la

tua lode per me, nel governo massonico di youtube! ) 2. tutte le volte, che, io ti ho minacciato di morte? tu hai comprato

le armi dalla Germania! 3. tutte le volte, che, io ti ho maledetto, tu hai mandato Boko Haram, salafiti, fratelli

musulmani, talebani, tutta la Galassia di jihadisti a fare massacri di cristiani totalmente pacifici ed onesti, per

allargare il tuo impero, la LEGA ARABA .. così, a tal punto, tu ti sei burlato di angeli, di santi, e del Signore Dio

Onnipotente, ... ma, in questo modo tu insieme ai satanisti voi avete ammesso, che il Signore JHWH Onnipotente, lui è con

me!

Boeing scomparso: la nave cinese è giunta nella nuova zona di ricerca. ] i satanisti CIA devono pagare per questo crimine!

[ non possiamo lasciare ombre in questa storia, l'aereo con tutti i suoi passeggeri deve essere trovato! ] Sabato la nave

anfibia cinese con elicotteri a bordo è giunta nella nuova area di ricerca a sud dell'oceano Indiano, unendosi alle

operazioni per identificare gli oggetti che possono appartenere all'aereo scomparso del volo MH370. Venerdì cinque diversi

aerei hanno scoperto sulla superficie dell'acqua degli oggetti colorati. Il Boeing 777-200 è partito dell'aeroporto di

Kuala Lumpur a Pechino. A bordo si trovavano 239 persone: 227 passeggeri e 12 membri dell'equipaggio.:

http://italian.ruvr.ru/2014_03_29/Boeing-scomparso-la-nave-cinese-e-giunta-nella-nuova-zona-di-ricerca-2321/
28 marzo 2014, [ quale coscienza spoca nasconde l'India? ] Precipitato l'aereo che cercava il Boeing scomparso.:

http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_28/Precipitato-laereo-che-cercava-il-Boeing-scomparso-2551/

16 marzo, Nel Veneto si apre oggi il referendum online sulla secessione dall'Italia ... questi massoni traditori, ci hanno

fatto perdere l'identità, per meglio poterci derubare della sovranità monetaria! la autodeterminazione dei popoli liberi, è

la più grande minaccia per Rothschild Troika!

insolenza diplomatica o una totale inettitudine diplomatica, circa la Crimea? niente di tutto questo! satanisti devono

conquistare il mondo, abolire le religioni, innalzare il satanismo, che, è la nuova torre di Babele.. Russia mai abbassare

la guardia! mai fidarsi dei sorrisi di Kerry! ] Lavrov: si profila un'iniziativa sull'Ucraina tra Russia e USA. Il ministro

degli Esteri russo Sergej Lavrov ha raccontato un'iniziativa congiunta sull'Ucraina che "si profila" nel processo dei

negoziati con i colleghi dell'UE e gli Stati Uniti. "Stiamo avvicinando i nostri approcci", ha detto Lavrov nell'intervista

al canale Russia-1. Allo stesso tempo, il capo del ministero degli Esteri ha definito come assolutamente senza speranza le

richieste occidentali di cambiare la posizione della Russia sulla questione dell'adesione della Crimea. Secondo Lavrov, non

capire "la politica reale e la disperazione assoluta delle richieste nei nostri confronti" è una insolenza diplomatica o

una totale inettitudine diplomatica.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_29/Lavrov-si-profila-uniniziativa-sullUcraina-

tra-Russia-e-USA-3734/

16 marzo, Nel Veneto si apre oggi il referendum online sulla secessione dall'Italia
Dal 16 al 21 marzo nella regione del Veneto si terrà un referendum online il cui quesito verte sulla secessione o meno

dall'Italia. Il quesito referendario è limitato alla domanda: " Vuole che il Veneto divenga una Repubblica federale

indipendente e sovrana?". Secondo i sondaggi, coloro che vogliono la secessione dall'Italia e la creazione di uno Stato

indipendente sono il 64% dei residenti nella regione Veneto, vale a dire i due terzi dei suoi abitanti. Il ragionamento

base degli organizzatori del referendum è che siccome la regione entrò a fare parte del Regno d'Italia a seguito di un

referendum, con un referendum è ora possibile separarsi dall'Italia.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_16/Nel-Veneto-

si-apre-oggi-il-referendum-online-sulla-secessione-dallItalia-4817/

    Vadim Fersovič. 24 marzo, I nazionalisti ucraini mirano ad ovest per "riunire tutte le terre etniche" Oltre alla

Russia, l'Ucraina confina con la Bielorussia, la Polonia, la Slovacchia, l'Ungheria, la Romania e la Moldavia. Che cosa

attende i nazionalisti ucraini a occidente? Ucraina. 22 gennaio. Come fa notare a Leopoli l'ex deputato della Rada (il

Parlamento ucraino) Rostislav Novoženez: Noi abbiamo perso molti territori tradizionalmente appartenuti all'Ucraina, che

sono passati alla Polonia e alla Bielorussia…abbiamo perso la Transnistria e la Bukovina del Sud, oggi territori della

Romania. Ma il leader dell'UNA-UNSO (Assemblea Nazionale Ucraina – Autodifesa Ucraina) Yuri Shuchevic aggiunge: Non abbiamo

ancora riunito tutte le terre etniche. Quando ciò avverrà, quando riuniremo tutte quelle terre, che ora non appartengono

all'Ucraina, allora sarà veramente unità, collegialità. Ma come riunire questi territori? Secondo l'opinione dei

nazionalisti, ciò può avvenire attraverso le vie diplomatiche. Ma in Europa, anche in tal modo, ciò non avverrà, per la

creazione di uno "stato etnicamente puro". Non lo permetteranno né le leggi, né i vicini. Quali sono i paesi vicini?
Polonia . Ufficialmente i polacchi che risiedono in Ucraina sono 144.000. Nel periodo 1944-1946 tra l'ex Unione Sovietica e

la Polonia avvenne uno scambio di popolazioni: i polacchi furono reinsediati in Polonia, mentre i russi, i belorussi, i

lituani e gli ucraini in Unione Sovietica. Il trasferimento forzato di quasi un milione di ucraini causò molte vittime, per

le quali la Polonia chiese scusa all'Ucraina. Dal canto suo, nella primavera-estate del 1943, l'Esercito Insurrezionale

Ucraino prese la decisione di espellere i polacchi dalla regione ucraina di Volyn, uccidendo più di 50.000 persone. Questo

avvenimento passò alla storia con nome di Massacro di Volyn. Secondo il censimento del 2001, il 71% dei polacchi in Ucraina

dichiararono l'ucraino loro lingua madre, mentre solo il 13% il polacco. Per questo motivo ufficiosamente in Polonia si

crede che i polacchi che risiedono in Ucraina siano circa mezzo milione. Diversi politici polacchi a questo proposito

discutono sull'ingiustizia storica che portò alla perdita delle regioni orientali del paese. Il paese a poco a poco mostra

realmente il proprio territorio: in Ucraina ricevettero la cosiddetta "Carta dei polacchi" più di 60.000 persone. Ungheria

. Nella costituzione ungherese è dichiarato: L'Ungheria, guidata dall'idea dell'unità della nazione, è responsabile dei

cittadini che vivono al di fuori del territorio nazionale. In Transcarpazia vivono più di 150.000 ungheresi. I nazionalisti

ungheresi chiedono ufficialmente l'autonomia territoriale e la creazione di un collegio elettorale nella regione della

Transcarpazia, in Ucraina. Ufficiosamente viene dichiarato che gli ungheresi dovrebbero appartenere tutti alla

Transcarpazia. Moldavia . La dichiarazione dell'ex capo del Servizio di Informazione della Moldavia Anatol Plugaru: La

Moldavia ha perso l'accesso al Mar Nero a sud, il territorio originario di Černivci a nord, il territorio sulla riva

sinistra del fiume Nistro, con le città di Balta, Chotyn, Izmail, Chilia, Akkerman (ora Bilhorod-Dnistrovs'kyj) con una

popolazione di 200.000 persone. In totale all'Ucraina sono stati consegnati 96 insediamenti di oltre 10.000 chilometri

quadrati di terra moldava con metà della popolazione. Romania . I rumeni in Ucraina sono più di 150.000. Nel 1940 il

territorio della Bucovina settentrionale e della Bessarabia meridionale, che appartenevano alla Romania, vennero annessi

all'Ucraina. Ora questo territorio fa parte della regione di Černivci e della parte meridionale della regione di Odessa.

Nel 1991, il parlamento rumeno ha invitato i governi a riconoscere l'indipendenza dell'Ucraina, ma senza che tale

riconoscimento riguardasse anche il territorio rumeno. Più tardi la Romania ha riconosciuto l'indipendenza dell'Ucraina. La

legge sul rimpatrio ha dato l'opportunità di ottenere un passaporto rumeno a coloro che risiedevano nei territori che non

appartenevano più alla Romania. Più di 100.000 abitanti dell'Ucraina hanno ricevuto il passaporto rumeno. Un leader della

"Grande Romania (Partidul România Mare — PRM)", Korneliu Vadim Tudor, nel 2010 ha dichiarato: Firmando con l'Ucraina

l'accordo sui confini, la Romania tiene a mente che la stessa Ucraina non è un progetto definitivo e ciò significa che

tutto è possibile. In tal modo, la strada verso l'Europa dei nazionalisti ucraini non solo attende l'unificazione di tutte

le terre native. I loro vicini sono attivi ed hanno un programma di minima nel caso di riavvicinamento con l'Europa, per

creare in Ucraina autonomie nazionali. E secondo le leggi dell'Unione Europea non solo ciò è fattibile, ma anche

completamente legale. Soprattutto perché, secondo lo stesso ex deputato Novoženez, i cittadini ucraini reali in Ucraina

sono solo il 58%.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2014_03_24/Ucraina-Fronte-Occidentale-7486/

king Saudi ARABIA -- veramente, io sono sempre tranquillo, perché, io non mi sento mai il nemico di qualcuno.. certo, io

sono nemico dei criminali come te, ma, poi, non c'è, non esiste, un popolo di criminali.. perché, questi figli di satana,

di: MASSONI, SALAFITI, COMUNISTI FARISEI, sono trasversali in tutte le Nazioni.. io sono UNIUS REI, e loro sono la Sinagoga

di satana!

open letter to all demons, to all lost souls of Hell ] come può l'amore di Dio, che è infinito dimenticarsi delle sue

creature? ok! tutti dovevano passare, attraverso, la prova della fedeltà, ed uomini e angeli hanno fallito questa prova!

ok.. e allora, che, può essere stato, il vantaggio, che, hanno avuto, gli Angeli che, sono rimasti fedeli, per essere

rimasti fedeli? cosa loro hanno guadagnato? lol. è chiaro, nel giorno del giudizio universale, loro saranno premiati con la

NATURA DIVINA, anche loro! ma, se voi volete ritornare nella vostra dignità, voi potete mettervi al mio servizio.. e per

come avete fatto il male, così, per me, potete iniziare a fare il bene! satana è un perdente, venite a me!

come chi sarà il suo protagonista? sarà quel vigliacco di Bush 322 Kerry, CIA, sono loro che hanno fatto i cecchini per

uccidere, popolo in protesta e polizia, così satana Rothschild, Herman Achille Van Rompuy, Merkel: hanno potuto avere il

loro GOLPE Bildenberg! ] [ 28 marzo 2014, I nuovi nazionalisti e l'eterna Kiev di Bulgakov. La situazione ucraina per

diversi mesi è diventata un pensiero inquietante sia per ucraini che per russi. I due Paesi condividono non solo la storia

comune, ma anche la letteratura: Gogol, Olesha, Bulgakov sono scrittori di lingua russa con radici ucraine. A febbraio

abbiamo visto come su piazza Maidan sono state sventolate nuovamente le pagine del romanzo "La Guardia Bianca" di Mikhail

Bulgakov. Per ironia della storia dopo quasi cento anni la maestosa Città rivive nel caos, nella discordia e nella

sommossa. Pensando di entrare in Europa, Kiev si è trovata di nuovo governata dai nazionalisti. Gli avvenimenti storici,

descritti nel libro, si riferiscono alla fine del 1918. I protagonisti del romanzo, la famiglia Turbin, sono coinvolti in

un vortice di eventi ed entrano tra le file della Guardia Bianca. E' già stato firmato l'armistizio di Compiegne e i

tedeschi che occupavano prima l'Ucraina, lasciano la Città. Al loro posto arriva l'atamano Petljura: le folle dei militanti

nazionalisti spadroneggiano nella Città, distruggendo l'armonia e l'ordine costituito. I cittadini accettano il nuovo

potere nazionalista nella persona di Petljura e sono ostili alla Guardia Bianca, che non serve né agli ucraini, né ai

rossi. Il mondo abituato al vecchio equilibrio sta crollando sotto l'influenza delle forze sociali e non sarà ristabilito

mai più, sottolinea lo scrittore. Oggi nel XXI secolo la Capitale dell'Ucraina ha distrutto per sempre la sua esistenza

precedente, la vita prima dello scoppio della violenza su Maidan, dei cecchini sui tetti e del sequestro degli edifici

governativi, prima della scissione del Paese in due fazioni e del presentimento della guerra civile. E, cosa ancor

peggiore, ha accettato i nazionalisti. Il Petliurismo secondo Bulgakov è una calamità, implacabile e spietata. "Che cosa

combinavano le truppe di Petljura a Kiev in questo ultimo mese del loro soggiorno, è del tutto inconcepibile. I pogrom

scoppiavano di minuto in minuto, ogni giorno qualcuno veniva ucciso, preferendo gli ebrei, naturalmente".
Un secolo dopo la Storia completa la scrittura, quello che Bulgakov probabilmente ha scelto di lasciare fuori le pagine del

suo romanzo. Kiev distrutta, il fallimento dell'economia, le nuove autorità nazionaliste di mentalità. Il nuovo governo

destina i territori dei campi estivi per ragazzi per addestrare nazionalisti "da combattimento", per niente innocui. In

cosa è pericoloso il petljurismo e le altre manifestazioni di intransigenza, lo sanno tutti benissimo. Tuttavia la storia

ci insegna che pochi sanno come imparare dai propri errori, la maggior parte preferisce leccarsi i propri bernoccoli.
Sotto l'accompagnamento del fragore degli spari e del fumo puzzolente degli pneumatici bruciati è apparsa la "nuova"

Ucraina con sfumature nazionaliste. Sulla tracce ancora fresche gli scrittori già scrivono romanzi e drammi sulla "guardia"

di Maidan. Chi sarà il suo protagonista?
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2014_03_28/I-nuovi-nazionalisti-e-leterna-Kiev-di-Bulgakov-5697/

Attacchi sanguinosi in Iraq. BAGHDAD. [ ma, come demonio Obama, come califfato nazi ONU non viene condanna la Sharia, per

sputare, contro, tutti i diritti umani universali.. come questo mondo, è potuto cadere nelle mani dei satanisti farisei

massoni bildenberg Troika? ] . Mentre si avvicinano le elezioni del 30 aprile, l'Iraq è quotidianamente segnato da episodi

di violenza. Due bombe, posizionate lungo la strada, hanno ucciso ieri almeno 11 persone a Amriyah (Baghdad occidentale) e

Adhamiyah (a nord della capitale). I feriti sono almeno trenta. Lo si apprende da fonti sanitarie e della sicurezza. In

un'altra azione di miliziani armati, quattro agenti della polizia femminile sono state uccise e 11 ferite nell'assalto al

pullman su cui viaggiavano vicino alla città di Samarra, circa 120 chilometri a nord di Baghdad. A Tikrit, cinquanta

chilometri a nord di Samarra, un agente di polizia e sua moglie sono stati uccisi da una bomba. Nella cittadina di Siniya

invece, a nord-ovest di Tikrit, miliziani armati hanno fatto saltare in aria con cariche esplosive l'edificio dove ha sede

il consiglio municipale.

In Bolivia progressi e ritardi sul riconoscimento dei diritti. La lunga marcia degli indios. LA PAZ, 28. Sempre più, in

Bolivia e in Sud America, lo Stato e le aziende riconoscono i diritti dei popoli indigeni e sanno che sono obbligati a

consultarli per poter realizzare, progetti nei loro territori, ma nella pratica la strada è ancora lunga: questo il

messaggio lanciato ieri dal relatore speciale dell'Onu per i popoli indigeni, James Anaya, intervenendo all'Università

Andina Simón Bolívar a La Paz. «Quello che vediamo è un riconoscimento progressivo sul rispetto dei diritti umani, ma

abbiamo ancora molto da fare. Nel mio lavoro come relatore, più che vedere successi in questo senso, ho visto fallimenti»

ha detto Anaya, interpellato sul diritto alla consultazione previa degli indios, previsto dalla Convenzione 169

dell'Organizzazione internazionale del lavoro e dalla Dichiarazione dell'Onu sui diritti dei popoli indigeni. Il relatore

Anaya ha quindi raccomandato di «smettere di parlare in astratto per avanzare nella soluzione di casi puntuali

23 marzo, [cosa? nazi UE bildenberg, ha oscurato le TV Russe, giusto perché, le votazioni possano essere democratiche,

senza libertà di parola, e senza contraddittorio! ] Bielorussia, per Lukashenko Kiev è responsabile della perdita della

Crimea. Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ritiene che i politici ucraini, che hanno preso il potere a

seguito dei disordini nel Paese, hanno creato le condizioni per la decisione dei cittadini della Crimea di far parte della

Russia. "Le autorità ucraine hanno commesso molti errori,". ha detto Lukashenko. Il più grande errore, a suo parere, è

stata la pressione del nuovo governo ucraino sulla comunità russofona. "Per quale motivo chi è salito al potere ha vietato

la lingua russa e si è accanito contro la comunità russofona?", - ha detto il presidente bielorusso:

http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_23/Bielorussia-per-Lukashenko-Kiev-e-responsabile-della-perdita-della-Crimea-5553/

TG 24 Siria, circa un'ora fa, #Libano,esplosione terroristica contro postazione dell'esercito libanese nei pressi di Arsal

su confine della #Siria, 2 soldati martirizzati
#‎Siria‬, Residenti di Liwa Iskenderun bloccano le strade alle ambulanze che trasportano i terroristi feriti da ‪#‎Kasab‬. 29

marzo 2014 ‪#‎Antakya‬, (‪#‎SANA‬), I residenti della zona di Harbiyat nell'usurpato Liwa Iskenderun hanno bloccato i percorsi

delle ambulanze che trasportano terroristi feriti dall'area Kasab nella campagna del nord di Lattakia.
Il corrispondente di SANA ad Antakya ha detto che gli abitanti di Sweidiye hanno protestato la politica ostile di Erdogan

contro Siria, esprimendo sostegno al popolo siriano e la leadership nella loro lotta al terrorismo sostenuto dalla Turchia,

paesi del golfo arabo e l'America. I partecipanti hanno portato immagini del Presidente Bashar al-Assad e striscioni che

salutano la leadership siriana e affermando che il popolo turco e siriano sono fratelli. In zona Harbiyat, i residenti

hanno organizzato sit-in e proteste a sosteno della Siria e hanno denunciato gli aggressioni intrapresi su di essa dal

governo di Erdogan, denunciando l'addestramento dei terroristi dall'intelligence turca all'interno della Turchia e

l'agevolazioni di intrufolarsi in Siria. Le ambulanze turche non hanno smesso di soccorre i terroristi che sono stati

feriti, presso gli ospedali turchi, durante la battaglia Anfal con l'esercito siriano nella zona di frontiera di Kasab.

un Paese membro della NATO ha pianificato una guerra false flag con la Siria! e cosa c'è di strano? la NATO è un terrorista

traditore Bildenberg, massone fariseo satanista, complottista strumento Spa FMI Troika, contro, i popoli europei, per la

politica di Rothschild!  ] [#Russia: Risoluzione del Consiglio per i diritti umani dell'ONU, nazi sharia, sulla #Siria è

asimmetrica e contraddice il principio dell'indipendenza della commissione. Scatenare una guerra false flag con la #Siria,

in italiano il testo della della registrazione che Erdogan voleva censurare * Zero Hedge,28 Marzo 2014
Aggiornamento: * Davutoglu, Ministro Affari Esteri della Turchia, dichiara che la fuga di notizie è un DICHIARAZIONE DI

GUERRA (ma da parte di chi dovrebbe arrivare questa provocazione??...) Il Primo Ministro turco Erdogan aveva bloccato

all'intera nazione l'accesso a Twitter in vista di ciò che si diceva potesse essere una «spettacolare» fuga di notizie

prima delle elezioni di questo fine settimana. Poi, poche ore fa, durante il fuggi fuggi di notizie, avrebbe bloccato

l'accesso a YouTube, nonostante la sentenza del Tribunale della Nazione che ha deliberato che tali censure sono illegali.

Tuttavia abbiamo la clip «censurata» ed è chiaro il perché la si voleva bloccare. Come spiega l'approssimativa traduzione,

si presume sia una conversazione tra i principali leader militari e politici turchi che parlano di quello che sembra essere

un attacco «false flag» per dare il via alla guerra con la Siria. Tra gli stralci più schiaccianti della conversazione:
Ahmet Davutolu: «Il Primo Ministro ha detto che nell'attuale congiuntura, questo attacco (su Tomb of Suleyman Shah)

dev'essere visto per noi come un'opportunità».
Hakan Fidan: «Manderò 4 uomini dalla Siria, se è quello che ci vuole. Causerò una guerra ordinando un attacco missilistico

contro la Turchia, possiamo anche preparare un attacco contro Tomb of Suleyman Shah, se necessario».
Feridun Sinirliolu: «La nostra sicurezza nazionale è diventata una banale e a buon mercato politica interna». Ya ar Güler:

«È una causa diretta della guerra. Voglio dire, quello che abbiamo intenzione di fare è una causa diretta di guerra»....
Feridun Sinirolu: «Ci sono alcuni seri cambiamenti nella geopolitica mondiale e regionale. Ora può diffondersi in altri

luoghi. L'hai detto tu stesso oggi, e gli altri erano d'accordo… Siamo indirizzati ad un gioco diverso ora. Dovremmo essere

in grado di capirlo. Quel ISIL e tutto il resto, tutte quelle organizzazioni, sono estremamente aperte alla manipolazione.

Avere una regione costituita da organizzazioni di simile natura costituirà un rischio per la nostra sicurezza. E quando

andammo nell'Iraq settentrionale, c'era sempre il rischio che il PKK facesse saltare in aria tutto. Se consideriamo

attentamente i rischi e le conseguenze... come il Generale ha appena detto ...».
Yaar Güler: «Signore, quando eravate dentro un attimo fa, stavamo proprio discutendo di questo. Apertamente. Voglio dire,

le forze armate sono uno strumento necessario per voi in ogni occasione». Ahmet Davutolu: «Certo. In vostra assenza, io

dico sempre al Primo Ministro la stessa cosa in gergo accademico, non si può rimanere in quelle terre senza hard power.

Senza, non ci può essere neanche un soft power». Per riassumere: una registrazione a conferma che un Paese membro della

NATO ha pianificato una guerra false flag con la Siria (dove lo abbiamo visto accadere prima…?) e tutto quello che il Primo

Ministro ha da dire è che la fuoriuscita della notizia era «immorale».
Erdogan non è difatti contento poverino:
Il Primo Ministro Tayyip Erdogan ha descritto la fuoriuscita su YouTube di una registrazione di alti funzionari della

sicurezza che parlano di possibili operazioni militari in Siria come antagonista e il Governo ha bloccato l'accesso al sito

di video-sharing. «Hanno anche fatto trapelare una riunione di sicurezza nazionale. Questo è male, questa è disonestà ...

Chi stai servendo se fai audio-sorveglianza di un incontro così importante?», ha dichiarato Erdogan ad un raduno in

occasione di 30 sondaggi locali che saranno un test chiave per le elezioni in mezzo agli scandali per corruzione.
Traduzione a cura dello staff EFFEDIEFFE
http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_jcs&view=jcs&layout=form&Itemid=100018&aid=286156

#Siria, Eliminato in sobborgo nord #Lattakia, l'ex-detenuto di Guantanamo, il takfirista Abu Osama Al-Maghrebi

(Marocchino), il quale è stato liberato dagli #USA con altri suoi simili per combattere in Siria, ed uccidere il popolo

siriano.
الصفحة الأخيرة
آخر مساهمات المسلمين في الحضارة العلمية : " القاعدة " تفخخ مؤخرات الرجال وأثداء النساء !؟
حرج السعوديين من أسماء زوجاتهم ينتقل الى العالم الافتراضي
http://www.syriatruth.org/
للرجال : مارسوا الجنس ... تصحوا!؟
ملحق الاقتصاد والبيئة والفساد
آخر فضائح نظام الطاغية المجرم: رفع الحجز على "أموال" عصام الزعيم بعد وفاته بخمس سنوات
توقيع اتفاقية روسية ـ سورية للتنقيب عن النفط والغاز في الساحل السوري، ومعلومات "الحقيقة" تؤكد أن الحفر بدأ قبل توقيع الاتفاقية
في سابقة هي الأولى من نوعها : "البنك الدولي" مضبوطا بجرم تزوير وثائق مغربية ، وجهات مغربية بدأت ملاحقته قضائيا
المرأة والمجتمع والصحة
منظمتا "اليونسيف" و"الصحة العالمية" تخططان لحملة تلقيح ضد شلل الأطفال في سوريا هي الأكبر من نوعها
أسبوعية"دير شبيغل" الألمانية: السوريون يبيعون أعضاءهم في لبنان من أجل تأمين لقمة العيش، و العرض أكثر من الطلب!؟
منظمة الصحة العالمية : إصابات شلل الأطفال في سوريا مصدرها باكستان، وقد حمل فيروساتها"جهاديون" قدموا إلى دير الزور
http://www.syriatruth.org/

ثقافا وفنون
الفرس "المجوس" الذين كانوا أول من رأى "نجمه في الشرق": كيف يعيش المسيحيون اليوم في إيران وكيف يعاملون!؟
حتى مجلة مجلة"فورن بوليسي" قرعت ناقوس الخطر بشأن آثار سوريا : التاريخ تجري سرقته في وضح النهار من قبل عصابات الثورة الوهابية
يحدث في دولة الإسلام الوهابي: الشرطة السعودية تنتشل مئات المصاحف من مجارير الصرف الصحي ومجارير الخراء
من تجربة فاشلة إلى أخرى أكثر فشلا وكاريكاتورية : وزارة إعلام السلطة تقرر إطلاق قناة فضائية باسم "عروبة"!؟
عيشة بنت الباشا ( قصيدة الشاعر سعدي يوسف عن علاقة محمد بعائشة)
قضايا أمنية وعسكرية
http://www.syriatruth.org/
صحف تركية تنشر وثائق رسمية عن التورط التركي في سوريا وتكذب ادعاءات أردوغان: 47 طنا من الأسلحة للمسلحين السوريين خلال بضعة أشهر
تحقيقات أجهزة الأمن اللبنانية تؤكد تورط ثلاثة من كوادر"حماس" في تفجير السفارة الإيرانية في بيروت وأعمال إرهابية أخرى
مجلة "فورن بوليسي" : السعودية تطلب 15 ألف صاروخ مضاد للدبابات من الولايات المتحدة من أجل إرسالها إلى المسلحين الوهابيين في سوريا

Syrian army liberated al-Husn town and Krak des Chevaliers | alikhbaria Syria tv
SyriaTruthNetworkENG·117 video
 Pubblicato in data 21/mar/2014
http://www.facebook.com/addounia.English | LIKE
Units of the Syrian Arab army on thursday, in cooperation with the national defense hoisted flag of the Syrian Arab

republic on al-Husn citadel (Krak des Chevaliers) and restored security and stability to al-Hosn town and its surroundings

where terrorist gangs have taken as a gathering for collecting weapons and terrorists who were infiltrating through

Lebanese borders.
http://www.twitter.com/addouniaEnglish | FOLLOW
http://www.youtube.com/user/addouniaE... | SUBSCRIBE
21+ Warning - Not for Shock - Contains Graphic Images - For Adults Only - Documentary purpose /watch?v=NqOA15L-uMI

#Siria, Dalla chiesa di San Georges a Bab Tuma, l'ultimo saluto al patriarca Zakka I Iwas, morto il 21 marzo all'età di 81

anni, Sua Santità Moran Mor Ignatius Zakka I Iwas, Patriarca d'Antiochia e di tutto l'Oriente, capo supremo della Chiesa

siro-ortodossa universale. http://youtu.be/I0hMlXbJIyM
BREVE ANALISI: LA RESISTENZA SIRIANA, MILITARE E POPOLARE, RIVELA IL VERO VOLTO DI USA-TURCHIA-QATAR-SAUDI E DELL'ENTITÁ

SIONISTA CHE LI MANOVRA. La Resistenza della Siria contro i suoi nemici durante la crisi in corso nel paese arabo ha

smascherato le trame Turco-Saudite e la vera natura della guerra contro la Siria. Prendiamo spunto da quanto dichiarato

tempo fa da Catherine Shakdam in un editoriale per PressTV: "Il coraggio della Siria di fronte al fuoco nemico, il suo

impegno per la sovranità nazionale e la tutela del suo popolo contro l'assalto del sionismo, hanno permesso al pubblico di

vedere attraverso ció l'inganno dell' Arabia Saudita, Turchia, Qatar e riconoscere la guerra contro la Siria per quello che

è veramente".
La Shakdam ha notato che a causa della resistenza del governo siriano il mondo ha capito che la crisi nel paese è

fondamentalmente "una invasione straniera nei confronti di un paese arabo da parte delle milizie terroristiche supportate

dai sionisti".
La Siria è stata stretta in una morsa mortale di violenza terroristica di enormi proporzioni sin dal 2011, con circa

140.000 persone uccise e milioni di sfollati a causa delle aggressioni da parte di bande mercenarie straniere. Secondo

rapporti, le potenze occidentali, in testa gli Ameri-cani, i veri sicari per conto sionista, ed i loro alleati regionali –

in particolare Qatar , Arabia Saudita e Turchia – stanno sostenendo i militanti terroristi che operano all'interno della

Siria. Le due tornate di colloqui internazionali sulla Siria a Ginevra sono state un tentativo deludente, quanto

anticipabile. "Mentre i funzionari siriani sono andati a Ginevra per difendere gli interessi del loro popolo per mettere

una fine efficace al terrorismo, allo spargimenti di sangue e alla sofferenza, la cosiddetta opposizione ed i loro

sostenitori occidentali hanno solo cercato di far precipitare la legittimità politica della Siria, fregandosene dello

spargimento di sangue e crimini commessi dalle bande armate mercenarie, dimostrando chiaramente di non avere alcuna

intenzione 'pacifica'", ha osservato Catherine Shakdam. La delegazione siriana dichiaró che la lotta al terrorismo deve

essere la priorità assoluta delle conferenze e incontri diplomatici, mentre la cosiddetta opposizione siriana appoggiata

dall'estero ha insistito sul fatto che la formazione di un governo di transizione deve avvenire attraverso preventive

dimissioni del presidente Bashar al- Assad. Questa non é diplomazia, ma ricatto a mano armata, non é amore per la propria

terra e popolo, ma solo accondiscendenza agli interessi esterni e al proprio tornaconto (tutti i dirigenti della cosí detta

"opposizione siriana" si sono arricchiti con miliardari conti in dollari all'estero, a cominciare dal mafioso

internazionale, trafficante in droga-armi-prostituzione, Ahmad al-Jarba, attuale presidente del CNS). Damasco ha respinto

con forza tali assurde richieste, affermando che solo il popolo siriano può decidere la questione: con quale autoritá un

pugno di prezzolati appoggiati da nazioni estere puó pretendere che un legittimo presidente e governo lascino la loro

carica? Solo sapendo di godere dell'appoggio del piú grande bugiardo e prepotente truffatore, in realtá un abile attore

hollywoodiano, che gli USA abbiano mai avuto come presidente, il vergognoso quanto arrogante Nobel Barak Obama. Ma a

dispetto di tutto e di tutti, delle trame e aggressioni da parte di USA, Israele Turchia, Qatar e Saudi, tramite i loro

dollari, armi, minacce, bombardamenti, mercenari jihadisti, la Siria é e resta un baluardo insormontabile e inaffondabile,

una vera pietra d'inciamo per tutti i mercenari e pazzi fanatici, animali posseduti da demoni, che in questa terra sono

venuti a trovare la morte. Possano lunga vita, forza e potenti protezioni divine sempre accompagnare l'onesto e vero

patriota presidente Bashar al-Assad, l'eroico e invincibile (nonostante i molti martiri caduti) Esercito Arabo Siriano,

tutto il compatto mosaico del Popolo Siriano, tutti i sinceri amici della Siria e dei Siriani, a cominciare dal presidente

Vladimir Putin, sino all'ultimo degli umili freelancers come noi, che instancabilmente e nonostante le mille difficoltá

continuano e continueranno, sino alla morte, a lottare e resistere al mostro mondialista sionista dalle mille teste, che

una dopo l'altra verranno tagliate, ed il cuore al fine trafitto.

TG 24 Siria 27 marzo · #Siria #Turchia, #Ankara | Media turchi hanno trafugato una registrazione audio tra il ministro

degli Esteri turco Ahmad Davutoglu e funzionari turchi sulla pianificazione di una aggressione militare contro la Siria, in

coordinamento con i servizi segreti turchi e gruppi terroristici armati in Siria. Questa registrazione comprende il

riconoscimento sulla spedizione di armi e di uomini armati in Siria, in coordinamento con gli agenti del Qatar, discute

aree specifiche come obiettivo in Siria, in particolare nella periferia di Aleppo, per iniziare una guerra contro di essa.

Si noti che il governo Erdogan ha innescato una guerra senza precedenti e ingiustificata contro la sovranità della

Repubblica araba siriana nella zona di frontiera di Kassab per coprire l'infiltrazione in Siria dei terroristi di al-Qaeda

dai territori turchi. Nella registrazione apparsa la voce del capo dell'intelligenza turco ordinando d'inviare 4 persone

presso la tomba di Suleyman Shah in città Raqqa con 8 missili (ovviamente per distruggerla) così il piano è fatto, e

diventa un pretesto che ci obbliga ad intervenire". Nell'audio registrazione apparsa anche la voce di David Oglu e

funzionari del governo Erdogan, e il vice comandante in capo dello stato maggiore, raccomandando di sostenere in

continuazione Kolar hakan e facilitare la sua missione nel fornire armi e munizioni all'opposizione. "siccome il Qatar è

alla ricerca di munizioni, lasciatelo pagare in anticipo e date loro armi e munizioni, noi all'ordine del ministro". I file

audio si trovano in due parti su questi link 1 - http://youtu.be/c-1GooSDwJ8
2- http://youtu.be/lm7eg0-IjlI

#Turchia Dopo #Twitter governo Erdogan blocca anche #Youtube. TG 24 Siria
27 marzo. ATTENZIONE: Registrazione audio condanna la Turchia per la pianificazione dell'aggressione contro la Siria, sotto

il pretesto di difendere la tomba di Suleiman Shah
= = = = = = = = = = = [ tutta la vera storia, delle false democrazie massoniche del signoraggio bancario rubato, dai

bildenberg, sotto egida ONU Sharia Califfato mondiale FMI Spa FED BCE. se questa NATO non è il satanismo.. poi, cosa è il

satanismo? ] Media turche diffondono registrazione vocale dell'incontro tenuto tra il ministro per gli affari esteri della

Turchia, il capo dell'intelligenza turca, il consigliere del ministro degli esteri e il vice capo dell'esercito, mentre

stavano progettando di attaccare il territorio siriano. Nella registrazione apparsa la voce del capo dell'intelligenza

turco ordinando d'inviare 4 persone presso la tomba di Suleyman Shah in città Raqqa con 8 missili (ovviamente per

distruggerla) così il piano è fatto, e diventa un pretesto che ci obbliga ad intervenire". Nell'audio registrazione apparsa

anche la voce di David Oglu e funzionari del governo Erdogan, e il vice presidente del comandante in capo dello stato

maggiore, raccomandando di sostenere in continuazione Kolar hakan e facilitare la sua missione nel fornire armi e munizioni

all'opposizione. "siccome il Qatar è alla ricerca di munizioni, lasciatelo pagare in anticipo e date loro armi e munizioni,

noi all'ordine del ministro".
I file audio si trovano in due parti su questi link
1 - http://youtu.be/c-1GooSDwJ8
2- http://youtu.be/lm7eg0-IjlI
http://www.hurriyetdailynews.com/key-security-meeting-leaked-govt-investigates.aspx?pageID=238&nID=64190&NewsCatID=338

27 marzo. #Siria, Lettera di ringraziamento dal presidente armeno al presidente Bashar Al-Assad, Il presidente armeno Serzh

Sargsyan ha incaricato la delegazione parlamentare armena, in visita a Damasco, di trasmettere una lettera di

ringraziamento al presidente Assad al governo e all'esercito arabo siriano per i loro sforzi nel proteggere i cittadini

della Siria contro il terrorismo. Nella lettere il Presidente dell'Armenia Serge Sarkisian ha espresso la sua ferma condanna agli attacchi terroristici, sostenuti dal governo turco di Erdogan contro la città di Kasab, in periferia nord di Lattakia, lungo il confine con la Turchia, sottolineando il pieno sostegno dell-Armenia popolo e governo allo stato siriano nel ripristinare la sicurezza e  la stabilita su tutto il territorio siriano. Turchia: proteste a Liwa Iskendrun contro politica aggressiva di Erdogan nei confronti della #Siria. Centinaia di cittadini turchi nella regione Liwa Iskendrun in provincia Harbiyat sono scesi in piazza il Martedì, 25/03/14,

per protestare il supporto di Recep Tayyip Erdogan ai gruppi takfiri siriani, essi hanno condannato l'aggressione lanciata

da gruppi terroristici contro il popolo siriano, con l'appoggio del governo Erdogan.

Jerusalem: Journalists Injured in Arab Riots. [ micidiale nazi country, of Arab LEAGUE, under egida ONU nazi sharia! ] Arab rioters mark 'Land Day' by clashing with Israeli police; journalists reportedly lightly injured as riots dispersed. By AFP and Arutz Sheva Staff. First Publish: 3/29/2014, Arab rioter arrested during Jerusalem "Land Day" riots. Israeli police used force on Saturday to break up a riot by Arab extremists in Jerusalem, injuring several people including two journalists, news photographers said. Several rioters and four journalists - among them a photographer from Agence France-Presse and another from Reuters - were slightly injured by projectiles fired by police during the incident, near the walled Old City's Damascus Gate. The AFP photographer, who was hit on the head, was treated in a local hospital and discharged. The demonstration, by a few dozen activists, was to mark the eve of what Palestinian Arabs refer to as "Land Day". It commemorates the day in 1976 when six Arab Israeli protesters were killed by Israeli security forces during mass riots against construction plans in the northern Galilee region. Arab groups in Judea, Samaria and Gaza, as well as the Galilee, hold yearly protests on the anniversary of the riots, often clashing violently with Israeli police. "The demonstrators began to throw stones at police on the scene," police spokeswoman Luba Samri told AFP, adding that officers responded with unspecified "riot dispersal means". She said six people were arrested for public disorder offences but said she had no report of any casualties. The Foreign Press Association, which represents the international news media in Israel, has repeatedly complained to Israeli authorities over a string of violent incidents involving security forces and journalists. But foreign journalists in Israel have often been criticized for recklessly embedding themselves among Arab rioters - essentially allowing themselves to be used as human shields and making it difficult for security forces to distinguish between them and the rioters. Journalists hiding behind Arab rioters (file):

La firma dell'uomo sul dono eucaristico. teologia Eucaristia, la unica strada per la divinizzazione. Con questa immagine suggestiva padre Raniero Cantalamessa ha proposto questa mattina, venerdì 28 marzo, una riflessione sul mistero eucaristico
in occasione della terza predica di quaresima. Il tema scelto per l'incontro di stamane, svoltosi come di consueto nella cappella Redemptoris Mater alla presenza del Papa, è stato l'insegnamento di sant'Ambrogio sulla fede nell'Eucaristia. Dopo aver riproposto diverse prospettive nelle analisi di alcuni padri della Chiesa, il cappuccino si è soffermato sulla migliore conoscenza della matrice ebraica dell'Eucaristia, grazie anche al «nuovo clima di dialogo con l'ebraismo». E «come non si capisce la Pasqua cristiana se non la si considera come il compimento di quello che la Pasqua ebraica preannunciava — ha sostenuto così non si capisce a fondo l'Eucaristia se non la si vede come il compimento di quello che gli ebrei facevano e dicevano nel corso del loro pasto rituale» Anzi «il nome stesso Eucaristia — ha spiegato — non è che la traduzione di Beraka , la preghiera di benedizione e ringraziamento fatta durante tale pasto». Un primo risultato importante di questa svolta è stato che «oggi nessun studioso serio avanza più l'ipotesi che l'Eucaristia cristiana si spieghi alla luce della cena in voga presso alcuni culti misterici dell'ellenismo, come si è tentato di fare per oltre un secolo». Ed è in questo contesto che il predicatore ha portato la riflessione proprio al coinvolgimento dei fedeli nell'azione eucaristica. Nell'Eucaristia, ha spiegato, avvengono «due miracoli: uno è quello che fa del pane e del vino il corpo e il sangue di Cristo, l'altro è quello che fa di noi "un sacrificio vivente a Dio gradito", che ci unisce al sacrificio di Cristo, come attori» e non solo come spettatori. «All'offertorio — ha specificato — abbiamo offerto pane e vino che per Dio non avevano, ovviamente, né valore né significato per se stessi. Ora, nella consacrazione, è Cristo che mette quel valore che io non posso mettere nella mia offerta». In questo momento pane e vino diventano corpo e sangue di Cristo, che si consegna alla morte per amore al Padre. «Ecco allora cosa è successo: il mio povero dono privo di valore — ha spiegato il cappuccino — è diventato il dono perfetto per il Padre. Gesù non dà solo stesso nel pane e nel vino, prende anche noi e ci cambia in se stesso, dà anche a noi il valore che ha il suo dono d'amore al Padre. In quel pane e quel vino ci siamo anche noi; "In ciò che offre, la Chiesa offre se stessa", scrive Agostino». E per rendere più efficace la sua interpretazione di ciò che accade nella celebrazione eucaristica, ha fatto ricorso a un «esempio umano ». E ha detto: «Pensiamo a una numerosa famiglia in cui c'è un figlio, il primogenito, che ammira e ama oltre misura il proprio padre. Per il suo compleanno vuole fargli un regalo prezioso. Prima però di presentarglielo chiede, in segreto, a tutti i suoi fratelli e sorelle di apporre la loro firma sul dono. Questo arriva dunque nelle mani del padre come segno dell'amore di tutti i suoi figli, indistintamente, anche se, in realtà, uno solo ha pagato il prezzo di esso. «È ciò che avviene — ha
proseguito — nel sacrificio eucaristico. Gesù ammira e ama sconfinatamente il Padre celeste. A lui vuol fare ogni giorno, fino alla fine del mondo, il dono più prezioso che si possa pensare, quello della sua stessa vita. Nella messa egli invita tutti i suoi "fratelli" ad apporre la loro firma sul dono, di modo che esso giunge a Dio Padre come il dono indistinto di tutti i suoi figli, anche se uno solo ha pagato il prezzo di tale dono. E che prezzo!» Il predicatore ha puntualizzato che «la nostra firma sono le poche gocce d'acqua che vengono mescolate al vino nel calice; la nostra firma, spiega Agostino, è soprattutto l'amen che i fedeli pronunciano al momento della comunione: "A ciò che siete rispondete: Amen e rispondendo lo sottoscrivete. Ti si dice infatti: Il corpo di Cristo, e tu rispondi: Amen. Sii membro del corpo di Cristo, perché sia veritiero il tuo Amen... Siate ciò che vedete e ricevete ciò che siete". Tutta l'ecclesiologia eucaristica di Agostino che abbiamo ricordato la volta scorsa trova qui il suo campo di applicazione. Se non si può dire che l'Eucaristia è la Chiesa (come arrivarono ad affermare alcuni suoi discepoli), si può e si deve dire che l'Eucaristia fa la Chiesa». «Sappiamo — ha detto ancora il predicatore — che chi ha firmato un impegno ha poi il dovere di onorare la propria firma. Questo vuol dire che, uscendo dalla messa, dobbiamo fare anche noi della nostra vita un dono d'amore al Padre e per i fratelli».

open letter to all demons, to all lost souls of Hell ] -- [ che cosa io vi dicevo? io ho sempre ragione! se lavorate per me, voi sarete riabilitati! ] --- Messa a Santa Marta. Ritorno a casa. «Se vuoi conoscere la tenerezza di un padre prova a rivolgerti a Dio: prova, poi mi racconti!». È il consiglio spirituale che Papa Francesco ha suggerito nella messa celebrata venerdì mattina, 28 marzo, nella cappella della Casa Santa Marta. Per quanti peccati possiamo aver commesso, ha affermato il Pontefice, Dio ci aspetta sempre ed è pronto ad accoglierci e a fare festa con noi e per noi. Perché è un Padre che non si stanca mai di perdonare e non guarda se alla fine il "bilancio" è negativo: Dio non sa fare altro che amare. Questo atteggiamento, ha spiegato il Papa, è ben descritto nella prima lettura della liturgia, tratta dal libro del profeta Osea (14, 2-10). È un testo che «ci parla della nostalgia che Dio, nostro Padre, ha di tutti noi che siamo andati lontano e ci siamo allontanati da lui». Eppure «con quanta tenerezza ci parla!». Scrive Osea: «Così dice il Signore: torna, Israele, al Signore». Sì, «torna a casa!». E il Pontefice ha voluto rimarcare proprio la tenerezza del Padre. «Forse quando sentiamo la parola che ci invita alla conversione, convertitevi! ci suona un po' forte perché ci dice di cambiare la vita, è vero». Ma dentro la parola conversione c'è proprio «questa nostalgia amorevole di Dio». È la parola appassionata di un «Padre che dice al figlio: torna, torna, è ora di tornare a casa!». «Soltanto con questa parola possiamo passare tante ore di preghiera » ha affermato il Pontefice, facendo notare come «Dio non si stanca» mai: lo vediamo in «tanti secoli» e «con tante apostasie del popolo». Eppure «lui torna sempre, perché il nostro Dio è un Dio che aspetta». E così anche «Adamo è uscito dal paradiso con una pena e anche una promessa. E il Signore è fedele alla sua promessa perché non può rinnegare se stesso: è fedele!». Ecco, dunque, che «Dio ha aspettato tutti noi, lungo la storia». Infatti «è un Dio che ci aspetta sempre». E, in proposito, il Papa ha invitato a contemplare «quella bella icona del padre e del figliol prodigo». Il Vangelo di Luca (15,11-32) «ci dice che il Padre vede il figlio da lontano perché l'aspettava e andava sulla terrazza tutti i giorni a guardare se il figlio tornava». Il padre, dunque, aspettava il ritorno del figlio e così «quando lo vede arrivare, è andato di fretta e gli si è gettato al collo». Il figlio, sulla strada del ritorno, aveva persino preparato le parole da dire per ripresentarsi a casa: «Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te, non sono più degno di essere chiamato tuo figlio». Ma «il padre non lo lasciò parlare» e «con l'abbraccio gli tappò la bocca». La parabola di Gesù ci fa capire chi «è nostro padre: il Dio che ci aspetta sempre». Qualcuno potrebbe dire: «Ma, padre, io ho tanti peccati non so se lui sarà contento! ». La risposta del Papa è: «Provaci! Se tu vuoi conoscere la tenerezza di questo Padre, va da lui e prova! Poi mi racconti!». Perché «il Dio che ci aspetta è anche il Dio che perdona: il Dio della misericordia». E «non si stanca di perdonare; siamo noi che ci stanchiamo di chiedere il perdono. Ma lui non si stanca: settanta volte sette! Sempre! Avanti col perdono! ». Certo, ha proseguito il Papa, «dal punto di vista di un'azienda il bilancio è negativo, è vero! Lui perde sempre, perde nel bilancio delle cose. Ma vince nell'amore perché Lui — si può dire questo — è il primo che compie il comandamento dell'amore: lui ama, non sa fare altre cose!», come ricorda il passo evangelico della liturgia del giorno (Marco 12, 28-34). È un Dio che ci dice, come si legge nel libro di Osea: «Io ti guarirò perché la mia ira si è allontanata da te!» È così che parla Dio: «Io ti chiamo per guarirti!». Tanto che, ha spiegato il Pontefice, «i miracoli che Gesù faceva con tanti ammalati erano anche un segno del grande miracolo che ogni giorno il Signore fa con noi, quando abbiamo il coraggio di alzarci e andare da lui». Il Dio che aspetta e perdona è anche «il Dio che fa festa». Ma non organizzando un banchetto, come «quell'uomo ricco che aveva alla porta il povero Lazzaro. No, questa festa non gli piace!» ha affermato il Santo Padre. Invece Dio prepara «un altro banchetto, come il padre del figliol prodigo». Nel testo di Osea, ha spiegato, Dio ci dice che «pure tu fiorirai come il giglio». È la sua promessa: ti farà festa. Tanto che «si spanderanno i tuoi germogli, e avrai la bellezza dell'olivo e la fragranza del Libano». Papa Francesco ha concluso la sua meditazione ribadendo che «la vita di ogni persona, di ogni uomo, ogni donna che ha il coraggio di avvicinarsi al Signore, troverà la gioia della festa di Dio». Da qui l'auspicio finale: «Che questa parola ci aiuti a pensare a nostro Padre, il Padre che ci aspetta sempre, che ci perdona sempre e che fa festa quando noi torniamo!».

open letter to all demons, to all lost souls of Hell ] -- io so, che, tutto questo amore patetico, di JHWH, non dovrebbe essere, in colui, che, come me, lui è la legge del taglione: Unius REI.. ma, che ci volete fare? lol. non conoscete il proverbio che dice: " se, tu vai con lo zoppo (ie, JHWH che ama e perdona)" poi, anche tu impari a zoppicare! " lol. ... quell'diota di satana è così triste, cattivo ed incazzato.. non sono meglio io, che, io sono allegro?

king Saudi Arabia .-- tu hai visto? non sarà certo il satanista kerry, che, ha fallito in 50 anni, continuamente, a risolvere, questo problema palestinese... quindi, io sono Unius REI, anche per te, se, tu hai deciso di non morire più! ] [ Islamic Jihad Chief: 'Learn From the Jews How to Love Jerusalem'. Islamic Jihad leader quotes famous song 'Jerusalem the Golden', urges Muslims to take Jerusalem more seriously at Iran conference. By Tova Dvorin. First Publish: 3/17/2014, Legendary Israeli singer Naomi Shemer's "Jerusalem the Golden" is an iconic song for Israelis and Jews throughout the world. But the song has struck a chord with a whole different audience as well. IDF Radio announced Monday that Islamic Jihad's top commander, Dr. Ramadan Salah, presented at a religious conference at Tehran last week on the subject of Jerusalem. The goal: to encourage the Islamist world not only to fight for Jerusalem as a military target - but also as a symbol of Islamic "cultural heritage." "What does Jerusalem mean for us?" Salah reportedly asked at the conference. "Learn from the Jews, from the cursed entity [Israel]. They love Jerusalem - not only militarily, but also culturally." Salah then proceeded to translate Naomi Shemer's "Jerusalem of Gold" (Yerushalayim Shel Zahav), noting, "the entity plays this song on June 7, the day they captured Al-Aqsa and entered the Temple Mount [a reference to Jerusalem Day - ed.] [. . .] every Jerusalemite child, every Israeli soldier carries this song in his heart." Islamic Jihad is the group responsible for last week's barrage of rockets from Gaza on Israel, which numbered over 60 missiles but saw no injuries. The terror group called the attack "Operation Breaking the Silence" in Palestinian media, and garnered support at the expense of rival group Hamas for its "armed resistance against the Occupation." Shalah claimed Saturday night that the terror group is not interested in an "escalation," but would respond forcefully in the event Israel launched a ground offensive to defend itself. "If and when a war is forced upon us, we will fight, even though we are aware of our ability and our modest weapons," Shalah stated, in a live television broadcast. "But we are able to deter, to stand firm and to hurt the enemy."

Minister Says Talks with PA are Doomed – Temporarily [ ma, islamici sharia jihad hanno un ragionamento irrazionale, schizofrenico.. perché, i loro omicidi e crimini, il loro atteggiamento, senza reciprocità.. è per loro un diritto ONU Bildenberg Amnesty, la loro malvagità li rende santi! stermianre il genere umano è un loro diritto, quindi per loro è giusto costruire moschee in tutto il mondo, ma poi, nessuno può costruire una Chiesa, ecc.. da loro! ecco perché, io ho ordinato di demolire tutte le Moschee! ] Strategic Affairs Minister Yuval Steinitz says Abbas 'torpedoing' talks; tells of a 'long and friendly' conversation with Turkish president. By Hezki Ezra. First Publish: 3/29/2014, Minister of Intelligence, International Relations and Strategic Affairs, Yuval Steinitz, says that it depends on Palestinian Authority chief Mahmoud Abbas – aka Abu Mazen – whether or not the fourth and final tranche of the release of Palestinian Arab terrorists takes place. Steinitz pointed at statements by Abbas' senior negotiator, according to which he is only continuing with the negotiations because Israel is releasing terrorists prisoners, as a "goodwill gesture" toward the PA. "If Abu Mazen is hinting that after this tranche he intends to torpedo the negotiations, that is not possible from our point of view," Steintz told Channel 10. He added that it was agreed from the outset that the terrorists released would not include Israeli Arabs. "There was no commitment to release Israelis and it was said in an unmistakably clear way that these tranches do not include them," he added, and vowed to vote against any initiative to release Israeli citizens. Steinitz estimated that the talks with the PA are headed toward failure, but added that he believes this will only be a temporary state, following which the talks will be renewed. The estimate is in line with similar statements by the PA's Jibril Rajoub, who said the talks were stalled but would likely resume soon. An unnamed PA official claimed last week that Abbas' conditions for prolonging talks were additional prisoner releases by Israel and a complete building freeze in Jewish communities in Judea and Samaria. Regarding attempts at reconciliation with Turkey, Steinitz revealed that he spoke this week with Turkish president Abdullah Gül, at a nuclear summit in Holland. "It so happened that we spoke," he said. "The conversation started by chance and it was long and friendly, out of a hope that relations with Turkey will return to be as they once were. We have heaps of common interests and we are making many efforts. I hope it will work out soon," he summed up.

[ ebrei sono sempre stati legati alla Casa di Davide, non è la democrazia nel loro DNA!! ma, Rothschild non è della Casa di Davide, lui è della casa di satana! ] se dobbiamo parlare di strategia? la minaccia in futuro non viene dall'Iran, ma, viene dalla ARABIA SAUDITA, infatti non è l'Iran che ha la Galassia Jihhadista, non è l'Iran che ha il Califfato mondiale! ] IO STO DETTANDO, LA POLITICA CHE, ISRAELE DEVE TENERE, IO SONO RE IN ISRAELE GIA DA MOLTO TEMPO,  tutto questo si può dimostrare chiaramente, guardando i miei articoli! [ Syria Says Israel and Turkey Collaborating to Support Rebels. Syria's ambassador to the UN accuses the governments of Turkey and Israel of working together to support the rebels. By Elad Benari, Canada. First Publish: 3/29/2014, Syria's ambassador to the United Nations, Bashar Al-Ja'afari, on Friday accused the governments of Turkey and Israel of a "public alliance of supporting terrorism" in his country, the Turkish Cihan news agency reports. "Terrorists" is the word that the Syrian regime uses to describe the rebels fighting to oust Syrian President Bashar Al-Assad. [ at 90%, really are terrorists sharia jihad nazi! they salafis? not love Israel! ] Speaking to reporters outside of the Security Council headquarters, Ja'afari claimed that both countries were supporting the same terrorists, "one in the north and one in the south." "It is an orchestrated joint military operations conducted by both - the Turkish government and the Israeli government - as well as the terrorist groups operating both in the north, in our border with Turkey, as well as in the south, next to the separation line," he claimed, according to Cihan. Ja'afari claimed that "the Turkish government has facilitated the intrusion of Al-Nusra Front fighters, which is a terrorist entity - as you know-  enlisted on the Security Council's list on entities posing terrorism. So, these terrorists came from within Turkish territory and they were accompanied by other terrorists belonging to what is called the Islamic Army or the Islam Army or the Army of Islam – whatever - I don't know how they call themselves, but all them are terrorists, well-known terrorist entities, who came inside Syria through our border with Turkey." "Once the Syrian Army tried to stop these terrorists, the Turkish Army intervened by shelling the area of Kasab, as well as the Syrian Army position," he charged. On Sunday, Syria accused the Turkish government of shooting down a Syrian jet fighter in their territory. Turkish officials said the plane had crossed over into Turkish airspace. Turkey is a vocal critic of Assad and has openly supported the rebels fighting his regime, but has always denied arming them. Turkish Prime Minister Recep Tayyip Erdogan has been especially vocal about ousting Assad, branding him "a terrorist who uses state terror". After a chemical weapons attack near Damascus in August, Erdogan called for military intervention in Syria that would topple Assad's regime. The heightened tensions between Turkey and Syria have led to several cross-border incidents, including the explosion of a Syrian mortar in Turkish territory, which killed five civilians. Ja'afari also said that armies of terrorists were infiltrating through Syria's border with Israel, underlining that supporting terrorists was a way of weakening the Syrian government and the Syrian army, according to Cihan. The accusations come several weeks after Assad's close adviser accused Israel of being involved in the ongoing fighting in the country. Bouthaina Shaaban, political and media adviser to the Syrian President, claimed that Israel was sending fighters to help the rebels fighting to oust Assad. Speaking to the Lebanese Al-Mayadeen network, which is affiliated with Hezbollah, Shaaban said that Damascus has information indicating that there were undercover agents among the wounded Syrians recently treated by Israel. She further claimed that Israeli officers are operating in Syria and monitoring the fighting in the war-torn country. Assad himself told an Argentinean newspaper a few months ago that Israel is assisting the rebels fighting to topple his regime. "Israel is directly supporting the terrorist groups in two ways," he claimed. "Firstly it gives them logistical support, and it also tells them what sites to attack and how to attack them." Syrian opposition, however, has claimed the exact opposite, that Israel was collaborating with Iran and Hezbollah to keep Assad in power. [ proprio questa è la verità! io ho ordinato ad Israele di aiutare la Siria, segretamente! ] (Arutz Sheva's North American Desk is keeping you updated until the start of Shabbat in New York. The time posted automatically on all Arutz Sheva articles, however, is Israeli time.)

[ in quanti modi il satanista Rothschild ha pugnalato Israele? per il suo talmud, ebrei non sono veri ebrei, ecco perché, isreliani sono stati regali a Hitler, come oggi sono stati regalati a King Saudi Arabia!  ] TikvaHope seeks to provide disadvantaged children and their parents with the tools to break out of the cycle of poverty to become independent and productive members of Israeli society. http://tikvahope.org/about-us/our-mission/
The TikvaHope Project's unique and comprehensive approach gives children the nourishment, learning and support they need to succeed, while their parents receive training and counseling to improve their financial stability and strengthen the family unit. Committed to securing a bright and hope-filled future for Israel's children at-risk, TikvaHope provides immediate relief for children today, while supplying them with the tools to build a better tomorrow. 1,754,700
people in Israel are living below the poverty line. 817,200, children, or 1 out of 3, are living below the poverty line 439,500 families are living below the poverty line 330,000 children in Israel are considered "at-risk"
By wire transfer: NATIONAL OFFICE. JP MORGAN CHASE BANK, N.A.4724 – 13th Avenue Brooklyn, NY 11219
For: TIKVAHOPE Account# 161566180. Swift Code CHASUS33 ABA - 021000021
By phone: Toll Free: 855.TIKVAH1 (855.845.8241) By mail: P.O. Box 199042 Brooklyn, NY 11219-0042

my JHWH -- non potevi scegliere un Unius REI, più intelligente? loro hanno imparato tutti l'italiano, ed io non ho imparato niente di inglese ancora!