porno pussy xxx RICCHI 666 RUBARE I POVERi

GLI USA NON VOGLIONO REALIZZARE LA GUERRA CONTRO LA LEGA ARABA E NEANCHE LA INVASIONE DI TERRA, CONTRO ISIS (lo hanno impedito alla Francia), PERCHé HANNO DECISO DI ROVINARCI, DI DISTRUGGERE DEFINITIVAMENTE TUTTI I POPOLI LIBERI ] Iran Threatens to Ignore Nuclear Deal; CLICK for Latest Israel News!
United with Israel  How Can Anyone Be Shocked? Pollard to be Released this Week after 30 Years!
Father and Son Murdered by Arab Terrorists Near Hebron  litmans
WATCH: An Insider’s View of Islamic Extremists  Megyn Kelly Speaks with CIA Morgem Storm Examining the Mind of an Islamic Extremist
Opinion: How Can Anyone Be Shocked by the Terror?  A woman is evacuated from the Bataclan theater after an Islamic terror attack in Paris. (AP/Jerome Delay)
ISIS terror in Paris  At Least 129 Killed, 350 Wounded in Multiple ISIS Terror Attacks in Paris
French Ambassador to Israel Addresses Tel Aviv Crowd Regarding Paris Terror Attacks  WATCH: French Ambassador Thanks Israelis for Support at Tel Aviv Rally
PM Netanyahu  PM Netanyahu Challenges PA Head Abbas to Condemn Terror Attacks Against Israelis
Jonathan Pollard  Jonathan Pollard to be Set Free After 30 Years
Natanz Iran  Iran Threatens to Ignore Nuclear Agreement with US-Led Global Powers
Foreign and Palestinian activists hold Palestinian flags as they march through an Israeli supermarket  WATCH: Don’t be Fooled by the Anti-Israel Boycott Movement
India Tibet Protest  There are 7.5 million Chinese Settlers in Tibet. Will the EU boycott Chinese products?
Prime Minister Netanyahu Updates Cabinet on Temple Mount Status and Recent News Developments  Netanyahu Under Arrest Warrant in Spain; Israel Calls it a ‘Provocation’
 www.unitedwithisrael.org info@unitedwithisrael.org USA: 1-888-ZION-613 Israel: +972-2-533-7841
KingxKingdom
ISLAM è IN DISCONTINUITà, sia, CONTRO ABRAMO che, CONTRO TUTTI I PROFETI DI ISRAELE è UNA APOSTASIA DEMONIACA: LA FECCIa della Dissimulazione e IPOCRISIA, MENZOGNE E TRADIMENTI! SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! nessun musulmano nel mondo condanna la sharia, perché sa che l'ISLAM dovrà fare il nostro genocidio: al momento opportuno! ] IDF Special Forces Capture Terrorist Who Murdered Father and Son on Friday. It has been cleared for publication that a joint security operation between the Shin Bet security forces and IDF Duvdevan counter-terrorism forces succeeded in capturing one of the terrorists behind in the murder of Rabbi Ya'akov Litman and his son Netanel on Friday. Security forces also seized what they believe to be the murder weapon, as well as the vehicle that was used in the shooting attack close to the town of Otniel. Under interrogation the terrorist implicated himself in the attack. The remaining details of the case are still the subject of a gagging order. Last night, father and son were buried amid scenes of immense grief at Jerusalem's Har Hamenuchot cemetery. Some details are already known about the attack, including how the terrorists - who first raked the family car with gunfire as they overtook it - then attempted to "confirm" their kill by firing repeatedly at the car after it ground to a halt. 18-year-old Netanel managed to alert emergency services to the attack before being fatally wounded, while his 16-year-old brother, who was shot in the leg, also called emergency services and even directed them to the scene. This morning, it was further revealed that one of the terrorists actually opened the back passenger door of the car after peppering it with bullets, and came face-to-face with the family's 12-year-old daughter Moriah, who shouted "No!" The terrorist did not open fire, and security forces are investigating if this was the result of his weapon jamming. Moriah's cousin, Rabbi Mordechai Antebi, recounted her terrifying ordeal to Reshet Bet radio. He added that Moriah immediately recognized the terrorist's picture when she was shown a lineup of five suspects by Shin Bet security personnel. Source: Arutz Sheva
KingxKingdom
‘Zionists Out of CUNY!’ Chanted at Student Protestors, Administration Looks Other Way Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Vicious implicitly antisemitic slogans were chanted at a protest at Hunter College in Manhattan on Thursday afternoon after organizers on Facebook called for participants to oppose the school’s “Zionist administration.” But despite footage of the rally circulating online, a spokesperson for Hunter initially denied the hateful nature of the demonstration. “Zionists out of CUNY! Zionists out of CUNY,” shouted protesters, who had ostensibly gathered to fight for free tuition and other benefits. “Intifada! Intifada! Long live the Intifada,” they chanted, as a group of Jewish students waved Israeli flags nearby. A Hunter College representative, who had not been made aware of the demonstration — or the blatantly antisemitic social media announcements — responded Thursday evening: “The rally just took place. There were less than 50 students and it was totally focused on tuition. There was no claim of antisemitism.”
The protest, part of the nation-wide Million Student March set for November 12, was advertised on Facebook by “NYC Students for Justice in Palestine” and other affiliate groups, using antisemitic slurs to attribute the financial plight of students in the City University of New York system to its “Zionist administration [that] invests in Israeli companies, companies that support the Israeli occupation, hosts birthright programs and study abroad programs in occupied Palestine, and reproduces settler-colonial ideology … through Zionist content of education… [aiming] to produce the next generation of professional Zionists.” StandWithUs Northeast Region Director Shahar Azani told The Algemeiner on Friday morning that the Hunter event “is another example of the hijacking of various social causes by the anti-Israel movement. It contaminates the atmosphere on campus; poisons relationships between different groups; and keeps people further apart, thus distancing any hope for change. No student should feel marginalized or threatened while attending school. It is up to us to instill those values to the younger generation and to stand up to those who refuse to adhere to them. If we are unable to do so at our schools, one wonders what the point is of school at all.” Source: The Algemeiner
KingxKingdom
ISIS Threatens to Strike Washington in New Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Islamic State warned in a new video on Monday that countries taking part in air strikes against Syria would suffer the same fate as France, and threatened to attack in Washington. The video, which appeared on a site used by Islamic State to post its messages, begins with news footage of the aftermath of Friday's Paris shootings in which at least 129 people were killed. The message to countries involved in what it called the "crusader campaign" was delivered by a man dressed in fatigues and a turban, and identified in subtitles as Al Ghareeb the Algerian. "We say to the states that take part in the crusader campaign that, by God, you will have a day, God willing, like France's and by God, as we struck France in the center of its abode in Paris, then we swear that we will strike America at its center in Washington," the man said. It was not immediately possible to verify the authenticity of the video, which purports to be the work of Islamic State fighters in the Iraqi province of Salahuddine, north of Baghdad. The French government has called the Paris attacks an act of war and said it would not end its air strikes against Islamic State in Syria and Iraq. French fighter jets launched their biggest raids in Syria to date on Sunday targeting the Islamic State's stronghold in the city of Raqqa. The operation was carried out in coordination with US forces. Police raided homes of suspected Islamist militants across France overnight following the Paris attacks. "Al Ghareeb the Algerian" also warned Europe in the video that more attacks were coming. "I say to the European countries that we are coming, coming with booby traps and explosives, coming with explosive belts and (gun) silencers and you will be unable to stop us because today we are much stronger than before," he said. Apparently referring to international talks to end the Syrian war, another man identified in the video as Al Karrar the Iraqi tells French President Francois Hollande "we have decided to negotiate with you in the trenches and not in the hotels."
KingxKingdom
SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] IDF soldiers come under fire during house demolition of terrorist. IDF troops shot and killed three Palestinian gunmen in the West Bank on Monday morning, after they came under fire while carrying out the demolition of a terrorist’s home in Kalandiya, the IDF spokesperson said. According to the IDF, after the gunfight, clashes broke out in the village, with rioters throwing rocks, firebombs, and using explosive devices against the soldiers, who escaped without injury. The soldiers from the combat engineering corps and special forces units were carrying out the demolition of the home of Muhammed Abu Shaheen, who the Shin Bet says was the trigger man in the murder of Israeli Danny Gonen in June. Gonen was killed near the settlement of Dolev after he was flagged down by a Palestinian man on the side of the road – believed to be Abu Shaheen - who fired at Gonen at point blank range with a 9mm handgun. Abu Shaheen was indicted in August along with six other Palestinians, who security forces say formed a cell that carried out a series of attacks, including the murders of Malachi Rosenfeld and Danny Gonen.
Abu Shaheen is also suspected of other failed attempts to murder Jews and to have fired on soldiers in Kalandiya on a number of occasions. The demolition on Monday follows the demolition by the IDF Engineering Corps on Saturday of the homes of four terrorists responsible for killing Israelis during the recent wave of terror attacks. They include the Kfar Silwad house of Maad Hamed, one of the men responsible for the shooting death of Malachi Rosenfeld, 27, of Kochav HaShahar, who was killed near Shvut Rachel in June. The three other houses belonged to members of the cell that murdered Naama and Eitam Henkin in a shooting attack in October on the road between Elon Moreh and Itamar in the West Bank. The demolitions were approved by the High Court of Justice on Thursday. The court also rejected the demolition of an additional terrorists’ house. On Sunday night, the Shin Bet announced that they had arrested the chief suspect in the murder of a Rabbi Ya’akov Litman, 40, and his son Netanel, 18, who were shot dead outside of Otniel in the West Bank on Friday, while en route to a pre-wedding celebration for one of the Litman daughters. In a statement on the arrest, the Shin Bet said that the alleged trigger man, Shadi Ahmed Matawa, a 28-year-old father of two from Hebron, was turned in by his father and brother. The Shin Bet said that the two men decided to turn him in because they feared that their house would be demolished and that cooperating with authorities could prevent the possible demolition.
KingxKingdom
MY HOLY JHWH PER ME è COME UNA MAMMA TIGRE CHE DICE: "IL MIO CUCCIOLO UNIUS REI RIUSCIRà A SBRANARE LA SUA PREDA NWO 666?" e questo deve da tutti essere compreso io sono l'aspetto politico della 12 Tribù di ISRAELE, l'unico regno politico di Dio che potrebbe comparire su questo pianeta! è fisiologico per me convertire con l'amore, e per gli ostinati distruggere con la violenza i ribelli!
ACTUNG ] [ 11/09; 13/11; il NWO 666 FMI: gufo JaBullOn: potrebbe scegliere come data simbolica: il 31/12, per compiere un prossimo clamoroso attentato islamico!
==========
oBAMA 666 SPA NWO XXX PORNO fed BCE SPA FMI: rothschildd bildenberg il gufo NWO, gela Hollande e dice: "no ad attacchi di terra contro ISIS!" ma, lui chi si crede di essere quel Sodoma Gender lobby culto satana?
=========
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ J'accuse di Putin: ISIS riceve finanziamenti da 40 Paesi, compresi membri del G20. Durante il vertice del G20 di Antalya, la Russia ha dato esempi di come persone fisiche di 40 Paesi, compresi membri del G20, riescano a finanziare ISIS. Lo ha dichiarato il presidente Vladimir Putin intervenendo nella fase finale del vertice internazionale. "Ho presentato esempi, relativi ai nostri dati, sul finanziamento da parte di persone fisiche a beneficio di ISIS. Come da noi stabilito, i fondi provengono da 40 Paesi, in particolare da alcuni membri del G20, — ha sottolineato il presidente russo. Secondo Putin, il tema della lotta contro il terrorismo è stato uno dei fondamentali al vertice del "G20". Allo stesso tempo è stato affrontato il tema dell'implementazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che è stata approvata su iniziativa della Russia, con lo scopo di impedire il finanziamento del terrorismo, nonché l'eliminazione del contrabbando di oggetti artistici, che i terroristi hanno preso dai musei dei territori occupati: http://it.sputniknews.com/mondo/20151116/1554044/Terrorismo-Russia-ONU-Sicurezza-Arte-Contrabbando.html#ixzz3rjWhA6Bx
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ in Italia ogni paese, ed ogni quartiere di Città ha la sua Mafia, a Bari si uccide, ormai, una persona ogni settimana! Renzi, “l’Italia ha vinto la mafia e può risolvere tutte le sfide” 19:07 16.11.2015URL abbreviato: 22654012 ] MATTEO RENZI è UNA TRUFFA TOTALE! è UN VIGLIACCO SENZA LE PALLE! il sistema massonico di: DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONE: violazione, alto, tradimento furto sovranità monetaria, ha bisogno di relativismo, pensiero unico massonico dominante, mafia, corruzione, lobby massoniche, ecc.. certo ci volle il fascismo per stanare gli usurai! e fu soltanto colpa di Hitler se il fascismo prese una piega antisionista! Il premier Matteo Renzi ha lasciato la sede del summit del G20 per rientrare in Italia dopo avere cancellato l'incontro bilaterale col presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, per problemi di agenda. Nella conferenza stampa ai margini del G20, il premier italiano ha sottolineato che "la sfida del terrorismo è molto grande, drammatica. I terroristi stanno colpendo i luoghi simbolo della nostra identità. Come si risponde? Non certo con un atto d'istinto, occorre essere molto determinati, duri, noi saremo totalmente pronti a esprimere questa determinazione e questa tenacia ma occorre anche avere l'intelligenza, la saggezza e l'equilibrio di parlare alla nostra gente e di dire che questa non è una questione che si risolve con uno schiocco delle dita. Chi ha in mente soluzioni semplicistiche non si rende conto di creare solo illusioni. Dunque occorre una strategia. Occorre dire che il terrorismo è in varie parti del mondo, occorre avere un approccio complessivo". Renzi ha rimarcato positivamente "il principio italiano di riportare la Russia al tavolo della discussione, il che sta finalmente portando qualche risultato. Questo — ha però avvertito — non vuol dire delegare alla Russia la risoluzione dei problemi ma riuscire tutti insieme ad avere una strategia seria. occorreranno mesi o forse anni per risolvere questo problema. E non crediamo nemmeno alle banalizzazioni di chi dice che arrivano troppi migranti. Nessuna sottovalutazione, massimi controlli: l'Italia è impegnata, abbiamo fatto quasi 60mila controlli". Nel finale il premier ha aggiunto che "l'Italia è un grande Paese, in condizione di risolvere tutte le sfide, anche quelle più drammatiche. L'Italia, secondo Renzi, ha vinto il terrorismo interno, la mafia, e perciò è in condizione di affrontare una sfida difficilissima. Ma la sfida più grande è vincere la paura": http://it.sputniknews.com/italia/20151116/1555192/Renzi-Italia-vinto-Mafia-G20.html#ixzz3rjXPJUKn
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ PERCHé HAMAS E OLP SONO TERRORISTI SHARIA LEGALI? Mo: Israele, Movimento islamico dichiarato 'illegale' E' la Frazione Nord dello sceicco Raed Salah. TEL AVIV - Il governo israeliano ha dichiarato ''illegale'' il Movimento islamico (Frazione Nord) dello sceicco Raed Salah. Le sue attivita' sono da ora vietate perche', secondo il ministro della Sicurezza interna Ghilad Erdan, ha ''fomentato violenze e atti di terrorismo''.  ] E PERCHé IN 66 ANNI ISRAELE (666 ROTHSCHILD SPA NWO ) NON è RIUSCITA A VINCERE IL TERRORISMO ISLAMICO ANCORA? [ Forza Israele https://www.facebook.com/forzaisraele/ affidare a Israele la direzione mondiale della lotta al terrorismo e tempo sei mesi la piaga scompare
Angelo Dureghello [ Trieste ] Si, finché, qui e' pieno di comunisti ipocriti che dicono che il pericolo non c'e', nessun provvedimento sara preso. Poi ci mitraglieranno come pecorelle indifese.
Bruno Bozner [ tra deci anni cominceranno a farlo anche in europa, ma temo sarà tardi
=======================
è indispensabile dichiarare guerra alla Turchia ed a tutta la LEGA ARABA!  (ANSA) - ROMA, 16 NOV - Era il febbraio dello scorso anno: l'Isis celebra gli attacchi a Parigi contro Cherlie Hebdo e il supermarket Kosher nel suo nuovo numero della rivista Dabiq, il magazine patinato in lingua inglese, fiore all'occhiello della propaganda di Abu Bakr al Baghdadi. "L'intelligence mi conosce bene, mi hanno anche arrestato diverse volte. Hanno cercato in tutti i modi di arrestarmi ma non ci sono riusciti: ed eccomi qua in Siria", dice tra l'latro Abaaoud.
==================
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ e questo è vero Kerry 322 Bush 666 Rthschild sono sacerdoti di satana molto civilizzati! ] IO CREDO CHE NOI DOVREMMO UCCIDERE LA LEGA ARABA, SENZA ODIARE LA SUA GENTE! QUELLO CHE MI FA PAURA è IL SENTIMENTO DI ODIO CHE SI VUOL FAR NASCERE TRAI I POPOLI A TUTTI I COSTI!  (ANSA) - PARIGI, 17 NOV - Il conflitto contro i militanti dello Stato islamico non è uno scontro di civiltà, "infatti, sono mostri psicopatici. Non hanno nulla di civile": lo ha detto ieri sera il segretario di Stato americano John Kerry all'ambasciata americana di Parigi.
KingxKingdom
nessuno è più volto del diavolo massone satanista GENDER di lui OBAMA il demonio! io gli ordino di auto distruggersi! Obama: "Non basta colpire Isis in Sira e Iraq" - Il presidente Usa Barack Obama: "L'Isis è il volto del diavolo, dobbiamo distruggerlo". [ è indispensabile dichiarare guerra a tutti questi paesi canaglia, protetti da OBAMA 666 GENDER IDEOLOGIA SODOMA! Putin: "Isis finanziato da membri G20" - Vladimir Putin ha dichiarato che i jihadisti dell'Isis sono finanziati da persone fisiche provenienti da 40 Paesi, tra cui anche membri del G20. Il presidente russo ha precisato di aver condiviso con i colleghi del summit ad Antalya i dati a disposizione della Russia sul finanziamento ai terroristi.
KingxKingdom
La Santa Sede baluardo contro lo scontro di civiltà ] mentre [ LA LEGA ARABA SHARIA è SATANA ] di Francesco Peloso Nell’ultimo quarto di secolo, da quando cioè la caduta del Muro di Berlino ha ridisegnato la carta geografica del mondo, la Santa Sede è stata di fatto l’unica istituzione globale che si è opposta con decisione e lucidità al cosiddetto scontro di civiltà;
KingxKingdom
un miracolo COME TANTI ] [ Un santo che girava in incognito in ospedale ravviva la fede di tre infermiere. "Quell'infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava... Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”Sei anni fa, il tre novembre, l’infermiera Margarita de los Ángeles Parra era di guardia nel reparto maternità dell’ospedale di ginecologia e ostetricia di Tlatelolco (Messico). Com’era abituale, Margarita doveva vegliare quella notte sul benessere delle future mamme e di quelle che avevano appena partorito. Visto che i minuti passavano e la sua collega di guardia non arrivava, ha iniziato a inquietarsi. In quel pomeriggio erano nati tredici bambini, e ogni madre aveva bisogno di cure diverse, e inoltre il ginecologo assegnato a quel settore doveva assistere ai parti. Margarita credette di essere praticamente sola, ma avrebbe ricevuto un aiuto straordinario, come ha dichiarato al settimanale Desde la Fe, anche se solo qualche ora dopo avrebbe capito chi fosse stato il suo peculiare collega di lavoro…
“All’improvviso”, ha raccontato, “è apparso un uomo magro e moro con il camice da infermiere. ‘In cosa posso aiutarti?’, mi ha chiesto. Sono rimasta sorpresa per la fiducia con la quale si era rivolto a me, visto che non ci conoscevamo. Non avevo finito di dargli istruzioni che già stava assistendo le donne e i neonati. Sempre sorridente, accarezzava i capelli delle pazienti. Anche se non lo avevo mai visto, mi è sembrato normale che fosse in servizio, perché in genere se una persona manca al lavoro chiede a un infermiere o a un medico di sostituirla”.
Margarita ricorda il sorriso particolare del suo collega e i suoi denti bianchi e brillanti che risaltavano sul volto dalla pelle più scura. La sorprendeva che dedicasse tanto tempo ad ascoltare tutto quello che gli dicevano le neomamme e a verificare l’evoluzione dei bebè. “Quell’infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava. Prendeva le mani delle pazienti tra le sue, e le donne che non avevano ancora partorito si tranquillizzavano molto quando si avvicinava. Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”, ha aggiunto.
Per il resto della notte altre due infermiere si sono unite al servizio. Le donne si sono preoccupate quando l’infermiere sconosciuto è sembrato all’improvviso un po’ pallido e sudato. A Margarita è anche sembrato che tremasse come se avesse la febbre, ma anche in quelle condizioni continuava ad assistere le donne e i bambini con grande affetto. “Insieme alle mie colleghe l’ho convinto a uscire dal padiglione e a riposarsi un po’. Lui ci ha sorriso, è uscito e non lo abbiamo più rivisto”.
Quando stava albeggiando, Margarita ha risposto alla chiamata di una signora che non si sentiva bene e sentiva di aver avuto un rialzo di temperatura. L’ha assistita e l’ha invitata a tranquillizzarsi, dicendole che tutto sarebbe andato bene. Per sua sorpresa, la donna le ha risposto: “Sì, sono tranquilla, perché San Martín de Porres è venuto a farmi visita e mi ha detto che starò bene”.
Abituata, dice l’infermiera, a che i pazienti negli ospedali riferiscano di vedere qualche familiare defunto, la Madonna o i santi, Margarita si è limitata a sorridere con benevolenza. “Ma la signora ha notato la mia incredulità e mi ha detto: ‘Le giuro che era qui, era vestito da infermiere!’”.
Anche se il raziocinio di Margarita resisteva a credere a ciò che le aveva detto la paziente, ha commentato l’accaduto con le sue due colleghe, che non hanno esitato a crederci: “Non si riferiva all’infermiere che è stato per un po’ con noi?”, ha chiesto una di loro, aggiungendo: “In effetti assomigliava molto a San Martín de Porres”.
“In quel momento mi è venuta la pelle d’oca. Ancora poco convinta, ho detto loro: ‘E che miracolo è venuto a fare qui?’ ‘Non lo so’, ha risposto la mia collega, mentre camminavamo tutte e tre verso una delle finestre. In quel momento un raggio di sole ci ha illuminate, lasciando intravedere una bellissima alba. Nella stanza, le pazienti erano molto contente, alcune già con i loro piccoli e altre che aspettavano i dolori del parto”.
“Quella notte San Martín de Porres forse è stato con noi o forse no, ma ciò che è certo è che avevamo lavorato insieme, gomito a gomito, ricordandoci che siamo diventate infermiere per assistere e servire i nostri simili nel dolore, alleviare la loro angoscia, aiutarli nel loro dolore… e questo è già un grande dono che Dio ci ha fatto quella notte!”
La storia di Martín inizia con la visita che fece alla città di Lima (Perù) un cavaliere spagnolo dell’Ordine di Alcántara, don Juan de Porres, che allora lavorava come diplomatico agli ordini del re Filippo II di Spagna. La sua permanenza in città, pur se breve, gli permise di conoscere e stringere i rapporti con una giovane immigrata afropanamense di nome Ana Velázquez. Da quel legame sarebbero nati due figli che il padre non riconobbe: Juana e suo fratello Martín, il 9 dicembre 1579.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/un-santo-che-girava-in-incognito-in-ospedale-ravviva-la-fede-di-tre-infermiere/
KingxKingdom
EPPURE C'è CHI è COSì SATANISTA FARISEI ROTHSCHILD OBAMA MAOMETTANO CHE CONTINUA A SFIDARE LA MISERICORDIA DIVINA! Pray for Burundi. Il Paese è a rischio caos e si profila un'emergenza umanitaria. La Chiesa burundese invita a pregare per la pace. Michael Hampton. Chiara Santomiero/Aleteia, 16 novembre 2015, Burundi's policemen and army forces face protestors during a demonstration against incumbent president Pierre Nkurunziza's bid for a 3rd term on 13 May 2015 in Bujumbura. In the neighborhood of Musaga, hundreds of people waved sticks and threw stones as police responded with tear gas, a water cannon and live rounds. Protestors looted the local police post in Musaga, burning furniture, mattresses and clothing in a barricade fire, an AFP photographer said. Burundi's presidency said an attempted coup by a top general had "failed" on May 13, 2015 and pro-president Burundi troops at state broadcaster fire warning shots over the heads of hundreds of protesters, an AFP reporter said. Burundian general Godefroid Niyombare on May 13 announced the overthrow of President Pierre Nkurunziza, following weeks of violent protests against the president's bid to stand for a third term. AFP PHOTO / JENNIFER HUXTA. “Di notte la polizia arriva nelle case a prendere le persone e il giorno dopo veniamo a sapere che sono morte. Troviamo cadaveri nelle strade. Ormai l’insicurezza è totale“. Lo racconta ad Aleteia una fonte della Chiesa della capitale del Burundi, Bujumbura, che chiede di rimanere anonima per motivi di sicurezza. E’ capitato anche a dei religiosi salesiani di essere prelevati, ma fortunatamente all’indomani sono stati rilasciati. “La paura attanaglia tutti – prosegue la fonte -: migliaia di persone si sono spostate in altre parti del paese, altre centinaia di migliaia hanno passato il confine verso il Ruanda, l’Uganda, la Repubblica democratica del Congo, la Tanzania e anche l’Europa”.
I fatti di Parigi hanno fatto scomparire dai media l’attenzione per il dramma del Burundi. Dallo scorso aprile nel Paese africano si sono intensificati gli scontri causati dalla candidatura prima e dalla rielezione poi del presidente Pierre Nkurunziza per un terzo mandato, in violazione della Costituzione e degli accordi di pace di Arusha che nel 2000 avevano sancito la fine della guerra civile e dato origine a un complicato sistema di condivisione del potere. Circa 200 persone sono state uccise dalle forze di sicurezza governative durante la repressione delle proteste e si calcola che più di 200 mila burundesi abbiano lasciato il Paese. Anche stamattina, come riferisce l’Agenzia Fides, si è combattuto in diversi quartieri della capitale Bujumbura.
Il 12 novembre il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato una risoluzione che dà 15 giorni di tempo al segretario generale Ban Ki-moon e al suo inviato in Burundi, Jamal Benomar, per esprimere un parere sulla possibilità dell’invio nel Paese africano di una forza militare e di polizia sotto l’egida dell’Onu. Per una decisione in tal senso, occorrerebbe, alla scadenza del termine, una nuova risoluzione o un’autorizzazione – difficile da immaginare – da parte del governo del contestato presidente Nkurunziza.
Un appello al dialogo e un invito alle parti ad incontrarsi per per far cessare le violenze e trovare una soluzione politica alla crisi era stato rivolto congiuntamente, sempre il 12 novembre, dal segretario generale aggiunto dell’Onu, Jan Eliasson, dal presidente della Commissione dell’Unione africana, Nkosazana Dlamini Zuma, e dall’alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell’Unione europea, Federica Mogherini.
“La Commissione per il dialogo interburundese esistente – spiega ad Aleteia la fonte da Bujumbura – non include tutti i gruppi politici e non è, quindi, efficace”. E’ invece necessario “il dialogo tra tutte le parti, anche coloro che hanno preso le armi, per il bene del Paese”.
La Chiesa burundese, che si è pronunciata contro la rielezione di Nkurunziza, aveva già chiesto, senza successo, di aprire il dialogo con l’opposizione in un comunicato pubblicato al termine dell’ Assemblea Plenaria dello scorso settembre. Nella stessa occasione aveva chiesto “il rispetto dello stato di diritto e la garanzia dei diritti delle persone” condannando “gli atti criminali che si registrano quotidianamente in particolare nella capitale Bujumbura, dove ogni notte si verificano omicidi, e dove diverse persone non dormono nel proprio domicilio per paure di essere rapite o uccise. In alcuni quartieri, denuncia il comunicato, gli abitanti sono consegnati in residenza sorvegliata e, non potendo uscire di casa per andare a lavorare o procurarsi da mangiare, rischiano di morire di fame“. “La povertà minaccia la popolazione– avevano scritto i vescovi- e questa accresce il dramma che stiamo vivendo, dal momento che alcuni membri della comunità internazionale sembrano aver sospeso i loro aiuti al Burundi” (Agenzia Fides 24 settembre 2015).
Papa Francesco, che a fine novembre visiterà il Kenya, l’Uganda e la Repubblica Centrafricana, il 17 maggio 2015 ha chiesto di pregare per “il caro popolo burundese” invitando tutti a “abbandonare la violenza e ad agire responsabilmente per il bene del Paese”. Dal 14 al 22 novembre la Chiesa cattolica burundese ha lanciato una novena di preghiera per la pace sia in Burundi che in alcuni altri Paesi dell’Africa centrale: la preghiera e la volontà di pace sono le “armi” che mette sul tavolo della riconciliazione nazionale. “La preghiera – conclude la fonte di Aleteia – ci dà la forza di sperare contro ogni speranza“.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/pray-for-burundi/?utm_campaign=NL_it&utm_source=topnews_newsletter&utm_medium=mail&utm_content=NL_it-Nov%2016,%202015%2007:23%20pm
KingxKingdom
COMUNISTI GENDER IDEOLOGIA DI MERDA: LA ROVINA DELLA NOSTRA CIVILTà! ] [  L’Italia dei paradossi: sì alla mostra con Cristo nell’urina a Lucca, no all’arte sacra a Firenze. Anche l'arte diventa fonte di discriminazione. Dall'esaltazione della blasfemia al "divieto d'accesso" per gli scolaretti. Paradossi in Toscana
http://it.aleteia.org/2015/11/14/piss-christ-mostra-blasfema-lucca-arte-sacra-firenze/
KingxKingdom
la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro
 delitti! ]]
http://www.byoblu.com/post/2015/11/12/i-documenti-uk-che-fanno-gelare-il-sangue-da-enrico-mattei-ad-aldo-moro.aspx
I documenti UK che fanno gelare il sangue: da Enrico Mattei ad Aldo MoroPaolo Becchi: Parigi  è un False FlagLe guerre USA? Pianificate. Tutte. 14 anni fa.http://www.byoblu.com/post/2015/11/05/le-guerre-usa-pianificate-tutte-14-anni-fa.aspx
Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell'ISIS. Chi è Rita KatzGenerale francese: L'ISIS CREATO DAGLI USAhttp://www.byoblu.com/post/2015/11/15/generale-francese-lisis-creato-dagli-usa.aspx
KingxKingdom
I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell’ISIS [[ la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro delitti! ]] Pubblicato 16 novembre 2015 - 19.30 - Da Claudio Messora, NUOVI DOCUMENTI USA - ECCO COME E' NATO L'ISIS.. UN PO’ DI STORIA, E’ il 2004 quando Abu Musab al-Zarqawi fonda al Qaeda in Iraq, nota con l’acronimo di AQI. Nel 2006 viene fatto fuori da un raid USA. Al suo posto arriva Abu Ayyub al-Masri, che annuncia subito la creazione dello Stato Islamico dell’Iraq (ISI). Dopo la sua uccisione, avvenuta nel 2010 in un’operazione congiunta USA-Iraq, capo dell’ISI diviene Abu Bakr al-Baghdadi, che l’anno successivo, nel 2013, dichiara di avere assorbito un gruppo di militanti, supportati da Al Qaeda, che operano in Syria, conosciuto con il nome di Jabhat al-Nusra, o anche Fronte al-Nusra. Il leader dell’ISI dichiara così la nascita dell’ISIL, lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (con il termine di “Levante” ci si riferisce storicamente a tutta l’area che si affaccia sul Mediterraneo dell’est), o anche come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS). Il Fronte al-Nusra, guidato da Abu Mohammad al-Julani, però nega. Dopo 8 mesi di TFfaide interne, il 3 febbraio 2014 al-Qaeda recide i legami con al-Baghdadi, ma un ramo del Fronte al-Nusra, che opera nella città siriana di Al-Bukamal, si unisce all’ISIL.
abu bakr al-baghdadiE’ interessante notare come al-Baghdadi sia stato prigioniero degli Stati Uniti in Iraq, nel Camp Bucca, dal 2005 al 2009. Qui lo vediamo in una foto diffusa dal Ministero degli Interni iracheno. “Non era tra i peggiori“, ha dichiarato il colonnello Ken King che lo ebbe in custodia. Conosceva le regole e non si metteva mai in pericolo. Gli Usa l’avrebbero consegnato infine alle autorità irachene, con una solida documentazione a corredo, ma in seguito sarebbe stato inspiegabilmente rilasciato. E avrebbe avviato il regime del terrore che tutti noi oggi conosciamo. Quantomeno curioso. Soprattutto in considerazione delle numerose, leggendarie foto che ritraggono il senatore McCain, nei suoi viaggi in Siria tesi a costituire una forza che si opponesse ad Assad, con un giovane che, se non è al-Bagdhadi, ci somiglia in maniera impressionante. McCain Al-Baghdadi raffronto paragone comparison
Insieme al presunto al-Baghdadi, ci sarebbe stato anche il temibile Khalid al-Hamad, soprannominato “il mangiatore di cuori” per via di questo video dove divora il cuore di un soldato pro-Assad.
Khalid al-Hamad McCain. Come che sia, il 29 giugno del 2014 l’ISIL proclama la nascita di un califfato mondiale. Al-Baghdadi si autonomina califfo e il gruppo cambia il suo nome in IS, semplicemente “Stato Islamico”, concetto che viene rifiutato da governi e leader musulmani in ogni parte del mondo.
Il NUOVO DOCUMENTO DESECRETATO USA. Un po’ di storia era necessaria per comprendere che nel 2012 esisteva solo lo Stato Islamico dell’Iraq (ISI), ma l’ISIL non esisteva ancora. Acquisisce quindi particolare significato il contenuto del documento desecretato quest’anno, grazie alle pressioni di Judicial Watch, e redatto il 12 agosto 2012 dalla DIA, la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti d’America. La DIA è la componente del Dipartimento della Difesa (Department of Defense, DoD) che fornisce ai decisori politici e militari, nonché al presidente USA in persona, un servizio di intelligence sia sui governi e sugli stati delle zone calde, che sui protagonisti in genere capaci di influire sul complesso degli equilibri geopolitici, pur non essendo Stati veri e propri. Non è un mistero per nessuno che gli Stati Uniti (e non solo loro) desiderino la caduta del regime politico di Assad in Siria, per acquisire il controllo di un’area altamente strategica come quella che consente ai paesi produttori di petrolio di avere uno sbocco nel Medirettaraneo. Se volete comprendere un po’ meglio la posta in gioco, guardatevi questo video, parlato in spagnolo ma sottitotolato in italiano. SIRIA: LA SPIEGAZIONE DI TUTTO (il video che dovete vedere per capire) E cosa scrive, nell’agosto 2012, la Defense Intelligence Agency? Scrive che i salafiti, i fratelli musulmani e AQI (al-Qaeda Iraq) sono le principali forze che guidano l’insurrezione in Siria, e inoltre che anche l’occidente, i paesi del golfo e la Turchia vogliono far cadere Assad, mentre la Russia, la Cina e l’Iran sono dalla parte del regime. Ecco il passaggio a cui fare riferimento:
Department of Defense - Isis 1. Nel documento, a pagina 3, si spiega che al-Qaeda Iraq conosce bene la Siria perché si è addestrata lì, prima di trasferirsi in Iraq. Si dice poi che l’AQI sostiene le forze che si oppongono ad Assad e che richiama i sunniti alla guerra contro la Siria, in quanto stato infedele.
Poi, nell’analisi sulle possibili conseguenze in Iraq, sostiene che “se la situazione dovesse andare in fumo, c’è la possibilità di creare un principato salafita, dichiarato o meno, nell’est della Siria, e questo è esattamente ciò che i poteri che sostengono l’opposizione vogliono, per isolare il regime siriano“. Si ipotizza quindi che “L’ISI potrebbe anche dichiarare uno Stato Islamico attraverso la sua unificazione con altre organizzazioni terroristiche in Iraq e in Siria”.
Department of Defense - Isis 2Sappiamo dunque che le forze di opposizione ad Assad avevano bisogno della nascita dell’ISIS per abbattere il regime siriano. E lo stesso vice-presidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden, lo ha sostenuto (“non siamo riusciti a convincere i nostri alleati nel medio oriente a smettere di sostenere gli estremisti in Siria“, guarda il video), mentre l’ex generale Nato Wesley Ckark ha dichiarato che “I nostri amici e alleati hanno fondato l’ISIS per distruggere gli Hezbollah“. Ora, sappiamo con certezza, che gli USA consideravano l’ISIS, fin da prima della sua comparsa, come un modo di isolare il governo siriano, ma sappiamo anche che i suoi alleati lo hanno creato e sostenuto, mentre al Fronte al-Nusra veniva consigliato un po’ di trucco per presentarsi come forza moderata e beneficiare del supporto degli Stati Uniti in termini di armi, che poi finivano però anche nelle mani dell’ISIS. E del resto non si può sapere quanti di quei 60 miliardi di dollari di armi che gli USA hanno venduto all’Arabia Saudita (cioè gli alleati del medio oriente che secondo il vice-presidente degli Stati Uniti d’America hanno finanziato l’ISIS) siano in realtà finiti nelle mani del califfato.
Quello che sappiamo è che l’occidente, per assicurarsi il dominio di un’area strategica del pianeta come quella che dalla Siria conduce all’Iraq e all’Iran, ha fondato, finanziato e supportato in tutti i modi la nascita di un movimento destabilizzatore, fortemente votato alla propaganda, il quale avrebbe poi trovato unico canale di diffusione mediatico quel Site (Search for International Terrorist Entities, il sito di monitoraggio USA degli jihadisti sul web) dove Rita Katz ancora oggi diffonde le rivendicazioni dell’ISIS come se avesse un’esclusiva commerciale e, quasi sempre, senza linkare le fonti (per saperne di più sul site, leggi “Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell’ISIS. Chi è Rita Katz“).
Ecco perché i commenti di chi oggi invoca crociate contro gli infedeli, presentando uno scenario a senso unico dove qui siamo tutti buoni e di là sono tutti cattivi, riporta verità parziali, molto spesso demagogicamente tese a orientare l’opinione pubblica in favore di un intervento armato che serve molti scopi diversi, tra i quali il ridimensionamento di una forza sfuggita al controllo occidentale non è che uno di essi, mentre il conseguimento dell’obiettivo militare di abbattere Assad e di quello strategico di controllare l’area del medio oriente rappresentano sicuramente obiettivi primari, anche in considerazione del fatto che l’ISIS conta più o meno 50mila uomini. E non è credibile, in nessun modo, che i più potenti eserciti della Terra possano avere una qualunque, anche remota possibilità di non averne ragione – se davvero lo volessero – in meno di 24 ore.
KingxKingdom
io sono troppo sensibile all'amore! CHIUNQUE MI AMA? IO LO AMERò troppo anche! ed io non chiedo a nessuno: "cosa tu hai fatto nel tuo passato?" perché, la misericordia ha occhi soltanto per il tuo futuro: io vivo per realizzare la tua felicità!
KingxKingdom
qualcuno tradisce il NWO per servire Unius REI: chiunque dei miei rabbini sia stato: lui vuole entrare nel mio regno delle 12 tribù di israele e della felicità fratellanza universale! ] [ Error 520 Ray ID: 246569da42ed3d9b • 2015-11-16 18:56:24 UTc Web server is returning an unknown error ] Claudio MessoraCondiviso pubblicamente  -  19:35 ECCO I DOCUMENTI DESECRETATI USA CHE RACCONTANO LA NASCITA DELL'ISIS Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento utile a rovesciare Assad. http://www.byoblu.com/post/2015/11/16/i-documenti-desecretati-usa-che-raccontano-la-nascita-dellisis.aspx I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell'ISIS - Byoblu.combyoblu.com Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento per rovesciare Assad.
KingxKingdom
[ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO
PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ ] il significato di
questo fenomeno demoniaco è troppo semplice, io ho lasciato sopravvivere
 gli alieni ed i sacerdoti di Satana soltanto perché, loro devono fare
il genocidio della LEGA ARABA!  allora "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH"
KingxKingdom
questa è per me una constatazione troppo vecchia: alieni controllano il
motore di intelligenza artificiale di google ] lorenzoJHWH si divertivano a tradurlo shalomgerusalemme: perché i demoni sono cinici! ] Lega Nord PadaniaCondiviso pubblicamente  [ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ a me adesso traduce bene ! We will meet again SOON We'll see you soon
KingxKingdom
my ISRAEL ] GLI USA 666 CIA JABULLON IL GUFO ROTHSCHILD, SONO CAPACI DI ACCENDERE SULLA TERRA IL FUOCO DELL'INFERNO, MA, POI, LORO NON HANNO NESSUNA CAPACITà DI PORRE UN RIMEDIO AI LORO DELITTI! SOLTANTO UNIUS REI PUò RIPORTARE L'AMORE DI DIO NEL MONDO!
KingxKingdom
my ISRAEL ] IO SU KERRY, giustamente, io HO DETTO TUTTO IL MALE DI QUESTO MONDO! e invece, questa volta lui ingenuamente pensa che, ASSAD può chiamare i sunniti che, la ARABIA SAUDITA ha armato con le autobombe che hanno fatto stupri e genocidi di bambini, hanno fatto i cannibali e dire loro: "OK ADESSO FACCIAMO UN GOVERNO DI UNITà NAZIONALE! " no! tutto questo ora non è più possibile! QUì C'è UN PROBLEMA ISLAMICO SHARIA NAZISTA CHE DEVE ESSERE AFFRONTATO CONTRO IRAN E contro: ARABIA SAUDITA, perché a questo punto, dove noi siamo giunti? non è più possibile poter tornare a quelle condizioni che potevano, sia pure, in modo molto difettoso: cioè, potevano poter funzionare come nel passato! E tutti loro soltanto ad una autorità divina come Unius REi si assogetterebbero volentieri! QUINDI, ANCHE VOI DOVETE RINUNCIARE AL VOSTRO NWO DI SATANA! OPPURE SE AVETE LE PALLE, POTETE SEMPRE SCATENARE LA GUERRA MONDIALE NUCLEARE!
KingxKingdom
pensare che ci sia una vera democrazia nel crimine REGIME di altro
tradimento massonico ed usurocratico: questa è una bestemmia ma, pensare
 che oggi questa bestemmia sia presente in Turchia islamica: in qualche
modo, questo rasenta le tragi commedie comiche! Turchia: partito curdo, annullare voto. leader dell'Hdp, Demirtas: 'Non è stato libero né equo'
C. S. P. B.Crux Sancti Patris BenedectiCroce del Santo Padre Benedetto
C. S. S. M. L.Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce
N. D. S. M. D.Non draco sit mihi dux
Che il dragone non sia il mio duce V. R. S.Vadre Retro satana
Allontanati satana! N. S. M. V.Non Suade Mihi Vana
Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L.Sunt Mala Quae Libas
Ciò che mi offri è cattivo I.V. B.Ipsa Venena Bibas
Bevi tu stesso i tuoi veleni + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto
Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
==========================
17/11/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, l’ira di Vijaya, profugo tamil: “Il governo ci ha traditi” (video)
di Melani Manel Perera
L’uomo vive nel campo profughi di Neethayan, vicino a Jaffna, con la madre, una moglie e due figli. Intervistato da AsiaNews racconta il disagio di dover dipendere dal governo, che non mantiene le promesse: “Vengono ogni tanto a darci del cibo, ma si disinteressano. Non abbiamo soldi neanche per comprare i chiodi per riparare il tetto”.    17/11/2015 MYANMAR
Il Parlamento birmano avviato a fine legislatura. Suu Kyi critica la lentezza del processo
di Francis Khoo Thwe
A Naypyidaw si è riunita per la prima volta dalle elezioni l’assemblea dei deputati. Il presidente della Camera ricorda che si tratta di un parlamento “uscente” e invita a lavorare per il popolo. La “Signora” contrariata dalla lentezza delle procedure che porteranno all’ingresso del nuovo Parlamento. Negli Stati Kachin e Shan si continua a combattere.
17/11/2015 INDIA
Militante indù: Cristiani servi dei maoisti, ecco perché non li hanno mai attaccati
di Nirmala Carvalho
Indresh Kumar, esponente del “braccio armato” del partito induista al governo, accusa la comunità cristiana dell’India di avere “accordi segreti” con i militanti naxaliti. Presidente del Global Council of Indian Christians: “Provocazioni false e pericolose, vogliono distruggere l’India secolare e multi-religiosa”.    17/11/2015 MONGOLIA – CINA
Mongolia, sindacalista si dà fuoco contro la vendita delle miniere alla Cina
“Il governo – ha detto prima del gesto l’uomo, non identificato – non sostiene più la nostra compagnia, le famiglie dei lavoratori sono oramai costrette a fare la fame. Ecco perché mi darò fuoco, per il popolo della Mongolia e per i nostri bambini”. Al momento il 90% delle esportazioni mongole finisce sul mercato cinese; inoltre, il 49% delle aziende operanti sul territorio nazionale è di proprietà cinese
17/11/2015 NEPAL
Nepal, manca gas per cucinare: code chilometriche per comprare legna da ardere
di Christopher Sharma
Iniziata la vendita ufficiale di legname dalle riserve statali. Si abbatteranno alberi fino ad esaurimento della domanda. 14 ore di fila per comprarne un chilo: “Siamo in coda per la sopravvivenza. Da giorni mangiamo solo riso battuto”. L’embargo non ufficiale dell’India continua da quasi due mesi.    17/11/2015 VATICANO
Papa: no a cristiani “mondani”, nei quali la “doppia vita” distrugge l’identità
“La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita ci fa incoerenti”, uno fa “finta di essere così” ma vive “in un’altra maniera”. “Lo spirito cristiano, l’identità cristiana, mai è egoista, sempre cerca di curare con la propria coerenza, curare, evitare lo scandalo, curare gli altri, dare un buon esempio”.
17/11/2015 VIETNAM
Saigon, edifici cattolici nel mirino dei comunisti. Suore in campo contro l’esproprio
di Thanh Trung
Tre strutture appartenenti alla Congregazione delle Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm sono contese dall’amministrazione locale. Secondo l’accordo fra governo e cattolici, gli edifici devono ospitare scuole; il distretto vuole modificare la destinazione d’uso. I vertici della Chiesa locale e i fedeli accanto alle religiose nella loro battaglia.     17/11/2015 RUSSIA - FRANCIA
Musulmani russi contro il terrorismo: in nessun caso rappresenta l’islam
di Nina Achmatova
Parla il vice presidente del consiglio dei muftì e dell’amministrazione spirituale dei musulmani di Russia: negli attentati non vi è nessuna giustificazione; organizzazioni terroristiche vogliono creare conflitti tra musulmani. Il patriarca di Mosca invita a combattere l’estremismo anche sul piano culturale.
17/11/2015 ARABIA SAUDITA - STATI UNITI
Washington vende armi all’Arabia Saudita per 1,29 miliardi di dollari
Previste forniture di armamenti e pezzi di ricambio. Fra le armi anche 13mila bombe “intelligenti”. Il Congresso ha 30 giorni per approvare l’accordo, ma il via libera appare scontato. Si rafforza l’asse fra Usa e sauditi, dopo le tensioni per l’accordo nucleare iraniano. La regione mediorientale il il luogo dove si vendono più armi al mondo.     17/11/2015 EGITTO-ISLAM
Al Azhar: La lotta contro lo Stato islamico deve essere ideologica
Il problema del terrorismo islamico non è solo di sicurezza: occorre un controllo sull’insegnamento nelle moschee e fra gli imam per correggere le interpretazioni letteraliste e salafite del Corano. Al-Azhar si offre per un centro educativo in Europa, ma chiede anche “protezione” dagli estremisti.
17/11/2015 CINA
Pechino, il Partito celebra il riformista Hu Yaobang. Ma non lo riabilita
L’ex Segretario ha riabilitato milioni di persone cadute nelle campagne volute da Mao Zedong, ha aperto la Cina al mondo e ha preparato la transizione dall’economia statalista a quella di mercato. Accusato di aver “tollerato la liberalizzazione borghese”, è stato purgato: alla sua morte, nel 1989, sono scoppiati i moti di Tiananmen. A cento anni dalla sua nascita il Pcc pronto a commemorarlo “per sfruttare la sua buona immagine”.    16/11/2015 LIBANO
Chiese orientali: I governi del Medio Oriente non possono più garantire pace e sicurezza
Gli attacchi sanguinosi di Parigi (e Beirut) nel comunicato finale della sessione annuale dell’Apecl. Patriarchi e vescovi chiedono alle potenze mondiali di elaborare “soluzioni pacifiche” ai conflitti, garantendo l’unità territoriale. Collaborazione pastorale fra Chiese orientali, nullità del matrimonio ed elezione del presidente gli altri temi al centro dei lavori.
16/11/2015 BANGLADESH
Il Bangladesh festeggia i 150 anni delle Suore della Carità
Un giubileo commemorativo si è tenuto a Jessore, alla presenza del vescovo e dei fedeli. L’istituto religioso è stato fondato nel Paese asiatico grazie a tre suore italiane. Ora ci sono 21 conventi e 109 consacrate. Le suore della carità operano con le fasce più povere della società, soprattutto nei centri tessili dove le donne vengono sfruttate.     16/11/2015 INDIA
Mumbai, sopravvissuta ai pogrom di Kandhamal: Ho perso tutto tranne Gesù
di Kanaka Rekha Nayaka
Il racconto straziante di Kanaka Rekha Nayaka al Congresso eucaristico nazionale. Nei massacri del 2008 è stata testimone diretta del martirio di suo marito, trascinato con una catena al collo e decapitato dagli estremisti per aver rifiutato di convertirsi all’induismo. Gli assalitori, arrestati dopo i pogrom, oggi sono di nuovo in libertà.
17/11/2015
RUSSIA-FRANCIA-ISLAM
Putin: L’aereo russo sul Sinai caduto per un attacco terrorista. Hollande apre a un’alleanza con Mosca e Washington
Gli esperti hanno trovato tracce di esplosivo sui resti dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri. I servizi segreti russi mettono una ricompensa di 50 milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura degli autori dell’attentato che ha fatto 224 morti. Il presidente francese spera nella collaborazione con Russia e Usa. Putin accusa: Anche Stati del G20 sostengono lo Stato islamico.
Parigi (AsiaNews) – È stato un attacco terrorista a far cadere l’aereo russo lo scorso 31 ottobre, dopo circa 20 minuti di volo da Shark el-Sheikh a San Pietroburgo, uccidendo 224 persone. Lo ha dichiarato oggi il presidente Vladimir Putin, commentando un incontro tenutosi ieri sera con i responsabili della sicurezza  e della difesa.
“Non è la prima volta – ha detto – che la Russia si trova di fronte a barbari crimini terroristi… Le lacrime non saranno asciugate dalle nostre anime e dai nostri cuori. Ciò rimarrà per sempre. Ma non ci fermeremo nel trovare e punire gli autori”.
Alexander Bortnikov, capo dei servizi segreti (Fss) ha dichiarato che fra i rottami dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri sono state ritrovate tracce di esplosivo di fabbricazione straniera. Con ogni probabilità la bomba conteneva circa un chilo di esplosivo.
Le conclusioni della Russia arrivano a due settimane dalle dichiarazioni Usa e britanniche che avevano subito parlato di attentato terrorista. Vi era stata anche una rivendicazione dello Stato islamico (SI) della penisola del Sinai che parlava di “punizione” per l’impegno russo in Siria affianco a Bashar Assad.
I servizi segreti hanno offerto una ricompensa di 50milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura dei responsabili dell’attacco. Allo stesso tempo, Putin ha dichiarato che i bombardamenti russi sulle postazioni dello Stato islamico in Siria non si fermeranno.
Le rivelazioni del presidente russo cadono a pochi giorni dagli attentati terroristi di Parigi, anch’essi rivendicati dallo SI e giustificati come una risposta ai bombardamenti della Francia contro l’Isis in Siria.
Il presidente francese Francois Hollande ha definito un “atto di guerra” la serie di attentati che hanno ucciso 129 persone e fatto 400 feriti. Anch’egli ha deciso di continuare la lotta contro l’Isis in Siria, ha prolungato lo stato di emergenza in Francia per 3 mesi e ha richiesto poteri speciali per il presidente in casi di emergenza, suggerendo un cambiamento della costituzione.
La prossima settimana Hollande si recherà a Washington e a Mosca per tentare di costruire una coalizione contro lo Stato islamico.
Fino ad ora, gli Stati Uniti si sono impegnati in una coalizione – che comprende anche alcuni Paesi arabi – per bombardare postazioni Isis in Siria e Iraq, ma senza molti risultati. La Francia ha deciso di partecipare ai bombardamenti qualche giorno prima della decisione russa, presa su richiesta del presidente siriano Bashar Assad.
A dividere le tre potenze vi è proprio il destino di Assad. Per Usa e Francia egli dovrebbe abbandonare il campo prima di una discussione sul futuro assetto della Siria. Per la Russia, Assad e il suo governo sono l’unica possibilità per non far precipitare nel caos la Siria, già provata da quasi cinque anni di guerra.
Un altro problema messo in luce due giorni fa da Putin ad Antalya, alla fine dell’incontro del G20, è che vi sono almeno 40 Stati nel mondo che finanziano l’Isis e fra questi “anche alcuni membri del G20”. Con ogni probabilità Putin si riferiva all’Arabia saudita e alla Turchia, la prima sostenitrice di gruppi islamici contrari ad Assad; la seconda sospettata di essere un corridoio di sicurezza per far entrare nuove reclute dell’Isis in Siria e far uscire petrolio da vendere di contrabbando.
===========================
chi fomenta odio, e violenza che non sono un atto di legittima difesa va all'inferno! NEW DELHI, 17 NOV - Ashok Singhal, controverso leader nazionalista indiano fondatore del movimento 'Vishwa Hindu Parishad' (Consiglio mondiale indù), è morto oggi all'età di 89 anni in un ospedale vicino a New Delhi dove era stato ricoverato per problemi respiratori. Fervente difensore dell'induismo di fronte alle presunte "continue aggressioni" dell'islamismo e del cristianesimo, Singhal capeggiò un movimento che nel 1992 portò, fra gravi tensioni con i musulmani, alla distruzione di una moschea.
========================
Forces rally to defend Christian Syrian town from IS
Published: Nov. 13, 2015 by World Watch Monitor
Efforts are being rallied to save one of the last remaining centres of indigenous Christian presence in the Levant against a renewed jihadi attack.Militants of the theologically-based “Islamic State” have come within 3 kilometres of the Syriac Orthodox town of Sadad in western Syria, the Assyrian ...
    Syria Assyrians Homs Islamic State
Latest News
    Egyptian Copt's 'faked Facebook blasphemy' acquittal delayed
    Published: Nov. 17, 2015
    Bishoy Garas has always maintained his Facebook profile was hacked
    An Egyptian Christian, jailed for 38 months on unsubstantiated charges, has had his expected ...
    Myanmar's Christians cautiously hopeful
    Published: Nov. 12, 2015
    Kevin Osborne / Fox Fotos / Lonely Planet Images
    In Myanmar, Aung San Suu Kyi’s party, the National League for Democracy , has won a landslide ...
    BJP's Bihar defeat a vote against ‘intolerance’
    Published: Nov. 12, 2015 by Anto Akkara
    BJP supporters gather in Amethi, Uttar Pradesh, in May 2014 to listen to Narendra Modi speak shortly before his election victory.
    Indian Prime Minister Narendra Modi's visit to the UK – a first visit by an Indian head of state for ...
    Fleeing Boko Haram – nowhere to run, nowhere to hide
    Published: Nov. 12, 2015
    37 Assyrian Christians released in Syria
    Published: Nov. 9, 2015
    India: village church attacked, Christians hospitalised
    Published: Nov. 6, 2015
    Global Church meets to seek unity in face of persecution
    Published: Nov. 6, 2015
    UN report focuses on children’s rights
    Published: Nov. 5, 2015
    Pakistan NGO tackles demeaning low-caste word for ‘Christians’
    Published: Nov. 2, 2015


come in 4 secoli i farisei Illuminati Spa, FMI, che hanno ucciso Gesù, hanno potuto corrompere rovinare il mondo. ora siamo sull'abisso della distruzione per colpa dei bildenberg che hanno rubato la nostra sovranità monetaria e stanno innalzando il satanismo ideologico e pratico! COME I RICCHI POSSONO RUBARE I POVERi, come il denaro di satana rothschild ha reso illegittimi Stati governi e religioni..
RAMALLAH vertici dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) hanno deciso di concedere al Segretario di Stato Usa John Kerry 24 ore di tempo perché dia rassicurazioni sul rilascio pattuito da Israele del quarto contingente di detenuti terroristi assassini palestinesi altrimenti rilancerà il processo di adesione della Palestina alle Nazioni Unite ha dichiarato il deputato indipendente palestinese Mustafa Barghuti che ha partecipato a una riunione con il presidente Abu mazen (Mahmud Abbas).

NEW DELHI L'ambasciatrice Usa in India Nancy Powell ha annunciato di aver deciso di dimettersi e di avere inviato una lettera al presidente Barack Obama. Fonti diplomatiche hanno sostenuto che in qualche misura la rinuncia potrebbe essere legata alle tensioni suscitate dall'arresto a gennaio della viceconsole indiana a New York Devyani Khobragade con l'accusa di falsificazione di documenti riguardanti la sua domestica. Ma la viceportavoce del dipartimento di Stato Usa ha decisamente negato.

KIEV 1 APRile [ tutte le menzogne del sistema massonico Bildenberg 322 Bush NWO FMI Spa: si tratta soltanto di applicare il prezzo di mercato perché l'Ucraiana ha tradito la legalità le leggi internazionali commettendo il crimine del golpe ed uccidendo tante persone innocenti.. ] L'ad di Gazprom Alexiei Miller ha annunciato da oggi un aumento del prezzo del metano per l'Ucraina. La nuova tariffa è di 3855 dollari per mille metri cubi. Finisce quindi lo sconto concesso a dicembre all'Ucraina del deposto presidente Viktor Ianukovich che aveva portato il prezzo da circa 400 a 2685 dollari. L'aumento ha argomentato Miller è per il mancato pagamento di Kiev del gas fornito nel 2013 ricordando che Kiev ha un debito con Mosca per il gas di 17 mld di dollari che la UE ha 10 giorni per pagare.

KIEV 1 APRile [ cosa c'è di vero? forse.. ma la verità non è quella che distrugge la democrazia per non essere vera a 360° voi avete fatto un Golpe con omicidi terribili .. e questa una infamia ulteriore per la UE dei massoni e dei complotti e delle predazioni e delle bugie! quindi adesso usate la giustizia come una clava per colpire le colpe della opposizione soltanto e poi non riconoscete il crimine di avere privato il popolo della sua sovranità monetaria] L'ex governatore della regione di Cercasi in Ucraina Serghii Tulub è stato inserito nella lista dei ricercati internazionali con l'accusa di essersi appropriato di fondi pubblici. Lo fanno sapere le autorità ucraine.
L'uomo sarebbe volato da Donetsk a Istanbul il 23 febbraio e secondo le guardie di frontiera non avrebbe più fatto ritorno in patria.

i crimini della LEGA ARABA omicidi Sharia jihad nazi apostasia blasfemia commessi a migliaia ogni giorno sotto egida ONU che è completamente cieco di fronte al nazismo di una religione islamica assassina senza reciprocità porterà il genere umano sull'orlo del precipizio ma è proprio questa la agenda di Rothschild.. ma tutti coloro che non rivendicano la sovranità monetaria sono anche i complici di tutti i suoi crimini] Pakistan: 'Musharraf potrebbe fuggire'
Media nonostante l'incriminazione per alto tradimento

Nuova pista per aereo scomparso ricerche si spostano.. tutto il satanismo di USA che attraverso il GPS controlla tutte le persone del pianeta con la tecnologia del grande fratello NSA aliens abductions AI intelligenza artificiale e poi si perde un giambo sull'altare di satana per i sui cannibali CIA.. quindi non si può fare una guerra mondiale contro la loro tecnologia che spia e non è riconosciuta dalla nostra tecnologia il loro spiare [ricerca dei resti del Boeing 777 scomparso della Malaysia Airlines si sono spostate di circa 1.100 chilometri a nordest della zona finora sorvolata dai ricognitori a seguito dell' emergere di "una nuova pista credibile". ]

SANAA 1 APRile. [ legare una religione alla ideologia politica è peggio del nazismo ecco perché farisei Spa FMI FED BCE Spa Rothschild i Bildenberg stanno
assassinando il genere umano quindi Israele non potrebbe mai sopravvivere a tutto questo orrore ] Un cittadino tedesco rapito il 31 gennaio da una tribù a Sanaa è comparso su un canale tv privato con a fianco uno dei carcerieri armato di un Kalashnikov all'uscita di un garage di una casa in costruzione che sembrerebbe il luogo della prigionia. L'ostaggio Rudiger Schwidt sulla sessantina indossava un vestito bianco tradizionale della penisola arabica e occhiali scuri. La conduttrice ha ricordato che l'uomo visibilmente dimagrito ha un cancro ai polmoni e necessita di cure.

la legge universale che regge l'Universo parla di amore gratuito e disinteressato in tutte le leggi della fisica e della chimica.. ma queste leggi sono disconosciute dal mondo degli uomini che amano la predazione. nel mondo creato dall'atomo all'universo in tutti gli elementi il bene di tutti è la regola fondamentale da questa legge Universale della gratuità disinteressata nasce la LEGGE NATURALE che è il supporto per la FRATELLANZA UNIVERSALE UNIUS REI.

Chi non vuole vedere la luce. All'Angelus il Pontefice parla del dramma della cecità interiore. 31 marzo 2014. Papa Francesco ha messo in guardia i cristiani dal rischio di sprofondare nella "cecità interiore" che chiude il cuore alla grazia e alla luce di Dio. Lo ha fatto all'Angelus di domenica 30 marzo in piazza San Pietro parlando del brano evangelico della guarigione del cieco nato e sottolineando che spesso la vita dei credenti "è un po' come quella dei dottori della legge: dall'alto del nostro orgoglio giudichiamo gli altri e perfino il Signore". Da qui l'invito a un esame di coscienza che parta dalla lettura del capitolo 9 del Vangelo di Giovanni nel quale ciascuno può
"leggere questa storia del cieco che è diventato vedente e dei presunti vedenti che si sono affondati di più nella loro cecità".

Nessuna svolta sulla crisi ucraina. Divergenze confermate dopo il colloquio parigino tra Kerry e Lavrov. [ UE BILDENBERG USA AGENDA TALMUD FARISEI PER FMI-NWO L'ERA DI SATANA SUL MONDO coloro che non denunciano il signoraggio bancario perduto sono complici di tutto questo nazismo che destabilizza ed annette gli Stati attraveerso Golpe e terrorismo islamico.. ] 31 marzo 2014. Parigi 31. «Non accetteremo un cammino in cui il legittimo Governo dell'Ucraina non sia al tavolo. Il principio è chiaro: nessuna decisione sull'Ucraina senza l'Ucraina». E' quanto ha detto John Kerry in una conferenza stampa la notte scorsa a Parigi al termine del "franco" colloquio di cinque ore con Serghiei Lavrov durante il quale Stati Uniti e Russia non hanno raggiunto una svolta nella crisi. «Entrambi abbiamo avanzato proposte su come ottenerla e io farò ritorno a Washington per consultarmi con il presidente Obama riguardo alle sue decisioni» ha detto il segretario di Stato americano sottolineando comunque che il ministro degli Esteri russo ha ribadito l'impegno di Mosca a trovare una soluzione diplomatica anche se non ha accettato di muovere le truppe dal confine con l'Ucraina».
Il concetto è stato ribadito anche dal ministro degli Esteri russo: «Abbiamo espresso diverse posizioni riguardo alle cause della crisi ma comunque abbiamo convenuto sulla necessità di trovare terreno comune per raggiungere una soluzione diplomatica». Il lungo colloquio tra i due ministri si è svolto nell'ambasciata russa a Parigi per dare continuità al dialogo avviato da Putin e Obama durante una telefonata avvenuta venerdì scorso. Gli Stati Uniti hanno avanzato diverse proposte per far calare la tensione proposte che comprendono oltre all'accennato ritiro delle forze russe dal confine l'invio di osservatori internazionale in Ucraina per tutelare i diritti delle minoranza e la promozione del dialogo diretto tra Mosca e Kiev. La Russia ha dal canto suo dichiarato che l'Ucraina dovrebbe inserire l'ordinamento federale nella sua costituzione e la scegliere la neutralità. Il Governo ucraino ha già respinto quest'ipotesi perché «rappesenterebbe la disintegrazione dello Stato».

la LEGGE UNIVERSALE – non c'è egoismo nell'Universo tutto deve andare sprecato! nulla si perde ogni cosa viene utilizzata per il bene comune ecco perché GRATUITAMENTE il sole offre ai pianeti un servizio inestimabile come tutti i pianeti del sistema solare proteggono il pianeta terra dai meteoriti assassini. FRATELLANZA UNIVERSALE UNIUS REI.

FRATELLANZA UNIVERSALE UNIUS REI. la LEGGE UNIVERSALE gli uomini ricercano il proprio interesse loro sono spinti dallo spirito egoistico che contraddice la legge che regge l'Universo... ecco perché anche gli scienziati brancolano nel buio del loro egoismo. nel mondo degli uomini ognuno cerca di difendersi per non perdere i propri diritti che a volte sono diritti di sopraffazione contro persone innocenti. Quindi chi è più forte è servito dal più debole tutto il contrario del Sole che essendo il più forte lui serve ai più piccoli

DISTRUZIONE DELLA CONGIURA MASSONICA BILDENBERG CONTRO LA SOVRANITà MONETARIA DEI POPOLI SCHIAVI DEI FARISEI SATANISTI ILLUMINATI CHE HANNO UCCISO GESù ] La conquista di Parigi non salva Hollande dal tracollo. Netta affermazione del centro-destra nel ballottaggio per le municipali. 31 marzo 2014. Parigi 31. Netta affermazione del centro-destra e crollo dei socialisti — anche se conservano Parigi — nel secondo turno delle elezioni amministrative di ieri in Francia. La maggioranza delle preferenze nel ballottaggio è andata all'Unione per un movimento popolare (Upm con il 459 per cento) contro il 43 per cento del Partito socialista (Ps) di François Hollande. Al terzo posto si colloca il Fronte nazionale (Fn) di Marine Le Pen che ottiene il 684 per cento dei voti e oltre dieci comuni. Due anni dopo il ritorno all'Eliseo e alla vigilia di
elezioni europee che si annunciano proibitive per il Governo per i socialisti si preannunciano tempi molto duri. Il centro-destra ha subito chiesto un immediato cambiamento di rotta e già oggi — secondo quanto pubblicato sul quotidiano «Le Monde» — è previsto un rimpasto di Governo con il ritorno annunciato di Ségolène Royal. La netta vittoria di Anne Hidalgo da ieri sera la prima sindaco donna di Parigi ai danni della rivale dell'Ump Nathalie Kosciusko-Morizet e le conferme dei candidati di sinistra a Lione Strasburgo Lille Nantes e Digione non hanno cancellato la sconfitta di enormi proporzioni del Partito socialista e dei suoi alleati. La gauche — in un ballottaggio segnato da un astensionismo record che ha sfiorato il 40 per cento degli aventi diritto — ha infatti subito una vera e propria disfatta elettorale.

[ NESSUNA GIUSTIFICAZIONE PUò ESSERE DATA A MOVIMENTI TERRORISTICI MA ANCHE LO STATO è UN TERRORISTA NEL MOMENTO IN CUI COMPRA IL NOSTRO DENARO AD INTERESSE DA ROTHSCHOD'S SPA RINUNCIANDO ALLA SUA SOVRANITà MONETARIA.. PERCHé NOI STIAMO PERDENDO CON IL SUICIDIO E CON LA DISCREGAZIONE SOCIALE TROPPE FAMIGLIE ABBANDONATE ALLA DISPERAZIONE DI UNA SOCIETà CHE INVECE DI ESSERE SOVRANA è UN SOCIETà DEL DEBITO E DELLA DISSOLUZIONE MORALE DI ISTITUZIONI MASSONICHE ARROCCATE NEI LORO PRIVILEGI A DISCAPITO DEL POPOLO CHE SI TROVA GIORNO PER GIORNO STRITOLATO DAL SISTEMA BANCARIO DI CUI è CADUTO VITTIMA PER ARTIFICI GIURIDICI CHE NEGANO LA SOVRANITà E LA AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI. ]
Napolitano richiama tutti al senso della misura. In una lettera al vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura. 20 aprile 2011. «Il prossimo 9 maggio si celebrerà al Quirinale il Giorno della Memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice. Quest'anno il nostro omaggio sarà reso in particolare ai servitori dello Stato che hanno pagato con la vita la loro lealtà alle istituzioni repubblicane. Tra loro si collocano in primo luogo i dieci magistrati che per difendere la legalità democratica sono caduti per mano delle Brigate Rosse e di altre formazioni terroristiche». È quanto si legge nella lettera che il presidente della Repubblica Giorgio
Napolitano ha inviato al vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Michele Vietti al quale chiede di invitare — a suo nome — alla cerimonia «i famigliari dei magistrati uccisi» e assieme a loro i presidenti e i procuratori generali delle Corti di Appello di Genova Milano Salerno e Roma vertici distrettuali degli uffici presso i quali prestavano la loro opera tali magistrati. La scelta — scrive nella lettera il capo dello Stato — «costituisce anche una risposta all'ignobile provocazione del manifesto affisso nei giorni scorsi a Milano con la sigla di una cosiddetta "Associazione dalla parte della democrazia" per dichiarata iniziativa di un candidato alle imminenti elezioni comunali nel capoluogo lombardo. Quel manifesto rappresenta infatti innanzitutto una intollerabile offesa alla memoria di tutte le vittime delle Br magistrati e non. Essa indica inoltre come nelle contrapposizioni politiche ed elettorali e in particolare nelle polemiche sull'amministrazione della giustizia si stia
toccando il limite oltre il quale possono insorgere le più pericolose esasperazioni e degenerazioni. Di qui il mio costante richiamo al senso della misura e della responsabilità da parte di tutti».

Tre manifestanti muoiono. UCCISI NON SI SA DA QUALI CECCHINI DI BUSH 322 Fmi-NWO negli scontri con la polizia a Kiev che presto sarà uccisa dagli stessi cecchini ma tuttavia L'Unione europea condanna l'uso della forza che i suoi manifestanti sta facendo.. contro un governo legittimo e fa pressioni perché questo Governo cada vittima di un golpe e ad un Governo aggredito in tutti i modi chiede di porre immediatamente fine alle violenze che altri stanno facendo a lui in violazione di ogni regola democratica. siamo al 22 gennaio 2014. Quindi in modo pianificato: Si aggrava la crisi in Ucraina: nei violenti scontri con le forze di sicurezza iniziati questa notte e proseguiti in giornata a Kiev. affinché la Russia e le sue basi militari strategiche siano distrutte in Crimea e venga calpestata la autodeterminazione dei popoli a decidere il proprio destino.. questo è il preludio della guerra mondiale nucleare che porterà il satanismo della nuova torre di Babele Spa Gmos Morgellons biologia sintetica a controllare
quello che rimarrà di un genere umano microcippato e controllato da forse occulte e soprannaturali di un potere assoluto che è nato dando il potere assolutodel controllo della moneta ai farisei che hanno ucciso Gesù. L'Unione europea ha intanto chiesto al Governo ucraino di porre immediatamente fine alle violenze(di chi? di coloro che occupano i palazzi del Governo e bruciano ogni cosa? ) che stanno causando vittime nel Paese. «Tutti gli atti di violenza devono cessare immediatamente devono essere avviate subito indagini sull'accaduto e i responsabili ( cioè deve essere condannata la UE 666 USA 322 Fmi che hanno di fatto fomentato la guerra civile? ) ne dovranno rispondere»
ha scritto oggi in una nota l'alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell'Ue Catherine Ashton.

[adesso è evidente le epurazioni usurpazioni contro il dissenso continueranno mai hitler ha potuto fare di meglio nella NATO dei Bildenberg assassini ] Risposta schizofrenica di Erdoğan che finge di essere attaccato non si da da chi mentre lui sovvenziona il terrorismo internazionale e con un falso attacco alla siria pensa di invaderla questo è il suo commento alla Vittoria del premier turco alle amministrative. 31 marzo 2014. Ankara. «Tutti coloro che hanno attaccato la Turchia ( in che modo? ) sono stati delusi». Con queste parole ieri il premier turco Recep Tayyip Erdoğan ha salutato il risultato delle elezioni amministrative in Turchia nel quale il suo partito l'Akp (Partito per la Giustizia e lo Sviluppo) ha riportato una netta affermazione. «Avete appoggiato il vostro primo ministro avete protetto la lotta per l'indipendenza della nuova Turchia e ve ne ringrazio infinitamente» ha detto il premier nelle prime dichiarazioni alla folla dei suoi sostenitori. Nonostante le recenti
polemiche legate allo scandalo corruzione che ne ha coinvolto diversi membri il partito Akp — con l'84 per cento delle schede scrutinate — è il primo con il 456 per cento in calo solo di circa tre punti rispetto allo storico 496 conquistato alle politiche del 2011. Il primo partito dell'opposizione il Chp (Partito popolare repubblicano) si è fermato al 284 i nazionalisti del Mhp (Partito del Movimento Nazionalista) al 155 e i curdi del Bdp (Partito della Pace e della Democrazia) al 41. Ad Istanbul e Ankara le due più grandi città del Paese la situazione si chiarirà solo a spoglio concluso. .. [adesso è evidente le epurazioni usurpazioni contro il dissenso continueranno mai Hitler ha potuto fare di meglio nella NATO dei Bildenberg assassini ]

Nigeria le accuse dopo il massacro. Le forze dell'ordine non sarebbero intervenute per prevenire le violenze. 10 marzo 2010. Militari dell'esercito nigeriano pattugliano da oggi i villaggi della regione di Jos teatro dei massacri costati la vita a 500 persone. Ma nonostante la calma apparente la tensione è ancora molto alta mentre si moltiplicano gli appelli internazionali per fermare le violenze. Le vittime hanno nuovamente accusato le forze dell'ordine e l'esercito molto numeroso nella zona dopo gli scontri di gennaio di non essere intervenute in tempo per proteggerli e di aver permesso ai responsabili di fuggire. L'alto commissario dell'Onu per i Diritti umani Mary Pillay si è detta oggi costernata per la ferocia dell'eccidio che non ha risparmiato donne e bambini e ha rivolto un appello alle autorità locali per superare le cause che hanno condotto all'esplosione di violenza. Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon si è detto «profondamente preoccupato» per le violenze invitando tutte le parti a tornare a dialogare e a lavorare assieme per risolvere la crisi. Il segretario generale delle Nazioni Unite ha definito «agghiacciante» quanto accaduto nella regione di Jos dove nella notte tra sabato e domenica un gruppo di pastori nomadi fulani di religione musulmana ha attaccato due villaggi abitati da un popolazione di etnia birom a maggioranza cristiana uccidendo almeno 500 persone. Anche il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha rivolto un appello «a tutte le parti» affinché cessino in
Nigeria gli scontri. «Continuiamo a sollecitare tutte le parti affinché si astengano da ogni forma di violenza» ha precisato Clinton secondo la quale il Governo nigeriano «deve fare in modo che gli autori siano consegnati alla giustizia».

quello che deve essere impovetita è la sharia non l'uranio. è chiaro che la CIA atteccherà Israele con un ordigno nucleare accusando l'IRAN.] quindi per questo bisogna distruggere il nucleare iraniano? io dico di fare condannare la sharia diversamente voi non riusciere a scansare la morte terribile che vi aspetta! idioti islamici erano felici che il NWO FMI Bildenberg li diffondeva ma non riuscivano a percepire la vera minaccia.. oppure la posta in gioco per loro è conveniente! [ La Cina collabora sul nucleare iraniano. Secondo la Casa Bianca. 06 febbraio 2010. La Casa Bianca sostiene che Pechino continuerà a cooperare con gli Stati Uniti per esaminare «i prossimi passi» nella vicenda del programma nucleare iraniano. Il portavoce della Casa Bianca Robert Gibbs ha sottolineato ieri sera che non è interesse della Cina di avere un Iran dotato di ordigni nucleari. In precedenza la Cina si era opposta all'ipotesi di nuove severe sanzioni contro l'Iran richieste con forza da Stati Uniti e Francia per fermare le ambizioni nucleari di Teheran. «Parlare di sanzioni in questo momento complica la situazione e potrebbe ostacolare la ricerca di una soluzione diplomatica» aveva detto — come riferisce l'agenzia Afp — ieri mattina il ministro degli Esteri cinese Yang Jiechi nel corso di una visita presso l'Istituto francese di Relazioni internazionali (Ifri) a Parigi. Il monito della Cina giunge due giorni dopo le affermazioni del presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad secondo cui la Repubblica islamica «non ha problemi» per uno scambio di uranio con le grandi potenze internazionali. Da Vienna l'ambasciatore iraniano presso l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) Ali Asghar Soltanieh ha sottolineato — ha reso noto l'agenzia sopra citata — che la disponibilità di Teheran di fare arricchire all'estero il proprio uranio è il segno della sua volontà di cooperare con la comunità internazionale. Nella capitale francese il ministro Yang che nel pomeriggio ha incontrato il presidente Nicolas Sarkozy si è anche detto convinto che Teheran non ha ancora «completamente chiuso la porta» alle grandi potenze internazionali e che per questo bisogna continuare sulla via diplomatica. Sempre ieri a Parigi
il ministro degli Esteri cinese aveva incontrato il suo omologo francese Bernard Kouchner. «Le cose continuano a muoversi — ha insistito il ministro Yang — e pensiamo che sia molto importante concentrarsi sul processo diplomatico attraverso il dialogo e la consultazione». In seno alle sei potenze incaricate del dossier nucleare iraniano (i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu: Stati Uniti Gran Bretagna Francia Russia e Cina; più la Germania) i cinesi sono i più disponibili a continuare il dialogo con Teheran. Per la Cina infatti la mancata risposta dell'Iran all'offerta dell'Aiea non è senza appello e il dialogo deve restare una priorità. Ma ancora ieri l'Agenzia internazionale per l'energia atomica faceva sapere di non aver ricevuto alcun segnale di disponibilità da parte delle autorità di Teheran. Nel frattempo la Russia si avvicina alla posizione delle potenze occidentali sull'adozione di nuove sanzioni contro l'Iran per il suo programma nucleare. Lo ha detto ieri Konstantin Kosaciov capo della commissione Esteri della Duma di Stato (la Camera bassa del Parlamento russo) considerato molto vicino al Cremlino. «La possibilità di un'intesa fra Mosca e gli altri Paesi sulla questione di nuove sanzioni — ha dichiarato il parlamentare russo Kosaciov — è nettamente cresciuta. La situazione sta cominciando ad allarmarci ogni giorno di più». Infine il Governo di Brasilia — come riferisce l'agenzia di stampa Ansa — ha smentito ieri con decisione che siano in corso negoziati con l'Iran per l'arricchimento di uranio iraniano nelle centrali brasiliane come riferito in precedenza dal direttore dell'agenzia atomica iraniana Ali Akbar Salehi.

Tragedia nel Sud Sudan Sempre più civili in pericolo di vita per la fame e le malattie. 29 marzo 2014. Ancora senza esito gli sforzi diplomatici per fermare il conflitto Profughi nel campo di Mingkaman (Reuters) Non si segnalano risultati degli sforzi diplomatici per fermare la guerra civile scoppiata lo scorso dicembre in Sud Sudan tra i reparti dell'esercito fedeli al Governo del presidente Salva Kiir Mayardit e quelli ribelli che fanno riferimento all'ex vicepresidente Rijek Machar e ogni giorno vede crescere i numeri della tragedia delle popolazioni civili. L'ultimo rapporto internazionale in merito è quello diffuso ieri congiuntamente dal Programma alimentare mondiale (Pam) e dall'Unicef il fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia. Secondo le due agenzie dell'Onu oltre tre milioni e mezzo di persone sono a rischio di malnutrizione acuta ed epidemie. Particolarmente drammatica è la condizione dei profughi provocati dal conflitto gli oltre trecentomila rifugiati nei Paesi confinanti e soprattutto i più di settecentomila sfollati interni per metà bambini.

Il nord est della Nigeria in balia della guerra Ancora stragi di Boko Haram. 03 marzo 2014. «Guerra a Borno» titolano oggi i quotidiani nigeriani dopo gli attentati e le violenze che si sono rinnovati nel fine settimana nel nord est del Paese a conferma di come quelle tormentate regioni siano ormai in balia delle armi. Del resto già tre giorni fa il Governo del presidente Goodluck Jonathan aveva ammesso per la prima volta con un comunicato ufficiale che quella contro il gruppo di matrice fondamentalista islamico Boko Haram è ormai una vera e propria guerra. Nel fine settimana se ne è avuta l'ennesima e tragica conferma con due stragi perpetrate da Boko Haram prima a Maiduguri la capitale dello Stato del Borno e poi a Mainok una cittadina a non molti chilometri di distanza con un bilancio di quasi un centinaio di morti e di decine di feriti. A Maiduguri c'è stato un duplice attentato in un locale pubblico.

L'Africa. di Roncalli e Wojtyła. Come i due pontefici hanno sposato la causa del continente. 31 marzo 2014. Saranno tanti gli africani tra i cinque milioni di pellegrini attesi in piazza San Pietro e dintorni per la canonizzazione di due grandi pontefici della Chiesa del nostro tempo Giovanni XXIII "il Papa buono" e Giovanni Paolo II che molti africani chiamano il Papa "bianco e africano". Giovanni XXIII Papa dal 1958 al 1963 viene ricordato con affetto per la sua importante enciclica Pacem in terris ovvero Pace in terra. Ma in Africa viene ricordato soprattutto per aver chiamato il primo africano a far parte del collegio cardinalizio. Nel 1960 Giovanni XXIII creò cardinale il
tanzaniano Laurean Rugambwa. Quest'ultimo era un pastore pragmatico amorevole e attento. Fu un fattore unificante nel suo Paese e in Africa e divenne anche un simbolo della speranza della Chiesa nel continente. La sua nomina giunta in un tempo in cui la maggior parte dei Paesi africani lottava per l'indipendenza fu vista anche come un riconoscimento e una responsabilizzazione della presenza indigena africana nella Chiesa universale. Quando nel 1962 venne aperto il Vaticano II Rugambwa diventò il punto di riferimento dei pochissimi vescovi indigeni africani e dei vescovi missionari che erano maggioritari al concilio. Nei ventisei anni del suo pontificato Giovanni Paolo II ha cambiato la demografia ecclesiale come mai nessun Papa prima di lui in tutta la storia della Chiesa cattolica. In tale periodo la popolazione cattolica mondiale è aumentata di circa il 43 per cento dai 757 milioni nel 1978 agli 109 miliardi alla fine del 2003. Sotto Giovanni Paolo ii ancora più significativo è stato il netto cambiamento nel Terzo mondo. Il numero di cattolici in Africa per esempio è aumentato di oltre il 160 per cento da 55 a 144 milioni. Anche la crescita più grande di vocazioni al sacerdozio verificatasi nella Chiesa durante il suo pontificato è avvenuta in Africa dove in ventisei anni il numero di sacerdoti diocesani è più che triplicato. È stato in occasione del primo sinodo per l'Africa convocato da Giovanni Paolo II che per la prima volta nella basilica di San Pietro si è sentito il suono di un tamburo africano. Quel sinodo ha
offerto a tutta la Chiesa in Africa l'opportunità di guardare non solo alle sfide ma anche alle opportunità per consolidare la fede in un continente che stava diventando rapidamente cristiano. Quel sinodo è stata anche un'occasione per far conoscere al resto del mondo l'immenso impatto che il pontificato di Giovanni Paolo II aveva avuto
sull'Africa. Patrick Tor Alumuku

[bisogna impedire al Presidente della Repubblica l'elezione di senatori a vita perché anche lui è un politico fazioso lo è stato per tutta una vita! ] Senato si cambia. Renzi sfida chi dice no è minoranza.. [[ noi speravamo di chiudere Province e Senato definitivamente ed invece siamo caduti dalla padella nella brace perché invece di essere eletti nel sistema massonico quei pseudo rappresentanti saranno nominati direttamente dal sistema massonico. "Mi gioco tuttoessere rapidi".Dubbi da Gianniniche poi vota sì. No secco di Forza Italia dopo il viia libera del Cdm al ddl che cambierà Senato e Titolo V della Costituzione. "I 21 senatori nominati dal presidente della Repubblica per noi non passeranno mai" così come "non passeranno mai gli esponenti dei Comuni dentro al Senato delle Autonomie". Così Renato Brunetta capogruppo di Fi alla Camera a SkyTg24. "Noi sottolinea appoggeremo una riforma quando la vedremo nel senso che discuteremo punto su punto". "Noi vogliamo dice Brunetta parlando sempre della riforma del Senato un modello Bundesrat un modello in cui le Camere regionali i Consigli regionali nominino in secondo livello esponenti però che siano esponenti di Consigli legislativi non dei Comuni".

[ prima di ogni restituzione deve essere prevista la restituzione dei tesori del mar nero che sono di proprietà del museo della Crimea ] La Russia restituirà all'Ucraina il sottomarino "Zaporozhye". La flotta del Mar Nero russa ha rinunciato a includere nella sua squadra il sommergibile ucraino sequestrato in Crimea "Zaporozhye". Il motivo alla base della rinuncia del mezzo è la presenza di armi e sistemi obsoleti. Secondo il quartier generale della Flotta del Mar Nero il sottomarino "ha cessato di soddisfare le esigenze di combattimenti navali moderni già nei primi anni '80" e il suo funzionamento è pericoloso per la vita dell'equipaggio. Attualmente è in discussione la possibilità di restituzione del sommergibile alla flotta ucraina. "Zaporozhye" verrà trainato ad Odessa con dei rimorchiatori dal momento che non è in grado di navigare autonomamente. http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_01/La-Russia-restituira-allUcraina-il-sottomarino-Zaporozhye-9066/

[ tutte le menzogne di Erdogan dovrebbero impedire la cessione delle armi chimiche siriane ] L'artiglieria turca ha bombardato il territorio siriano. [ le intercettazioni telefoniche per cui youtube è stato chiuso in Turchia riguardavano gli accordi per simulare un auto attacco missilistico che avrebbe aperto l'occasione per una guerra di occupazione della Siria! ] Le truppe d'artiglieria turche la notte di martedì hanno bombardato il territorio della Siria. Ciò in risposta ad un attacco missilistico alla provincia turca di Hatay eseguito una settimana prima da parte della Siria per cui è rimasta ferita una rifugiata siriana. Ieri il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo del Primo Ministro turco Recep Tayyip Erdogan ha vinto le elezioni locali. Dopo l'annuncio dei risultati delle votazioni il capo del governo ha dichiarato che "la Siria si trova in stato di guerra" con la Turchia.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_01/Lartiglieria-turca-ha-bombardato-il-territorio-siriano-8355/

il satanista 322 Kerry dice: la NATO è pronta ad incorporare qualsiasi Paese europeo! ma in realtà il suo obiettivo è la conquista del mondo affinché satana sia tutto in tutti! Fmi 666 NWO. «La Voce della Russia» "Gli Stati Uniti si uniscono ai loro alleati confermando che la porta resta aperta a qualsiasi Paese europeo che può assumere obblighi e responsabilità di appartenenza e può contribuire alla sicurezza della regione euroatlantica" ha detto il Segretario di Stato americano John Kerry. La dichiarazione di Kerry è stata dedicata all'anniversario delle fasi successive di allargamento della NATO. Nel marzo 1999 all'Alleanza hanno aderito Ungheria Polonia e Repubblica Ceca a marzo 2004 Bulgaria Estonia Lituania Romania Slovacchia e Slovenia; dal primo aprile 2 009 Albania e Croazia sono diventate membri della NATO.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_01/Kerry-la-NATO-e-pronta-ad-incorporare-qualsiasi-Paese-europeo-6078/

tutte le bugie di Erdogan che invade la Siria con il terrorismo ed ora con falsi attacchi vuole invadere militarmente la siria. Il Primo Ministro della Turchia Recep Tayyip Erdogan ieri ha dichiarato che il suo Paese non è interessato ad intraprendere qualsivoglia azione di guerra comunica l'agenzia Reuters. Erdogan ha spiegato che la decisione del parlamento turco della possibilità di svolgimento di operazioni militare fuori dalla Turchia deve essere un fattore deterrente. Il Primo Ministro della Turchia Recep Tayyip Erdogan ieri ha dichiarato che il suo Paese non è interessato ad intraprendere qualsivoglia azione di guerra comunica l'agenzia Reuters. Erdogan ha spiegato che la decisione del parlamento turco della possibilità di svolgimento di operazioni militare fuori dalla Turchia deve essere un fattore deterrente.
Tuttavia il capo del governo della Turchia ha ricordato che lo stato turco è in grado di difendere i propri cittadini e i suoi confini e non consiglia nessuno a verificare la fermezza dell'esercito turco.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2012_10_05/90280645/

marzo 18:12 Arabia Saudita e Qatar hanno dichiarato guerra all'Iraq ma come vigliacchi non si sporcano le mani direttamente loro mandano i terroristi jihadisti. Il Primo Ministro iracheno Nouri al-Maliki in un'intervista rilasciata al canale televisivo francese France24 ha accusato i governi dell'Arabia Saudita e del Qatar del fatto che questi due Paesi sunniti praticamente hanno dichiarato guerra all'Iraq e lo attacca no sia direttamente che attraverso la vicina Siria. Maliki afferma che Riyadh e Doha forni scono sostegno politico finanziario e informativo ai guerriglieri in Iraq nonché armi. Il Primo Ministro iracheno appartenente alla maggioranza sciita del Paese ha anche evidenziato che tutte le accuse di persecuzione dei sunniti in Iraq sono espresse da parte dei gruppi religiosi legati all'Arabia Saudita o al Qatar.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_09/Arabia-Saudita-e-Qatar-hanno-dichiarato-guerra-allIraq-6578/

01/04/2014 [ maledetti fondamentalismi religiosi ] NEPAL. Nepal minoranze religiose contro il governo: "Dite di essere laici ma sostenete solo gli indù". di Christopher Sharma. In occasione del grande festival indù Maha Kumbh Mela Kathmandu stanzia milioni di rupie e prepara le infrastrutture necessarie per accogliere 10 milioni di fedeli in maniera gratuita. Cristiani musulmani e buddisti uniti nel chiedere un trattamento uguale per tutti. Leader protestante: "A noi non date neanche la terra per seppellire i morti. Non è giusto". Kathmandu (AsiaNews) Le minoranze religiose del Nepal protestano contro il governo che nonostante si dichiari laico continua a sostenere dal punto di vista economico e logistico soltanto le manifestazioni religiose relative all'induismo. È il caso del grande festival indù Maha Kumbh Mela iniziato ieri (31 marzo) che ogni 12 anni riunisce per più di un mese santoni e fedeli a Chataradham nella parte meridionale del Paese. La festa ricalca quella indiana ed è di fatto un pellegrinaggio nei pressi del fiume sacro Sapta Koshi che prevede meditazioni e abluzioni: la versione nepalese riunisce circa 10 milioni di fedeli quella indiana ha toccato nel 2013 i 100 milioni di presenze. Ad aprire le celebrazioni è stato ieri il primo ministro di Kathmandu Sushil Koirala. Per aiutare queste celebrazioni l'esecutivo ha stanziato più di 5 milioni di rupie (circa 40mila euro) fornito un servizio di centinaia di navette gratuite per raggiungere i luoghi coinvolti e garantito vitto e alloggio gratuito per i fedeli presenti. Le celebrazioni si concluderanno il 2 maggio 2014. C.B. Gahatraj pastore cristiano dice: "Non è corretto che il sistema statale decida di sostenere di fatto soltanto una fede ignorando tutte le altre. Questo modo di fare rivela una politica chiara che vuole emarginare e infine sopprimere le minoranze. Noi vogliamo solo un trattamento che sia giusto e uguale per tutti dato che viviamo in una nazione secolare e democratica". Kathmandu riprende il leader protestante "ignora ogni anno la nostra richiesta di ottenere un terreno da trasformare in cimitero. Ci ha bandito dalle nostre terre nei pressi del tempio Pashupatinath. Continua a trattarci come cittadini di seconda classe. E nel frattempo usa le tasse di tutti per aiutare gli indù: questo non si può definire un governo secolare". Dello stesso avviso Nazrul Hassein musulmano e Dharma Murti buddista: "Questa pubblica inclinazione a favore dell'induismo pone una minaccia psicologica su tutti noi".

VATICAN
Pope announces a 'festival of forgiveness' for 28-29 March in St Peter's Basilica and churches around the worldPope Francis made the announcement after today's Angelus. "We must celebrate the forgiveness the Lord gives us as did the father in the parable of the prodigal son who when the latter returned organised a party putting out of his mind all the things the son had done." When Jesus met the woman of Samaria he "tore through the biased mind-set against women." The pontiff also called on the pilgrims to say "Every encounter with Jesus changes one's life; every encounter with Jesus fills us with joy." He also sent his greetings to a Japanese school.
CHINA-VATICAN. Msgr. Fan Zhongliang's funeral attended by 5000 priests and faithful from the official and underground Churches
by Jian MeiMsgr. Ma Daqin who is under house arrest was absent. In the liturgy the priests referred to him as "our Bishop Ma Daqin". During the celebration and prayers Msgr Fan was also referred to as a "bishop" although the government prohibits the use of this term for a non recognized prelate. During the service red vestments were used "a sign of martyrdom". Hope for the unity of the Church in China is growing.

04/01/2014 VIETNAM
I a poet and South Vietnamese soldier found God and the Virgin in communist prisons
by HT
The 68-year old J.B Nguyễn Hữu Cầu spent nearly 39 years in prison in Hanoi. He is one of the longest serving political prisoners in the Asian nation. Released on presidential pardon for poor state of health. In prison he encountered faith in Jesus. Rosary and Way of the Cross sources of strength to overcome pain and forgive his captors.
Ho Chi Minh City ( AsiaNews) During his years in prison he encountered Christianity and decided to convert receiving baptism and later was able to transform the chains that kept him imprisoned consisting of 90 rings into a rosary recited up to five times...
04/01/2014 TAIWAN
"Sunflowers" and "bananas": Taiwan still divided by student protest
by Xin Yage
Groups of pro- China "trade unionists" seek to expel the young people who have occupied parliament. The opposition DPP party supports and subsidizes the sunflower movement. Ma Ying jeou is open to dialogue . But the trade agreement with Beijing must go ahead in order not to lose competitiveness in Taiwan.    04/01/2014 SOUTH KOREA
Korea Bishop of Cheju: The demographic winter is a national disaster the government must intervene
The president of the Korean Bishops Conference Msgr. Peter Kang Uil comments on the latest disastrous data on the declining birth rate to AsiaNews: " It is the result of bad government policies pursued for decades. We urgently need a national campaign and an ongoing effort to promote births otherwise the country will no longer be able to develop".
04/01/2014 IRAN UN
Chief Rabbi of Iran Youssef Hamadani Cohen has died
He was the head of the Iranian Jewish community from 1994 to 2006 . He suffered from Alzheimers. Discreet freedom for the Jewish community which has schools a library a hospital but whose members cannot aspire to high public office . New hopes with Hassan Rouhani .    03/31/2014 VATICAN
Rome preparing for the canonisation of Pope John XXIII and Pope John Paul II
A number of activities scheduled for the occasion were presented today at the Vatican including a 'White Night of Prayer' in 11 churches in downtown Rome. Organisers have no estimates as to how many people will come. However they did mention the possible presence of Benedict XVI. They also expect large media coverage both television and social media. Important social and charitable activities are expected in connection with the event.
03/31/2014 VATICAN SYRIA
Mgr Zenari: pope feels in his heart the suffering of the Syrian people
For the nuncio to Damascus the Syrian conflict is being "forgotten". The pontiff is appreciated by Christians and Muslims by the Syrian people and Syrian authorities. The pope calls for "a bit more humanity".    03/31/2014 VATICAN
Pope: trust the promises of God to avoid being just "existential tourists"
There are three categories of Christians: those who trust the promises of God who never disappoints and follow them throughout their lives; those whose life of faith is stagnant and finally to those who are convinced in their progress but instead "never move one step forward. And I ask the Lord for the grace to return to the road to undertake the journey but towards His promises".
03/31/2014 INDIA
Card Gracias calls on Indians to fast and pray before the election to save democracy
by Card. Oswald Gracias
For Mumbai archbishop 814 million registered voters should "exercise his/her right and duty to vote and do so prudently carefully and judiciously" because we must all "get involved in bettering the history culture and destiny of our nation." The Church does not side with any political party but calls among other things on new leaders to "promote communal harmony and a spirit of inter-religious dialogue and understanding" and "Care for the minorities and weaker sections of society".    03/31/2014 INDONESIA
Yudhoyono ends anti-Chinese hostility drops anti-Chinese terms adopted by Suharto
by Mathias Hariyadi
The Indonesian President signs decree that allows the use of the terms Tionghoa for ethnic Chinese and Tiongkok for China. For some it is just a move to win electoral support; for others it is the culmination of a "long battle".
03/31/2014 CHINA VATICAN
'What future for the Church in China?' published in Chinese
The Holy Spirit Study Centre in Hong Kong has made the book available on its website. The tome focuses on the tenacity of the Chinese Church against the government's attempts to divide it.    03/31/2014 CHINA
Guangdong 1000 people demonstrate against the construction of a chemical plant
The population of Maoming took to the streets to stop an industry of aromatic hydrocarbon seen as a threat to the environment already plagued by rampant pollution. Meanwhile also in the southern province the village of Wukan returns to the polls to elect their leaders: but the government has arrested all possible opponents.
03/31/2014 ITALY VATICAN
The 'Joy of the Gospel' to wake up the world and the mission
by Piero Gheddo
A new book on Pope Francis' Apostolic Exhortation by Fr Giuseppe Buono PIME helps us read 'Evangelii Gaudium' from its true missionary point of view. The path of conversion to Christ is like the journey of the missionary who goes among the people not to become "like them" but "one of them".    03/31/2014 MYANMAR
Archbishop of Yangon: "Churches full for a Lent in favor of poor"
by Francis Khoo Thwe
Archbishop Charles Bo describes the period of preparation for Easter in the Burmese capital and initiatives of solidarity especially for the poorest people of the diocese. Fasting on one meal a day a popular practice. Social and spiritual animation programs aimed at children.
03/31/2014 TURKEY
Erdogan wins election: hunt for "traitors" is on
More than half of the votes counted. Still doubts over results in Ankara. The Prime Minister says those who spread revelations on social networks against him and his party "will pay". Erdogan's sights are on the presidency.    03/31/2014 KOREA
Missiles and nuclear threats tension rises on Korean border
After a week of missile tests the Kim Jong-un regime this morning began land and sea military exercises along the Northern Line. Pyongyang warns Seoul of its intentions but the South's Ministry for Defense claims its neighbour is "trying to create a new crisis". Threat of fourth nuclear test in response to UN criticism.
01/04/2014 VIETNAM
Io poeta e soldato sud-vietnamita nelle carceri comuniste ho incontrato Dio e la Vergine di HT. Il 68enne J.B Nguyễn Hữu Cầu ha trascorso quasi 39 anni nelle prigioni di Hanoi. Egli è uno dei detenuti politici di più lungo corso del Paese asiatico. Rilasciato dietro amnistia presidenziale per le precarie condizioni di salute. In cella ha incontrato la fede in Gesù. Il Rosario e la Via Crucis fonte di forza per vincere il dolore e perdonare i suoi carcerieri.
Ho Chi Minh City (AsiaNews) Durante gli anni di prigionia ha incontrato il cristianesimo e ha deciso di convertirsi facendosi battezzare; in seguito ha saputo trasformare la catena che lo teneva imprigionato formata da 90 anelli in un Rosario che recitava...
01/04/2014 FILIPPINE CINA. Mar Cinese meridionale Manila chiede aiuto all'Onu per fermare Pechino
Il governo filippino ha presentato un'istanza al tribunale delle Nazioni Unite di 4mila pagine e oltre 40 carte nautiche. Per la Cina è un gesto contrario "al diritto alla verità storica e alla morale". Nella controversia interviene anche Washington che denuncia azioni "provocatorie e destabilizzanti" della Marina cinese verso le navi filippine. La politica estera di Pechino sempre più "aggressiva".    01/04/2014 INDIA USA
Gesuita indiano: Gli Stati Uniti non concedano l'immunità diplomatica a Narendra Modi. Un rapporto pubblicato dal Servizio di ricerca del Congresso Usa (Crs) scrive che il leader nazionalista indù "potrebbe tornare negli Usa" qualora vincesse le elezioni. Ad AsiaNews p. Cedric Prakash sj spiega che "molti in India sperano che Narendra Modi non diventi mai primo ministro". Da nove anni Washington nega il visto a Modi per "violazioni della libertà religiosa" dopo i massacri del Gujarat nel 2002.
01/04/2014 TAIWAN
I "girasoli" e le "banane": Taiwan ancora divisa dalla protesta degli studenti
di Xin Yage
Gruppi di "sindacalisti" pro-Cina cercano di espellere i giovani dal parlamento occupato. Il Dpp partito di opposizione sostiene e foraggia il movimento dei girasoli. Ma Ying-jeou apre al dialogo. Ma l'accordo commerciale con Pechino va fatto per non far perdere competitività a Taiwan.    01/04/2014 NEPAL
Nepal minoranze religiose contro il governo: "Dite di essere laici ma sostenete solo gli indù"
di Christopher Sharma
In occasione del grande festival indù Maha Kumbh Mela Kathmandu stanzia milioni di rupie e prepara le infrastrutture necessarie per accogliere 10 milioni di fedeli in maniera gratuita. Cristiani musulmani e buddisti uniti nel chiedere un trattamento uguale per tutti. Leader protestante: "A noi non date neanche la terra per seppellire i morti. Non è giusto".
01/04/2014 GIAPPONE ONU
Caccia alle balene Tokyo "rispetterà la sentenza Onu" che la proibisce
Il governo nipponico ha dichiarato che intende sottostare alla decisione presa dai giudici della Corte internazionale di Giustizia dell'Aja ma ricorda che nel Paese la carne dei "giganti del mare" è un'importante fonte alimentare.    01/04/2014 MALAYSIA CINA
Aereo scomparso: lotta contro il tempo per trovare la scatola nera. I parenti sperano ancora nel miracolo
Entro pochi giorni potrebbe scomparire il segnale che ne permette l'identificazione. Ministro australiano della Difesa: "Poche speranze che venga ritrovata". Intanto emerge una nuova versione delle ultime parole pronunciate dai piloti del volo MH370. I media cinesi invitano a essere "razionali" e a "pensare ai funerali". Ma i familiari sperano ancora di ritrovarli in vita.
01/04/2014 COREA DEL SUD. Corea vescovo di Cheju: L'inverno demografico è un disastro nazionale il governo deve intervenire, Il presidente della Conferenza episcopale coreana mons. Pietro Kang U-il commenta ad AsiaNews gli ultimi disastrosi dati sul calo delle nascite: "Sono il frutto di politiche governative sbagliate e portate avanti per decenni. Abbiamo urgente bisogno di una campagna nazionale a favore delle nascite e di uno sforzo continuo altrimenti il Paese non sarà più in grado di svilupparsi".    01/04/2014 IRAN ONU
E' morto Youssef Hamadani Cohen Gran rabbino dell'Iran
E' stato capo della comunità ebraica iraniana dal 1994 al 2006. Era malato di Alzheimer. Discreta libertà della comunità ebraica che ha scuole biblioteca ospedale ma non può ambire ad alte cariche pubbliche. Le nuove speranze con Hassan Rouhani.
31/03/2014 VATICANO
Roma si prepara alla festa della canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Numerose le iniziative illustrate oggi in Vaticano che non fa previsioni sui numeri. Una "notte bianca di preghiera" per la quale saranno aperte 11 chiese del centro di Roma. Possibile la presenza di Benedetto XVI. Prevista una larghissima eco mediatica sia televisiva che sui social media. Significativi programmi caritativi e sociali.    31/03/2014 VATICANO-SIRIA
Mons. Zenari: Il Papa porta nel suo cuore le sofferenze dei siriani
Il nunzio di Damasco ammette che il conflitto siriano viene "dimenticato". Il pontefice apprezzato da cristiani e musulmani dal popolo e dalle autorità siriane. L'appello del papa perché vi sia "un più di umanità".
31/03/2014 VATICANO
Papa: fidarsi delle promesse di Dio per non fare solo "turismo esistenziale"
Ci sono tre categorie di cristiani: coloro che si fidano delle promesse di Dio che mai deludono e le seguono lungo l'arco della vita quelli la cui vita di fede ristagna e infine a quanti sono convinti di progredire e che invece "mai fanno un passo avanti. E chiedo al Signore la grazia di riprendere la strada di metterci in cammino ma verso le promesse".    31/03/2014 INDIA
Card. Gracias: Prima delle elezioni digiuno e preghiera per salvare la democrazia di Card. Oswald Gracias. L'arcivescovo di Mumbai invita gli oltre 814 milioni di elettori registrati a "esercitare il proprio diritto di voto e a farlo con prudenza attenzione e giudizio" perché tutti "devono essere partecipi del miglioramento della storia della cultura e del destino della nostra nazione". La Chiesa non si schiera con nessun partito ma invita tra l'altro i nuovi leader a "promuovere l'armonia tra le comunità e a prendersi cura delle minoranze e delle fasce più deboli della società".
31/03/2014 INDONESIA. Yudhoyono "cancella" le lotte anti-cinesi e ripristina i termini aboliti da Suharto. Il presidente indonesiano con il decreto 12/2014 reintroduce le storiche denominazioni di "Tionghoa" per gli abitanti di etnia cinese e "Tiongkok" per "Cina". Secondo alcuni è solo una mossa elettorale per guadagnare consensi. Per altri è il coronamento "di una lunga battaglia".    31/03/2014 CINA-VATICANO
Esce l'edizione cinese di "Quale futuro per la Chiesa in Cina?"
Il volume è disponibile per tutti sul sito dell'Holy Spirit Study Centre di Hong Kong. La tenacia della Chiesa cinese davanti ai tentativi del governo di procurare uno scisma.

Inflazione in calo al "minimo" dal 2009. MA IL POPOLO è DISPERATO PERCHé NON HA I SOLDI E NON HA IL LAVORO. ​In cinque mesi dimezzata la crescita dei prezzi. L'Istat: andamento legato ai carburanti. Per la prima volta dopo 12 anni in calo il costo delle sigarette. Stesso scenario a livello europeo.

[ la sharia che conquisterà il mondo per Rothschild 666 FMI-NWO ] Pakistan uccisa un'operatrice sanitaria. Era impegnata nelle vaccinazioni anti-polio. Attaccata da sconosciuti a bordo di una motocicletta nel distretto di Bannu. 31 marzo 2014. NAZI Turchia Erdogan SALAFITA per il Califfato mondiale vince le elezioni. Erano state definite le elezioni della sopravvivenza per Recep Tayyip Erdogan quasi travolto nelle ultime settimane da accuse di corruzione nepotismo autoritarismo: ma il "sultano" di Ankara sembra essere sopravvissuto vincendo con un apparente netto vantaggio contestato dall'opposizione le amministrative di ieri. La sua prima reazione davanti a migliaia di sostenitori accalcati davanti alla sede del suo partito nella notte è stata decisa: chi ha tradito pagherà. "C'è chi cercherà di scappare domani ma pagheranno per quello che hanno fatto". Il premier è apparso al balcone della sede del Akp accompagnato dalla famiglia con accanto il figlio Bilal con lui protagonista di una ormai celebre conversazione telefonica intercettato nella quale parlano di come "fare sparire milioni di euro tenuti in casa". Il suo partito islamico Akp con l'84% delle schede scrutinate è il primo con il 456% in calo solo di meno di tre punti rispetto allo storico 496% conquistato alle politiche del 2011. Il primo partito dell'opposizione il Chp del socialdemocratico Kemal Kilicdaroglu che lo ha ribattezzato il 'dittatorè e il 'Primo Ladrò si ferma al 284% i nazionalisti del Mhp al 15.5% i curdi del Bdp al 41%. A Istanbul e Ankara le due più grandi città del Paese che l'opposizione sperava di strappare a Erdogan la situazione dovrebbe essere del tutto chiara solo oggi. Nella megalopoli del Bosforo da dove è partita la parabola politica di Erdogan che l'ha guidata dal 1994 al 1998 l'uscente Akp Kadir Topbas ha un buon vantaggio nei risultati parziali sul candidato dell'opposizione Mustafa Saigul. Ad Ankara l'islamico Melih Gokcek il sindaco uscente e Mansu Yavas il candidato del Chp sono testa a testa. Si sorpassano a vicenda con il progredire dello spoglio. Ognuno dei due ha già annunciato di avere vinto. L'europea Smirne la terza città del Paese tradizionalmente socialdemocratica rimane nelle mani dell'opposizione con la maggior parte della costa dell'Egeo fino ad Antalya e con la Turchia europea; i curdi del Bdp conservano le grandi città del Kurdistan i nazionalisti del Mhp vincono sul Mar Nero. In mezzo in Anatolia nelle cartine della Turchia al voto predomina un oceano giallo il colore dell'Akp. Il premier sembra essere riuscito se i risultati definitivi confermeranno la tendenza a compattare il suo elettorato storico musulmano anatolico rurale con una campagna muscolare nella quale ha denunciato un'infinità di "complotti" contro il Paese e contro il suo governo orchestrati dai "traditori" della confraternita dell'ex alleato Fetullah Gulen con l'appoggio di lobby finanziarie laiche e di potenze straniere. L'obiettivo del premier era di "lavare" con un successo elettorale le accuse di corruzione. Mantenendosi al potere. Una sconfitta aveva scritto l'analista Barcin Yinancavrebbe avrebbe potuto avviare "un processo che poteva perfino farlo finire in carcere". L'opposizione divisa sembra non essere riuscita a dare al "sultano" la spallata finale nonostante il mare di fango che gli si è rovesciato addosso dopo l'esplosione della tangentopoli turca il 17 dicembre gli arresti dei figli di ministri i milioni di dollari nascosti nelle scatole delle scarpe degli indagati le intercettazioni telefoniche finite su internet nelle quali Erdogan ordina al figlio di far sparire milioni di euro nascosti in casa. La giornata alle urne è stata macchiata anche dal sangue per scontri tra clan schierati con diversi candidati in aree rurali nelle province di Hatay e Sanliurfa vicino al confine con la Siria: il bilancio è di otto morti e almeno venti feriti.

«Tremendo pensare ai giovani senza lavoro». Cari fratelli. siate i benvenuti! Ringrazio Don Angelo per le sue parole. A lui e al nuovo Consiglio Generale auguro di saper servire guidando accompagnando e sostenendo la Congregazione salesiana nel suo cammino. Lo Spirito Santo vi aiuti a cogliere le attese e le sfide del nostro tempo specialmente dei giovani e a interpretarle alla luce del Vangelo e del vostro carisma. Immagino che durante il Capitolo che aveva come tema "Testimoni della radicalità evangelica" abbiate avuto sempre davanti a voi Don Bosco e i giovani; e Don Bosco con il suo motto: "Da mihi animas cetera tolle". Lui rafforzava questo programma con altri due elementi: lavoro e temperanza. Io ricordo che nel collegio era vietato fare la siesta!... Temperanza! Ai salesiani e a noi! «Il lavoro e la temperanza diceva faranno fiorire la Congregazione». Quando si pensa a lavorare per il bene delle anime si supera la tentazione della mondanità spirituale non si cercano altre cose ma solo Dio e il suo Regno. Temperanza poi è senso della misura accontentarsi essere semplici. La povertà di Don Bosco e di mamma Margherita ispiri ad ogni salesiano e ad ogni vostra comunità una vita essenziale e austera vicinanza ai poveri trasparenza e responsabilità nella gestione dei beni.
1. L'evangelizzazione dei giovani è la missione che lo Spirito Santo vi ha affidato nella Chiesa. Essa è strettamente congiunta con la loro educazione: il cammino di fede si innesta in quello di crescita e il Vangelo arricchisce anche la maturazione umana. Occorre preparare i giovani a lavorare nella società secondo lo spirito del Vangelo come operatori di giustizia e di pace e a vivere da protagonisti nella Chiesa. Per questo voi vi avvalete dei necessari approfondimenti e aggiornamenti pedagogici e culturali per rispondere all'attuale emergenza educativa. L'esperienza di Don Bosco e il suo "sistema preventivo" vi sostengano sempre nell'impegno a vivere con i giovani. La presenza in mezzo a loro si distingua per quella tenerezza che Don Bosco ha chiamato amorevolezza sperimentando anche nuovi linguaggi ma ben sapendo che quello del cuore è il linguaggio fondamentale per avvicinarsi e diventare loro amici. Fondamentale qui è la dimensione vocazionale. A volte la vocazione alla vita consacrata viene confusa con una scelta di volontariato e questa visione distorta non fa bene agli Istituti. Il prossimo anno 2015 dedicato alla vita consacrata sarà un'occasione favorevole per presentare ai giovani la sua bellezza. Bisogna evitare in ogni caso visioni parziali per non suscitare risposte vocazionali fragili e sorrette da motivazioni deboli. Le vocazioni apostoliche sono ordinariamente frutto di una buona pastorale giovanile. La cura delle vocazioni richiede attenzioni specifiche: anzitutto la preghiera poi attività proprie percorsi personalizzati il coraggio della proposta l'accompagnamento il coinvolgimento delle famiglie. La geografia vocazionale è cambiata e sta cambiando e questo significa nuove esigenze per la formazione l'accompagnamento e il discernimento. 2. Lavorando con i giovani voi incontrate il mondo della esclusione giovanile. E questo è tremendo! Oggi è tremendo pensare che ci sono più di 75 milioni di giovani senza lavoro qui in Occidente. Pensiamo alla vasta realtà della disoccupazione con tante conseguenze negative. Pensiamo alle dipendenze che purtroppo sono molteplici ma derivano dalla comune radice di una mancanza di amore vero. Andare incontro ai giovani emarginati richiede coraggio maturità e molta preghiera. E a questo lavoro si devono inviare i migliori! I migliori! Ci può essere il rischio di lasciarsi prendere dall'entusiasmo inviando su tali frontiere persone di buona volontà ma non adatte. Perciò è necessario un attento discernimento e un costante accompagnamento. Il criterio è questo: i migliori vanno lì. "Ho bisogno di questo per farlo superiore di qua o per studiare teologia...". Ma se tu hai quella missione mandalo lì! I migliori! 3. Grazie a Dio voi non vivete e non lavorate come individui isolati ma come comunità: e ringraziate Dio di questo! La comunità sostiene tutto l'apostolato. A volte le comunità religiose sono attraversate da tensioni con il rischio dell'individualismo e della dispersione mentre c'è bisogno di comunicazione profonda e di relazioni autentiche. La forza umanizzante del Vangelo è testimoniata dalla fraternità vissuta in comunità fatta di accoglienza rispetto aiuto reciproco comprensione cortesia perdono e gioia. Lo spirito di famiglia che Don Bosco vi ha lasciato aiuta molto in questo senso favorisce la perseveranza e crea attrattiva per la vita consacrata.
Cari fratelli il bicentenario della nascita di Don Bosco è ormai alle porte. Sarà un momento propizio per riproporre il carisma del vostro Fondatore. Maria Ausiliatrice non ha mai fatto mancare il suo aiuto nella vita della Congregazione e certamente non lo farà mancare neppure in futuro. La sua materna intercessione vi ottenga da Dio i frutti sperati e attesi. Vi benedico e prego per voi e per favore pregate anche per me! Grazie!
© Copyright 2013 Libreria Editrice Vaticana


Il sangue per la nostra salvezza [ martiri cristiani: il mondo non era degno di loro! complici di assassini con il loro silenzio, non potranno salvarsi ] Nella Giornata dei missionari martiri un testo dell'arcivescovo Romero tratto da un nuovo libro che raccoglie alcuni suoi discorsi. di Oscar Arnulfo Romero. Oggi è l'anniversario dell'uccisione dell'arcivescovo Oscar Arnulfo Romero e ormai da qualche anno per la Chiesa è diventato il giorno in cui mettere al centro la testimonianza dei martiri missionari. Inserendoci in questa prospettiva proponiamo oggi il testo di un'omelia pronunciata dall'arcivescovo Romero tratta dal nuovo libro «La Messa incompiuta. Le ultime omelie di un vescovo assassinato» pubblicato dall'editrice EdB. A motivo delle molteplici relazioni con l'editrice del giornale El lndependientemi sono potuto unire profondamente ai vostri sentimenti filiali per la morte di vostra madre e, specialmente, a quello spirito nobile che fu Doña Sarita, che pose tutta la sua formazione culturale, la sua sensibilità, al servizio di una causa tanto importante in questo momento: la vera liberazione del nostro popolo. Io credo che i suoi fratelli, questa sera, debbano non solamente pregare per il riposo eterno della nostra cara defunta, ma soprattutto raccogliere questo messaggio che oggi ogni cristiano deve vivere con onestà. Molti, e questo ci sorprende, pensano che il cristianesimo non debba porsi su questo terreno, mentre è tutto il contrario. Avete appena finito di ascoltare nel vangelo di Cristo che è necessario amare non soltanto noi stessi, che uno non deve cercare di non esporsi a quei pericoli della vita che la storia esige da noi, che chi vuole tenersi lontano dal pericolo, perderà la sua vita. Viceversa, chi si impegna per amore di Cristo al servizio del prossimo, vivrà come il chicco di grano che muore, ma solo apparentemente muore. Se non morisse, rimarrebbe solo. Se c'è un raccolto è solo perché muore, lasciandosi immolare in questa terra, disfacendosi e solo disfacendosi produce raccolto. Nella sua eternità Doña Sarita ha ricevuto meravigliosamente la conferma di questa pagina che ho raccolto per lei dal concilio Vaticano II, e dice: «Ignoriamo il tempo in cui avranno fine la terra e l'umanità e non sappiamo il modo con cui sarà trasformato l'universo. Passa certamente l'aspetto di questo mondo, deformato dal peccato. Sappiamo, però, dalla rivelazione, che Dio prepara una nuova abitazione e una terra nuova, in cui abita la giustizia, e la cui felicità sazierà sovrabbondantemente tutti i desideri di pace che salgono nel cuore degli uomini. Allora, vinta la morte, i figli di Dio saranno risuscitati in Cristo, e ciò che fu seminato nella debolezza e corruzione rivestirà l'incorruzione; e restando la carità con i suoi frutti, sarà liberata dalla schiavitù della vanità tutta quella realtà che Dio ha creato appunto per l'uomo. Certo, siamo avvertiti che niente giova all'uomo se guadagna il mondo intero, ma perde se stesso. Tuttavia l'attesa di una terra nuova non deve indebolire, bensì piuttosto stimolare la sollecitudine nel lavoro relativo alla terra presente, dove cresce quel corpo dell'umanità nuova che già riesce a offrire una certa prefigurazione che adombra il mondo nuovo. Pertanto, benché si debba accuratamente distinguere il progresso terreno dallo sviluppo del regno di Dio, tuttavia, nella misura in cui può contribuire a meglio ordinare l'umana società, tale progresso è di grande importanza per il regno di Dio. E infatti, i beni, quali la dignità dell'uomo, la fraternità e la libertà, e cioè tutti i buoni frutti della natura e della nostra operosità, dopo che li avremo diffusi sulla terra nello Spirito del Signore e secondo il suo precetto, li ritroveremo poi di nuovo, ma purificati da ogni macchia, illuminati e trasfigurati, allorquando il Cristo rimetterà al Padre "il regno eterno e universale: che è regno di verità e di vita, regno di santità e di grazia, regno di giustizia, di amore e di pace". Qui sulla terra il regno è già presente, in mistero; ma con la venuta del Signore, giungerà a perfezione» (GS n. 39: EV 1/1439-1441). Questa è la speranza che rafforza noi cristiani. Sappiamo che ogni sforzo per migliorare una società, soprattutto quando c'è tanta abbondanza di ingiustizia e peccato, è uno sforzo benedetto da Dio, che Dio vuole, che Dio da noi pretende. E quando si trova una persona tanto generosa quanto Doña Sarita, e si trova il suo pensiero incarnato in Jorgito e in tutti coloro che lottano per questi ideali, dobbiamo purificarli nel cristianesimo, questo sì, rivestirli di questa speranza dell'aldilà, affinché siano più forti, perché abbiamo la certezza che tutto ciò che avremo seminato sulla terra, non ci deluderà, ma lo ritroveremo purificato in quel regno in cui il merito sta appunto in ciò che abbiamo prodotto su questa terra. Io credo che non sia inutile aspirare a ore di speranza e lotta in questo anniversario. Ricordiamo allora, rendendo grazie, questa donna generosa che ha saputo comprendere le inquietudini e gli sforzi di suo figlio e di quanti lavorano per un mondo migliore e ha saputo mettere lei pure il suo piccolo chicco di grano nella sofferenza. Io non ho dubbi che il suo paradiso sia anche in proporzione di questa sofferenza e di questa comprensione che manca a molti oggi in El Salvador.
Io vi supplico tutti, amati fratelli, guardiamo agli avvenimenti di questo frangente storico con questa speranza, con questo spirito d'impegno e facciamo tutto quello che possiamo. Tutti possono fare qualcosa: anche solo offrire la nostra comprensione. Questa santa donna, che oggi stiamo ricordando, forse non ha potuto fare direttamente delle cose, ha dato però coraggio a coloro che possono lavorare, comprendendo la loro lotta e, soprattutto, pregando e dicendo, anche dopo la morte col suo messaggio di eternità, che vale la pena di lavorare perché tutte queste ansie di giustizia, di pace e di bene che sentiamo su questa terra, le raggiungiamo, se le illuminiamo di una speranza cristiana. Sappiamo infatti che nessuno è potente per sempre e che, per chi ha posto nel suo lavoro un sentimento di fede molto grande, amore per Dio e speranza negli uomini, per costoro tutto ciò si sta trasformando ora negli splendori di una corona che deve essere la ricompensa per il lavoro di chi ha seminato verità e giustizia, amore e bontà sulla terra. E non si ferma qui, ma sappiamo che, purificato dallo Spirito di Dio, viene raccolto per noi e ci viene dato in ricompensa.
Questa santa messa infatti, questa eucaristia è esattamente un atto di fede. Alla luce della fede cristiana, ci sembra che, in questo momento, la voce di divisione si trasformi nel corpo del Signore che si offrì per la redenzione del mondo e in questo calice il vino si trasformi nel sangue che fu il prezzo della salvezza. Che questo corpo immolato, che questo sangue sacrificato per gli uomini siano alimento per noi, affinché anche noi offriamo il nostro corpo alla sofferenza e al dolore, come Cristo, non per noi stessi, ma per dare segni di giustizia e pace al nostro popolo. Uniamoci allora intimamente nella fede e nella speranza in questo momento di preghiera per Doña Sarita e per noi.