spa nwo 666 tutto chiesto a Dio Onnipotente

GLI USA NON VOGLIONO REALIZZARE LA GUERRA CONTRO LA LEGA ARABA E NEANCHE LA INVASIONE DI TERRA, CONTRO ISIS (lo hanno impedito alla Francia), PERCHé HANNO DECISO DI ROVINARCI, DI DISTRUGGERE DEFINITIVAMENTE TUTTI I POPOLI LIBERI ] Iran Threatens to Ignore Nuclear Deal; CLICK for Latest Israel News!
United with Israel  How Can Anyone Be Shocked? Pollard to be Released this Week after 30 Years!
Father and Son Murdered by Arab Terrorists Near Hebron  litmans
WATCH: An Insider’s View of Islamic Extremists  Megyn Kelly Speaks with CIA Morgem Storm Examining the Mind of an Islamic Extremist
Opinion: How Can Anyone Be Shocked by the Terror?  A woman is evacuated from the Bataclan theater after an Islamic terror attack in Paris. (AP/Jerome Delay)
ISIS terror in Paris  At Least 129 Killed, 350 Wounded in Multiple ISIS Terror Attacks in Paris
French Ambassador to Israel Addresses Tel Aviv Crowd Regarding Paris Terror Attacks  WATCH: French Ambassador Thanks Israelis for Support at Tel Aviv Rally
PM Netanyahu  PM Netanyahu Challenges PA Head Abbas to Condemn Terror Attacks Against Israelis
Jonathan Pollard  Jonathan Pollard to be Set Free After 30 Years
Natanz Iran  Iran Threatens to Ignore Nuclear Agreement with US-Led Global Powers
Foreign and Palestinian activists hold Palestinian flags as they march through an Israeli supermarket  WATCH: Don’t be Fooled by the Anti-Israel Boycott Movement
India Tibet Protest  There are 7.5 million Chinese Settlers in Tibet. Will the EU boycott Chinese products?
Prime Minister Netanyahu Updates Cabinet on Temple Mount Status and Recent News Developments  Netanyahu Under Arrest Warrant in Spain; Israel Calls it a ‘Provocation’
 www.unitedwithisrael.org info@unitedwithisrael.org USA: 1-888-ZION-613 Israel: +972-2-533-7841
KingxKingdom
ISLAM è IN DISCONTINUITà, sia, CONTRO ABRAMO che, CONTRO TUTTI I PROFETI DI ISRAELE è UNA APOSTASIA DEMONIACA: LA FECCIa della Dissimulazione e IPOCRISIA, MENZOGNE E TRADIMENTI! SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! nessun musulmano nel mondo condanna la sharia, perché sa che l'ISLAM dovrà fare il nostro genocidio: al momento opportuno! ] IDF Special Forces Capture Terrorist Who Murdered Father and Son on Friday. It has been cleared for publication that a joint security operation between the Shin Bet security forces and IDF Duvdevan counter-terrorism forces succeeded in capturing one of the terrorists behind in the murder of Rabbi Ya'akov Litman and his son Netanel on Friday. Security forces also seized what they believe to be the murder weapon, as well as the vehicle that was used in the shooting attack close to the town of Otniel. Under interrogation the terrorist implicated himself in the attack. The remaining details of the case are still the subject of a gagging order. Last night, father and son were buried amid scenes of immense grief at Jerusalem's Har Hamenuchot cemetery. Some details are already known about the attack, including how the terrorists - who first raked the family car with gunfire as they overtook it - then attempted to "confirm" their kill by firing repeatedly at the car after it ground to a halt. 18-year-old Netanel managed to alert emergency services to the attack before being fatally wounded, while his 16-year-old brother, who was shot in the leg, also called emergency services and even directed them to the scene. This morning, it was further revealed that one of the terrorists actually opened the back passenger door of the car after peppering it with bullets, and came face-to-face with the family's 12-year-old daughter Moriah, who shouted "No!" The terrorist did not open fire, and security forces are investigating if this was the result of his weapon jamming. Moriah's cousin, Rabbi Mordechai Antebi, recounted her terrifying ordeal to Reshet Bet radio. He added that Moriah immediately recognized the terrorist's picture when she was shown a lineup of five suspects by Shin Bet security personnel. Source: Arutz Sheva
KingxKingdom
‘Zionists Out of CUNY!’ Chanted at Student Protestors, Administration Looks Other Way Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Vicious implicitly antisemitic slogans were chanted at a protest at Hunter College in Manhattan on Thursday afternoon after organizers on Facebook called for participants to oppose the school’s “Zionist administration.” But despite footage of the rally circulating online, a spokesperson for Hunter initially denied the hateful nature of the demonstration. “Zionists out of CUNY! Zionists out of CUNY,” shouted protesters, who had ostensibly gathered to fight for free tuition and other benefits. “Intifada! Intifada! Long live the Intifada,” they chanted, as a group of Jewish students waved Israeli flags nearby. A Hunter College representative, who had not been made aware of the demonstration — or the blatantly antisemitic social media announcements — responded Thursday evening: “The rally just took place. There were less than 50 students and it was totally focused on tuition. There was no claim of antisemitism.”
The protest, part of the nation-wide Million Student March set for November 12, was advertised on Facebook by “NYC Students for Justice in Palestine” and other affiliate groups, using antisemitic slurs to attribute the financial plight of students in the City University of New York system to its “Zionist administration [that] invests in Israeli companies, companies that support the Israeli occupation, hosts birthright programs and study abroad programs in occupied Palestine, and reproduces settler-colonial ideology … through Zionist content of education… [aiming] to produce the next generation of professional Zionists.” StandWithUs Northeast Region Director Shahar Azani told The Algemeiner on Friday morning that the Hunter event “is another example of the hijacking of various social causes by the anti-Israel movement. It contaminates the atmosphere on campus; poisons relationships between different groups; and keeps people further apart, thus distancing any hope for change. No student should feel marginalized or threatened while attending school. It is up to us to instill those values to the younger generation and to stand up to those who refuse to adhere to them. If we are unable to do so at our schools, one wonders what the point is of school at all.” Source: The Algemeiner
KingxKingdom
ISIS Threatens to Strike Washington in New Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Islamic State warned in a new video on Monday that countries taking part in air strikes against Syria would suffer the same fate as France, and threatened to attack in Washington. The video, which appeared on a site used by Islamic State to post its messages, begins with news footage of the aftermath of Friday's Paris shootings in which at least 129 people were killed. The message to countries involved in what it called the "crusader campaign" was delivered by a man dressed in fatigues and a turban, and identified in subtitles as Al Ghareeb the Algerian. "We say to the states that take part in the crusader campaign that, by God, you will have a day, God willing, like France's and by God, as we struck France in the center of its abode in Paris, then we swear that we will strike America at its center in Washington," the man said. It was not immediately possible to verify the authenticity of the video, which purports to be the work of Islamic State fighters in the Iraqi province of Salahuddine, north of Baghdad. The French government has called the Paris attacks an act of war and said it would not end its air strikes against Islamic State in Syria and Iraq. French fighter jets launched their biggest raids in Syria to date on Sunday targeting the Islamic State's stronghold in the city of Raqqa. The operation was carried out in coordination with US forces. Police raided homes of suspected Islamist militants across France overnight following the Paris attacks. "Al Ghareeb the Algerian" also warned Europe in the video that more attacks were coming. "I say to the European countries that we are coming, coming with booby traps and explosives, coming with explosive belts and (gun) silencers and you will be unable to stop us because today we are much stronger than before," he said. Apparently referring to international talks to end the Syrian war, another man identified in the video as Al Karrar the Iraqi tells French President Francois Hollande "we have decided to negotiate with you in the trenches and not in the hotels."
KingxKingdom
SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] IDF soldiers come under fire during house demolition of terrorist. IDF troops shot and killed three Palestinian gunmen in the West Bank on Monday morning, after they came under fire while carrying out the demolition of a terrorist’s home in Kalandiya, the IDF spokesperson said. According to the IDF, after the gunfight, clashes broke out in the village, with rioters throwing rocks, firebombs, and using explosive devices against the soldiers, who escaped without injury. The soldiers from the combat engineering corps and special forces units were carrying out the demolition of the home of Muhammed Abu Shaheen, who the Shin Bet says was the trigger man in the murder of Israeli Danny Gonen in June. Gonen was killed near the settlement of Dolev after he was flagged down by a Palestinian man on the side of the road – believed to be Abu Shaheen - who fired at Gonen at point blank range with a 9mm handgun. Abu Shaheen was indicted in August along with six other Palestinians, who security forces say formed a cell that carried out a series of attacks, including the murders of Malachi Rosenfeld and Danny Gonen.
Abu Shaheen is also suspected of other failed attempts to murder Jews and to have fired on soldiers in Kalandiya on a number of occasions. The demolition on Monday follows the demolition by the IDF Engineering Corps on Saturday of the homes of four terrorists responsible for killing Israelis during the recent wave of terror attacks. They include the Kfar Silwad house of Maad Hamed, one of the men responsible for the shooting death of Malachi Rosenfeld, 27, of Kochav HaShahar, who was killed near Shvut Rachel in June. The three other houses belonged to members of the cell that murdered Naama and Eitam Henkin in a shooting attack in October on the road between Elon Moreh and Itamar in the West Bank. The demolitions were approved by the High Court of Justice on Thursday. The court also rejected the demolition of an additional terrorists’ house. On Sunday night, the Shin Bet announced that they had arrested the chief suspect in the murder of a Rabbi Ya’akov Litman, 40, and his son Netanel, 18, who were shot dead outside of Otniel in the West Bank on Friday, while en route to a pre-wedding celebration for one of the Litman daughters. In a statement on the arrest, the Shin Bet said that the alleged trigger man, Shadi Ahmed Matawa, a 28-year-old father of two from Hebron, was turned in by his father and brother. The Shin Bet said that the two men decided to turn him in because they feared that their house would be demolished and that cooperating with authorities could prevent the possible demolition.
KingxKingdom
MY HOLY JHWH PER ME è COME UNA MAMMA TIGRE CHE DICE: "IL MIO CUCCIOLO UNIUS REI RIUSCIRà A SBRANARE LA SUA PREDA NWO 666?" e questo deve da tutti essere compreso io sono l'aspetto politico della 12 Tribù di ISRAELE, l'unico regno politico di Dio che potrebbe comparire su questo pianeta! è fisiologico per me convertire con l'amore, e per gli ostinati distruggere con la violenza i ribelli!
ACTUNG ] [ 11/09; 13/11; il NWO 666 FMI: gufo JaBullOn: potrebbe scegliere come data simbolica: il 31/12, per compiere un prossimo clamoroso attentato islamico!
==========
oBAMA 666 SPA NWO XXX PORNO fed BCE SPA FMI: rothschildd bildenberg il gufo NWO, gela Hollande e dice: "no ad attacchi di terra contro ISIS!" ma, lui chi si crede di essere quel Sodoma Gender lobby culto satana?
=========
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ J'accuse di Putin: ISIS riceve finanziamenti da 40 Paesi, compresi membri del G20. Durante il vertice del G20 di Antalya, la Russia ha dato esempi di come persone fisiche di 40 Paesi, compresi membri del G20, riescano a finanziare ISIS. Lo ha dichiarato il presidente Vladimir Putin intervenendo nella fase finale del vertice internazionale. "Ho presentato esempi, relativi ai nostri dati, sul finanziamento da parte di persone fisiche a beneficio di ISIS. Come da noi stabilito, i fondi provengono da 40 Paesi, in particolare da alcuni membri del G20, — ha sottolineato il presidente russo. Secondo Putin, il tema della lotta contro il terrorismo è stato uno dei fondamentali al vertice del "G20". Allo stesso tempo è stato affrontato il tema dell'implementazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che è stata approvata su iniziativa della Russia, con lo scopo di impedire il finanziamento del terrorismo, nonché l'eliminazione del contrabbando di oggetti artistici, che i terroristi hanno preso dai musei dei territori occupati: http://it.sputniknews.com/mondo/20151116/1554044/Terrorismo-Russia-ONU-Sicurezza-Arte-Contrabbando.html#ixzz3rjWhA6Bx
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ in Italia ogni paese, ed ogni quartiere di Città ha la sua Mafia, a Bari si uccide, ormai, una persona ogni settimana! Renzi, “l’Italia ha vinto la mafia e può risolvere tutte le sfide” 19:07 16.11.2015URL abbreviato: 22654012 ] MATTEO RENZI è UNA TRUFFA TOTALE! è UN VIGLIACCO SENZA LE PALLE! il sistema massonico di: DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONE: violazione, alto, tradimento furto sovranità monetaria, ha bisogno di relativismo, pensiero unico massonico dominante, mafia, corruzione, lobby massoniche, ecc.. certo ci volle il fascismo per stanare gli usurai! e fu soltanto colpa di Hitler se il fascismo prese una piega antisionista! Il premier Matteo Renzi ha lasciato la sede del summit del G20 per rientrare in Italia dopo avere cancellato l'incontro bilaterale col presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, per problemi di agenda. Nella conferenza stampa ai margini del G20, il premier italiano ha sottolineato che "la sfida del terrorismo è molto grande, drammatica. I terroristi stanno colpendo i luoghi simbolo della nostra identità. Come si risponde? Non certo con un atto d'istinto, occorre essere molto determinati, duri, noi saremo totalmente pronti a esprimere questa determinazione e questa tenacia ma occorre anche avere l'intelligenza, la saggezza e l'equilibrio di parlare alla nostra gente e di dire che questa non è una questione che si risolve con uno schiocco delle dita. Chi ha in mente soluzioni semplicistiche non si rende conto di creare solo illusioni. Dunque occorre una strategia. Occorre dire che il terrorismo è in varie parti del mondo, occorre avere un approccio complessivo". Renzi ha rimarcato positivamente "il principio italiano di riportare la Russia al tavolo della discussione, il che sta finalmente portando qualche risultato. Questo — ha però avvertito — non vuol dire delegare alla Russia la risoluzione dei problemi ma riuscire tutti insieme ad avere una strategia seria. occorreranno mesi o forse anni per risolvere questo problema. E non crediamo nemmeno alle banalizzazioni di chi dice che arrivano troppi migranti. Nessuna sottovalutazione, massimi controlli: l'Italia è impegnata, abbiamo fatto quasi 60mila controlli". Nel finale il premier ha aggiunto che "l'Italia è un grande Paese, in condizione di risolvere tutte le sfide, anche quelle più drammatiche. L'Italia, secondo Renzi, ha vinto il terrorismo interno, la mafia, e perciò è in condizione di affrontare una sfida difficilissima. Ma la sfida più grande è vincere la paura": http://it.sputniknews.com/italia/20151116/1555192/Renzi-Italia-vinto-Mafia-G20.html#ixzz3rjXPJUKn
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ PERCHé HAMAS E OLP SONO TERRORISTI SHARIA LEGALI? Mo: Israele, Movimento islamico dichiarato 'illegale' E' la Frazione Nord dello sceicco Raed Salah. TEL AVIV - Il governo israeliano ha dichiarato ''illegale'' il Movimento islamico (Frazione Nord) dello sceicco Raed Salah. Le sue attivita' sono da ora vietate perche', secondo il ministro della Sicurezza interna Ghilad Erdan, ha ''fomentato violenze e atti di terrorismo''.  ] E PERCHé IN 66 ANNI ISRAELE (666 ROTHSCHILD SPA NWO ) NON è RIUSCITA A VINCERE IL TERRORISMO ISLAMICO ANCORA? [ Forza Israele https://www.facebook.com/forzaisraele/ affidare a Israele la direzione mondiale della lotta al terrorismo e tempo sei mesi la piaga scompare
Angelo Dureghello [ Trieste ] Si, finché, qui e' pieno di comunisti ipocriti che dicono che il pericolo non c'e', nessun provvedimento sara preso. Poi ci mitraglieranno come pecorelle indifese.
Bruno Bozner [ tra deci anni cominceranno a farlo anche in europa, ma temo sarà tardi
=======================
è indispensabile dichiarare guerra alla Turchia ed a tutta la LEGA ARABA!  (ANSA) - ROMA, 16 NOV - Era il febbraio dello scorso anno: l'Isis celebra gli attacchi a Parigi contro Cherlie Hebdo e il supermarket Kosher nel suo nuovo numero della rivista Dabiq, il magazine patinato in lingua inglese, fiore all'occhiello della propaganda di Abu Bakr al Baghdadi. "L'intelligence mi conosce bene, mi hanno anche arrestato diverse volte. Hanno cercato in tutti i modi di arrestarmi ma non ci sono riusciti: ed eccomi qua in Siria", dice tra l'latro Abaaoud.
==================
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ e questo è vero Kerry 322 Bush 666 Rthschild sono sacerdoti di satana molto civilizzati! ] IO CREDO CHE NOI DOVREMMO UCCIDERE LA LEGA ARABA, SENZA ODIARE LA SUA GENTE! QUELLO CHE MI FA PAURA è IL SENTIMENTO DI ODIO CHE SI VUOL FAR NASCERE TRAI I POPOLI A TUTTI I COSTI!  (ANSA) - PARIGI, 17 NOV - Il conflitto contro i militanti dello Stato islamico non è uno scontro di civiltà, "infatti, sono mostri psicopatici. Non hanno nulla di civile": lo ha detto ieri sera il segretario di Stato americano John Kerry all'ambasciata americana di Parigi.
KingxKingdom
nessuno è più volto del diavolo massone satanista GENDER di lui OBAMA il demonio! io gli ordino di auto distruggersi! Obama: "Non basta colpire Isis in Sira e Iraq" - Il presidente Usa Barack Obama: "L'Isis è il volto del diavolo, dobbiamo distruggerlo". [ è indispensabile dichiarare guerra a tutti questi paesi canaglia, protetti da OBAMA 666 GENDER IDEOLOGIA SODOMA! Putin: "Isis finanziato da membri G20" - Vladimir Putin ha dichiarato che i jihadisti dell'Isis sono finanziati da persone fisiche provenienti da 40 Paesi, tra cui anche membri del G20. Il presidente russo ha precisato di aver condiviso con i colleghi del summit ad Antalya i dati a disposizione della Russia sul finanziamento ai terroristi.
KingxKingdom
La Santa Sede baluardo contro lo scontro di civiltà ] mentre [ LA LEGA ARABA SHARIA è SATANA ] di Francesco Peloso Nell’ultimo quarto di secolo, da quando cioè la caduta del Muro di Berlino ha ridisegnato la carta geografica del mondo, la Santa Sede è stata di fatto l’unica istituzione globale che si è opposta con decisione e lucidità al cosiddetto scontro di civiltà;
KingxKingdom
un miracolo COME TANTI ] [ Un santo che girava in incognito in ospedale ravviva la fede di tre infermiere. "Quell'infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava... Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”Sei anni fa, il tre novembre, l’infermiera Margarita de los Ángeles Parra era di guardia nel reparto maternità dell’ospedale di ginecologia e ostetricia di Tlatelolco (Messico). Com’era abituale, Margarita doveva vegliare quella notte sul benessere delle future mamme e di quelle che avevano appena partorito. Visto che i minuti passavano e la sua collega di guardia non arrivava, ha iniziato a inquietarsi. In quel pomeriggio erano nati tredici bambini, e ogni madre aveva bisogno di cure diverse, e inoltre il ginecologo assegnato a quel settore doveva assistere ai parti. Margarita credette di essere praticamente sola, ma avrebbe ricevuto un aiuto straordinario, come ha dichiarato al settimanale Desde la Fe, anche se solo qualche ora dopo avrebbe capito chi fosse stato il suo peculiare collega di lavoro…
“All’improvviso”, ha raccontato, “è apparso un uomo magro e moro con il camice da infermiere. ‘In cosa posso aiutarti?’, mi ha chiesto. Sono rimasta sorpresa per la fiducia con la quale si era rivolto a me, visto che non ci conoscevamo. Non avevo finito di dargli istruzioni che già stava assistendo le donne e i neonati. Sempre sorridente, accarezzava i capelli delle pazienti. Anche se non lo avevo mai visto, mi è sembrato normale che fosse in servizio, perché in genere se una persona manca al lavoro chiede a un infermiere o a un medico di sostituirla”.
Margarita ricorda il sorriso particolare del suo collega e i suoi denti bianchi e brillanti che risaltavano sul volto dalla pelle più scura. La sorprendeva che dedicasse tanto tempo ad ascoltare tutto quello che gli dicevano le neomamme e a verificare l’evoluzione dei bebè. “Quell’infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava. Prendeva le mani delle pazienti tra le sue, e le donne che non avevano ancora partorito si tranquillizzavano molto quando si avvicinava. Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”, ha aggiunto.
Per il resto della notte altre due infermiere si sono unite al servizio. Le donne si sono preoccupate quando l’infermiere sconosciuto è sembrato all’improvviso un po’ pallido e sudato. A Margarita è anche sembrato che tremasse come se avesse la febbre, ma anche in quelle condizioni continuava ad assistere le donne e i bambini con grande affetto. “Insieme alle mie colleghe l’ho convinto a uscire dal padiglione e a riposarsi un po’. Lui ci ha sorriso, è uscito e non lo abbiamo più rivisto”.
Quando stava albeggiando, Margarita ha risposto alla chiamata di una signora che non si sentiva bene e sentiva di aver avuto un rialzo di temperatura. L’ha assistita e l’ha invitata a tranquillizzarsi, dicendole che tutto sarebbe andato bene. Per sua sorpresa, la donna le ha risposto: “Sì, sono tranquilla, perché San Martín de Porres è venuto a farmi visita e mi ha detto che starò bene”.
Abituata, dice l’infermiera, a che i pazienti negli ospedali riferiscano di vedere qualche familiare defunto, la Madonna o i santi, Margarita si è limitata a sorridere con benevolenza. “Ma la signora ha notato la mia incredulità e mi ha detto: ‘Le giuro che era qui, era vestito da infermiere!’”.
Anche se il raziocinio di Margarita resisteva a credere a ciò che le aveva detto la paziente, ha commentato l’accaduto con le sue due colleghe, che non hanno esitato a crederci: “Non si riferiva all’infermiere che è stato per un po’ con noi?”, ha chiesto una di loro, aggiungendo: “In effetti assomigliava molto a San Martín de Porres”.
“In quel momento mi è venuta la pelle d’oca. Ancora poco convinta, ho detto loro: ‘E che miracolo è venuto a fare qui?’ ‘Non lo so’, ha risposto la mia collega, mentre camminavamo tutte e tre verso una delle finestre. In quel momento un raggio di sole ci ha illuminate, lasciando intravedere una bellissima alba. Nella stanza, le pazienti erano molto contente, alcune già con i loro piccoli e altre che aspettavano i dolori del parto”.
“Quella notte San Martín de Porres forse è stato con noi o forse no, ma ciò che è certo è che avevamo lavorato insieme, gomito a gomito, ricordandoci che siamo diventate infermiere per assistere e servire i nostri simili nel dolore, alleviare la loro angoscia, aiutarli nel loro dolore… e questo è già un grande dono che Dio ci ha fatto quella notte!”
La storia di Martín inizia con la visita che fece alla città di Lima (Perù) un cavaliere spagnolo dell’Ordine di Alcántara, don Juan de Porres, che allora lavorava come diplomatico agli ordini del re Filippo II di Spagna. La sua permanenza in città, pur se breve, gli permise di conoscere e stringere i rapporti con una giovane immigrata afropanamense di nome Ana Velázquez. Da quel legame sarebbero nati due figli che il padre non riconobbe: Juana e suo fratello Martín, il 9 dicembre 1579.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/un-santo-che-girava-in-incognito-in-ospedale-ravviva-la-fede-di-tre-infermiere/
KingxKingdom
EPPURE C'è CHI è COSì SATANISTA FARISEI ROTHSCHILD OBAMA MAOMETTANO CHE CONTINUA A SFIDARE LA MISERICORDIA DIVINA! Pray for Burundi. Il Paese è a rischio caos e si profila un'emergenza umanitaria. La Chiesa burundese invita a pregare per la pace. Michael Hampton. Chiara Santomiero/Aleteia, 16 novembre 2015, Burundi's policemen and army forces face protestors during a demonstration against incumbent president Pierre Nkurunziza's bid for a 3rd term on 13 May 2015 in Bujumbura. In the neighborhood of Musaga, hundreds of people waved sticks and threw stones as police responded with tear gas, a water cannon and live rounds. Protestors looted the local police post in Musaga, burning furniture, mattresses and clothing in a barricade fire, an AFP photographer said. Burundi's presidency said an attempted coup by a top general had "failed" on May 13, 2015 and pro-president Burundi troops at state broadcaster fire warning shots over the heads of hundreds of protesters, an AFP reporter said. Burundian general Godefroid Niyombare on May 13 announced the overthrow of President Pierre Nkurunziza, following weeks of violent protests against the president's bid to stand for a third term. AFP PHOTO / JENNIFER HUXTA. “Di notte la polizia arriva nelle case a prendere le persone e il giorno dopo veniamo a sapere che sono morte. Troviamo cadaveri nelle strade. Ormai l’insicurezza è totale“. Lo racconta ad Aleteia una fonte della Chiesa della capitale del Burundi, Bujumbura, che chiede di rimanere anonima per motivi di sicurezza. E’ capitato anche a dei religiosi salesiani di essere prelevati, ma fortunatamente all’indomani sono stati rilasciati. “La paura attanaglia tutti – prosegue la fonte -: migliaia di persone si sono spostate in altre parti del paese, altre centinaia di migliaia hanno passato il confine verso il Ruanda, l’Uganda, la Repubblica democratica del Congo, la Tanzania e anche l’Europa”.
I fatti di Parigi hanno fatto scomparire dai media l’attenzione per il dramma del Burundi. Dallo scorso aprile nel Paese africano si sono intensificati gli scontri causati dalla candidatura prima e dalla rielezione poi del presidente Pierre Nkurunziza per un terzo mandato, in violazione della Costituzione e degli accordi di pace di Arusha che nel 2000 avevano sancito la fine della guerra civile e dato origine a un complicato sistema di condivisione del potere. Circa 200 persone sono state uccise dalle forze di sicurezza governative durante la repressione delle proteste e si calcola che più di 200 mila burundesi abbiano lasciato il Paese. Anche stamattina, come riferisce l’Agenzia Fides, si è combattuto in diversi quartieri della capitale Bujumbura.
Il 12 novembre il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato una risoluzione che dà 15 giorni di tempo al segretario generale Ban Ki-moon e al suo inviato in Burundi, Jamal Benomar, per esprimere un parere sulla possibilità dell’invio nel Paese africano di una forza militare e di polizia sotto l’egida dell’Onu. Per una decisione in tal senso, occorrerebbe, alla scadenza del termine, una nuova risoluzione o un’autorizzazione – difficile da immaginare – da parte del governo del contestato presidente Nkurunziza.
Un appello al dialogo e un invito alle parti ad incontrarsi per per far cessare le violenze e trovare una soluzione politica alla crisi era stato rivolto congiuntamente, sempre il 12 novembre, dal segretario generale aggiunto dell’Onu, Jan Eliasson, dal presidente della Commissione dell’Unione africana, Nkosazana Dlamini Zuma, e dall’alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell’Unione europea, Federica Mogherini.
“La Commissione per il dialogo interburundese esistente – spiega ad Aleteia la fonte da Bujumbura – non include tutti i gruppi politici e non è, quindi, efficace”. E’ invece necessario “il dialogo tra tutte le parti, anche coloro che hanno preso le armi, per il bene del Paese”.
La Chiesa burundese, che si è pronunciata contro la rielezione di Nkurunziza, aveva già chiesto, senza successo, di aprire il dialogo con l’opposizione in un comunicato pubblicato al termine dell’ Assemblea Plenaria dello scorso settembre. Nella stessa occasione aveva chiesto “il rispetto dello stato di diritto e la garanzia dei diritti delle persone” condannando “gli atti criminali che si registrano quotidianamente in particolare nella capitale Bujumbura, dove ogni notte si verificano omicidi, e dove diverse persone non dormono nel proprio domicilio per paure di essere rapite o uccise. In alcuni quartieri, denuncia il comunicato, gli abitanti sono consegnati in residenza sorvegliata e, non potendo uscire di casa per andare a lavorare o procurarsi da mangiare, rischiano di morire di fame“. “La povertà minaccia la popolazione– avevano scritto i vescovi- e questa accresce il dramma che stiamo vivendo, dal momento che alcuni membri della comunità internazionale sembrano aver sospeso i loro aiuti al Burundi” (Agenzia Fides 24 settembre 2015).
Papa Francesco, che a fine novembre visiterà il Kenya, l’Uganda e la Repubblica Centrafricana, il 17 maggio 2015 ha chiesto di pregare per “il caro popolo burundese” invitando tutti a “abbandonare la violenza e ad agire responsabilmente per il bene del Paese”. Dal 14 al 22 novembre la Chiesa cattolica burundese ha lanciato una novena di preghiera per la pace sia in Burundi che in alcuni altri Paesi dell’Africa centrale: la preghiera e la volontà di pace sono le “armi” che mette sul tavolo della riconciliazione nazionale. “La preghiera – conclude la fonte di Aleteia – ci dà la forza di sperare contro ogni speranza“.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/pray-for-burundi/?utm_campaign=NL_it&utm_source=topnews_newsletter&utm_medium=mail&utm_content=NL_it-Nov%2016,%202015%2007:23%20pm
KingxKingdom
COMUNISTI GENDER IDEOLOGIA DI MERDA: LA ROVINA DELLA NOSTRA CIVILTà! ] [  L’Italia dei paradossi: sì alla mostra con Cristo nell’urina a Lucca, no all’arte sacra a Firenze. Anche l'arte diventa fonte di discriminazione. Dall'esaltazione della blasfemia al "divieto d'accesso" per gli scolaretti. Paradossi in Toscana
http://it.aleteia.org/2015/11/14/piss-christ-mostra-blasfema-lucca-arte-sacra-firenze/
KingxKingdom
la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro
 delitti! ]]
http://www.byoblu.com/post/2015/11/12/i-documenti-uk-che-fanno-gelare-il-sangue-da-enrico-mattei-ad-aldo-moro.aspx
I documenti UK che fanno gelare il sangue: da Enrico Mattei ad Aldo MoroPaolo Becchi: Parigi  è un False FlagLe guerre USA? Pianificate. Tutte. 14 anni fa.http://www.byoblu.com/post/2015/11/05/le-guerre-usa-pianificate-tutte-14-anni-fa.aspx
Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell'ISIS. Chi è Rita KatzGenerale francese: L'ISIS CREATO DAGLI USAhttp://www.byoblu.com/post/2015/11/15/generale-francese-lisis-creato-dagli-usa.aspx
KingxKingdom
I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell’ISIS [[ la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro delitti! ]] Pubblicato 16 novembre 2015 - 19.30 - Da Claudio Messora, NUOVI DOCUMENTI USA - ECCO COME E' NATO L'ISIS.. UN PO’ DI STORIA, E’ il 2004 quando Abu Musab al-Zarqawi fonda al Qaeda in Iraq, nota con l’acronimo di AQI. Nel 2006 viene fatto fuori da un raid USA. Al suo posto arriva Abu Ayyub al-Masri, che annuncia subito la creazione dello Stato Islamico dell’Iraq (ISI). Dopo la sua uccisione, avvenuta nel 2010 in un’operazione congiunta USA-Iraq, capo dell’ISI diviene Abu Bakr al-Baghdadi, che l’anno successivo, nel 2013, dichiara di avere assorbito un gruppo di militanti, supportati da Al Qaeda, che operano in Syria, conosciuto con il nome di Jabhat al-Nusra, o anche Fronte al-Nusra. Il leader dell’ISI dichiara così la nascita dell’ISIL, lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (con il termine di “Levante” ci si riferisce storicamente a tutta l’area che si affaccia sul Mediterraneo dell’est), o anche come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS). Il Fronte al-Nusra, guidato da Abu Mohammad al-Julani, però nega. Dopo 8 mesi di TFfaide interne, il 3 febbraio 2014 al-Qaeda recide i legami con al-Baghdadi, ma un ramo del Fronte al-Nusra, che opera nella città siriana di Al-Bukamal, si unisce all’ISIL.
abu bakr al-baghdadiE’ interessante notare come al-Baghdadi sia stato prigioniero degli Stati Uniti in Iraq, nel Camp Bucca, dal 2005 al 2009. Qui lo vediamo in una foto diffusa dal Ministero degli Interni iracheno. “Non era tra i peggiori“, ha dichiarato il colonnello Ken King che lo ebbe in custodia. Conosceva le regole e non si metteva mai in pericolo. Gli Usa l’avrebbero consegnato infine alle autorità irachene, con una solida documentazione a corredo, ma in seguito sarebbe stato inspiegabilmente rilasciato. E avrebbe avviato il regime del terrore che tutti noi oggi conosciamo. Quantomeno curioso. Soprattutto in considerazione delle numerose, leggendarie foto che ritraggono il senatore McCain, nei suoi viaggi in Siria tesi a costituire una forza che si opponesse ad Assad, con un giovane che, se non è al-Bagdhadi, ci somiglia in maniera impressionante. McCain Al-Baghdadi raffronto paragone comparison
Insieme al presunto al-Baghdadi, ci sarebbe stato anche il temibile Khalid al-Hamad, soprannominato “il mangiatore di cuori” per via di questo video dove divora il cuore di un soldato pro-Assad.
Khalid al-Hamad McCain. Come che sia, il 29 giugno del 2014 l’ISIL proclama la nascita di un califfato mondiale. Al-Baghdadi si autonomina califfo e il gruppo cambia il suo nome in IS, semplicemente “Stato Islamico”, concetto che viene rifiutato da governi e leader musulmani in ogni parte del mondo.
Il NUOVO DOCUMENTO DESECRETATO USA. Un po’ di storia era necessaria per comprendere che nel 2012 esisteva solo lo Stato Islamico dell’Iraq (ISI), ma l’ISIL non esisteva ancora. Acquisisce quindi particolare significato il contenuto del documento desecretato quest’anno, grazie alle pressioni di Judicial Watch, e redatto il 12 agosto 2012 dalla DIA, la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti d’America. La DIA è la componente del Dipartimento della Difesa (Department of Defense, DoD) che fornisce ai decisori politici e militari, nonché al presidente USA in persona, un servizio di intelligence sia sui governi e sugli stati delle zone calde, che sui protagonisti in genere capaci di influire sul complesso degli equilibri geopolitici, pur non essendo Stati veri e propri. Non è un mistero per nessuno che gli Stati Uniti (e non solo loro) desiderino la caduta del regime politico di Assad in Siria, per acquisire il controllo di un’area altamente strategica come quella che consente ai paesi produttori di petrolio di avere uno sbocco nel Medirettaraneo. Se volete comprendere un po’ meglio la posta in gioco, guardatevi questo video, parlato in spagnolo ma sottitotolato in italiano. SIRIA: LA SPIEGAZIONE DI TUTTO (il video che dovete vedere per capire) E cosa scrive, nell’agosto 2012, la Defense Intelligence Agency? Scrive che i salafiti, i fratelli musulmani e AQI (al-Qaeda Iraq) sono le principali forze che guidano l’insurrezione in Siria, e inoltre che anche l’occidente, i paesi del golfo e la Turchia vogliono far cadere Assad, mentre la Russia, la Cina e l’Iran sono dalla parte del regime. Ecco il passaggio a cui fare riferimento:
Department of Defense - Isis 1. Nel documento, a pagina 3, si spiega che al-Qaeda Iraq conosce bene la Siria perché si è addestrata lì, prima di trasferirsi in Iraq. Si dice poi che l’AQI sostiene le forze che si oppongono ad Assad e che richiama i sunniti alla guerra contro la Siria, in quanto stato infedele.
Poi, nell’analisi sulle possibili conseguenze in Iraq, sostiene che “se la situazione dovesse andare in fumo, c’è la possibilità di creare un principato salafita, dichiarato o meno, nell’est della Siria, e questo è esattamente ciò che i poteri che sostengono l’opposizione vogliono, per isolare il regime siriano“. Si ipotizza quindi che “L’ISI potrebbe anche dichiarare uno Stato Islamico attraverso la sua unificazione con altre organizzazioni terroristiche in Iraq e in Siria”.
Department of Defense - Isis 2Sappiamo dunque che le forze di opposizione ad Assad avevano bisogno della nascita dell’ISIS per abbattere il regime siriano. E lo stesso vice-presidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden, lo ha sostenuto (“non siamo riusciti a convincere i nostri alleati nel medio oriente a smettere di sostenere gli estremisti in Siria“, guarda il video), mentre l’ex generale Nato Wesley Ckark ha dichiarato che “I nostri amici e alleati hanno fondato l’ISIS per distruggere gli Hezbollah“. Ora, sappiamo con certezza, che gli USA consideravano l’ISIS, fin da prima della sua comparsa, come un modo di isolare il governo siriano, ma sappiamo anche che i suoi alleati lo hanno creato e sostenuto, mentre al Fronte al-Nusra veniva consigliato un po’ di trucco per presentarsi come forza moderata e beneficiare del supporto degli Stati Uniti in termini di armi, che poi finivano però anche nelle mani dell’ISIS. E del resto non si può sapere quanti di quei 60 miliardi di dollari di armi che gli USA hanno venduto all’Arabia Saudita (cioè gli alleati del medio oriente che secondo il vice-presidente degli Stati Uniti d’America hanno finanziato l’ISIS) siano in realtà finiti nelle mani del califfato.
Quello che sappiamo è che l’occidente, per assicurarsi il dominio di un’area strategica del pianeta come quella che dalla Siria conduce all’Iraq e all’Iran, ha fondato, finanziato e supportato in tutti i modi la nascita di un movimento destabilizzatore, fortemente votato alla propaganda, il quale avrebbe poi trovato unico canale di diffusione mediatico quel Site (Search for International Terrorist Entities, il sito di monitoraggio USA degli jihadisti sul web) dove Rita Katz ancora oggi diffonde le rivendicazioni dell’ISIS come se avesse un’esclusiva commerciale e, quasi sempre, senza linkare le fonti (per saperne di più sul site, leggi “Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell’ISIS. Chi è Rita Katz“).
Ecco perché i commenti di chi oggi invoca crociate contro gli infedeli, presentando uno scenario a senso unico dove qui siamo tutti buoni e di là sono tutti cattivi, riporta verità parziali, molto spesso demagogicamente tese a orientare l’opinione pubblica in favore di un intervento armato che serve molti scopi diversi, tra i quali il ridimensionamento di una forza sfuggita al controllo occidentale non è che uno di essi, mentre il conseguimento dell’obiettivo militare di abbattere Assad e di quello strategico di controllare l’area del medio oriente rappresentano sicuramente obiettivi primari, anche in considerazione del fatto che l’ISIS conta più o meno 50mila uomini. E non è credibile, in nessun modo, che i più potenti eserciti della Terra possano avere una qualunque, anche remota possibilità di non averne ragione – se davvero lo volessero – in meno di 24 ore.
KingxKingdom
io sono troppo sensibile all'amore! CHIUNQUE MI AMA? IO LO AMERò troppo anche! ed io non chiedo a nessuno: "cosa tu hai fatto nel tuo passato?" perché, la misericordia ha occhi soltanto per il tuo futuro: io vivo per realizzare la tua felicità!
KingxKingdom
qualcuno tradisce il NWO per servire Unius REI: chiunque dei miei rabbini sia stato: lui vuole entrare nel mio regno delle 12 tribù di israele e della felicità fratellanza universale! ] [ Error 520 Ray ID: 246569da42ed3d9b • 2015-11-16 18:56:24 UTc Web server is returning an unknown error ] Claudio MessoraCondiviso pubblicamente  -  19:35 ECCO I DOCUMENTI DESECRETATI USA CHE RACCONTANO LA NASCITA DELL'ISIS Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento utile a rovesciare Assad. http://www.byoblu.com/post/2015/11/16/i-documenti-desecretati-usa-che-raccontano-la-nascita-dellisis.aspx I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell'ISIS - Byoblu.combyoblu.com Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento per rovesciare Assad.
KingxKingdom
[ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO
PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ ] il significato di
questo fenomeno demoniaco è troppo semplice, io ho lasciato sopravvivere
 gli alieni ed i sacerdoti di Satana soltanto perché, loro devono fare
il genocidio della LEGA ARABA!  allora "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH"
KingxKingdom
questa è per me una constatazione troppo vecchia: alieni controllano il
motore di intelligenza artificiale di google ] lorenzoJHWH si divertivano a tradurlo shalomgerusalemme: perché i demoni sono cinici! ] Lega Nord PadaniaCondiviso pubblicamente  [ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ a me adesso traduce bene ! We will meet again SOON We'll see you soon
KingxKingdom
my ISRAEL ] GLI USA 666 CIA JABULLON IL GUFO ROTHSCHILD, SONO CAPACI DI ACCENDERE SULLA TERRA IL FUOCO DELL'INFERNO, MA, POI, LORO NON HANNO NESSUNA CAPACITà DI PORRE UN RIMEDIO AI LORO DELITTI! SOLTANTO UNIUS REI PUò RIPORTARE L'AMORE DI DIO NEL MONDO!
KingxKingdom
my ISRAEL ] IO SU KERRY, giustamente, io HO DETTO TUTTO IL MALE DI QUESTO MONDO! e invece, questa volta lui ingenuamente pensa che, ASSAD può chiamare i sunniti che, la ARABIA SAUDITA ha armato con le autobombe che hanno fatto stupri e genocidi di bambini, hanno fatto i cannibali e dire loro: "OK ADESSO FACCIAMO UN GOVERNO DI UNITà NAZIONALE! " no! tutto questo ora non è più possibile! QUì C'è UN PROBLEMA ISLAMICO SHARIA NAZISTA CHE DEVE ESSERE AFFRONTATO CONTRO IRAN E contro: ARABIA SAUDITA, perché a questo punto, dove noi siamo giunti? non è più possibile poter tornare a quelle condizioni che potevano, sia pure, in modo molto difettoso: cioè, potevano poter funzionare come nel passato! E tutti loro soltanto ad una autorità divina come Unius REi si assogetterebbero volentieri! QUINDI, ANCHE VOI DOVETE RINUNCIARE AL VOSTRO NWO DI SATANA! OPPURE SE AVETE LE PALLE, POTETE SEMPRE SCATENARE LA GUERRA MONDIALE NUCLEARE!
KingxKingdom
pensare che ci sia una vera democrazia nel crimine REGIME di altro
tradimento massonico ed usurocratico: questa è una bestemmia ma, pensare
 che oggi questa bestemmia sia presente in Turchia islamica: in qualche
modo, questo rasenta le tragi commedie comiche! Turchia: partito curdo, annullare voto. leader dell'Hdp, Demirtas: 'Non è stato libero né equo'
C. S. P. B.Crux Sancti Patris BenedectiCroce del Santo Padre Benedetto
C. S. S. M. L.Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce
N. D. S. M. D.Non draco sit mihi dux
Che il dragone non sia il mio duce V. R. S.Vadre Retro satana
Allontanati satana! N. S. M. V.Non Suade Mihi Vana
Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L.Sunt Mala Quae Libas
Ciò che mi offri è cattivo I.V. B.Ipsa Venena Bibas
Bevi tu stesso i tuoi veleni + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto
Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
==========================
17/11/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, l’ira di Vijaya, profugo tamil: “Il governo ci ha traditi” (video)
di Melani Manel Perera
L’uomo vive nel campo profughi di Neethayan, vicino a Jaffna, con la madre, una moglie e due figli. Intervistato da AsiaNews racconta il disagio di dover dipendere dal governo, che non mantiene le promesse: “Vengono ogni tanto a darci del cibo, ma si disinteressano. Non abbiamo soldi neanche per comprare i chiodi per riparare il tetto”.    17/11/2015 MYANMAR
Il Parlamento birmano avviato a fine legislatura. Suu Kyi critica la lentezza del processo
di Francis Khoo Thwe
A Naypyidaw si è riunita per la prima volta dalle elezioni l’assemblea dei deputati. Il presidente della Camera ricorda che si tratta di un parlamento “uscente” e invita a lavorare per il popolo. La “Signora” contrariata dalla lentezza delle procedure che porteranno all’ingresso del nuovo Parlamento. Negli Stati Kachin e Shan si continua a combattere.
17/11/2015 INDIA
Militante indù: Cristiani servi dei maoisti, ecco perché non li hanno mai attaccati
di Nirmala Carvalho
Indresh Kumar, esponente del “braccio armato” del partito induista al governo, accusa la comunità cristiana dell’India di avere “accordi segreti” con i militanti naxaliti. Presidente del Global Council of Indian Christians: “Provocazioni false e pericolose, vogliono distruggere l’India secolare e multi-religiosa”.    17/11/2015 MONGOLIA – CINA
Mongolia, sindacalista si dà fuoco contro la vendita delle miniere alla Cina
“Il governo – ha detto prima del gesto l’uomo, non identificato – non sostiene più la nostra compagnia, le famiglie dei lavoratori sono oramai costrette a fare la fame. Ecco perché mi darò fuoco, per il popolo della Mongolia e per i nostri bambini”. Al momento il 90% delle esportazioni mongole finisce sul mercato cinese; inoltre, il 49% delle aziende operanti sul territorio nazionale è di proprietà cinese
17/11/2015 NEPAL
Nepal, manca gas per cucinare: code chilometriche per comprare legna da ardere
di Christopher Sharma
Iniziata la vendita ufficiale di legname dalle riserve statali. Si abbatteranno alberi fino ad esaurimento della domanda. 14 ore di fila per comprarne un chilo: “Siamo in coda per la sopravvivenza. Da giorni mangiamo solo riso battuto”. L’embargo non ufficiale dell’India continua da quasi due mesi.    17/11/2015 VATICANO
Papa: no a cristiani “mondani”, nei quali la “doppia vita” distrugge l’identità
“La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita ci fa incoerenti”, uno fa “finta di essere così” ma vive “in un’altra maniera”. “Lo spirito cristiano, l’identità cristiana, mai è egoista, sempre cerca di curare con la propria coerenza, curare, evitare lo scandalo, curare gli altri, dare un buon esempio”.
17/11/2015 VIETNAM
Saigon, edifici cattolici nel mirino dei comunisti. Suore in campo contro l’esproprio
di Thanh Trung
Tre strutture appartenenti alla Congregazione delle Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm sono contese dall’amministrazione locale. Secondo l’accordo fra governo e cattolici, gli edifici devono ospitare scuole; il distretto vuole modificare la destinazione d’uso. I vertici della Chiesa locale e i fedeli accanto alle religiose nella loro battaglia.     17/11/2015 RUSSIA - FRANCIA
Musulmani russi contro il terrorismo: in nessun caso rappresenta l’islam
di Nina Achmatova
Parla il vice presidente del consiglio dei muftì e dell’amministrazione spirituale dei musulmani di Russia: negli attentati non vi è nessuna giustificazione; organizzazioni terroristiche vogliono creare conflitti tra musulmani. Il patriarca di Mosca invita a combattere l’estremismo anche sul piano culturale.
17/11/2015 ARABIA SAUDITA - STATI UNITI
Washington vende armi all’Arabia Saudita per 1,29 miliardi di dollari
Previste forniture di armamenti e pezzi di ricambio. Fra le armi anche 13mila bombe “intelligenti”. Il Congresso ha 30 giorni per approvare l’accordo, ma il via libera appare scontato. Si rafforza l’asse fra Usa e sauditi, dopo le tensioni per l’accordo nucleare iraniano. La regione mediorientale il il luogo dove si vendono più armi al mondo.     17/11/2015 EGITTO-ISLAM
Al Azhar: La lotta contro lo Stato islamico deve essere ideologica
Il problema del terrorismo islamico non è solo di sicurezza: occorre un controllo sull’insegnamento nelle moschee e fra gli imam per correggere le interpretazioni letteraliste e salafite del Corano. Al-Azhar si offre per un centro educativo in Europa, ma chiede anche “protezione” dagli estremisti.
17/11/2015 CINA
Pechino, il Partito celebra il riformista Hu Yaobang. Ma non lo riabilita
L’ex Segretario ha riabilitato milioni di persone cadute nelle campagne volute da Mao Zedong, ha aperto la Cina al mondo e ha preparato la transizione dall’economia statalista a quella di mercato. Accusato di aver “tollerato la liberalizzazione borghese”, è stato purgato: alla sua morte, nel 1989, sono scoppiati i moti di Tiananmen. A cento anni dalla sua nascita il Pcc pronto a commemorarlo “per sfruttare la sua buona immagine”.    16/11/2015 LIBANO
Chiese orientali: I governi del Medio Oriente non possono più garantire pace e sicurezza
Gli attacchi sanguinosi di Parigi (e Beirut) nel comunicato finale della sessione annuale dell’Apecl. Patriarchi e vescovi chiedono alle potenze mondiali di elaborare “soluzioni pacifiche” ai conflitti, garantendo l’unità territoriale. Collaborazione pastorale fra Chiese orientali, nullità del matrimonio ed elezione del presidente gli altri temi al centro dei lavori.
16/11/2015 BANGLADESH
Il Bangladesh festeggia i 150 anni delle Suore della Carità
Un giubileo commemorativo si è tenuto a Jessore, alla presenza del vescovo e dei fedeli. L’istituto religioso è stato fondato nel Paese asiatico grazie a tre suore italiane. Ora ci sono 21 conventi e 109 consacrate. Le suore della carità operano con le fasce più povere della società, soprattutto nei centri tessili dove le donne vengono sfruttate.     16/11/2015 INDIA
Mumbai, sopravvissuta ai pogrom di Kandhamal: Ho perso tutto tranne Gesù
di Kanaka Rekha Nayaka
Il racconto straziante di Kanaka Rekha Nayaka al Congresso eucaristico nazionale. Nei massacri del 2008 è stata testimone diretta del martirio di suo marito, trascinato con una catena al collo e decapitato dagli estremisti per aver rifiutato di convertirsi all’induismo. Gli assalitori, arrestati dopo i pogrom, oggi sono di nuovo in libertà.
17/11/2015
RUSSIA-FRANCIA-ISLAM
Putin: L’aereo russo sul Sinai caduto per un attacco terrorista. Hollande apre a un’alleanza con Mosca e Washington
Gli esperti hanno trovato tracce di esplosivo sui resti dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri. I servizi segreti russi mettono una ricompensa di 50 milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura degli autori dell’attentato che ha fatto 224 morti. Il presidente francese spera nella collaborazione con Russia e Usa. Putin accusa: Anche Stati del G20 sostengono lo Stato islamico.
Parigi (AsiaNews) – È stato un attacco terrorista a far cadere l’aereo russo lo scorso 31 ottobre, dopo circa 20 minuti di volo da Shark el-Sheikh a San Pietroburgo, uccidendo 224 persone. Lo ha dichiarato oggi il presidente Vladimir Putin, commentando un incontro tenutosi ieri sera con i responsabili della sicurezza  e della difesa.
“Non è la prima volta – ha detto – che la Russia si trova di fronte a barbari crimini terroristi… Le lacrime non saranno asciugate dalle nostre anime e dai nostri cuori. Ciò rimarrà per sempre. Ma non ci fermeremo nel trovare e punire gli autori”.
Alexander Bortnikov, capo dei servizi segreti (Fss) ha dichiarato che fra i rottami dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri sono state ritrovate tracce di esplosivo di fabbricazione straniera. Con ogni probabilità la bomba conteneva circa un chilo di esplosivo.
Le conclusioni della Russia arrivano a due settimane dalle dichiarazioni Usa e britanniche che avevano subito parlato di attentato terrorista. Vi era stata anche una rivendicazione dello Stato islamico (SI) della penisola del Sinai che parlava di “punizione” per l’impegno russo in Siria affianco a Bashar Assad.
I servizi segreti hanno offerto una ricompensa di 50milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura dei responsabili dell’attacco. Allo stesso tempo, Putin ha dichiarato che i bombardamenti russi sulle postazioni dello Stato islamico in Siria non si fermeranno.
Le rivelazioni del presidente russo cadono a pochi giorni dagli attentati terroristi di Parigi, anch’essi rivendicati dallo SI e giustificati come una risposta ai bombardamenti della Francia contro l’Isis in Siria.
Il presidente francese Francois Hollande ha definito un “atto di guerra” la serie di attentati che hanno ucciso 129 persone e fatto 400 feriti. Anch’egli ha deciso di continuare la lotta contro l’Isis in Siria, ha prolungato lo stato di emergenza in Francia per 3 mesi e ha richiesto poteri speciali per il presidente in casi di emergenza, suggerendo un cambiamento della costituzione.
La prossima settimana Hollande si recherà a Washington e a Mosca per tentare di costruire una coalizione contro lo Stato islamico.
Fino ad ora, gli Stati Uniti si sono impegnati in una coalizione – che comprende anche alcuni Paesi arabi – per bombardare postazioni Isis in Siria e Iraq, ma senza molti risultati. La Francia ha deciso di partecipare ai bombardamenti qualche giorno prima della decisione russa, presa su richiesta del presidente siriano Bashar Assad.
A dividere le tre potenze vi è proprio il destino di Assad. Per Usa e Francia egli dovrebbe abbandonare il campo prima di una discussione sul futuro assetto della Siria. Per la Russia, Assad e il suo governo sono l’unica possibilità per non far precipitare nel caos la Siria, già provata da quasi cinque anni di guerra.
Un altro problema messo in luce due giorni fa da Putin ad Antalya, alla fine dell’incontro del G20, è che vi sono almeno 40 Stati nel mondo che finanziano l’Isis e fra questi “anche alcuni membri del G20”. Con ogni probabilità Putin si riferiva all’Arabia saudita e alla Turchia, la prima sostenitrice di gruppi islamici contrari ad Assad; la seconda sospettata di essere un corridoio di sicurezza per far entrare nuove reclute dell’Isis in Siria e far uscire petrolio da vendere di contrabbando.
===========================
chi fomenta odio, e violenza che non sono un atto di legittima difesa va all'inferno! NEW DELHI, 17 NOV - Ashok Singhal, controverso leader nazionalista indiano fondatore del movimento 'Vishwa Hindu Parishad' (Consiglio mondiale indù), è morto oggi all'età di 89 anni in un ospedale vicino a New Delhi dove era stato ricoverato per problemi respiratori. Fervente difensore dell'induismo di fronte alle presunte "continue aggressioni" dell'islamismo e del cristianesimo, Singhal capeggiò un movimento che nel 1992 portò, fra gravi tensioni con i musulmani, alla distruzione di una moschea.
========================
Forces rally to defend Christian Syrian town from IS
Published: Nov. 13, 2015 by World Watch Monitor
Efforts are being rallied to save one of the last remaining centres of indigenous Christian presence in the Levant against a renewed jihadi attack.Militants of the theologically-based “Islamic State” have come within 3 kilometres of the Syriac Orthodox town of Sadad in western Syria, the Assyrian ...
    Syria Assyrians Homs Islamic State
Latest News
    Egyptian Copt's 'faked Facebook blasphemy' acquittal delayed
    Published: Nov. 17, 2015
    Bishoy Garas has always maintained his Facebook profile was hacked
    An Egyptian Christian, jailed for 38 months on unsubstantiated charges, has had his expected ...
    Myanmar's Christians cautiously hopeful
    Published: Nov. 12, 2015
    Kevin Osborne / Fox Fotos / Lonely Planet Images
    In Myanmar, Aung San Suu Kyi’s party, the National League for Democracy , has won a landslide ...
    BJP's Bihar defeat a vote against ‘intolerance’
    Published: Nov. 12, 2015 by Anto Akkara
    BJP supporters gather in Amethi, Uttar Pradesh, in May 2014 to listen to Narendra Modi speak shortly before his election victory.
    Indian Prime Minister Narendra Modi's visit to the UK – a first visit by an Indian head of state for ...
    Fleeing Boko Haram – nowhere to run, nowhere to hide
    Published: Nov. 12, 2015
    37 Assyrian Christians released in Syria
    Published: Nov. 9, 2015
    India: village church attacked, Christians hospitalised
    Published: Nov. 6, 2015
    Global Church meets to seek unity in face of persecution
    Published: Nov. 6, 2015
    UN report focuses on children’s rights
    Published: Nov. 5, 2015
    Pakistan NGO tackles demeaning low-caste word for ‘Christians’
    Published: Nov. 2, 2015


https://www.youtube.com/channel/UCieRGYnR2037uAtSmcrakKQ/discussion
king Saudi Arabia -- mentre io dormivo la mia anima ha chiesto a Dio Onnipotente: " Signore mio Dio JHWH io ho paura di poter diventare un ipocrita un giorno!" ed il Signore Holy JHWH mi ha detto: " tu hai il voto di povertà non hai un interesse religioso ideologico razziale ecc.. tu non hai nessun desiderio tu non hai neanche il desiderio di vendetta quindi è impossibile per te poter diventare un ipocrita perché tu sei più puro di un diamante! "
Obama Gender figlio della abominazione pornocratica gender massone culattone ladro assassino traditore complice di Rothschild poteri occulti ed esoterici Ja Bull On -- per gli occhi di una persona onesta sincera e coerente noi occidentali per colpa tua e di Zapatero Merkel ecc.. tutta la banda satanica noi siamo ed apparire totalmente pervertiti: come Sodoma e Gomorra ed anche di più! Hanno ragione: i Boko Haram quando dicono: " la civiltà occidentale è peccato! " poi sbagliano a prendersela con persone innocenti solo perché: king Saudi Arabia ha detto: "Dio vuole che noi dobbiamo conquistare il mondo un villaggio per volta ed uccidere tutti gli altri genocidio jihad sharia califfato mondiale amen".

Study seigniorage banking scam corporations Spa FED BCE IMF Spa that is NWO.. is why
Kennedy is Killed For His Executive Order 11110

kerry 322 bush NWO -- come non sentite il vostro amato satana che piange e dice a voi: " cosa aspettate ad ubbidire al Unius REI? "

I FALSI NAZIONALISTI UCRAINI MARIONETTE DELLA NATO SI TROVERANNO AD AFFRONTARE LA STESSA SORTE DELLA FALSA OPPOSIZIONE SIRIANA ENTRAMBE PUPAZZI SIONISTI. Mosca vede che la pacifica riunione della Crimea con la madrepatria Russia abbia evidenziato come il presidente russo Vladimir Putin sia un vero leader a livello internazionale che ha fatto tornare la Russia all'apice della mappa mondiale. Questa è quanto risulta dalla dichiarazione di un diplomatico russo fatta per rispondere a quella che viene definita come la "rifrazione russa nella crisi Ucraina".
Il diplomatico russo ha detto: "Quello che ci ha soprattutto preoccupato è la Crimea non l'Ucraina quindi abbiamo permesso il suo ricongiungimento alla Russia per impedire che l'Ucraina attuasse una forzata alleanza della Crimea con la NATO e possiamo dire che siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo". Il diplomatico russo ha detto che per quanto riguarda il sostegno occidentale ai finti-nazionalisti ucraini (vere marionette della NATO) essi dovranno affrontare lo stesso tragico destino che attente e sta vivendo l'opposizione siriana un altro raggruppamento di burattini manovrati dalla NATO nonché spietati aguzzini del popolo siriano e mercenari assassini i quali pure sono ampiamente documentatamente e platealmente supportati da USA NATO e da alcuni paesi europei. Ma grazie a Dio la Crimea e la Russia hanno una lunga storia di fratellanza e di amicizia... e... la Federazione Russa e Putin non sono schiavi masochisti e servili come i politicanti della Comunitá Europea che per rendere un servizio a USA Israele e ai tiranni della famiglia Saud stanno dissanguando e rovinando i propri popoli e nazioni. Ancora non tutti i governanti al mondo si sono bevuti il cervello perdendo la dignitá ed il senso etico universale e sia Putin che al-Assad sono un chiaro esempio di veri statisti al servizio delle proprie nazioni e del bene comune internazionale. Ed é proprio per questa ragione e non solo per mere questioni di interessi economici ed energetiche che essi sono odiati e le proprie nazioni e popoli sono sotto attacco da parte della Lobby Usuraia globale: perché sono un ostacolo alla sua sconfinata brama di potere (per il NWO) e perché sono un cattivo esempio per il resto del mondo. Lunga vita a Putin e al-Assad: Dio li protegga e dia sempre forza a loro e agli eroici ragazzi delle Forze Armate Siriane e Russe baluardo e simbolo di libertá per tutti i popoli. SFP – 6 April 2014 http://wp.me/p1P9ia-8aO

666 FMI NWO USA ECCO COME AGISCE LA STRATEGIA DEL CAOS. la follia dei farisei Bildenberg per riempire di terroristi la Europa! ] [ Intervista a Paolo Sensini studioso e saggista che spiega quello che molti non vogliono vedere di Paolo Sensini - Francesca Morandi - 06/04/2014. Un fondamentalismo islamico folle e terrorista alle porte di casa nostra centinaia di milioni di euro spesi per missioni militari che non portano la pace Stati disintegrati sotto le bombe masse di civili in fuga disperati e spesso sfruttati. E poi: il business delle armi costruite da multinazionali occidentali che finiscono nelle mani di sanguinari guerriglieri in Africa e Medio Oriente dove le masse sono fanatizzate da regimi cosiddetti "alleati" e partner economici di Usa e Europa che a parole condannano le guerre etnico-religiose ma intanto contribuiscono a fomentarle. E' il mondo prodotto dalla "geopolitica del caos" spiegato nel suo ultimo libro "Divide et impera. Strategie del caos per il XXI secolo nel Vicino e Medio Oriente" (edizioni Mimesis) da Paolo Sensini studioso e saggista che sgombra subito il campo da possibili accuse di "complottismo" o "dietrologia": «Quello che ho registrato nel mio libro è la realtà dei fatti per chi la vuole vedere. Le mie fonti sono tutte verificabili: analisi di studiosi del settore della Difesa documenti del ministero degli Esteri di Israele e del Pentagono saggi di autorevoli think tank statunitensi dichiarazioni di consiglieri dell'amministrazione americana…».
Cosa intende per strategia del "divide et impera"?
«Documenti ed eventi confermano che sulla base di una precisa strategia esterna alcune aree del globo ritenute strategiche sono rese simili a zone "sismiche" che se opportunamente sollecitate esplodono innescando un focolaio di conflitto che viene fomentato al punto da rendere necessario un intervento militare da parte di forze straniere. Si scatenano così guerre che mirano a disintegrare interi Stati per controllarli meglio. Lo abbiamo visto in Afghanistan Iraq Libia e oggi lo vediamo in Siria dove i ribelli islamisti anti-Assad sono stati armati anche dall'Occidente».
Chi oggi mette in atto questa azione?
«Gli Stati Uniti Israele i Paesi del Golfo la Turchia concertano azioni per stabilire un'influenza su Stati ritenuti strategici per l'approvvigionamento energetico e delle materie prime».
L'imperialismo americano il peso di Israele negli Usa le pressioni di grandi lobby internazionali di armi e energia sono teorie già diffuse non crede?
«Non si tratta di "teorie" ma di "fatti" e non credo affatto che la gente sappia queste cose se non attraverso i film. Il mio intento è quello di fornire strumenti di informazione veritieri e verificabili per far conoscere situazioni reali. Nel mio libro riferisco fatti che sono alla luce del sole non teorie più o meno astruse. Non c'è nulla di occulto nell'azione delle lobby: negli Usa è noto a tutti quanto la lobby di Israele che opera all'interno del Congresso sia in grado di orientare la politica estera. E si conoscono bene le teorie "militariste" dei neoconservatori e i nomi delle multinazionali del petrolio con investimenti di centinaia di miliardi di dollari in Medio Oriente o di quelle di armamenti…».
Che ne pensa della Lockheed Martin con la quale il nostro Paese si è impegnato ad acquistare cacciabombardieri F-35?
«Risulta incomprensibile perché dobbiamo spendere montagne di soldi pubblici per la permanenza dei nostri soldati in Afghanistan un Paese con il quale l'Italia non ha mai avuto alcun contenzioso diretto. Per non parlare poi di tutti gli altri Stati in cui sono stanziati contingenti militari italiani».
E' in atto quella che lei chiama l' "Info-war" la "guerra dell'informazione"? Che significa?
«Si tratta di campagne mediatiche montate a tavolino per convincere l'opinione pubblica ad avallare una guerra presentata come necessaria per mantenere la stabilità o garantire i "diritti umani" mentre l'obiettivo è esercitare un dominio»
Per esempio?
«L'Iraq e la Libia sono paradigmatici. Entrambi ricchissimi di idrocarburi sono stati attaccati militarmente sulla base di prove false. Nel 2003 l'allora segretario di Stato americano Colin Powell tenne un discorso all'Onu e in mondovisione mostrò una provetta: la conferma dell'esistenza delle armi chimiche del regime di Saddam Hussein che ebbe come conseguenza l'intervento armato in Iraq. Lo stesso Powell rivelò poi che quelle prove erano fasulle. Oggi l'Iraq è uno Stato distrutto; stessa carneficina e medesime menzogne in Libia e in Siria»
In Libia e in Siria lei ha raccolto ulteriori testimonianze di quanto afferma…
«A Tripoli ho preso parte ai lavori della "Fact Finding Commission on the Current Events in Libya" nei giorni successivi all'inizio dei bombardamenti Nato e posso dire che sulle "fosse comuni" e sui "10.000 morti" raccontati dai media sono state narrate bugie strumentali. Stesse mistificazioni sono state fatte sui "ribelli di Bengasi" non certo aspiranti democratici anti-Gheddafi ma fomentati dal fondamentalismo islamico che sono stati organizzati armati e finanziati da potenze occidentali e dalle petromonarchie feudali del Golfo. Tutte pedine mosse per ottenere la Risoluzione Onu 1973 che a dispetto della richiesta di una "no-fly zone" ha dato il via all'intervento militare in Libia».
Ma tutto ciò è un folle "boomerang" per l'Occidente?
«Zbigniew Brzezinski politologo naturalizzato statunitense ha ammesso che nel 1980 dopo l'invasione sovietica dell'Afghanistan la Cia iniziò ad appoggiare i mujaheddin in funzione anti-sovietica. Questa strategia è continuata. Paradossale? Gli alleati di Washington in Medio Oriente sono l'Arabia Saudita il Qatar gli Emirati Arabi teocrazie islamiche che sono la negazione in radice della democrazia. Eppure proprio questi Stati padroni di emittenti come Al Jazeera (qatariota) e Al Arabiya (saudita) hanno guidato campagne di disinformazione mediatica che hanno contribuito all'intervento della Nato in Libia. Questi sono anche gli Stati dove l'integralismo islamico è fomentato come accade per il salafismo il wahhabismo o la Fratellanza musulmana dove le masse vengono fanatizzate con una versione dell'Islam che può essere definita senza mezzi termini come "pazzoide". Questi stessi Stati finanziano le moschee in Italia e in Europa e finanziano i ribelli islamisti che in Siria torturano e ammazzano i cristiani. Io sono uno storico non parteggio per alcun partito ma mi chiedo: dov'è finita la sinistra pacifista? Io dico: basta basta scatenare guerre e massacrare popoli. Ne va del nostro futuro».
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=48087

[ tutta la civiltà sharia della LEGA ARABA ]
1. Un jihadista svizzero partito per la jihad in Siria ha accettato di fornire testimonianza della RTS. preso da un senso di rammarico spiega il suo indottrinamento attraverso la rete internet la sua vita sul posto e "mesi infernali" che ha vissuto nella sua esperienza.
2. Homs vicchia: un'autobomba preparato dai terroristi sicari esplode prima di portarla alla destinazione provocando tra 40 e 80 terrorista mercenario morto sotto le macerie di tre palazzi crollati a seguito dell'esplosione lasciando i cadaveri dei mercenari sotto.

Benjamin Netanyahu -- la soluzione palestinese due popoli una sola terra un solo regno con superficie di 400.000 kmq non si può realizzare senza il contributo della Arabia Saudita.. e se la Arabia SAUDITA non scende da noi? bisogna prepararsi al peggio del peggio: in modo inevitabile!

Gli insediamenti israeliani sono considerati illegali secondo il diritto internazionale? anche il terrorismo sharia è illegale secondo il diritto internazionale pertanto se la sharia permarrà nel mondo intero io sarò costretto a deportare tutti i palestinesi tuttavia in cambio della Sharia il King Saudi Arabia e soltanto lui può chiedere a me di distruggere lo Stato massonico di Israele per richiamare tutti i palestinesi del mondo di tornare in Palestina! ].. The Israeli prime minister has threatened to take unilateral measures against the Palestinian Authority (PA) unless it abandons plans to join 15 UN agencies and international treatises. Benjamin Netanyahu said on Sunday that the PA treaty move launched on April 1 undermines the US-brokered talks between Tel Aviv and the Palestinians. "Any unilateral moves they take will be answered by unilateral moves at our end" the Israeli premier said. The comments come as the Israeli-PA talks reached a new deadlock when Tel Aviv refused to free the final batch of over 100 Palestinian prisoners in late March as part of a deal for the resumption of the negotiations. The PA in response decided to go ahead with its applications to adhere to the international treaties and join the agencies. Representatives from Israel and the PA are set to meet US envoy Martin Indyk on Sunday in an effort to keep the so-called peace talks on track.
On April 4 US Secretary of State John Kerry said there were "limits" to the time and energy that the US administration could give to the talks. The release of Palestinian prisoners is not the only thorny issue that has been hindering the negotiations between the two sides. Since the resumption of the direct talks last July Palestinians have also objected to Israel's illegal settlement expansion in the occupied Palestinian territories.
The Israeli settlements are considered illegal under international law. However Netanyahu says the settlement construction is part of Tel Aviv's policy and will not stop.
The PA also refuses to recognize Israel as a Jewish state saying it would not accept any agreement with the regime which fails to include East al-Quds (Jerusalem) as the capital of a future Palestinian state.

intenzionalmente USA UE NWO 666 ONU Fmi agenda talmud [ amici di ] LEGA ARABA califfato mondiale sharia imperialismo (per motivi opposti) hanno diffuso addestrato finanziato formato gli jihadisti in Siria per rendere inevitabile la distruzione di una guerra mondiale nucleare.. adesso inizierà il terrorismo islamico in Europa e l'Europa brucerà!] SOLTANTO LA CONDANNA DELLA SHARIA O LA DISTRUZIONE DELLA LEGA ARABA CON UN ATTACCO NUCLERE DI ISRAELE POTREBBE SALVARE IL MONDO.. non solo mettono nell'acido i cadaveri degli islamici europei che sono morti per rubare la loro identità! ] [ West must face fact Assad standing tall: Analyst. syrian President Bashar al-Assad. Sun Apr 6 2014 Related Interviews: 'Turkey to up ante as Assad gains grow' 'Syria militants are to begin to flee'. [ Related Viewpoints: Saudi Arabia's arms rush to Syria ] The Western governments' support for militants fighting the government of President Bashar al-Assad has turned into a global threat an academic writes in a column for the Press TV website. "Continued support for foreign extremists and al-Qaeda affiliates is no longer simply a regional threat; it has become a global threat much greater than what existed in Afghanistan" Professor Mohammad Marandi wrote on Sunday. The academic also advised the Western governments to set aside their illusions about the overthrow of President Assad. "It is clear that - as the Iranians were saying from the start - the Syrian government will not collapse and that the only way forward is for this reality to be acknowledged" wrote Marandi. he warned that taking side with one party in the ongoing conflict in Syria will result in "more death and destruction." Marandi said the international community has to "support an election where the Syrian people choose their own leadership." He said it has become clear that foreign-backed militants have been behind the crisis in Syria while "their regional and Western backers" persistently laid the blame on the Syrian government. Marandi said the US and its allies initially assumed that the crisis in Syria was "more birth pangs of a new Middle East" or "or perhaps a dagger through the heart of the Islamic Republic" but now after innumerable deaths and unmentionable destruction they have come around to the views of Iran from the beginning. Cities and towns across Syria have frequently come under mortar and rocket fire by foreign-sponsored militants since crisis erupted in the Arab country over three years ago. The latest militant attacks on civilian areas come after the Syrian army liberated and purged a number of strategic areas interrupting major supply lines of the armed militants across the country. Syria has been gripped by crisis since March 2011. President Assad has pledged that his country would strike terror "with an iron fist."

#Merkel masonic system JaBullOn -- come mai negli ultimi 10 anni voi tedeschi siete diventati così ricchi scienziati ed intelligenti mentre noi italiani ed europei tutti noi siano diventati così incapaci deficienti stupidi e poveri dico soprattutto poveri?.. non è che voi siete i ladri aggiunti sotto il ladrone Rothschild Spa FMI?

US eyeing drone strikes in Syria [ criminal satanic USA big terrorist in the world ]
US Congressional officials say the idea of using drones in Syria is becoming popular in Washington. US Congressional officials say the idea of using drones in Syria is becoming popular in Washington.
Fri Feb 21 2014 'US policy on Syria truly ridiculous''US losing opportunity in Iran N-talks'
Related Viewpoints: Bye Bye American Pie
http://www.presstv.ir/detail/2014/02/21/351659/us-eyeing-drone-strikes-in-syria/

Arutz Sheva Appeal: Help Yaffo's Ethiopian Jewish Community. Our Ethiopian Jewish brethren need our help - make this a truly special Pesach. By Jonathan Boofti
First Publish: 4/4/2014 9:29 AM / Last Update: 4/6/2014 9:15 AM
Ingathering of exiles: Ethipian JEws celebrate Sigd. As Passover approaches a massive operation is already underway to prepare for what is probably the largest Pesach Seder in Israel. Once again more than fifteen hundred Ethiopian Jews will gather in the ancient city of Yaffo (Jaffa) south of Tel Aviv to attend this communal Seder which reflects so much the miracle of the ingathering of the exiles a miracle that today we are able to witness with our own eyes thank God.
This is a huge effort in the main it is privately funded and we at Arutz Sheva have taken it upon ourselves again to play our part in securing the funds required to ensure a momentous evening for our Ethiopian Jewish brethren and their families and children.
We welcome you all our Friends and Arutz Sheva readers to join us in helping by donating to this worthy cause.
If you would like to participate in this worthy cause please click here fill out the brief form and help make this Pesach truly special.

my JHWH --- in tutte le false democrazie massoniche i politici sono massoni traditori.. ecco perché i popoli sono come pecore senza pastori! infatti gli uomini del potere rappresentano Rothschild e non la Costituzione!

Mogherini 'preoccupazione per negoziato Israelo-palestinese. [ Italia come tutte le false democrazie massoniche senza signoraggio bancario.. deve belare insiema a Rothschild. 322 Bush. ecco perché Israele potrebbe trovare un alleato affidabile soltanto in me! l'attaacco nucleare preventivo conto la LEGA ARABA è la unica soluzione! ] Farnesina - Il Ministro degli Esteri Federica Mogherini ha espresso grande preoccupazione per gli ultimi sviluppi del negoziato Israelo-palestinese.

QATAR [ SU EVIDENTE ORDINE SAUDITA protegge terroristi assassini di martiri cristiani ]. Doha respinge la richiesta di estradizione di 28 Fratelli Musulmani egiziani [ questa è la verità di questa menzognera islamica finzione di un teatrino di bugie in realtà se non viene rimossa la Sharia sono tutti una sola cricca criminale un solo califfato mondiale UMMA aumma aumma! ]
Notizie Geopolitiche – La richiesta di estradizione di 28 Fratelli Musulmani formulata dall'Egitto al Qatar tramite l'Interpol non è andata a buon fine: le autorità di Doha si sono infatti rifiutate di consegnare i 28 cittadini egiziani fra i quali l'ex ministro degli Investimenti dell'era Morsi Yehya Hamed e altri dirigenti del gruppo islamico ora

IL GIAPPONE è IN CERCA DI GUAI E CREDE DI ESSERE IL PADRONE DELLO SPAZIO AEREO INTERNAZIONALE!
L'Aeronautica militare giapponese fa innalzare i caccia: allarme russi
© Foto: wikimedia.org/Kirill Naumenko/cc-by-sa 3.0
I caccia giapponesi sono stati fatti alzare già 3 volte negli ultimi due giorni per allarme.
Domenica come venerdì l'aereo russo da ricognizione elettronica Il-20 ha eseguito il volo sul Mar del Giappone sabato due Il-38 antisommergibili hanno disturbato la pace. Lo spazio aereo giapponese non è stato violato.
I militare giapponesi ritengono che l'attivazione degli aerei russi è causata dalla minaccia di nuovi lanci missilistici dalla Corea del Nord.
Il Ministero della Difesa della Russia ha ripetutamente dichiarato che durante i voli previsti sulle acque neutrali gli aerei russi non violano lo spazio aereo del Giappone.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_06/LAeronautica-militare-giapponese-fa-innalzare-i-caccia-allarme-russi-0369/
Il Giappone fa alzare in volo i caccia sull'allarme per bombardieri russi
18 novembre 2013 16:01
Giappone decolla un caccia per intercettare aereo russo
1 novembre 2013 23:14
Caccia di sesta generazione aereo del futuro
28 agosto 2013 18:03
Russia iniziata la progettazione del caccia di sesta generazione
26 agosto 2013 20:47
L'Indonesia potrebbe acquistare caccia russi
8 gennaio 13:19
Caccia giapponesi in volo contro i bombardieri russi durante le esercitazioni
15 luglio 2013 23:37
Il Giappone alza i caccia per intercettare aerei russi
26 marzo 22:41
La Russia nega la violazione dello spazio aereo del Giappone

Nissan 1 5774 4/1/2014. Pollard: 666 NAZI GENDER ANTICHRIST 322 NWO Obama's Jewish Bargaining Chip. Rumor has it that Jonathan Pollard is now in play as a bargaining chip: with his release set before Passover the holiday of freedom in exchange for Israel releasing another 400 terrorists. I read the report today and felt sick. Jonathan Pollard is no terrorist. Why conflate the two issues?
Jonathan Pollard should be set free because he shouldn't be in jail. He should be set free for humanitarian reasons. He's no threat to anyone. He is incarcerated only because he is a Jew. And to release 400 more terrorists with the astronomical recidivism rate? In exchange for Washington doing the right thing? Releasing 400 Jew-murderers into the Jewish State for one very ill Jewish man who presents no danger to anyone in the world?
So President Obama can give his Jewish voters one more argument to make against those who say Obama is the worst president for Israel ever?
He will be able to say "I have done what no other U.S. president was willing to do. I released Jonathan Pollard. I have proved my friendship to Israel and to the Jewish people." President Obama and Prime Minister Netanyahu. If looks could kill.
At the same time he forces the release of hundreds of murderers into our land who will prey on the Jewish people in their own state at last after thousands of years.
It is absolutely sickening. It can't be countenanced. And yet I sense my own hypocrisy and that of those who agree with me. How many times did we say "He (Kerry Obama et al.) wants us to release murderers but the U.S. won't release Jonathan Pollard who is no terrorist and has served his sentence way past the limits of human decency?"
We ourselves conflated the two issues where no linkage should ever have been made.
And now we all see the error some of us more clearly than others.
What the Israeli PM should do MUST do now is to make very clear that we do not trade in human cargo. Pollard should be released because it's the only decent thing to do. And he should absolutely refuse to release any more terrorists for any reason whatsoever. No terrorists SHOULD ever have been released and especially not in exchange for Pollard. But how will we live with ourselves now if we have the chance to get Yehonatan ben Malka out of prison and we don't do what needs to be done to make that happen? I don't want to speak the words. But what if his health further deteriorates as we hold fast to our refusal to deal: this for that—future dead Jews God forbid for one live but very ill Jew who languishes in prison needlessly?
It hurts. All we can do is look to the lesson in the story of Rabbi Meir of Rothenburg who died in prison rather than allow the Jewish community to pay ransom money in exchange for his release. Only 14 years after his death was a ransom paid in order to retrieve R. Meir's body for burial. Tombs of Meir of Rothenburg (left) and Alexander ben Salomon Wimpfen who paid the ransom (right) in the Jewish cemetery in Worms Germany (Wikimedia Commons CC-BY-SA Jörg Bürgis)
It hurts. Oh how it hurts. But I think we must refuse. The question is whether it matters what I or anyone else thinks? We didn't want the Disengagement and they did it anyway. We didn't want any prisoners released and they were anyway.
Ultimately it doesn't seem to matter what we think or what we want. Our government acts by executive fiat and we have no voice no say in the matter.
What will happen will happen.
And I fear for the future.

LA LEGA ARABA FARà FARE ALL'ISLAM ( per colpa della Sharia califfato nazi) LA STESSA FINE DEL NAZISMO MA LORO SONO TROPPO MANIACI RELIGIOSI PER CAPIRE QUESTO! ] e che loro sono satanisti? questo è evidente! loro hanno meno paura della morte che di me UNIUS REI che io sono la fratellanza universale! [ Palestinians will Face 'Tsunami' of Legal Charges at Hague. Legal NGO chief vows to hit Hamas and Fatah with charges of terrorism once Palestinians join the International Criminal Court. By Gil Ronen. First Publish: 4/6/2014 Nitzana Darshan-Leitner. Shurat Hadin a non-governmental organization that operates against Palestinian terrorists through the courts said it would lodge 'a tsunami' of criminal complaints against senior Palestinians with the International Criminal Court (ICC) which is based in The Hague. Following the signing of 15 international treaties by the Palestinian Authority (PA) in order to be accepted into UN organizations and the PA's ongoing threat to join the ICC Shurat Hadin has begin preparing charges against senior PA officials for involvement in terror attacks. In the documents to be filed to the ICC Shurat Hadin's lawyers will claim that the senior officials including people from Hamas and Fatah bear direct responsibility for terror strikes against Israel which they abetted and encouraged. In April of 2013 Shurat Hadin launched a campaign for collecting the names and details of hundreds of Israeli terror victims who could serve as complainants in the international courts. The group is now using that information to prepare the charges against the Palestinian officials. Ever since the PA was accorded observer-state status in the UN last year Palestinian leaders have been threatening Israel with the possibility that they will ask to be members of the ICC in order to be able to file charges of war crimes agsint Israeli military officers and soldiers as well as political leaders. They claim that the Jewish settlements in Judea and Samaria are illegal and constitute a breach of the Fourth Geneva Convention. Shurat Hadin notes however that once an entity joins the ICC that court's powers can also be turned against it. Just as the Palestinians will be able to file charges against Israel Israelis and non-Israelis who fell victim to Palestinian terror will be able to file charges against leaders of Hamas and Fatah. Shurat Hadin says that the Palestinian leaders in Gaza Judea and Samaria may well face "a tsunami of criminal complaints" regarding war crimes. "Luckily we knew what was coming and over the past year we have been collecting testimony from terror victims in Israel to serve as a basis for charges in the ICC" said Shurat Hadin Chairperson Attorney Nitzana Darshan-Leitner. "It was clear to us that besides launching a third intifada of violent terror the Palestinians' only real option was turning to the ICC against Israel."
"We believe that these proposed charg

Il Boeing scomparso evitava il rilevamento radar SATANISTI CANNIBALI CIA? LORO SANNO PERCHé! ] Probabilmente lo scomparso Boeing-777 malese evitava il rilevamento dalle stazioni radar dopo la scomparsa dagli schermi radar riferiscono i media citando un alto funzionario del governo della Malesia. Gli esperti sono giunti a tale conclusione dopo aver esaminato i dati dei radar degli Stati nello spazio dei quali potrebbe essere passata la rotta dell'aereo scomparso. Secondo i recenti rapporti l'aereo militare cinese che partecipa alla ricerca del Boeing scomparso ha scoperto la notte di domenica "oggetti bianchi" sulla superficie dell'acqua. Al momento non è stata stabilita la natura degli oggetti. Il Boeing-777 è scomparso l'8 marzo diretto da Kuala Lumpur a Pechino. A bordo si trovavano 239 persone.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_06/Il-Boeing-scomparso-evitava-il-rilevamento-radar-7781/


LEGA ARABA ATTRAVERSO LA SHARIA VUOLE SOFFOCARE IL MONDO! ] ECCO PERCHé LA GUERRA MONDIALE è INEVITABILE! ] [ Israele è pronto per i colloqui di pace con i palestinesi. Israele è pronto per i colloqui di pace con i palestinesi ha dichiarato domenica il Premier Benjamin Netanyahu.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_06/Israele-e-pronto-per-i-colloqui-di-pace-con-i-palestinesi-2384/


King Saudi Arabia e Unius REI: possono trovare una soluzione ad ogni problema che è nel mondo! ] Netanyahu: 'Terrorists' will Pay for Slashed Tires. Prime Minister uses language that is usually reserved for murderers in reaction to vandalizing of IDF vehicle. By Gil Ronen. First Publish: 4/6/2014 Tires repaired after January vandalism. IDF Spokesman. Prime Minister Binyamin Netanyahu used language that is usually reserved for terrorist murderers in a reaction to the vandalizing of the military vehicle that serves the IDF Commander of the Samaria Regiment Col. Yoav Yarom. The vehicle's tires were slashed in an apparent "price tag" action by extremist Jews at Yitzhar.
"We will act with zero tolerance against whoever harms the IDF or its commanders" vowed Netanyahu. "The terrorists will pay the price for their criminal act."
Sunday's attack was the second time that the tires of the vehicle that serves Col. Yarom were slashed at Yitzhar this year. Defense Minister Moshe Yaalon branded the incident "extremely serious" and said it warranted an "uncompromising response."
"In my eyes we are talking about terrorism for all intents and purposes" he added. "We must uproot these phenomena and wage an all-out war against them."
"We cannot allow a marginal and violent group of extremists to challenge the rule of law" he added and noted that Col. Yarom worked "day and night" to ensure the security of local Jewish communities against Arab terrorism. An Arab village in the Galilee was targeted in a suspected "price-tag" incident last week according to police.
Around 40 cars had their tires slashed in the predominantly Christian village of Jish in northern Israel which lies some 25 kilometres (15 miles) north of the Sea of Galilee police spokeswoman Luba Samri said Thursday morning
Although police and the Israel Security Agency (ISA or Shin Bet) have made a priority of tracking down Price Tag perpetrators they are almost never caught or convicted. Part of the reason may be that the perpetrators have been taught various techniques of dealing with Shin Bet interrogations by veteran activists who experienced many such situations. Another reason is apparently that many of the suspected Price Tag operations have turned out to be staged by Arabs and leftists in order to besmirch the Jews.

Ministro degli Interni tedesco: gli USA non conoscono i limiti dello spionaggio elettronico
[ quindi diamo noi a loro lo stesso ergastolo che loro hanno dato al nostro israeliano Jonathan Pollard? ] Gli Stati Uniti non conoscono i limiti dello spionaggio elettronico ha dichiarato oggi il ministro degli Interni della Germania Thomas de Maizière nell'intervista ai giornalisti tedeschi.Secondo lui la National Security Agency (NSA) ha indicato i dati insufficienti sulle sue attività nel territorio della Germania. Il Ministro ha espresso dubbi sul fatto che un accordo anti-spionaggio un giorno sarà concluso tra Berlino e Washington. Secondo i documenti rivelati dall'ex agente della CIA Edward Snowden la NSA intercettava mensilmente in Germania fino a 500 milioni di comunicazioni telefoniche e via Internet.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_06/Ministro-degli-Interni-tedesco-gli-USA-non-conoscono-i-limiti-dello-spionaggio-elettronico-1843/


Nigeria: Widows of martyrs.. In this report you'll meet three amazing woman in Nigeria whose husbands were killed because of their faith in Jesus Christ. You will be inspired as Monica Fatu and Esther share their stories of tragedy and relate how the Lord has given them the strength and courage to be witnesses of God's love and forgiveness. You will also discover how Christians in Canada and other parts of the world are standing with these brave sisters in Christ!
Length 12:34 http://persecution.tv/video?task=videodirectlink&id=468
From The Voice of the Martyrs Canada

sharia saudi imperialism -- More than 100 Killed in Brutal Attacks. Damages from the attack. Photo: World Watch Monitor. More than 150 people were killed recently in separate attacks on predominantly Christian villages. Late at night on March 14th suspected Fulani militants armed with guns and machetes raided three villages -- Ugwar Sankwai Ungwan Gata and Chenshyi -- in Kaduna state killing at least 114 people. Many of the victims were burned alive. The casualties included a pastor's wife and her three children. Two days later militants suspected to be part of the group Boko Haram killed two people in Pela Birni village of Borno state. Two churches and many homes were also set on fire. "The gunmen invaded our village at about 10 o'clock in the evening on Sunday. They started shouting 'God is Great.' In some houses they did not shoot at the residents but ordered them to vacate their houses and set them ablaze."
Pray that God will comfort and heal all those who are injured traumatized or grieving as a result of this senseless violence. Ask Him to bring an end to these murderous attacks in Nigeria and pray that those in authority will do more to stand against this injustice. Lift up both the Fulani and Boko Haram militants to our Lord asking Him to work powerfully in their hearts that they may repent and follow Him.
To learn more about Nigeria's persecuted church please visit the Nigeria Country Report.

Pakistan : Christians Sentenced to Death for Blasphemy. Sources: Release International World Watch Monitor
Thursday 03 April 2014
Militant Islamist attacking Joseph Colony in March 2013
Photo: Abid Nawaz via World Watch Monitor
Sawan Masih a Christian road sweeper and father of three from Lahore was sentenced to death for blasphemy on March 27th. Sawan was also fined 200000 rupees (approximately $2250 CAD). The trial was conducted in the Lahore Camp Jail where Sawan has been unable to leave due to the threats on his life.
http://www.persecution.net/component/optioncom_fjrelated/Itemid879/id0/layoutblog/viewfjrelated/
Read more...
=======================
India : Believers Targeted for their Faith Throughout Country
Sources: Evangelical Fellowship of India Morning Star News
Thursday 03 April 2014
Around midnight on March 5th approximately 30 Hindu militants forcefully entered the home of Pastor Ramsai Netam in Bhanupratappur Chhattisgarh accusing him of forcefully converting people and practising witchcraft. Dragging him to a cultural hall the mob then beat the pastor as well as his two sons who tried to protect him. The next morning the police arrived at the scene and brought Pastor Ramsai to a nearby hospital where he was treated for a serious head injury. However the police recorded the cause of the wound as an "injury sustained from falling from a tree."
Read more...
========================
Kenya : Six Fatalities After Church Attacked by Gunmen
Sources: Open Doors World Watch Monitor Christian Solidarity Worldwide
Thursday 03 April 2014
Survivor of Mombasa church attack
Photo: World Watch Monitor
On the morning of March 23rd as a congregation gathered for worship at their church in Likoni a hooded gunman burst through the church's back door and began firing indiscriminately. Those who tried to flee through the church's main door were met with gunfire from several more assailants waiting outside.

Read more...
====================
Uzbekistan : Christian's Home Raided; New Decree Increases Repression
Sources: Forum 18 News Service VOM USA
Thursday 27 March 2014
Photo: Flickr / bloomsberries
On January 20th Natalya Gaiyer had her home raided and several hundred Christian books confiscated by secret police working for the National Security Service (NSS) and Anti-Terrorism Department. Natalya who lives in Tashkent and is a member of an officially registered Baptist church was also ordered to pay a fine equal to about $130 at least three months' salary in Uzbekistan for possessing the books.

Read more...
=========================
Tanzania : Bombings Launched Against Three Churches
Sources: Release International Morning Star News World Watch Monitor World Evangelical Alliance Religious Liberty Commission
Thursday 27 March 2014
Christ Church Cathedral in Stone Town
Photo: Flickr / David Berkowitz
Christians are said to be "shaken and afraid" after suspected Islamic militants launched attacks on churches in three different locations on the semi-autonomous island of Zanzibar last month. While Tanzania's population is 54 percent Christian Zanzibar is more than 97 percent Muslim.

Read more...
========================
Nigeria : More than 100 Killed in Brutal Attacks
Sources: World Watch Monitor Vanguard Release International
Thursday 27 March 2014
Damages from the attack
Photo: World Watch Monitor
More than 150 people were killed recently in separate attacks on predominantly Christian villages. Late at night on March 14th suspected Fulani militants armed with guns and machetes raided three villages -- Ugwar Sankwai Ungwan Gata and Chenshyi -- in Kaduna state killing at least 114 people. Many of the victims were burned alive. The casualties included a pastor's wife and her three children.
Read more...
===============
Pakistan : Asia Bibi's Appeal Hearing Postponed
Sources: Asia News Release International
Thursday 20 March 2014
Remember in prayer Asia's
husband and children.
The appeal hearing for Asia Bibi a Christian woman imprisoned for blasphemy has been postponed "to a later date." Asia was arrested in 2009 on charges of insulting Mohammed and later sentenced to death. Since then she has been waiting for her appeal to be heard while being held in isolation at the women's prison in Sheikhupura (Punjab). (For more on Asia's case click here.)

[ non potete riempire internet di perversioni sessuali e poi meravigliarvi di queste cose la lussuria domina facilmente gli uomini.. ecco perché la proibizione per i preti di potersi sposare è un crimine Ecclesiatico contro la legge naturale fondamentale troppo grave.. poiché ecclesiastici loro ipocritamente condannano il clericalismo ed invece ne sono dentro fino al collo visto che il clericalismo nega il vangelo come direbbe don Zeno a Nomadelfia! ] 1. Sesso con ragazzini arrestato sacerdote il Resto del Carlino Ravenna. 2. E' ambasciatore il diplomatico italiano arrestato a Manila. Daniele Bosio ambasciatore in Turkmenistan avrebbe violato la legge sui minori. Per la polizia sarebbero coinvolti tre bambini

MIRACOLO [ ecco cosa il comunismo faceva e continua a fare in Cora del Nord ai cristiani ] Il soldato che doveva fucilare Wojtyla: "Lo fissai la mia mano si fermò"
L'ufficiale dell'Armata Rossa e il giovane Karol seminarista. di FRANCESCO BIGAZZI
Sirotenko con la moglie poco prima di morire (Ansa) LA PRIMA volta che pensai al miracolo fu quando una decina di anni fa lessi sull'agenzia Tass la storia di un maggiore dell'Armata Rossa: durante la liberazione di Cracovia dai nazisti salvò la vita a un giovane seminarista polacco proprio colui che il 16 ottobre 1978 sarebbe diventato il Papa di Roma. La seconda alcuni anni fa quando dopo un lungo silenzio mi fu recapitata a San Pietroburgo una lettera dello stesso maggiore con dentro alcune foto ricordo e la lettera che gli aveva scritto Papa Wojtyla per il suo 85mo compleanno. La sorpresa maggiore è stata quando nel tentativo di ringraziarlo telefono a casa sua nella piccola città industriale di Armavir vicino a Krasnodar ai piedi del Caucaso: apprendo che l'ex-maggiore dell'Armata Rossa Vassili Trofimovic Sirotenko appassionato di storia antica fino al punto di diventare professore di Storia medievale nell'Università locale era già morto da almeno un anno. "QUEGLI occhi! occhi di un'intensità particolare che quando si incontrarono con i miei rimasi turbato come se tutto intorno a me si illuminasse" mi aveva detto la prima volta che eravamo stati a trovarlo a Armavir per verificare una storia che non può fare a meno di generare stupore. Gli occhi del giovane seminarista Karol Wojtyla che ha salvato due volte - la prima quando il suo battaglione lo libera dai nazisti e la seconda quando lo sottrae alle grinfie del KGB - lo seguiranno tutta la vita. L'emozione più grande la proverà quando nel 1978 osservando la fotografia del nuovo Papa Giovanni Paolo II in un giornale illustrato gli scappa un urlo: "Sono i suoi! Sono quelli di Karol. Gli stessi occhi neri con quegli straordinari bagliori azzurri". Il maggiore Sirotenko al seguito del 59mo corpo d'armata del primo fronte ucraino guidata dal generale Konev riceve l'ordine di prendere Cracovia senza la copertura dell'aviazione o dell'artiglieria. Stalin ha ormai ricevuto a Yalta la garanzie che la Polonia sarebbe entrata nell'orbita sovietica. L'esercito nazista ormai non oppone più resistenza e in pochi giorni il 17 gennaio 1945 Cracovia è liberata. Il giorno dopo il 18 gennaio il maggiore Sirotenko è impegnato con il suo reparto in una missione delicata: sottrarre ai nazisti una cava di pietra collegata all'industria chimica Solvay dove si trova un centinaio di prigionieri polacchi. Il giovane seminarista Karol Wojtyla che durante la guerra lavorava come operaio alla Solvay è tra i 18 seminaristi nel gruppo di prigionieri in mano a tedeschi. Gli operai furono lasciati dai sovietici subito dopo la liberazione della cava. Per i 18 seminaristi la situazione era invece molto delicata. ESISTEVA infatti una direttiva di Stalin "in base alla quale tutti i prigionieri politici o religiosi dovevano essere inviati immediatmente in Urss". Per molti di loro come è emerso dalle ricerche del Memorial di Mosca e del Centro nomi ritrovati di San Pietroburgo il trasferimento era solo il preludio per un lungo calvario attraverso i campi dell' Arcipelago Gulag che il più delle volte finiva con una morte atroce. "Ancora oggi - tentava di spiegare Vassili Trofimovic - non posso spiegare che cosa mi passò per la mente e che cosa riuscì a illuminarmi perché considerai quel giovane polacco una persona molto singolare. Di colpo dopo tanti anni di ferrea disciplina e battaglie per la prima volta mandai a quel paese i regolamenti senza stare a pensare che rischiavo moltissimo". Ignorando i continui richiami del commissario politico A. Lebedev - "Compagno maggiore che cosa vuol fare con quel seminarista? Ha deciso di ignorare gli ordini di Stalin? La disposizione del 23 agosto 1940 sugli ufficiali insegnanti e seminaristi polacchi non la convince?" lo ammoniva il commissario - decise di portare personalmente il giovane Karol e i seminaristi fuori dal campo di prigionia. E lo lasciò andare con una scusa: "Non potevo fucilarlo". La guerra continua ancora per qualche mese il maggiore Sirotenko segue gli spostamenti del confine sempre avanti fino ad arrivare a Graz. Torna in patria nel 1946 si sposa e subito dopo rientra nell'Università dove approfondisce gli studi di storia romana. L'EX MAGGIORE dell'Armata Rossa scrive libri e insegna l'arte militare fino a quando nel 1978 ritrova il giovane Karol alla guida della Chiesa cattolica. Non perde tempo e fa di tutto per riallacciare un'amicizia che non ha avuto mai modo di sbocciare. Scopre così che Papa Wojtyla gli era stato sempre riconoscente per quel gesto. Nel 2000 in occasione del suo ottantacinquesimo compleanno fece pervenire a Armavir un messaggio di auguri. "Nella busta - ricorda Sirotenko - c'era una foto dalla quale mi scrutavano gli stessi occhi neri con riflessi azzurri che avevo visto nel 1945 anno della Vittoria. Nel biglietto era scritto che il Papa pregava sempre per me" Nella lontana Armavir il vecchio professore guardava la lettera e con emozione mi prometteva: "Vedrai che ti arriverà una copia". (Ha collaborato Irina Frolova)
http://qn.quotidiano.net/esteri/2014/04/06/1049476-wojtyla-soldato-fucilato.shtml

CIA 666 cannibali NSA --- perché voi avete fretta di leggere in anticipo quello che io sto scrivendo? così in questo modo voi mi fate vibrare il monitor!

Lagarde-Draghi nuovo scontro [ una sola Spa associazione di criminali internazionali traditori che hanno rubato per Rothschild la nostra costituzionale sovranità dei popoli schiavi! ]. Il numero uno del Fmi: "Diciamo ciò che abbiamo da dire". "Non siamo guidati dall'agenda di altre istituzioni. Riteniamo da tempo che la Bce debba affrontare il tema dell'inflazione". Bce tassi fermi: 025%. Draghi polemizza con Fmi. New York 6 aprile 2014 - Continua la polemica a distanza tra Mario Draghi presidente della Bce e Christine Lagarde direttore generale del Fondo Monentario Internazionale. "Diciamo quello che abbiamo da dire quando riteniamo che sia appropriato dirlo. Non siamo guidati dall'agenda di altre istituzioni. Riteniamo da tempo che la Bce debba affrontare il tema dell'inflazione" afferma la Lagarde in un'intervista a Fox. Il numero uno Fmi torna così a incalzare il presidente della Bce Mario Draghi che da Francoforte giovedì scorso aveva replicato al 'consiglio' già espresso dal Fmi di agire per fronteggiare lo spettro della deflazione. "Penso che l'Fmi recentemente sia stato molto generoso nelle sue raccomandazioni su quello che dovremmo e non dovremmo fare per questo gli siamo molto riconoscenti" era stata la risposta di Draghi il quale aveva poi aggiunto: "'In tutta onestà mi piacerebbe che il Fmi fosse generoso" nell'offrire consigli "anche ad altre banche centrali ad esempio che rilasciasse comunicati il giorno prima di una riunione della Fed"

Christine Lagarde bacchetta Mario Draghi: "diciamo quel che dobbiamo e non parliamo del fatto chenoi abbiamo rubato la sovranità monetaria per trasformare il pianeta in un cimitero di schivi!" Il direttore generale del FMI 666 nazi NWO esorta ad agire sull'inflazione. 06 aprile 2014 ''Diciamo quello che abbiamo da dire quando riteniamo che sia appropriato dirlo. Non siamo guidati dall'agenda di altre istituzioni ( e cosa ha detto?).

Bush 322 Kerry --- voi non riuscirete mai a vedere il vostro Regno di satana e satana stesso camminare sulla terra nel vostro regno degli zombies! Finché gli ebrei sono diffusi per il mondo? questo è impossibile semplicemente perché la loro ebraicità supera il loro satanismo! Quindi dateli tutti a me per il mio Regno di Palestina.. così dopo il mio Regno: della fratellanza universale la vostra agenda potrà riprendere senza impedimenti o incidenti!

king SAUDI ARABIA -- se tu hai un pane soltanto e poi tu hai 4 mamme che allattano il loro bambino di 4 nazioni diverse e di 4 religioni diverse.. se poi tu non dividi quel pane in 4 parti perfettamente uguali.. la tua speranza di entrare nel regno di Dio è perduta la tua mente: è sotto il controllo dei demoni lo Spirito Santo non è in te! perché tutte le religioni che sono state contraddette dalla legge naturale sono religioni che sono state corrotte al punto tale da non poter essere più salvifiche!

[ ma Onu UE Amnesty nazi hanno detto: "no! sharia deve uccidere Israele ed il genere umano!". ] 4/04/2014 INDIA. For Karnataka bishop future elected officials must respect human dignity and religious freedom. by Henry D'Souza. In the Diocese of Bellary the Catholic and other Christian communities are constituted largely of Dalits. Speaking to AsiaNews the prelate noted that it is important for them to exercise "their right to vote" which they should do "with intelligence and good sense" by "choosing leaders who can really bring reforms to the country." At the same time he calls on the authorities to improve education and health care.


04/04/2014. INDIA. Vescovo del Karnataka: I futuri governanti rispettino la dignità umana e la libertà religiosa [ ma Onu UE Amnesty nazi hanno detto: "no! sharia deve uccidere Israele ed il genere umano!". ] di Henry D'Souza**vescovo della diocesi di Bellary (Karnataka). Nella diocesi di Bellary cristiani e cattolici sono dalit. Il presule spiega ad AsiaNews "l'importanza di esercitare il proprio diritto di voto con assennatezza e intelligenza scegliendo leader che possano davvero portare riforme per il Paese". Nella zona il governo deve migliorare l'offerta formativa e l'assistenza sanitaria. Mumbai (AsiaNews) - Votare per eleggere rappresentanti politici che promuovano la dignità umana e la libertà religiosa e di coscienza. È l'invito di mons. Henry D'Souza vescovo di Bellary (Karnataka) affidato a una riflessione su AsiaNews. Nella sua diocesi cattolici e cristiani sono tutti dalit ("fuoricasta") più aperti al messaggio evangelizzatore della Chiesa cattolica ma più "abbandonati" dal governo. In vista delle elezioni generali 2014 la qui prima fase inizierà il prossimo 7 aprile il presule ricorda i problemi che colpiscono questa comunità: grande povertà mancanza di offerta formativa statale e un settore sanitario poco attento. Questioni che colpiscono in particolar modo "le famiglie i bambini e i giovani". Di seguito la riflessione di mons. D'Souza. (Traduzione a cura di AsiaNews) Nei tre distretti coperti dalla diocesi di Bellary vivono circa 30mila cattolici e un buon numero di cristiani. Abbiamo cercato di sensibilizzare e motivare queste persone spiegando loro l'importanza di esercitare il proprio diritto di voto con assennatezza e intelligenza. Le persone non dovrebbero lasciarsi abbindolare da guadagni immediati ma avere una visione più a lungo termine scegliendo leader che possano davvero portare riforme per il Paese. Non è solo una questione di voto ma di fare la scelta giusta con la giusta intenzione e la capacità di chiedere ai nostri rappresentanti di essere fedeli al popolo e garantire alla gente una vita dignitosa e libera.
Queste persone appartengono alla comunità dalit e sono più aperte ad accogliere l'evangelizzazione. Per questo è ancora più importante che le persone votino per difendere e garantire la propria libertà di culto e di coscienza. le nostre famiglie hanno bisogno di libertà religiosa perché la fede le sostiene le nutre e le rafforza. Oltre a questo c'è urgente bisogno di posti di lavoro per permettere a queste famiglie di essere autosufficienti dal punto di vista economico. I bambini che sono il nostro futuro hanno bisogno di un'istruzione di qualità. In queste zone la Chiesa cattolica è la prima a occuparsi di educazione ma anche il governo deve occuparsene investendo in istituti qualificati per la nostra nuova generazione. I nostri giovani hanno il diritto di essere guidati per diventare leader di successo. Hanno bisogno di formazione scientifica per poter diventare bravi agricoltori e allevatori. Il futuro è nel grano non nelle pistole. Le persone non si nutrono con i proiettili. Di recente abbiamo organizzato un laboratorio per alcuni di loro ma questo dovrebbe essere fatto a livello nazionale. Qui nel nord del Karnataka anche la sanità è in condizioni di estrema gravità e causa grande indignazione tra la gente. È di assoluta importanza che le persone vivano godendo di piena dignità umana. Anche la condizione delle donne è critica e i nostri rappresentanti dovranno occuparsi di emancipazione e di fornire alle ragazze adeguati programmi di formazione per il loro sviluppo. È urgente per noi che siamo nella Chiesa migliorare la nostra funzione di guida anche nella società soprattutto in aree come la vita politica e lo sviluppo sociale. Ai giovani voglio dire di proclamare senza paura la loro amicizia con Gesù e di coltivare un senso della Chiesa mettendo a disposizione i loro talenti e le loro energie al servizio della Chiesa che è vostra madre.


04/05/2014 INDIA. [ nessuno deve fare violenze contro una pacifica religione islamica.. è che solo la LEGA ARABA sono gli assassini per la sharia califfato di nazi assassini! ]
India Babri Masjid demolition "planned by Hindu party". Reported by Cobrapost an online agency that specializes in investigative journalism and confirmed to AsiaNews by the activist Ram Puniyani. The destruction of the mosque (6 December 1992) did not take place as a "violent consequence" of a meeting among some Hindu radicals but was ordered by the leader of the Bharatiya Janata Party (BJP nationalists).


[ criminal Onu Bildenberg Arab League nazi sharia ] 04/03/2014. FRANCE - IRAQ. Chaldean Patriarch on the uncertain future of eastern Christians a bridge between the West and Islam. by Mar Louis Raphael I Sako. The wars in Iraq Libya and Afghanistan have made things worse for their peoples especially minorities. As Western policies have been a failure fundamentalism has grown with the Arab Spring losing out to extremism. Muslim authorities have a role in protecting rights and religious freedom. The presence of Christians in the Middle East is crucial for Muslims.Lyon (AsiaNews) - In recent days Mar Louis Sako Raphael I took part a seminar sponsored by the Université catholique de Lyon France on "The Vocation of Eastern Christians". For the Chaldean patriarch Christians should not be considered a "minority but as citizens in every respect." In an extended address His Holiness explained the general situation of Christians in the Middle East emphasising the importance of their presence. He also looked at the role of Muslim authorities and Eastern Churches calling for pressures to be put on governments to recognise and guarantee equal rights. Lastly he renewed his appeal for an end to the exodus of Christians from their native lands.
Here is Mar Sako's full address (translation by AsiaNews). Regime change in several countries tore them apart. Interventions in Afghanistan Iraq and Libya have not all helped to solve the problem of their peoples. On the contrary they have led to chaos and conflict that do not bode well for the future especially for Christians! Sectarian divisions are getting worse especially between Shias and Sunnis. And several political parties are organising along sectarian lines and everything is being divided according to religion. I believe in Iraq this will end with the country's division because the ground has already been prepared both from a psychological and a geographically point of view. The cleansing of neighbourhoods and cities between Sunni and Shia areas is moving things in that direction. 1 - The general situation of Christians in the Middle East
Until 50 years ago the Christians of the Middle East represented about 20 per cent of the total population. Today they are estimated to be just 3 per cent.
When colonial powers set up these nations they disregarded historical geographical or ethnic factors. There was no uniformity nor any real project based on citizenship that would include everyone. The 1916 Sykes-Picot Agreement did not take into account the borders of countries such as Lebanon Jordan Syria Iraq and others.
Decisions were made as a function of the interests of the great powers and this opened the way for the religious and ethnic conflicts that we are still dealing with today.
There is no peace between Israelis and Palestinians. Lebanon has been shattered and is always threatened by civil war. Syria is on the verge of collapse with nine million people having fled their homes. Iraq has been devastated. Egypt is blowing up. Millions of Eastern Christians have become refugees fleeing from one region to another.
At present there is increasingly talk of a plan to create a new Middle East. For us it is a source of concern and fear. 1400 years of Islam have not been able to take us away from our lands and our churches; now Western policy has dispersed us to the four corners of the earth. More and more Christians are being victimised and their exodus from the Middle East appears unstoppable. At present they are estimated to be between 10 and 12 million out of a total population of 550 million or around 3 per cent. And the pressures exerted on Christians and other religious minorities in the Middle East have increased over the past few decades sometimes in a subtle way in other times openly. Discrimination injustice kidnapping isolation and intimidation have given them the impression that in many parts of the Arab-Islamic world they are doomed to extinction. All this stems from the instability of most of these countries and the growth of radical Islam under the guise of "political Islam". As for the "Arab Spring" it lost out to extremism. "Political" Islam wants to revive the Caliphate as much in Damascus as in Iraq! Their way of thinking and doing war is a return to the Middle Ages with Christians allowed to stay as second-class citizens! The US invasion of Iraq led to the death of a bishop [Mgr Paulos Faraj Rahho who died in captivity in March 2008] six priests and more than a thousand Christians; 66 attacks against churches; and 200 cases of kidnapping. About half of all Iraqi Christians once numbering a million and a half have left the country for fear of violence and religious persecution especially after the massacre that took place in Baghdad in 2010 in the Church of Our Lady of Salvation and the attack in Qaraqosh against Christian students on their way to the university.
Taking property away from Christians who are deemed without rights because they are not Muslim threatening letters sent to Christians as well as members of other non-Muslim minorities are making Christians feel like second-class citizens.
Therefore the question is 'Are the men and women who have a great and illustrious past behind them destined to disappear from Mesopotamia and the land of their ancestors?'
In Syria Christians are exposed to attacks by Islamist insurgents. The latter have wiped out Maaloula a historic Christian town whose inhabitants spoke Aramaic the language of Jesus. Two bishops many priests 12 nuns have been kidnapped and recently released. Some 1200 Christians have been killed 30 per cent of churches have been destroyed and 600000 Christians have fled the country. Those who are left live in fear and dread! Riad Jarjour a Presbyterian minister and the former president of the Council of Churches of the Middle East said "If the situation continues like this there will come a time when there will be no more Christians in Syria."
The Copts in Egypt have suffered the worst attacks. Suicide bombers have killed at least 85 faithful at the Church of All Saints and a hundred churches have come under attack.
Lebanon is the only country in the region where Christians are still politically relevant with a certain freedom of action but even here their power is in decline. It started with the Taef Agreement which is still hanging in the balance!
In short all Christians think about emigration at least some of the time.
2 - The importance of the Christian presence in the Middle East
Christianity has its roots in the Middle East. In Palestine Syria Lebanon Iraq and Egypt Christians were the majority well before Islam arrived.
They were well organised and contributed to the construction of the Arab-Islamic civilisation alongside their Muslim brothers which is why their presence in the Arab and Muslim world is essential if for no other reason than their different religion openness and skills. Overall Christians constitute an elite!
Christians are not a minority. They must fully take up their position and play their role in public life. Failure to do so would mean their end. At the opening of the first general congress of the Christians of the East in Raboué (Lebanon) on 28 and 29 October 2013 Lebanese President Michel Sleiman said "Their future will rather be in promoting the logic of moderation openness and dialogue in their environment as well as [making] every effort aimed at building a fair and embracing State that [...] allows [them] to share the political life and the management of public affairs with all the civilizational components of the society regardless of their numeral size". Ultimately the "future of the Christians of the Levant will not be in isolation and isolationism" nor "in foreign military protection."
At the same congress Habib Ephram made an emotional appeal in favour of preserving the identity of Eastern Christians out of respect for history law and humanity itself.
We can only hope that their long historical tradition can help the Christians of Syria and others preserve their rich heritage and continue to offer their valuable contribution to existing cultures.
Today's Middle East Christians can play an essential role in the dialogue between the West and Islam; they can be a bridge that brings closer and unites. This is why the West is called to help them remain in their countries of origin.
In an article in the British newspaper The Independent Robert Fisk described Christian emigration from the Middle East as a blow to the Arab-Islamic civilisation and a tragedy for a country regarded as a symbol of pluralism and coexistence.
3 - The role of Muslim authorities
Muslim religious authorities in the Middle East have an irreplaceable role in promoting the values ​​of human dignity human rights citizenship coexistence freedom of religion and a real dialogue that respects the human person. Recognising the other the non-Muslim as an equal citizen in all his rights and duties will boost trust among all citizens.
For this reason Muslim authorities should focus on religion and on appropriate religious education programmes in order to defend and protect everyone's rights as well as the sacredness of life.
The moderate voices of Islam must unite and say a clear "no" to violence against Christians.
4 - The role of the Eastern Churches
The Churches should encourage the Christians of the Middle East to maintain their historical presence and not flee to the West.
They must be sufficiently courageous to continue bearing witness in their respective countries and be a real sign of hope and peace for their fellow citizens. At the same time they must have the courage to claim their civil rights and their right to citizenship.
Pope Francis underscored this important goal at the audience with the Patriarchs of the Eastern Churches in the Vatican on 21 November 2013 when he said that the Roman Catholic Church "will never accept a Middle East without Christians."
I call on the Church to address Muslims in a new separate document. It is important to clarify our fears and hopes to them as well as explain the inalienable principle of religious freedom as laid out in Dignitatis Humanae the Declaration on Religious Liberty of the Second Vatican Council.
At the same time it is equally essential for them to find a new and comprehensible theological language to explain their Christian faith as our fathers did under the Umayyads and the Abbasids.
5 - The role of Eastern Christians in the West
Eastern Christians in the West can play an important role in helping their brethren in distress in the East showing them solidarity. It is their job to help them stay in their lands of origin.
They can put pressure on Muslim communities living in the West to spread a culture of respect for all religions especially respect for the religious freedom of Christians in the East. They can ask their governments to grant them the same rights that Muslim citizens exercise in particular the right to participate actively and constructively in politics in the service of the common good to create true democracy. The presence of Christians in the East is a guarantee for moderate Islam one that is able to live with others in peace and harmony!
Would it not be possible to bring together these Eastern Christians in the West under a single name such as 'Eastern Christians Union' to help their Eastern brothers and sisters in seeking solutions to their problems? Create a sort of lobby? Diaspora Christians should retain their right to vote so precious at election time in order to increase the number of elected officials from our community.
They should not encourage emigration and deprive the country of its youth. They should inform Western Christians about the challenges they face every day. Perhaps they could invest and create activities in their countries of origin providing people with employment opportunities.
6 - The Role of the West
In my opinion the responsibility for the current plight of Eastern Christians falls partly on the West due to its unbalanced policy in the region.
At the same time it is sad to note that most Western Christians have no real awareness of the painful situation of Christians in the Middle East even though they could actually highlight their real condition and raise awareness among politicians.
Indeed peaceful coexistence itself in the region and throughout the world are at stake. Eastern Christians wonder why the West is indifferent and silent over their fate. They rely on the support and solidarity of their brothers and sisters in the West!
Takfirists who consider democracy contrary to sharia systematically attack Christians. There is no doubt that these groups are a real threat against moderate Islam as well! The West must put pressure on neighbouring countries and on others to stop supporting and sending fighters and militants to our land.
Pressure should be exerted to change the constitutions of Arab and Muslim countries. Here is an example of discrimination: conversion to Islam is considered normal but conversion to Christianity is considered an offence that can entail many risks including death [for apostasy]. When one spouse converts to Islam his or her children are automatically considered Muslim.
A nation's constitution must be based on social coexistence and individual and public liberty to establish true citizenship and a state for everyone.
Tunisia's new constitution is a sign of hope as is the Palestinian Authority's decision to remove religion from identity cards and passports. This is positive change.
Only a social and political system that respects diversity and individual and public freedoms based on real citizenship can reassure Christians and allow them to share power as full partners.
Governments should ensure security and protect religious freedom and ethnic diversity for all across their territory and at levels of their administration
In his Apostolic Exhortation Evangelii Gaudium (The joy of the Gospel) Pope Francis outlines his teachings and addresses the issue of religious rights.
In it he "ask[s] and I humbly entreat[s]" Muslim "countries to grant Christians freedom to worship and to practice their faith in light of the freedom which followers of Islam enjoy in Western countries!"
Indeed outside of the Muslim world Muslims have ever-greater access to their traditions and to religious freedom whilst Christians in the East see theirs shrink more and more. This is one thing that could lead to their end in the Middle East!


[ satanisti farisei e salafiti hanno deciso di distruggere il cristianesimo innocente ] 03/04/2014. FRANCIA - IRAQ. Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam. di Mar Louis Raphael I Sako. Le guerre in Iraq Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani. Lione (AsiaNews) - Il Medio Oriente si sta svuotando dei cristiani. Ciò avviene a causa di fondamentalismi regionali di impaccio delle autorità locali di inerzia della comunità internazionale e dell'Occidente. La fuga dei cristiani causerà impoverimento sociale economico e culturale alla regione e instabilità per il mondo intero. E' l'appello accorato che Mar Louis Raphael I Sako ha lanciato nei giorni scorsi in un seminario promosso dall'università cattolica di Lione in Francia sulla "Vocazione dei cristiani d'Oriente". Il Patriarca caldeo invita a "non considerare" i cristiani come una "minoranza ma come cittadini a tutti gli effetti". Nel suo lungo intervento Sua Beatitudine illustra la situazione generale dei cristiani in Medio oriente sottolineando l'importanza della loro presenza spiegando il ruolo delle autorità musulmane e delle Chiese orientali. Egli invita a esercitare pressioni sui governi perché siano riconosciuti e garantiti pari diritti rilanciando ancora una volta la richiesta di fermare l'esodo dalle loro terre di origine. Ecco di seguito l'intervento integrale di Mar Sako (Corsivi e grassetti sono dell'originale. Traduzione a cura di AsiaNews). I cambi di regime che hanno avuto luogo in diversi Paesi hanno aperto un abisso al loro interno; gli interventi in Afghanistan in Iraq in Libia non hanno affatto contribuito a risolvere il problema dei loro popoli ma al contrario hanno determinato situazioni caotiche e conflitti che non permettono affatto di immaginare un avvenire migliore in particolare per i cristiani! Le divisioni confessionali divengono sempre più marcate e forti soprattutto fra sciiti e sunniti. Diversi partiti politici di carattere settario si stanno organizzando e tutto viene a essere suddiviso in base alla confessione religiosa. Credo che in Iraq il cammino finirà con una divisione del Paese perché il terreno è già preparato tanto dal punto di vista psicologico quanto sotto il profilo geografico. La pulizia [etnico-religiosa] dei quartieri e delle città tra sunniti e sciiti va proprio in questa direzione.
1 - Situazione generale dei cristiani in Medio oriente
Fino a 50 anni fa i cristiani del Medio oriente rappresentavano il 20% del totale della popolazione. Oggi si parla di un misero 3%. Quando le potenze coloniali hanno dato vita a queste nazioni non lo hanno fatto partendo da basi storiche geografiche o etniche: in questo modo non vi è stata né omogeneità né un vero progetto di cittadinanza in cui tutti possono essere integrati. L'accordo Sykes-Picot del 1916 non ha tenuto in considerazione l'emergenza delle frontiere di Paesi come il Libano la Giordania la Siria l'Iraq e altri ancora. Le decisioni sono state prese in funzione degli interessi delle grandi potenze e questo ha aperto la via a conflitti confessionali religiosi etnici con i quali abbiamo a che fare ancora oggi. Non vi è pace tra israeliani e palestinesi; il Libano è stato frantumato e resta sempre sotto la minaccia della guerra civile; la Siria è sul punto di crollare con nove milioni di persone che hanno abbandonato le loro abitazioni l'Iraq è devastato l'Egitto esploso. Milioni di cristiani d'Oriente rifugiati fuggono da una regione all'altra.
Oggi si parla sempre più di un piano che intende dar vita a un nuovo Medio oriente. Per noi è fonte di preoccupazione e di paura. 1400 anni di islam non ci hanno potuto strappare dalle nostre terre e dalle nostre chiese mentre oggi la politica occidentale ci ha disperso ai quattro angoli della terra.
I cristiani sono sempre più vittime: il loro esodo dai Paesi del Medio oriente è inarrestabile. Attualmente secondo le stime sono - in tutto - tra i 10 e i 12 milioni su una popolazione complessiva di 550 milioni di abitanti pari al 3% circa. La pressione esercitata contro i cristiani e le minoranze religiose in Medio oriente è aumentata nel corso degli ultimi decenni alle volte in modo sommesso e in altri momenti in modo aperto pubblico. Le discriminazioni ingiustizie sequestri emarginazioni intimidazioni in molte parti del mondo arabo-islamico danno loro l'impressione di essere destinati all'estinzione.
Tutto questo deriva dall'instabilità della maggior parte di questi Paesi e dalla crescita dell'islamismo radicale sotto il manto di ciò che è conosciuto con il nome di "islam politico"; quanto alla "Primavera araba" essa è stata esautorata dagli estremismi. Il progetto "politico" dell'islam è di far rinascere il califfato tanto a Damasco quanto in Iraq! Il loro modo di pensare e di fare guerra è un ritorno al Medio Evo! I cristiani sono ammessi a restarvi come cittadini di seconda classe!
L'invasione americana dell'Iraq ha portato alla morte di un vescovo [mons. Paulos Faraj Rahho morto nelle mani dei sequestratori nel marzo 2008 ndr] sei sacerdoti assieme a più di mille fedeli 66 chiese sotto attacco e 200 casi di rapimento. Circa la metà dei cristiani irakeni che in precedenza erano un milione e mezzo hanno lasciato il Paese per il timore di violenze e la persecuzione religiosa soprattutto dopo il massacro che ha avuto luogo a Baghdad nel 2010 nella chiesa di Nostra Signora del Perpetuo soccorso e l'attacco agli studenti cristiani di Qaraqosh diretti all'università.
L'appropriazione dei beni appartenenti ai cristiani considerati come privi di diritti perché non musulmani le lettere di minaccia ricevute dai cristiani così come da membri di altre minoranze non musulmane spingono i cristiani a sentirsi come cittadini di serie B. Dunque la domanda è questa: questi uomini e queste donne che hanno un passato grande e illustre alle spalle sono destinati a scomparire dalla Mesopotamia e dalla terra dei loro avi?
In Siria i cristiani sono esposti agli attacchi dei ribelli islamisti. Questi ultimi hanno spazzato via Maaloula una storica città cristiana in cui gli abitanti parlano l'aramaico la lingua di Gesù. Due vescovi numerosi preti dodici religiose sono stati rapiti e liberati di recente: 1200 cristiani sono stati uccisi il 30% delle chiese sono state distrutte e 600mila cristiani hanno lasciato il Paese e quelli che sono rimasti vivono nell'inquietudine e nella paura!
Il pastore presbiteriano ed ex presidente del Consiglio delle Chiese del Medio oriente Riad Jarjour ha dichiarato: "Se la situazione continua in questo modo verrà un momento in cui non ci saranno più cristiani in Siria".
I Copti in Egitto hanno subito i peggiori attacchi. I kamikaze musulmani hanno assassinato almeno 85 fedeli nella Chiesa di Tutti i Santi e un centinaio di chiese sono state oggetto di attacchi.
Il Libano è l'unico Paese della regione in cui i cristiani hanno ancora un peso politico e una certa libertà di azione anche se il loro potere è parzialmente in declino a partire dall'accordo di Taëf che rimane in bilico!
In poche parole tutti i cristiani pensano all'emigrazione almeno per un periodo di tempo determinato.
2 - L'importanza della presenza cristiana in Medio oriente
Il cristianesimo affonda le sue radici nel Medio oriente. In Palestina Siria Libano Iraq ed Egitto i cristiani sono stati maggioranza ben prima dell'ingresso dell'islam. Erano ben organizzati e hanno contribuito alla costruzione della civiltà arabo-islamica accanto ai loro fratelli musulmani ecco perché la loro presenza nel mondo arabo e musulmano è essenziale anche per il solo stesso fatto della diversa religione della loro apertura e delle loro competenze. In generale i cristiani costituiscono una élite!
I cristiani non sono una minoranza e devono ricoprire a pieno titolo un posto e un ruolo nella vita pubblica perché il venir meno di questo ruolo marcherebbe la fine della loro presenza. Il presidente libanese Michel Sleiman inaugurando il primo Congresso generale dei cristiani d'Oriente che si è tenuto a Raboué (Libano) il 28 e 29 ottobre 2013 ha affermato in proposito: "L'avvenire dei cristiani dipenderà dalla loro capacità di rafforzare la logica della moderazione dell'apertura e del dialogo al loro interno così come i loro sforzi per costruire uno Stato forte e inclusivo che apre la via alla partecipazione di tutte le componenti della società nella vita politica e nell'amministrazione pubblica senza tener conto del peso demografico delle comunità. Il ripiegamento verso se stessi e l'isolamento così come il ricorso alla protezione militare straniera diventa pericoloso".
Infine Habib Ephram nel corso del medesimo congresso ha lanciato un appello commovente finalizzato a preservare l'identità dei cristiani d'Oriente nel rispetto della storia del diritto e dell'umanità stessa.
C'è da sperare che questa lunga tradizione storica possa aiutare i cristiani della Siria e altri a preservare il loro ricco patrimonio e a continuare a offrire il loro prezioso contributo alle diverse culture esistenti.
I cristiani del Medio oriente possono giocare oggigiorno un ruolo essenziale nel dialogo tra l'Occidente e l'islam possono essere un ponte che avvicina e unisce. Per questo l'Occidente è chiamato a mantenerli nei luoghi di origine. Robert Fisk in un articolo pubblicato sul quotidiano britannico "The Indipendent" descrive il fenomeno dell'emigrazione dei cristiani del Medio oriente equiparandolo a un colpo per la civiltà arabo-islamica e a una tragedia all'interno di un Paese considerato come un simbolo di pluralismo e coesistenza.
3 - Il ruolo delle autorità musulmane
Le autorità religiose musulmane del Medio oriente hanno un ruolo insostituibile nel promuovere i valori della dignità umana i diritti umani la cittadinanza la convivenza la libertà religiosa il dialogo concreto per promuovere il rispetto della persona umana. Riconoscere l'altro che non è musulmano come un cittadino eguale in tutti i suoi diritti e doveri rinforzerà la fiducia fra tutti i cittadini.
Per questi motivi le autorità musulmane devono dare priorità all'aspetto religioso e ai programmi di insegnamento della religione in un modo consono al fine di difendere e proteggere i diritti di tutti e la sacralità stessa della vita.
Le voci moderate dell'islam devono unirsi e dire in modo chiaro "no" alla violenza contro i cristiani.
4 - Il ruolo delle Chiese orientali
Le Chiese devono incoraggiare i cristiani del Medio oriente a mantenere la loro presenza storica e a non fuggire verso l'ovest. Questi ultimi devono essere sufficientemente coraggiosi per continuare a portare la loro testimonianza nei loro rispettivi Paesi ed essere un vero segno di speranza e di pace per i loro concittadini. Devono allo stesso tempo avere il coraggio di rivendicare i loro diritti civili e il diritto alla cittadinanza. Questo obiettivo importante è stato sottolineato da Papa Francesco nel corso dell'udienza con i Patriarchi delle Chiese orientali in Vaticano il 21 novembre 2013 quando ha dichiarato che la Chiesa cattolica "non accetterà mai un Medio oriente senza cristiani".
Invito la Chiesa ad adoperarsi per dar vita a un nuovo documento indirizzato ai soli musulmani. È importante chiarire con loro le nostre paure e le nostre speranze così come il principio inalienabile della libertà religiosa come è formulata nella Dignitatis Humanae la Dichiarazione sulla libertà religiosa del Concilio Vaticano II.
Al tempo stesso è ugualmente essenziale ritrovare un linguaggio teologico nuovo e comprensibile per spiegare loro la fede cristiana così come i nostri Padri hanno fatto durante il regno degli Omayyadi e degli Abbasidi.
5 - Il ruolo dei cristiani orientali in Occidente
I cristiani d'Oriente in Occidente possono giocare un ruolo importante per sostenere i loro fratelli in difficoltà in Oriente mostrando loro solidarietà. È compito loro aiutarli a restare nelle terre di origine. Essi possono esercitare pressioni sulle comunità musulmane che vivono in Occidente per diffondere la cultura del rispetto di tutte le religioni e soprattutto il rispetto della libertà religiosa per i cristiani in Oriente; chiedere ai loro governi di riconoscere gli stessi diritti dei cittadini musulmani in particolare il diritto di partecipare a una politica attiva e costruttiva al servizio del bene comune per creare una vera democrazia. La presenza dei cristiani in Oriente è garanzia di un islam moderato capace di vivere con gli altri in pace e armonia!
Non è forse possibile riunire questi cristiani d'Oriente in Occidente sotto un solo nome come "Unione dei cristiani d'Oriente" per farsi carico delle sfide dei loro fratelli e sorelle orientali e cercare soluzioni ai loro problemi. Creare una sorta di lobby! Questi cristiani della diaspora devono mantenere il loro diritto di voto così prezioso al momento delle elezioni in modo da aumentare il numero di deputati appartenenti alla nostra comunità.
Essi non devono affatto incoraggiare l'emigrazione e privare il Paese dei suoi giovani. Essi possono informare i cristiani dell'Occidente sulle sfide che affrontano ogni giorno. E forse possono investire e creare progetti nei Paesi di origine per fornire opportunità lavorative alla gente.
6 - Il ruolo dell'Occidente
A mio avviso la responsabilità della triste situazione attuale dei cristiani d'Oriente ricade in parte sull'Occidente per la sua politica squilibrata nella regione. Al tempo stesso è triste osservare che la maggioranza dei cristiani in Occidente non ha una vera coscienza della dolorosa situazione in cui versano i cristiani del Medio oriente quando hanno invece l'opportunità di attirare l'attenzione sulla loro reale condizione e sensibilizzare i politici; perché qui c'è in gioco la coesistenza pacifica stessa nella regione e nel mondo intero. I cristiani d'Oriente si interrogano sulla ragione dell'indifferenza e del silenzio dell'Occidente sulla loro sorte. Essi contano sul sostegno e la solidarietà dei loro fratelli e sorelle d'Occidente!
I takfiristi che considerano la democrazia contraria alla sharia lanciano in modo sistematico azioni aggressive contro i cristiani. Questi gruppi sono senza dubbio anche una reale minaccia allo stesso islam moderato! È necessario che l'Occidente faccia pressione sui Paesi vicini e sugli altri perché smettano di sostenere e di spedire combattenti e miliziani nelle nostre terre.
Bisogna inoltre esercitare pressioni per la modifica delle costituzioni dei Paesi arabi e musulmani. Ecco un esempio di discriminazione: la conversione all'islam è considerata una norma mentre la conversione al cristianesimo è considerata una infrazione che può comportare molti rischi ivi compresa la morte [per apostasia]. E quando uno dei due coniugi passa all'islam i suoi figli sono registrati automaticamente fra i membri della religione musulmana. La Costituzione di una nazione deve essere fondata sulla coesistenza sociale e sulle libertà individuali e pubbliche al fine di creare uno Stato per tutti e una vera cittadinanza. La nuova Costituzione della Tunisia è un segno di speranza così come la decisione dell'Autorità palestinese di rimuovere la religione dalle carte d'identità e dai passaporti. Questo costituisce un cambiamento positivo.
Solo un sistema socio-politico che rispetta la diversità e le libertà individuali e pubbliche basate su una reale cittadinanza può rassicurare i cristiani e far loro intravedere una partecipazione effettiva al potere come partner a pieno titolo.
In tutte le regioni e in tutte le amministrazioni il governo dovrebbe poter garantire la sicurezza la protezione della libertà religiosa e la diversità etnica per tutti.
Nell'esortazione Evangelii Gaudium "La gioia del Vangelo" Papa Francesco - all'interno di questo documento importante del suo magistero - ha affrontato la questione dei diritti in tema di religione esprimendosi in questi termini: "Prego imploro umilmente i Paesi musulmani affinché assicurino la libertà religiosa ai cristiani tenendo conto della libertà di cui i credenti dell'islam godono nei Paesi occidentali".
Infatti i musulmani all'estero dispongono in un modo sempre più ampio delle loro tradizioni e della libertà religiosa mentre per i cristiani a casa loro in Oriente diminuiscono sempre più. Un elemento che potrebbe portare alla loro fine in tutto il Medio oriente!


05/04/2014 [ solo i Governi del Mondo possono decidere di chiudere tutte le moschee finché la sharia nazi non viene condannata ma nessun altro ha il dovere ed il diritto di fare violenze a musulmani pacifici o di demolire moschee! perché ogni Moschea è la casa di Dio anche! ] INDIA. la demolizione della Babri Masjid "è stata pianificata dal partito indù". Lo afferma il Cobrapost specializzato in giornalismo d'inchiesta e lo conferma ad AsiaNews l'attivista Ram Puniyani. La distruzione della moschea (6 dicembre 1992) non avvenne come "conseguenza violenta" di un incontro tra alcuni radicali indù ma venne ordinata dai leader del Bharatiya Janata Party (Bjp nazionalisti).


nazi Onu criminal sharia Arab League ] 04/05/2014. MALAYSIA - ISLAM. Selangor Christians demand Islamic authorities return confiscated Bibles. The Christian Federation of Malaysia and the Bible Society demand the restitution of 300 copies of the Bible confiscated earlier this year by the Islamic Department. Central and local government remain indifferent to the minority's demands. Christian leader: Government is playing the "blame game" with our rights. Kuala Lumpur (AsiaNews / Agencies) - The Christian Federation of Malaysia (CFM) together with the Bible Society of Malaysia (BSM) are appealing to the Selangor administrative authorities to return the 300 copies of the Bible confiscated earlier this year by the Islamic Department (Jais). Its chairman Reverend Dr Eu Hong Seng said the CFM is disappointed with the state government's attempt to "wash its hands" of the Jais raid at the BSM premises on January 2 and the seizure of more than 300 Bibles in Bahasa Malaysia (Al-Kitab) and Iban (Bup Kudus). "The fact remains that Jais had acted under powers purportedly given to it by a State enactment. These Bibles remain in their possession". In recent days the Selangor authorities - one of the 13 states of Malaysia - advised BSM to appeal to the Attorney General to obtain the restitution of the Bible in the hands of Jais an independent section of the administration local for over three months. During the raid 321 copies of the holy book were seized and two Christian leaders arrested then released on bail. Jais disputed the use of the word Allah in the text referring to the Christian God.
The Reverend Eu Hong Seng describes the positions of the local officials as "unacceptable". He says they are "playing the blame game" of the issue of Christians rights and "have failed to meet take on their responsibilities". Prior to the leaders of the BSM have rejected the invitation to write to the prosecutor noting how this is just an attempt by the state to wash its hands of the matter. The anti-Christian raids in early January which included the seizure of Bibles stems from the controversial judgment of an appeal court last October banning the Malaysian Catholic weekly Herald to use the word "Allah". Following the ruling some officials of the Ministry of Interior have blocked two thousand copies of the magazine of the Archdiocese of Kuala Lumpur at the airport in Kota Kinabalu Sabah state. The seizure was "justified" by the need to verify whether the publication was "compliant" to the order issued by magistrates and "whether there was an unlawful use of the word Allah". In Malaysia a nation of more than 28 million people mostly Muslims (60 per cent) Christians are the third largest religious group (after Buddhists) with more than 2.6 million members. A Latin-Malay dictionary published 400 years ago shows that the word Allah was already in use to describe the Biblical God in the local language.


05/04/2014. MALAYSIA - ISLAM. Selangor cristiani contro le autorità islamiche per la restituzione delle Bibbie sequestrate. La Federazione dei cristiani della Malaysia e la Bible Society chiedono la restituzione delle 300 copie requisite a inizio anno dal Dipartimento islamico. Sotto accusa il governo centrale e locale indifferenti alle richieste della minoranza. Leader cristiano: le amministrazioni giocano allo "scaricabarile" con i nostri diritti. Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) - La Federazione dei cristiani della Malaysia (Cfm) aderisce all'appello rivolto dalla Bible Society of Malaysia (Bsm) alle autorità amministrative di Selangor perché restituiscano le 300 copie della Bibbia requisite a inizio anno dal Dipartimento islamico (Jais). Il reverendo Eu Hong Seng presidente Cfm non nasconde il proprio "disappunto" verso il governo colpevole di "lavarsene le mani" rispetto ai fatti del 2 gennaio scorso e di non adoperarsi per la restituzione dei libri sacri (Al-Kitab e Bup Kudus). "Resta il fatto - aggiunge il leader cristiano - che il Jais ha agito dietro impulso dello Stato. E le Bibbie restano nelle loro mani". Nei giorni scorsi le autorità di Selangor - uno dei 13 Stati della Malaysia - si erano rivolte ai vertici della Bsm invitandole ad appellarsi alla Procura Generale per ottenere il dissequestro delle Bibbie da oltre tre mesi nelle mani del Jais una sezione autonoma dell'amministrazione locale. Nel corso del raid erano state requisite 321 copie del libro sacro ed erano stati arrestati due leader cristiani poi rilasciati dietro cauzione. Oggetto della controversia l'uso della parola Allah nel testo in riferimento al Dio cristiano.
Il reverendo Eu Hong Seng bolla come "inaccettabili" le posizioni dei funzionari locali che giocano allo "scaricabarile" con i diritti e la sensibilità dei cristiani "venendo meno alle proprie responsabilità". In precedenza i vertici della Bsm hanno respinto l'invito a scrivere alla Procura sottolineando come queste parole mostrino in realtà il tentativo dello Stato di "lavarsene le mani". I raid anti-cristiani di inizio gennaio che hanno portato fra gli altri al sequestro delle Bibbie sono originati dalla controversa sentenza della Corte di appello dell'ottobre scorso che impedisce al settimanale cattolico Herald Malaysia di usare la parola "Allah". All'indomani della sentenza alcuni funzionari del ministero degli Interni hanno bloccato duemila copie della rivista dell'arcidiocesi di Kuala Lumpur all'aeroporto di Kota Kinabalu nello Stato di Sabah. Il sequestro era "giustificato" dalla necessità di verificare se la pubblicazione fosse "conforme" al dispositivo emesso dai magistrati e "non vi fosse un uso illegittimo della parola Allah".
In Malaysia nazione di oltre 28 milioni di abitanti in larga maggioranza musulmani (60%) i cristiani sono la terza confessione religiosa (dietro ai buddisti) con un numero di fedeli superiore ai 26 milioni; la pubblicazione di un dizionario latino-malese vecchio di 400 anni dimostra come sin dall'inizio il termine "Allah" era usato per definire Dio nella Bibbia in lingua locale.

Bennett Calls to Bring PA to Hague Over War Crimes ] [ Economics Minister in manifesto turns the tables on Ramallah's bid for international legitimacy.By Tova Dvorin First Publish: 4/6/2014 Naftali Bennett. Jewish Home Chairman Naftali Bennett published a manifesto on Sunday morning explaining why he believes that the Palestinian Authority (PA)'s application to international organizations for legitimacy will not do much harm to Israel - and according to him is really bound to hurt the PA itself. "Every year we renew a 'festival of threats': if we don't do what the PA wants they will go to the UN they will turn into a country and slam us at the Hague" Bennett wrote. "This is their 'judgement day' weapon. A Defense Minister once gave it this name: the 'political tsunami." "But it's time to change this concept" he declared. "This is not the PA's 'judgement day' weapon. The rifle is empty."
"There is good reason why the Palestinians are not members of the Hague and not members of the UN" he continued. "There is a reason why the gun is almost empty. What should be done about this threat? Understand what it is stop being afraid - and of course act on it."
Bennett noted that threats against Israel at the Hague may look menacing on paper but will probably not change much in reality.
"A lawsuit against us in the Hague will have Israel join the ranks of other distinguished countries brought to court there such as the US and UK and no one is telling London to withdraw from their land over it" he stated. If anything according to Bennett "Israel and other countries should bring the PA to the Hague over war crimes."
Fatah Hamas - It's All the Same. "There are two reasons for this: first - the PA's killing and terror against innocent people" he continued. "The Palestinians deliberately fired thousands of rockets at schools hospitals and kindergartens. Shooting to harm civilians is clearly a war crime." Bennett also shot down possible counter-arguments to this including the claim that the PA and Hamas are utterly unconnected.
"The PA leadership in Ramallah will tell them that it is Hamas who shoots at civilians not them" he said. "But this is like saying that it is [Justice Minister Tzipi Livni's party - ed.] HaTnua that is conducting negotiations with the PA not the State of Israel. "
"Hamas is a political movement operating under the PA umbrella in Gaza" he fired. "[PA Chairman Mahmoud] Abbas transfers funds every month from the PA to Gaza for 'public servants' there." "He believes that Gaza is part of the same 'Palestine' that he asks the UN to unilaterally establish. Therefore he is responsible for Hamas's war crimes."
Incitement Kills. The second accusation Israel should launch against the PA according to Bennett is over its ongoing incitement against Israel. "Every month the PA issues stipends to murders of women and children that Israel released [as part of preconditions to negotiations - ed.] as well as to those who are still in prison" Bennett noted. "They tell murderers: go kill a Jew and instead of receiving compensation now you'll receive compensation later." "This is encouraging terror. This is incitement." Last month the PA allocated another $74 million to the families of terrorist 'mayrtrs' despite suffering from 4.8 billion dollars in debt. The pledge was announced just a few weeks after news surfaced that a man had killed several Jewish Israelis for financial reasons using the stipend money as an incentive to fund his own wedding. The Israeli government only recently released its annual "Palestinian Incitement Index" which showed that incitement against Israel and the Jewish people is continuing on official media channels including - inter alia - by bodies that are very close to the PA Chairman and in educational and religious networks. Such incitement ranges from the glorification of Nazism and the lionization of Adolf Hitler to programs on official PA television featuring heavily-stereotyped Jews as villains (and encouraging violence against them) and various TV and radio shows which literally wipe the Jewish state off the map.
'The Only Fear is Fear Itself' Bennett concluded by noting that the only danger Israel faces by the PA going to the UN is self-inflicted. "Threats of the PA going to the UN are groundless" Bennett stated. "But the fear of it in itself has allowed the PA to continue blackmailing us at a heavy price."
"It's time to stop the cycle of blackmail" he continued. "The only nation to be damaged from the PA's application to the UN will be the PA itself."

a tutte la NAZINI: i satanisti della CIA NSA hanno spiato e continueranno a spiare il mondo.. e noi cosa facciamo contro di loro? ] Former CIA Chief: Pollard Relase Only on Humanitarian Grounds. Michael Hayden: If Pollard is released it should be on humanitarian grounds not in a deal that has Israel freeing terrorists.By Uzi Baruch
First Publish: 4/6/2014 Protest for Jonathan Pollard's release
Hillel Meir. Former CIA and NSA director Michael Hayden said this week that if Jonathan Pollard were to be released it should be on humanitarian grounds and not as part of a deal that would see Israel freeing hundreds of terrorists from its prisons.
Hayden spoke to Newsmax amid reports that the U.S. had offered Israel to free Pollard in exchange for Israel releasing over 400 Arab terrorists and freezing construction in Judea and Samaria so that peace talks with the Palestinian Authority (PA) can continue.
"On so many levels this just doesn't feel right. This is just weird. It looks like it smacks of desperation on the part of the United States and our secretary of state to do anything in order to keep this peace process alive. You know that's a really unsettling fact" he said. "One of the dangers when you get into negotiations with the Russians over Crimea and Ukraine the Iranians over nuclear weapons the Israelis and the Palestinians you fear that your negotiators get so caught up in the negotiations that they'll do anything to keep the talks alive. That's what this seems to be" Hayden added. He did however point to possible humanitarian grounds for Pollard's release. "The man has spent a quarter-century in jail. He had a plea bargain between himself and the prosecutors that the judge threw out. He got a particularly harsh sentence. So if you've got a humanitarian question here look at it in due time as a humanitarian question" said Hayden.
Unlike Hayden former U.S. President Jimmy Carter said Friday that he would support freedom for Pollard if Israel would fully accept the deal. "If the Israelis would agree to accept John Kerry's proposal if Pollard was released I would say yes [to supporting freedom for Pollard]" the former president said according to Politico. He added however "But I would make it an absolute swap and a certain thing not just as a factor." The deal that was proposed by the Americans was met with objection by a string of Israeli politicians. Finance Committee chairman MK Nissan Slomiansky (Jewish Home) expressed disbelief at the deal and said "This cannot be that the Americans call to release terrorists when they hold on their land a prisoner [Pollard] who is neither a murderer nor a terrorist. Releasing murderers breeds more terrorism no sane country would releasing murderers to allow them to murder its citizens again." Housing and Construction Minister Uri Ariel (Jewish Home) slammed the idea of a deal especially in the context of reports that it would necessitate a building freeze in Judea and Samaria. "This is a shameful deal I would recommend to my fellow MKs not to approve this deal" he said. "The Americans themselves do not conduct negotiations with murderers and terrorists and they want us to release such prisoners this is a shame. I'm not just speaking about [President Barack] Obama abusing Pollard; [Pollard] has been there for 30 years." Agriculture Minister Yair Shamir (Yisrael Beytenu) sharply criticized the United States over the idea calling the deal "bribery and emotional blackmail." He wondered why is it that Israel is being asked to pay a price simply for the sake of peace negotiations stressing that the issue of Pollard is a separate one and is not related to releasing murderers. Shamir further declared that he would vote against the deal if it is brought to a vote before the cabinet. On Thursday Abraham Foxman National Director of the Anti-Defamation League (ADL) told MKs with whom he had met that he believed Pollard was still in jail because of anti-Semitism on the part of the Americans. "The only explanation I have is that it borders on anti-Semitism" Foxman stated. "Today I have no rational explanation as to why he is still being held. " Several top U.S. officials including Former Deputy National Security adviser Elliott Abrams US Assistant Secretary of Defense during the Jonathan Pollard affair Lawrence Korb and former CIA chief James Woolsey have also called for Pollard to be released. Former captive Gilad Shalit reiterated those calls in an emotional plea this week.

Netanyahu: Israel Will Respond to PA with 'Unilateral Moves' [ quale accordo con nazi sharia? di una LEGA ARABA senza reciprocità? islamici sono una truffa e non daranno mai garanzie reali guerra è inevitabile Erdogan e Arabia Saudita diffondono il terrorismo nel mondo con USA E UE che hanno tradito Israele! ] Prime Minister warns PA that their torpedoing talks will not go unanswered. By Tova Dvorin. First Publish: 4/6/2014
Prime Minister Binyamin Netanyahu. Prime Minister Binyamin Netanyahu warned Sunday that the Palestinian Authority (PA)'s torpedoing peace talks will not go unnoticed by Israel - and clarified that it is PA Chairman Mahmoud Abbas not Israel who is responsible for jettisoning talks. "Throughout these negotiations we've made tough measures and demonstrated a willingness to continue the difficult moves in the coming months in order to create a framework to end the conflict" Netanyahu stated at his weekly Cabinet meeting. "Just when we were about to agree to the same framework to continue negotiations Abbas was quick to declare that he will not even discuss the recognition of Israel as the national homeland of the Jewish people."
"He did this even though he knows that there will be no agreement without recognition of Israel as the national homeland of the Jewish people which we made ​​clear to the US President and other world leaders" Netanyahu continued. Regarding Ramallah's appeal to international organizations for legitimacy Netanyahu warned that retaliation may be in order. These will only make a peace agreement more distant" he said. "Any unilateral moves they take will be answered by unilateral moves at our end." After a dramatic series of negotiations Israel officially cancelled the fourth release of convicted Arab terrorists on Thursday and issued harsh sanctions on the PA over its unilateral diplomatic moves to apply for 15 UN-linked agencies. In response the PA issued a number of extreme demands against Israel including the release of over 1000 terrorists and a withdrawal to 1949 Armistice lines - essentially demanding concessions on all key issues before negotiations even continue. The PA also continues to blame Israel over talks failing claiming the release was pre-planned and that Israel merely wanted to stall for time. Ramallah has also blamed "settlement building" for the failure.
This is not the first threat levied against the PA for their role in torpedoing talks. Earlier Sunday Economics Minister Naftali Bennett noted that the PA's statehood bid would do more damage to the PA itself than to Israel and urged Israel to take Abbas and Fatah to the Hague over war crimes - including supporting Hamas and inciting more terrorism against Israeli Jews.

NEW SAUDI ARABIA
1 aprile Il politically correct annuncia la fine di destra e sinistra [ perché nella massoneria con il dio Baal Gufo Ja Bull On esiste soltanto la truffa della politica che ha rubato la nostra sovranità costituzionale: alto tradimento! ] Dopo le elezioni amministrative francesi che hanno visto un indicativo incremento dei consensi verso il Fronte Nazionale innumerevoli sono stati i commenti spaventati di vari giornalisti in tutta Europa. Eppure l'avanzamento di questo partito xenofobo e antieuropeista non è stato una sorpresa. In gran parte la crisi economica spiega perché i voti si siano indirizzati a questa forza ma non è questa l'unica ragione dell'impopolarità' crescente dei partiti tradizionali.: http://italian.ruvr.ru/2014_04_01/Il-politically-correct-annuncia-la-fine-di-destra-e-sinistra-6935/


NEW SAUDI ARABIA
Pakistan cristiani condannati a morte per blasfemia.. [ solo perché avevano perso il cellulare e dello stesso si erano impossessati gli islamici.. è in questo modo che la LEGA ARABA conquista il mondo Califfato sharia sotto egida Onu satanisti USA Bildenberg NATO UE anticristi! ] In Pakistan una coppia cristiana è stata condannata a morte per blasfemia. Shafqat Emmanuel e sua moglie Shagufta Kausar sono stati condannati per l'invio di alcuni sms che contenevano commenti sprezzanti contro il profeta Maometto. Secondo l'accusa questi messaggi erano stati inviati dai coniugi a personaggi influenti della provincia islamica del Punjab. Gli avvocati degli imputati hanno affermato che la condanna è stata inflitta senza alcuna prova oggettiva e consistente. Secondo la difesa la sentenza è stata emessa sotto la pressione degli islamici.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_06/Pakistan-cristiani-condannati-a-morte-per-blasfemia-8200/


NEW SAUDI ARABIA
Oceano Indiano proseguono le ricerche del "Boeing" scomparso nel nulla [ QUINDI RAPITO DALLA CIA PER DARE IL CIBO SULL'ALTARE DI SATANA AI SUOI SATANISTI! ecco perché nessuno di quelle infelici persone non potrà mai essere trovata! ] ricerche del "Boeing" della compagnia Malaysia Airlines nell'Oceano Indiano si sono nuovamente intensificate; al momento sono coinvolte 11 navi 10 aerei militari e 3 civili.Venerdì 2 navi dotate di sonar per il rilevamento degli oggetti sott'acqua avevano iniziato a cercare la "scatola nera" del velivolo. Nonostante l'estesa operazione internazionale di ricerca del "Boeing" le circostanze della scomparsa dell'aereo rimangono ancora avvolte nel mistero. L'aereo era scomparso l'8 marzo sulla rotta da Kuala Lumpur a Pechino. A bordo si trovavano 239 persone. http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_06/NellOceano-Indiano-proseguono-le-ricerche-del-Boeing-scomparso-nel-nulla-6006/


NEW SAUDI ARABIA
Oggi la "Giornata della rabbia" [ Francia manifestazioni contro la politica del governo ] Oggi la "Giornata della rabbia". In diverse città della Francia gli attivisti di alcuni gruppi sociali e politici radicali della tendenza conservativa sabato hanno organizzato manifestazioni di protesta sotto lo slogan "Giornata della rabbia" contro la politica del governo. Le proteste di massa hanno avuto luogo a Lille e Tolosa. Vi erano anche gli scontri con la polizia. I manifestanti hanno chiesto le dimissioni del Presidente Francois Hollande e del Premier Manuel Valls hanno anche espresso insoddisfazione della politica dell'UE e della "mancanza di controllo sulla migrazione".
Oggi la "Giornata della rabbia" si terrà a Lione e Parigi.: http://italian.ruvr.ru/2014_04_06/Francia-manifestazioni-contro-la-politica-del-governo-0813/

NEW SAUDI ARABIA
Snowden è intervenuto per difensori dei diritti umani a Chicago. L'ex agente della CIA Edward Snowden che ha passato ai mass media le informazioni sul programma di sorveglianza globale DATAGATE [ E POI ALLA NOSTRA SPIA Jonathan Pollard HANNO DATO L'ERGASTOLO.. ED ADESSO NOI A LORO I SATANISTI MASSONI OBAMA GENDER BUSH 322 KERRY NOI A LORO CHE DOBBIAMO DARE? ] il 5 aprile ha partecipato in regime di videoconferenza al convegno annuale degli attivisti dell'organizzazione dei difensori dei diritti umani Amnesty International. L'incontro in uno degli hotel a Chicago è stato dedicato al problema dell'intervento dell'Intelligence americana nella privacy dei cittadini. Snowden in particolare ha dichiarato che la raccolta della National Security Agency (NSA) i cosiddetti metadati è una invasione nella privacy più dura che l'intercettazione delle chiamate o la lettura delle e-mail. "I metadati permettono di ottenere informazioni precise sulla vita privata di ognuno di noi con chi comunichiamo sulle nostre preferenze politiche" ha detto Snowden.: http://italian.ruvr.ru/2014_04_06/Snowden-e-intervenuto-per-difensori-dei-diritti-umani-a-Chicago-1104/


NEW SAUDI ARABIA
Scienziati russi creano piante con il genoma dei topi [ ma siete proprio sicuri che la natura non ha già trovato piante che lavorano in modo migliore perché hanno un ciclo combinato cioè lavorano in associazione ad altre piante? ] Gli scienziati russi stanno pianificando di creare una nuova sottospecie di piante con il genoma dei topi. La nuova pianta geneticamente modificata è in grado di distruggere il benzopirene un elemento chimico tossico. piante con il genoma dei topi sono in grado di metabolizzare le sostanze tossiche che si producono nelle operazioni di estrazione e perforazione. Al momento il terreno che viene contaminato con il benzopirene viene isolato.
Gli scienziati hanno già scelto i vegetali su cui verrà impiantato il genoma in quanto compatibili con i geni dei roditori: si tratta delle Tephroseris e di diverse piante acquatiche. http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_06/Scienziati-russi-creano-piante-con-il-genoma-dei-topi-2525/


truppe siriane hanno respinto un attacco al confine turco. Venerdì le truppe siriane hanno respinto un attacco da parte di guerriglieri contro le zone confinanti settentrionali della provincia di Latakia. Gli estremisti armati di "Dzhebhat en-Nusra" e "Fronte islamico" penetrati attraverso la Turchia hanno attaccato le postazioni dell'esercito nella zona del blocco del controllo Kasab. Il comando siriano ha fatto alzare gli elicotteri che hanno colpito il nemico dall'aria. In totale sono stati uccisi 17 terroristi e uno dei comandanti di "An-Dzhebhat Nusra": http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_22/Le-truppe-siriane-hanno-respinto-un-attacco-al-confine-turco-6793/


Kevin Lan ha condiviso un post.
NATO cries crocodile tears for Ukraine:
"Never believe anything in politics until it has been officially denied." - Otto von Bismark
I have been pleasantly surprised how quickly that the revelation of NATO itself being a 'destabilizing' force and security threat to all the rest of us has traveled through the Internet ether. This terrible public relations blunder by the NATO crowd primarily revolves around their thinking they can sell the world on the Russians being the 'aggressor' in Ukraine.
They...

Open letter to all nations Rothschild usuraio in tutte le false democrazie massoniche del signoraggio bancario rubato alla Costituzione! Obama Gender Kerry 322 Bush traditori per Owl gods Baal at Bohemian Grove: fer 11-09. Zapatero pedophile Masons cannibals banking scam Seigniorage 666 IMF Gmos Morgellons Aliens Abductions Agenda NWO FED ECB ; Spa motherfuckers Bildenberg U.S. EU NATO UN Amnesty Globalists Salafis Islamists sharia worship imperialism Caliphate Al- Qaeda Satanists League Erdogan Iran Saudi Arabia Sharia criminal Merkel Barroso Herman Van Rompuy vampire and all criminal That nazi they want to kill Israel.. -> scott12ify said: The Father loves the Son and Has Placed everything in His hands ! [ Answer] but if you make yourself the enemies of innocent Christians ? the fuck is with Unius That REi you can save you.. it is written by baby Jesus : " Whoever is ashamed of me I know I be ashamed of him! " However.. Those who want to keep Their sick sick ideology or religion too. this is technically possible it is not an insurmountable problem Because Jesus said: " Whoever is not against me is for me! "
lettera aperta a tutte le Nazioni massoni figli di puttana satanisti Lega Erdogan Iran Saudi Arabia criminali Sharia -- scott12ify said: The Father loves the Son and has placed everything in His hands! [ answer ] ma se voi fate di voi stessi i nemici dei cristiani innocenti? è con il cazzo che Unius REi vi può salvare.. perché è scritto: " chi si vergognerà di me anche io mi vergognerò di lui!".. tuttavia chi si vuole tenere la sua malata religione o ideologia anche. questo è tecnicamente possibile non è un problema insormontabile perché Gesù ha detto: " chi non è contro di me è per me! "

lettera aperta a tutte le Nazioni satanisti Lega Erdogan Iran Saudi Arabia criminali Sharia -- se non togliere il Fondo Monetario Banca Mondiale a rothschild Spa? poi la guerra mondiale nucleare diventerà inevitabile! ma io so come fare!

NEW SAUDI ARABIA

TG 24 Siria. 13 febbraio. [ soltanto i satanisti Lega ARABA USA UE BILDENBERG NATO non ne sanno niete! ] Il popolo turco sa tutto del complotto USA-Erdogan contro Siria. Turchia Piazza Taksim Il popolo turco sa tutto del complotto USA-Erdogan contro la Siria.. i servizi segreti turchi realizzano provocazioni contro la Turchia per avere la scusa di invadere la Siria!

NEW SAUDI ARABIA

TG 24 Siria. 31 marzo. Persino i #samurai #giapponesi sono arrivati a fare la #Jihad in #Siria

NEW SAUDI ARABIA

#Siria sequestro 3300000 pillole keptagon marchio Al-Jazeera ( in caso di guerra il corano permette tutto ed il contrario di tutto fatwa poi arriva la LEGA ARABA dei nazzisti senza libertà di religione e quel territorio diventa la morte del genere umano! )
#Siria L'Autorità hanno sequestrato una tonnellata di pillole keptagon all'interno di un camion trasporto carburanti nella zona orientale della periferia di Sweida.
Le autorità hanno ritrovato 33 sacchi con all'interno 100 buste (mille pillole ciascuno) che portano il marchio di Al-Jazeera per un numero complessivo di pillole pari a 3 milioni trecento mila pillole.

NEW SAUDI ARABIA

[ terroristi assumono la identità di europei i cui cadaveri sono deturpati con acido per impedire la loro rubicazione nello elenco dei cadaveri e poi vengono in Europa con falsa identità a commettere attentati terroristici per imporre il teore della sharia] TG 24 Siria. 3 aprile. FAIDA TRA BANDE: L'ISIL UCCIDE 40 MERCENARI DI AL – NUSRA E "FREE ARMY": 15 CORPI NON IDENTIFICABILI PERCHÉ SONO STATI SCIOLTI NELL'ACIDO...PERCHÉ?... ISIL uccide in imboscate 40 mercenari di al – Nusra e del "Free Army" nella città di Maraka provincia di Hasaka Il portavoce della formazione terroristica denominata "Esercito Libero" ha detto ieri in una dichiarazioni all'agenzia stampa "Anatolia" che circa 60 elementi dei gruppi armati terroristici di ISIL al- Nusra e "Esercito Libero" sono stati uccisi. Questo é il bilancio di due giorni di sparatorie tra bande di criminali mafiosi jihadisti per ilcontrollo del territorio ed hanno avuto luogo nella città di Markada a sud della provincia di Hasaka. Questo portavoce ha aggiunto che l'ISIL ha ucciso circa 40 miliziani di al- Nusra ed "Esercito Libero" durante imboscate ai margini della città di Markada sottolineando che 25 corpi sono stati identificati tramite foto ma di altri 15 non é stato possibile documentarne l'identitá perché i loro corpi sono stati sciolti e deturpati con l'acido dai terroristi dell'ISIL. Tutto ció l'uso dell'acido per devastare i corpi é stato fatto per cancellare le loro identitá che sarebbero quelle di mercenari stranieri dei quali altri terroristi arabi dovrebbero rubare l'identitá per potere rientrare nei paesi di origine dei miliziani defunti senza problema.
La maggior parte dei paesi che si ritroverebbero per le strade dei terroristi tagliagole capaci di sciogliere nell'acido senza problema dei corpi umani sono nazioni europeee e occidentali le stesse che hanno finanziato e armato i gruppi terroristi in Siria: sará un boomerang dagli effetti disastrosi.
http://wp.me/p1P9ia-88S

NEW SAUDI ARABIA

[martirio di un popolo innocente per la avidità imperialistica della Arabia SAUDITA e di Erdogan lo Ottomano che vuole annettersi l'Europa Orientale e la Grecia lui ha detto questo pubblicamente! ] #Siria più di 48 colpi di mortaio su Damasco e le zone periferiche 9 martiri e decine di feriti in attacchi terroristici contro Homs Damasco Hama e Hassaké
http://youtu.be/t5974VPzDgI
=================
#Siria un cittadino ucciso altri feriti nell'attacco terroristico con colpi di mortaio su viale Khuder a #Homs oltre al danno materiale
=============
#Siria6vittime12feriti nell'attacco terroristico con razzi di fabbricazione locale sul mercato Tanak quartiere residenziale Insha'at #Homs
===============
#Siria Esercito avanza in città Mleha sobborgo est #Damasco elimina decina di mercenari maggior parte stranieri tra cui esperto esplosivi
===================
#Siria terroristi sparano colpi di mortaio sui quartieri residenziali Bab Tuma e Kassa'a a #Damasco provocando 1 vittima e 20 feriti civili